[TR] SCL-FCO in tempo di COVID

BGW

Moderatore
Utente Registrato
30 Marzo 2008
3,105
41
SCL
KL704
SCL-AMS
787-900
Reg: PH-BHM
ETD/ATD: 10.30 (10.21)
ETA/ATA: 06.55 (06.42)
In the air: 10.34-06.37 (14h03)


Merito del jet lag, ecco a voi il resoconto del mio volo in tempo di COVID.
Dopo cancellazioni e rerouting vari, la scelta cade su KLM, una delle tre compagnie (oltre a IB e AF) ad avere ripreso voli regolari.
KL, che prima volava tutti i giorni via EZE con 777, ora ha due voli settimanali nonstop con 787.
Arrivo come raccomandato con 3 ore di anticipo, davvero troppe. L’aeroporto si presenta cosi’.



I banchi check-in hanno la struttura in plexiglass stile sportello ufficio postale.



La tristezza su un tabellone (due voli su tutto il giorno).



Passata l’immigrazione in un momento, vado a fare colazione nell’unico bar aperto (tutte le lounge sono ovviamente chiuse).



Questa non l’ho capita. O cambiano il cellophane ad ogni cliente (e non mi pare lo facciano), o e’ del tutto inutile.



Il terminal internazionale consiste in una porzione di corridoio con 3 Gates (16, 17 e 18). Tutto il resto e’ chiuso e transennato. Comunque piu’ che sufficiente visto il traffico in questo periodo.





Aggiunge tristezza alla tristezza generale vedere questi aerei LATAM parcheggiati con finestrini coperti e reattori rimossi. Chissà se il 767 tornera’ mai in servizio.



Imbarchiamo con un’ora di anticipo dall’uscita 16.



A quanto ho potuto vedere (soprattutto durante il transito ad AMS) gli asiatici sono dei veri pro. 14 ore di cosi’ le trascorrerei solo con la camicia di forza.



Al Gate viene fatto un annuncio di mostrare il passaporto con la pagina gia’ aperta sulla foto nonche’ il modulo del Governo olandese compilato (inviato via mail da KLM qualche giorno prima).



La biz di KLM sul 789 e’ la Cirrus Zodiac. Gradevoli le finiture.



La bottiglietta d’acqua sostituisce la precedente offerta di champagne/succo pre-decollo.



Nell’amenity kit hanno aggiunto l’alcohol gel. Ci sta.



La salvietta antibatterica sostituisce la gia’ fu hot towel.



Il capitano annuncia un volo di 14 ore e 5 minuti. Un altro annuncio spiega che la mascherina va portata obbligatoriamente durante tutto il volo, si puo’ togliere solo per il minimo indispensabile per mangiare e bere. Ai passeggeri viene chiesto di non recarsi nel galley ma di usare il bottone per il servizio sul telecomando.



Partiamo in anticipo e senza nessuna coda decolliamo senza neppure fermarci a fondo pista alle 10.32. Il load in J e’ 50%, non male se si considera che le frontiere del Cile e UE sono chiuse tra loro.
Nonostante siano solo le 11.20, 40 minuti dopo il decollo viene subito servito il pranzo, senza menu e con un solo passaggio di bevande. La scelta e’ tra “pollo e risotto” o “ravioli con ricotta”. La prima sembra il male minore.
Da bere chiedo una coca cola (il vino era servito in bottigliette, mi pare non fosse disponibile lo champagne) che mi arriva in un bicchiere di plastica.

Tutto il pranzo e’ servito su un vassoio con le vaschette coperte “a causa del COVID”. Per lo stesso motivo non viene servito neanche il pane.



Questo era il piatto principale, senza infamia e senza lode.



Un’ora dopo il decollo e’ gia’ tutto ritirato e il crew non si vedra’ piu’ fino alla colazione (tranne qualche passaggio per ritirare bicchieri vuoti).

La poltrona reclinata e’ estremamente comoda. Personalmente preferisco la Cirrus Zodiac alla Solstys di Alitalia/Iberia ecc…



Dopo una prima siesta esploro l’IFE, la quantita’ di film e’ adeguata, l’interfaccia e’ moderno e funzionale.



Stranamente mi pare che l’IFE non abbia come tutte le altre compagnie una selezione musicale ma solo podcast e due concerti.



Lasciamo la costa del Brasile.



