Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

nicolap

Amministratore AC
Staff Forum
10 Novembre 2005
28,474
77
Roma
L'importante è la pista, il sogno di un volo FR a Lappenranta a 12 Euro e la possibilità di darsi un tono con quelli della città accanto.

Il 48,3% di disoccupazione giovanile, con il 22% medio, il 40% dei contribuenti che dichiara di vivere di pensione, oltre il 40% al di sotto della soglia di povertà (€ 10.000 l'anno), reddito medio € 9.000, PIL p/c di 13.000 €, 40.000 all'anno che se ne vanno al nord o all'estero .... queste sono inezie rispetto al vantaggio di avere un grande aeroporto deserto.
Ah, ovviamente la colpa di tutto è sempre di a) l'Europa, b) i politici, c) la malasorte, d) Garibaldi, e) gli immigrati.
 

ermide

Well-known member
Utente Registrato
1 Ottobre 2007
400
0
Veneto.
L'importante è la pista, il sogno di un volo FR a Lappenranta a 12 Euro e la possibilità di darsi un tono con quelli della città accanto.

Il 48,3% di disoccupazione giovanile, con il 22% medio, il 40% dei contribuenti che dichiara di vivere di pensione, oltre il 40% al di sotto della soglia di povertà (€ 10.000 l'anno), reddito medio € 9.000, PIL p/c di 13.000 €, 40.000 all'anno che se ne vanno al nord o all'estero .... queste sono inezie rispetto al vantaggio di avere un grande aeroporto deserto.
Ah, ovviamente la colpa di tutto è sempre di a) l'Europa, b) i politici, c) la malasorte, d) Garibaldi, e) gli immigrati.
Concordo pienamente parola per parola.
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
L'importante è la pista, il sogno di un volo FR a Lappenranta a 12 Euro e la possibilità di darsi un tono con quelli della città accanto.

Il 48,3% di disoccupazione giovanile, con il 22% medio, il 40% dei contribuenti che dichiara di vivere di pensione, oltre il 40% al di sotto della soglia di povertà (€ 10.000 l'anno), reddito medio € 9.000, PIL p/c di 13.000 €, 40.000 all'anno che se ne vanno al nord o all'estero .... queste sono inezie rispetto al vantaggio di avere un grande aeroporto deserto.
Ah, ovviamente la colpa di tutto è sempre di a) l'Europa, b) i politici, c) la malasorte, d) Garibaldi, e) gli immigrati.
Convengo sulla difficile situazione economica del territorio.
Ma pensare che 2-3-5 milioni di euro all' anno, impiegati in attività diverse dal servizio aereo, possano risolvere la povertà e la disocuppazione della provincia di Foggia è una banalizzazione del problema che non rende giustizia all'intelligenza di chi scrive e di chi legge.

Di cosa parliamo? 2-3 euro annui a testa per ciascun abitante della provincia? 1 euro per ciascun pugliese? Un cornetto e cappuccino all'anno per abitante...? Da utilizzare poi per quale attività alternativa e con quale ROI comparabile?
Tutti soldi che se ben canalizzati ritornano sul territorio moltiplicati.
 

nicolap

Amministratore AC
Staff Forum
10 Novembre 2005
28,474
77
Roma
Convengo sulla difficile situazione economica del territorio.
Ma pensare che 2-3-5 milioni di euro all' anno, impiegati in attività diverse dal servizio aereo, possano risolvere la povertà e la disocuppazione della provincia di Foggia è una banalizzazione del problema che non rende giustizia all'intelligenza di chi scrive e di chi legge.

Di cosa parliamo? 2-3 euro annui a testa per ciascun abitante della provincia? 1 euro per ciascun pugliese? Un cornetto e cappuccino all'anno per abitante...? Da utilizzare poi per quale attività alternativa e con quale ROI comparabile?
Tutti soldi che se ben canalizzati ritornano sul territorio moltiplicati.
Esatto! E' così che bisogna ragionare per assicurare al sud il suo perpetuo sottosviluppo.
Cosa saranno mai 2, 3 o 5 milioni di Euro all'anno, oltre alla vagonata di soldi necessaria per allungare la pista di quell'accrocco?
Perchè sperperarli, ad esempio, in microcredito all'imprenditoria agricola e del turismo (l'unica che porta soldi, peraltro)? O in aggiornamento e modernizzazione delle reti idriche ed elettriche? O per il sostegno alla conservazione del patrimonio storico ed architettonico?
D'altro canto l'aeroporto ha già dimostrato di essere una gallina delle uova d'oro, no? Adesso è necessario favorire l'arrivo dei 380 con mazzi di turisti. Tutti "soldi ben canalizzati che ritornano sul territorio moltiplicati". Come sempre da decenni a questa parte.

