IATA: il 2020 un anno di crisi senza precedenti

by Redazione AC

La IATA (International Air Transport Association) ha diramato ieri un comunicato nel quale ha annunciato che i dati globali del 2020 del traffico passeggeri mostrano che la domanda (misurata in RPK, revenue passengers kilometrs) è crollata del 65.9% rispetto all’anno precedente, superando ogni precedente fenomeno di calo della storia del settore. Calo vertiginoso anche delle prenotazioni anticipate nello scorso mese di dicembre.

Secondo il comunicato della IATA, la domanda di passeggeri internazionali nel 2020 è stata del 75,6% inferiore ai livelli del 2019, mentre la capacità, (misurata in chilometri di posti disponibili o ASK) è diminuita del 68,1%, e il fattore di carico è sceso di 19,2 punti percentuali al 62,8%.

La domanda interna nel 2020 è scesa del 48,8% rispetto al 2019, e la capacità si è contratta del 35,7%, mentre il fattore di carico è sceso di 17 punti percentuali al 66,6%.

Il traffico totale di dicembre 2020 è stato inferiore del 69,7% rispetto allo stesso mese del 2019, poco migliorato rispetto alla contrazione del 70,4% di novembre. La capacità è scesa del 56,7% e il fattore di carico è sceso di 24,6 punti percentuali al 57,5%.

Le prenotazioni per viaggi futuri effettuate nel gennaio 2021 sono diminuite del 70% rispetto a un anno fa, mettendo ulteriore pressione sulle posizioni di cassa delle compagnie aeree e potenzialmente influendo sui tempi della prevista ripresa.

La previsione di base della IATA per il 2021 prevede un miglioramento del 50,4% rispetto alla domanda del 2020, che porterebbe il settore al 50,6% dei livelli del 2019. Mentre questa visione rimane invariata, c’è un grave rischio di ribasso se persistono restrizioni di viaggio più severe in risposta alle nuove varianti del virus Covi-19. Se un tale scenario dovesse materializzarsi, il miglioramento della domanda potrebbe essere limitato ad appena il 13% rispetto ai livelli del 2020, lasciando il settore al 38% dei livelli del 2019.

“L’anno scorso è stato una catastrofe. Non c’è altro modo per descriverlo. La ripresa che c’è stata durante la stagione estiva dell’emisfero settentrionale si è bloccata in autunno e la situazione è peggiorata drammaticamente durante le vacanze di fine anno, quando sono state imposte restrizioni di viaggio più severe di fronte a nuovi focolai e nuovi ceppi di COVID-19”, ha detto Alexandre de Juniac, direttore generale e CEO della IATA.

You may also like


Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.