Dopo un tempo interminabile siamo solo a meta’ strada, in mezzo all’Atlantico.



Gli unici snack in un cestino piazzato sopra la prima fila sono cracker e biscotti. Per fortuna avevo comprato un panino in aeroporto.



Uso per la prima (e unica volta) il call button per chiedere un tè. Dopo dieci minuti di attesa nada. Riprovo e stavolta l’AV arriva subito. Il te’ e’ servito anch’esso in un bicchiere di carta.



Altra siesta e altri due film dopo e stiamo per concludere la traversata dell’Atlantico, a circa 2 ore e mezza dall’arrivo. Carina la possibilita’ di giocare con l’airshow come se fosse un mappamondo.



Altra hot towel… anzi no.



Un’ora dopo inizia la colazione, senza scelta e tutta su un vassoio. Dopo il pranzo in versione molto ridotta, la colazione e’ relativamente piu’ abbondante e stavolta c’e’ anche un panino (uscito dritto da congelatore).



Il piatto caldo e’ una omelette non malvagia.



Come da tradizione.



L’equipaggio e’ difficile da giudicare. In 14 ore, tolte le brevi apparizioni per i pasti (consegna/ritiro), si e’ visto veramente poco e l’interazione e’ stata minima.

Qui iniziamo a la discesa. E’ stato uno dei voli piu’ lenti della storia recente e passata, ma devo dire che dopo 14 ore la differenza tra il 777 e il 787 si sente tutta, la stanchezza e’ minima.



Sbarchiamo al molo E. Anche se con meno gente del solito, ad AMS c’e’ un bel movimento e tutti i negozi sono aperti. Siamo lontani anni luce dalla desolazione di SCL.

KL1601
AMS-FCO
737-8K2
Reg: PH-BXN
ETD/ATD: 09.35 (09.35)
ETA/ATA: 11.50 (11.35)
In the air: 09.48-11.30 (1h42)

Ho tre ore ad AMS e uso la lounge 52, dove non ero ancora stato. Interessanti gli arredi e sicuramente piu’ gradevoli rispetto alle precedenti Crowne Lounge.









Sempre per il COVID le cibarie sono solo su ordinazione da queste stazioni. La scelta e’ tra pane e formaggio, pane e salame, e patate e salsiccia.





L’uscita dalla lounge sembra un po’ una scena di psycho.



I voli per l’Italia hanno l’indubbio privilegio di avere un Health screening separato (al Gate B0) dove sono tutti ammassati uno sopra l’altro. Tutto cio’ per un banale controllo di temperatura e un’ennesima autocertificazione da compilare. Li’ viene svelato il Gate da raggiungere (che non compare sul tabellone).



Il volo di connessione parte spaccando il minuto alle 9.35 ed e’ praticamente pieno. La J e’ di 2 file.

Visto il volo precedente non mi aspettavo granche’ su questo volo. Invece il purser viene a prima a presentarsi, poi durante il volo serve la colazione, offre piu’ volte bevande (su bicchieri di vetro e tazze di porcellana), e infine a Roma viene nuovamente a salutare e ringraziare.



La colazione viene servita in un box ed e’ abbastanza abbondante, oltre ad avere un menu.



Visto che é notte fonda a Santiago, dormo per il resto del volo ed arriviamo a Roma in anticipo, sbarcando nel molo E, ora riservato ai voli di corto raggio, a quanto pare.

E con l’ultima autocertificazione consegnata alla polizia, terminano queste 24 ore di viaggio (door-to-door).

Il volo e’ stato comodo ma e’ innegabile che il servizio ridotto al minimo lascia dei lunghissimi vuoti che l’IFE obiettivamente fatica a colmare. Difficile da spiegare la differenza di approccio tra il volo di lungo e di corto raggio. Forse c’e’ un protocollo di sicurezza diverso sui voli per il Sud America, che e’ al momento il lazzaretto del globo.
Purtroppo il volo diretto Alitalia e’ ormai un lontanissimo ricordo, cosi’ come tutta il precedente modo di viaggiare. Ci dovremo abituare per un po’, temo.
 

Axel91

Well-known member
Utente Registrato
11 Dicembre 2017
133
20
29
Che tristezza vedere SCL così vuota e tutti i LATAM in letargo... molto triste!
Amo SCL e non l'ho mai visto così!

Ma quindi KLM non fa più scalo a EZE? Si tratta di un cambiamento momentaneo causa Covid o definitivo?