P.S: l'acquedotto pugliese ce lo invidiano in tutto il mondo. Guai ad investire soldi per ammodernare una così efficiente struttura.
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
Capisco le tue iperbole.
Il tuo è un valido ragionamento. Però messo giù così pecca un po' di generalismo da TV.

Personalmente i soldi dovrebbero andare lì dove possono fruttare di più (ROI).
Investire 2 mln all' anno può dare ritorni superiori ad impieghi alternativi in settori analoghi? Bene, mettiamoci i soldi. No? passiamo oltre.
Quanto è il moltiplicatore di questa tipologia di interventi nell'economia provinciale? L'Università di Bari qualche anno fa stimava 30x.
Sono in grado di dar vita e slancio ad un tessuto imprenditoriale legato al turismo (San giovanni Rotondo, Gargano, Saline), quale è il ritorno dall'accorciamento dei tempi di collegamento?
Non so se a Foggia ci sono le condizioni, ma non lo escludo a priori leggendo le foglie del tè.

PS: giusto per restare con i piedi per terra. Per la riduzione delle perdite di Acquedotti pugliesi è stato recentemente stanziato mezzo Miliardo di euro. Con 2 milioni forse inizi ad avvitare i bulloni dei primi 10 km.
 

nicolap

Amministratore AC
Staff Forum
10 Novembre 2005
28,474
77
Roma
Capisco le tue iperbole.
Il tuo è un valido ragionamento. Però messo giù così pecca un po' di generalismo da TV.
I dati dell'ISTAT sembrano dimostrare che il "generalismo da TV" ci vede di gran lunga meglio del "realismo pugliese". Poi, per carità, liberi di considerarvi la Silicon Valley del Sud, anche se il reddito pro-capite dalla capitanata è più vicino a quello della Somalia che non alla California.

Personalmente i soldi dovrebbero andare lì dove possono fruttare di più (ROI).
E su questo c'è accordo generale. Il che esclude l'aeroporto da qualsiasi ipotesi di investimento.

Quanto è il moltiplicatore di questa tipologia di interventi nell'economia provinciale? L'Università di Bari qualche anno fa stimava 30x.
Sono in grado di dar vita e slancio ad un tessuto imprenditoriale legato al turismo (San giovanni Rotondo, Gargano, Saline), quale è il ritorno dall'accorciamento dei tempi di collegamento?
Non so se a Foggia ci sono le condizioni, ma non lo escludo a priori leggendo le foglie del tè.
Più che le foglie del tè ci sarebbero da leggere i dati e i bilanci delle precedenti operazioni tentate sull'aeroporto. Una carneficina, altro che moltiplicatore 30x.

PS: giusto per restare con i piedi per terra. Per la riduzione delle perdite di Acquedotti pugliesi è stato recentemente stanziato mezzo Miliardo di euro. Con 2 milioni forse inizi ad avvitare i bulloni dei primi 10 km.
Aveste iniziato ad avvitarli 80 fa i bulloni di quell'acquedotto, 2 miliardi alla volta, non staremmo ancora oggi a parlare di infrastrutture da paese sottosviluppato.
Con una mentalità del genere vi lamentate poi che il contribuente medio settentrionale voglia un federalismo fiscale feroce.
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
Se ci sono dati istat che dimostrano come l'adeguamento dell' aeroporto sia una operazione fallimentare ben vengano. Potresti condividerli? hanno fatto uno studio in merito all'aeroporto di foggia?

Sulle gestioni precedenti: indubbi i risulati. Ma lo stato precedente è confrontabile con quello target ed in divenire? Chi poteva operare ieri (che blasone, che mercato, che network)? Chi potrà operare domani?