Ricordo che quando ero a Santiago ho voluto passare qualche giorno in vacanza a Buenos Aires così mi sono messo a guardare i voli, la soluzione più economica era con un KLM che avrebbe poi proseguito per Amsterdam dopo lo scalo argentino... bhe quei due voli (A+R) li ricordo con molto piacere, era un B777 e io ero in economy vicino al finestrino e tutta la mia fila compresa quella davanti e quella dietro era vuota! mi sentivo liberissimo, una sensazione bellissima! Avrei continuato così fino ad Amsterdam, quell'ora e quaranta di volo mi è letteralmente volata e ho apprezzato al massimo il B777! L'aereo si è poi riempito a EZE per proseguire fino ad AMS, così come si è svuotato ad EZE per proseguire a SCL... non ho idea di quanto sia stato il load, ma l'economy l'ho trovata abbastanza vuota sia all'andata che al ritorno (parlo sempre della tratta SCL-EZE-SCL) e parlo del 2018, in tempi non sospetti quando il Covid non esisteva neanche nella nostra immaginazione (bei tempi!).

Per quanto riguarda Amsterdam, ero la fino a due giorni fa... AMS l'ho trovato QUASI normale, negozi aperti e molta gente (fra cui alcuni anche senza mascherina). Per quanto riguarda il mio volo di ritorno in Italia (30 Agosto 2020), il massimo che ci hanno fatto è consengarci un autocertificazione da compilare che poi però nessuno ci ha mai chiesto, per il resto tutto normale. Anche all'arrivo in Olanda, prima della partenza mi ero scaricato il modulo del governo olandese che ho poi compilato, ma sono atterrato ad AMS con una normalità pazzesca, nessuno ci ha mai chiesto niente.

Comunque, scusate se vado un pelo in off-topic, ma dato che sei stato di recente in Cile, com'è la situazione la? Ho tantissima voglia di tornarci, ma rimando finchè la situazione non torna alla normalità, quindi francamente chissà quando riuscirò mai a tornarci!

Comunque bellissimo TR, grazie mille di aver condiviso con noi il tuo viaggio!
 

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,627
203
Londra
Tre settimane fa, T5 LHR aveva il 90% dei negozi chiusi, lo stesso FRA. AMS 'quasi normale' direi sia una nota piu' che positiva.
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
16,636
193
Milano
Che tristezza vedere SCL ai minimi termini!
Sul volo, se quella è la sbobba destinata ai pax di J, non oso immaginare come possano avere nutrito quelli in Y, semprechè li abbiano nutriti nelle 14 ore di volo.
Bel TR as usual console!
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,325
606
Sempre bello vedere un tuo TR malgrado la situazione. Tra l’altro il pacchetto con wet wipe e gel è lo stesso di BA sul corto raggio...
 

Vortigern

Well-known member
Utente Registrato
10 Ottobre 2013
914
2
Vedo che la situazione generale e mutuata poco dal mio ultimo volo ad AMS dal JFK: Schiphol sembra veramente l’Aeroporto più vicino ad uno standard di “Normalità”.

Una domanda: ho viaggiato anche io con il 787 KLM, e nell’occasione ho sentito dire al gate che veniva preferito l’utilizzo di questo aeroplano perché dotato di un miglior sistema di circolazione e filtraggio dell’aria di cabina.

Leggenda Metropolitana o esiste un fondo di verità?
 

edag75

Well-known member
Utente Registrato
1 Aprile 2016
232
3
Padova
Bel TR, anche se un po' malinconico...
Riguardo il cellophane sul POS, me lo sono domandato anche io. Forse permette di spruzzare una qualche soluzione igienizzante senza rischiare di rovinare qualche componente interna?
 

I-DAVE

Moderatore
Grazie Eccellenza! Ottimo TR come sempre, anche se si percepisce quanto la situazione attuale abbia smorzato l'entusiasmo di volare :(

Quelle due cose carbonizzate sopra il risotto cosa sono?

Bel TR, anche se un po' malinconico...
Riguardo il cellophane sul POS, me lo sono domandato anche io. Forse permette di spruzzare una qualche soluzione igienizzante senza rischiare di rovinare qualche componente interna?
Credo sia proprio per quello - è più facile pulire e igienizzare un film plastico che dei tasti in gomma (col rischio che la soluzione entri all'interno del pos). Poi, che lo facciano...