PS:se pure avessero iniziato 100 anni fa ad avvitare i bulloni a 2 milioni alla volta... mancherebbero ancora 300 milioni, senza contare l'obsolescenza. Questo per dire che bisogna essere realisti. E mettere sullo stesso piano 2 milioni di euro e l'eradicazione della povertà in puglia o l'aggiustamento dell'acquedotto è poco serio, populistico direi.

PS2:Non sono pugliese, con sfortuna direi, visto quanta è bella. E Non capisco questo preconcetto. Spero di continuare la discussione sui numeri e sui dati, e non su domicili e residenze.
 

nicolap

Amministratore AC
Staff Forum
10 Novembre 2005
28,474
77
Roma
Se ci sono dati istat che dimostrano come l'adeguamento dell' aeroporto sia una operazione fallimentare ben vengano. Potresti condividerli? hanno fatto uno studio in merito all'aeroporto di foggia?
I dati Istat dicono che la regione ha le pezze ar .... Malamente.

Sulle gestioni precedenti: indubbi i risulati. Ma lo stato precedente è confrontabile con quello target ed in divenire? Chi poteva operare ieri (che blasone, che mercato, che network)? Chi potrà operare domani?
Mamma mia!
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
I dati Istat dicono che la regione ha le pezze ar .... Malamente.
Ah ok. Avevo capito male io.
Pensavo fossero dati sull'aeroporto.

Comunque si la situazione provinciale non è delle più felici. Proprio per questo una spinta al turismo del Gargano non farebbe che bene.
 

safin79

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2011
518
0
.

Comunque si la situazione provinciale non è delle più felici. Proprio per questo una spinta al turismo del Gargano non farebbe che bene.
Questa è la litania che ripetono da anni anche per Pontecagnano, Trapani, Taranto ecc. Ma poi da ottobre a maggio che traffico si pensa di generare?

Tutta la costa italiana è bella e meritevole di sviluppare ben altri numeri coi flussi turistici ma non basta aprire un aeroporto per generare numeri. Fosse così facile basterebbe aprire un apt ogni 100km e risolviamo tutto. Il problema è che se oltre ad un aeroporto non c'è niente o c'è ma funziona male: trasporti pubblici da terzo mondo, strade dissestate, strutture alberghiere ferme agli anni 80, "operatori turistici" col vizietto di spennare chiunque non sia della zona, aggiungiamoci pure una criminalità imperante, è normale poi che l'appeal resti basso. Sono stato a Foggia la scorsa primavera e, secondo me e con tutta la buona volontà, l'ultimo dei problemi è pensare allo sviluppo dell'aeroporto.
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
Questa è la litania che ripetono da anni anche per Pontecagnano, Trapani, Taranto ecc. Ma poi da ottobre a maggio che traffico si pensa di generare?

Tutta la costa italiana è bella e meritevole di sviluppare ben altri numeri coi flussi turistici ma non basta aprire un aeroporto per generare numeri. Fosse così facile basterebbe aprire un apt ogni 100km e risolviamo tutto. Il problema è che se oltre ad un aeroporto non c'è niente o c'è ma funziona male: trasporti pubblici da terzo mondo, strade dissestate, strutture alberghiere ferme agli anni 80, "operatori turistici".
Nessuno può dire che lo sviluppo aeroportuale è sicuramente foriero di successo ovunque si faccia.
Ma ti domando:le tue assunzioni così sferzanti si basano sui numeri o sul 555 all'oronzo canà? Nel primo caso ben venga aprire un confronto.

Ci sono diversi studi che hanno stimato il potere moltiplicativo di questa tipologia di iniziative su alcuni territori.
Tra cui quello dell' università di Bari, che se ritrovo condivido. E su alcune aree geografiche anche Banca d'Italia.

Per inciso, come bellezza concordo che Foggia sia abbastanza deludente. Io però ho un bellissimo ricordo del Gargano (Vieste, Peschici, Rodi, San Giovanni rotondo) dove ho avuto il piacere di soggiornare per qualche estate un po' di anni fa. Noi ci sparavamo un bel po' di ore d'auto. Ma le flottiglie di tedeschi superavano tutti abbondantemente.
 

Planner

Well-known member
Utente Registrato
28 Settembre 2008
303
6
Nessuno può dire che lo sviluppo aeroportuale è sicuramente foriero di successo ovunque si faccia.
Ma ti domando:le tue assunzioni così sferzanti si basano sui numeri o sul 555 all'oronzo canà? Nel primo caso ben venga aprire un confronto.

Ci sono diversi studi che hanno stimato il potere moltiplicativo di questa tipologia di iniziative su alcuni territori.
Tra cui quello dell' università di Bari, che se ritrovo condivido. E su alcune aree geografiche anche Banca d'Italia.

Per inciso, come bellezza concordo che Foggia sia abbastanza deludente. Io però ho un bellissimo ricordo del Gargano (Vieste, Peschici, Rodi, San Giovanni rotondo) dove ho avuto il piacere di soggiornare per qualche estate un po' di anni fa. Noi ci sparavamo un bel po' di ore d'auto. Ma le flottiglie di tedeschi superavano tutti abbondantemente.

L'analisi dei moltiplicatori non è una valutazione di fattibilità, per la semplicissima ragione che non considera i costi.
 

safin79

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2011
518
0
Nessuno può dire che lo sviluppo aeroportuale è sicuramente foriero di successo ovunque si faccia.
Ma ti domando:le tue assunzioni così sferzanti si basano sui numeri o sul 555 all'oronzo canà? Nel primo caso ben venga aprire un confronto.

Ci sono diversi studi che hanno stimato il potere moltiplicativo di questa tipologia di iniziative su alcuni territori.
Tra cui quello dell' università di Bari, che se ritrovo condivido. E su alcune aree geografiche anche Banca d'Italia.

Per inciso, come bellezza concordo che Foggia sia abbastanza deludente. Io però ho un bellissimo ricordo del Gargano (Vieste, Peschici, Rodi, San Giovanni rotondo) dove ho avuto il piacere di soggiornare per qualche estate un po' di anni fa. Noi ci sparavamo un bel po' di ore d'auto. Ma le flottiglie di tedeschi superavano tutti abbondantemente.
Guarda che chi sta pontificando da due giorni sei tu, io ho fatto una domanda e espresso un parere personale (sai è quando si usa il termine "secondo me"), credo mi sia consentito.

Lo studio fatto dell'Università di Bari, che mi piacerebbe leggere, sarà sicuramente validissimo ma non è vangelo. Guarda quello che è successo sulla Torino-Lione: dozzine di studi che affermano l'esatto opposto di un'altra dozzina di studi e questo vale per quasi tutte le infrastrutture in cantiere.

Ti ripropongo la mia domanda visto che tu sai: ipotizziamo anche che nei mesi estivi faccia il botto: HUB Tui con ponti aerei col nord Europa, che traffico potrebbe generare un aeroporto come quello di Foggia (ma vale per tutti gli altri sopra elencati) da Ottobre a Maggio?
Giusto per farti capire, nel 2010 la media da/per Pontecagnano era di 5, cinque, pax per volo. E parliamo di una realtà giusto un tantino più sviluppata e popolare di Foggia.
 

lucerino85

Active member
Utente Registrato
19 Dicembre 2013
38
0
MXP
Premessa: sono di Foggia e amo la mia terra.

Lunedì 4 novembre ho preso il Pugliairbus delle 18:15 da Foggia per l'aeroporto di Bari, da cui ho poi preso un volo Ryanair per Malpensa.
Passeggeri presenti a bordo: 1 (il sottoscritto). Quel Pugliairbus era utile per i 4 voli della sera per Milano, il London Stansted e Malta.
I numeri sono abbastanza pietosi e penso che chiunque sarebbe restio a giustificare la riapertura del nostro piccolo aeroporto.

Però provo a mettere sul tavolo le seguenti considerazioni:
a) Per Milano il Frecciarossa (due al giorno) impiega ormai 5 h e 45 minuti, praticamente un'ora in più di Pugliairbus+Check in+Volo per Malpensa+Malpensa Express, quindi immagino che molti optino per il treno per abitudine e comodità
b) L'ultima esperienza di volo (Saab 2000 della Darwin Airline da 50 posti) aveva dei buoni riempimenti, pur non avendo prezzi economici (126 € sola andata Foggia-Malpensa e Foggia-Torino, un po' meno per Palermo)
c) L'aeroporto Gino Lisa, pur essendo in città, è praticamente scollegato dal TPL (treni per Lucera, San Severo, Manfredonia, Molise, Basilicata ecc...)

Mi chiedo quindi se, collegando l'aeroporto alla costruenda Ferrovia Alta Capacità Bari-Napoli (la nuova prevista stazione di Foggia Sud sorgerà a pochissimi km dallo scalo) mediante una piccola variante al progetto, e lavorando con pochi e mirati voli effettuati con gli Embraer (Alitalia? Austrian? KLM?), la riapertura dello scalo possa essere economicamente sostenibile, o quantomeno non generare voragini nei conti pubblici.

Dico questo perché spero che il mio territorio possa un giorno ripartire, e per farlo servono inevitabilmente infrastrutture che al momento non ci sono, oltre che persone capaci di gestirle.
 

DETTAGLIO

Well-known member
Utente Registrato
14 Ottobre 2017
62
0
Guarda che chi sta pontificando da due giorni sei tu, io ho fatto una domanda e espresso un parere personale (sai è quando si usa il termine "secondo me"), credo mi sia consentito.

Lo studio fatto dell'Università di Bari, che mi piacerebbe leggere, sarà sicuramente validissimo ma non è vangelo. Guarda quello che è successo sulla Torino-Lione: dozzine di studi che affermano l'esatto opposto di un'altra dozzina di studi e questo vale per quasi tutte le infrastrutture in cantiere.

Ti ripropongo la mia domanda visto che tu sai: ipotizziamo anche che nei mesi estivi faccia il botto: HUB Tui con ponti aerei col nord Europa, che traffico potrebbe generare un aeroporto come quello di Foggia (ma vale per tutti gli altri sopra elencati) da Ottobre a Maggio?
Giusto per farti capire, nel 2010 la media da/per Pontecagnano era di 5, cinque, pax per volo. E parliamo di una realtà giusto un tantino più sviluppata e popolare di Foggia.
Vorrei essere nella posizione di pontificare ma non lo sono.
Non posso certo di dire se l'apertura dellaeroporto di Foggia comporterà il botto di turisti per il territorio oppure si tradurrà in fallimento.
E appunto per questo, se tu sei sicuro delle infondatezza delle "litanie" ben venga che tu esponga il tuo pensiero suffragato da qualche dato di appoggio.

Giustamente parli di Pontecagnano. Che tipo di infrastruttura ha l'aeroporto di Salerno? Da che compagnie potrebbe essere servito (sai meglio di me che network, blasone, e marketing sono tutt'altro che marginali)?

Precedentemente hai citato Trapani come esempio di "fallimento". Ne abbiamo parlato in passato. Proprio per parlare di dati(riprendo vecchio post):
Il tasso di crescita (cagr) delle presenze nel primo periodo (1992-2002 pre apertura aviazione di linea) è
Sicilia: +4,8%
Trapani: +4,6%

Il tasso di crescita (cagr) delle arrivi nel secondo periodo (2003-2012)

Sicilia: +0,75% (zero virgola)
Trapani: +7,1%
Tasso di crescita 10 volte superiore rispetto alla regione di riferimento, rispetto ad andamento flat precedente. Ti lascio immaginare ora i tassi di "crescita".


Prendiamo l'esperienza di Comiso che dista un'ora da Catania?
Il tasso di crescita (cagr) degli arrivi nei 5 anni pre apertura (2008-2013)

Sicilia: +1,2%
Ragusa: -0,2%

Il tasso di crescita (cagr) degli arrivi nei 5 anni post apertura (2013-2018) è
Sicilia: +2,2%
Ragusa: +9,2%

--------------Se prendiamo solo le strutture non alberghiere (bed and breakfast et similari)--------------

Il tasso di crescita (cagr) degli arrivi nei 5 anni pre apertura (2008-2013)

Sicilia:+6,4%
Ragusa: +2%

Il tasso di crescita (cagr) degli arrivi nei 5 anni post apertura (2013-2018) è
Sicilia: +8,5
Ragusa: +19% (quasi triplicati)
Come vedi negli anni pre apertura, in entrambi i casi, il turismo provinciale sottoperformava rispetto alla regione.
Negli anni successivi i tassi di crescita sono stati imparagonabili con quelli della regione di riferimento. Specie nel settore turistico extra alberghiero.

Su Ragusa ha fatto uno studio anche Banca d'Italia che trovi qui su dati 2013-2016 ->https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/qef/2017-0412/QEF_412_17.pdf
Secondo lo studio, all' aeroporto sono imputabili circa 5000 presenze mensili addizionali di turisti internazionali. Da allora la quota è molto cresciuta.

Prima di parlare di litanie io valuterei con più calma e lucidità. No?
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
16,460
57
Milano
Magari con un occhio anche ai costi. Sotto questo profilo, darei un’occhiata ai bilanci aeroportuali, che male non fa...
 

asessa

Well-known member
Utente Registrato
6 Novembre 2005
11,585
3
Vorrei essere nella posizione di pontificare ma non lo sono.
Giustamente parli di Pontecagnano. Che tipo di infrastruttura ha l'aeroporto di Salerno? Da che compagnie potrebbe essere servito (sai meglio di me che network, blasone, e marketing sono tutt'altro che marginali)?
Pontecagnano , a differenza di Foggia, servirà ad assorbire il traffico in eccesso "previsto" per la Campania da qui al 2043 (secondo gli studi regionali è di circa 18mil pax).
La regione ha scelto , a torto o a ragione, di puntare su questa infrastruttura (attualmente con un aerostazione che può movimentare circa 250k/anno e una pista di 1654mt).
La tipologia di traffico prevista su QSR è la lowcost e charter , che oggi , sopratutto in estate, portano NAP quasi al collasso.

La differenza abissale con Foggia è che in Campania ad oggi tutto il traffico aereo pesa su NAP , che è arrivato già al limite (o quasi) della propria capacità da masterplan (ovvero 12 milioni di pax), mentre in Puglia la rete aeroportuale conta di 4 aeroporti, di cui 2 che assorbono il 100% del traffico commerciale.
 

safin79

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2011
518
0
Prima di parlare di litanie io valuterei con più calma e lucidità. No?
Scusami tanto ma la querelle durata mesi tra Airgest, comune, regione e Ryanair l'abbiamo già dimenticata?
Tu puoi piazzare anche un 380 di EK daily su Foggia, Cuneo, Parma o dove vuoi tu, basta che paghi e il problema non sussiste. Il punto è quanto costa alla collettività sostenere la situazione e se ne vale la pena.
I tassi di crescita significano poco o niente se poi sono dopati da grossi finanziamenti pubblici, o come si usa dire ora Co-marketing, necessari a tenere in piedi la baracca. Te li ricordi i numeri che faceva Girona quando faticavi a trovare voli a più di 10€ e prima che El Prat aprisse a FR? Sono crollati da sei milioni a meno di due milioni di passeggeri. Chissà come mai...
Sullo specifico di Comiso: e grazie a cavolo che fanno +10%, se parti praticamente da zero puoi solo migliorare. Sull'extra alberghiero: il settore B&B è in fase di boom ovunque merito/demerito di AirBnB e compagnia bella che hanno fatto trasformare rimesse e sgabuzzini in case vacanze da nord a sud. Questi numeri li puoi riscontrare praticamente ovunque.
 

davidegr

Well-known member
Utente Registrato
Scusami tanto ma la querelle durata mesi tra Airgest, comune, regione e Ryanair l'abbiamo già dimenticata?
Airgest dal 2010 al 2018 ha generato perdite per ben € 26.373.689, tutti soldi pagati da pantalone Provincia Regionale prima e Regione dopo. Anche negli anni d'oro di Ryanair nessuno a capo del CDA di quella società è stato capace di generare degli utili e adesso colui che portò la base a Trapani è tornato e tutti sono felici e contenti. Certo perché creare buchi con i soldi pubblici forse lo sapremmo fare tutti quanti.