DaV
 

vipero

Well-known member
Utente Registrato
8 Ottobre 2007
4,500
216
.
Dovrebbero correggere il "remove before serving" dei coperchi, magari con un pennarello aggiungere un "do not" ;)
 

BGW

Moderatore
Utente Registrato
30 Marzo 2008
3,105
41
SCL
Che tristezza vedere SCL così vuota e tutti i LATAM in letargo... molto triste!
Amo SCL e non l'ho mai visto così!

Ma quindi KLM non fa più scalo a EZE? Si tratta di un cambiamento momentaneo causa Covid o definitivo?

Comunque, scusate se vado un pelo in off-topic, ma dato che sei stato di recente in Cile, com'è la situazione la? Ho tantissima voglia di tornarci, ma rimando finchè la situazione non torna alla normalità, quindi francamente chissà quando riuscirò mai a tornarci!

Comunque bellissimo TR, grazie mille di aver condiviso con noi il tuo viaggio!
A quanto ne so durerà fino a fine ottobre, dovrà prima chiarirsi la situazione dei permessi in Argentina e della quinta libertà su quella rotta.

I numero del Sud America li conosciamo tutti. Dove potevano sbagliare, hanno sbagliato (eccetto Paraguay e Uruguay, ma sono piccoli paesi). Troppa gente sopravvive di economia informale e il lockdown stile europeo non potrà mai funzionare.
In Cile si sta uscendo ora dalla prima ondata ma nella Patagonia sono già nella seconda ondata, e fa paura.

Tre settimane fa, T5 LHR aveva il 90% dei negozi chiusi, lo stesso FRA. AMS 'quasi normale' direi sia una nota piu' che positiva.
Confermo, ad AMS la situazione era pressoché normale.

Che tristezza vedere SCL ai minimi termini!
Sul volo, se quella è la sbobba destinata ai pax di J, non oso immaginare come possano avere nutrito quelli in Y, semprechè li abbiano nutriti nelle 14 ore di volo.
Bel TR as usual console!
Grazie! SCL e' la desolazione all'ennesima potenza, se aggiungi che entro quest'anno doveva aprire il nuovo terminal che ora in mezzo al cimitero di aerei LATAM parcheggiati sembra proprio una cattedrale nel deserto...

I pasti intercontinentali hanno dell’inenarrabile alla vista
Meno peggio di quello che sembra, ma nulla a che vedere con il servizio pre-covid. E' gia' un mezzo miracolo riuscire a volare, il resto e' tutto accessorio.

Sempre bello vedere un tuo TR malgrado la situazione. Tra l’altro il pacchetto con wet wipe e gel è lo stesso di BA sul corto raggio...
Grazie! Sul corto KL non ti da un bel niente, a parte mascherine chirurgiche (a quanto ho capito sono vietate quelle in stoffa, oltre a quelle con la valvola).

Vedo che la situazione generale e mutuata poco dal mio ultimo volo ad AMS dal JFK: Schiphol sembra veramente l’Aeroporto più vicino ad uno standard di “Normalità”.

Una domanda: ho viaggiato anche io con il 787 KLM, e nell’occasione ho sentito dire al gate che veniva preferito l’utilizzo di questo aeroplano perché dotato di un miglior sistema di circolazione e filtraggio dell’aria di cabina.

Leggenda Metropolitana o esiste un fondo di verità?
Onestamente non saprei, credo che su questa rotta non riempirebbero mai un 777, quindi mandano un 787 (tra l'altro il piu' piccolo -900).

Bel TR, anche se un po' malinconico...
Riguardo il cellophane sul POS, me lo sono domandato anche io. Forse permette di spruzzare una qualche soluzione igienizzante senza rischiare di rovinare qualche componente interna?
Giusto!

Grazie Eccellenza! Ottimo TR come sempre, anche se si percepisce quanto la situazione attuale abbia smorzato l'entusiasmo di volare :(

Quelle due cose carbonizzate sopra il risotto cosa sono?

Credo sia proprio per quello - è più facile pulire e igienizzare un film plastico che dei tasti in gomma (col rischio che la soluzione entri all'interno del pos). Poi, che lo facciano...

DaV
Dover portare la mascherina per 20 ore di fila e' gia' un motivo sufficiente per farti desistere (tra l'altro un annuncio sul primo volo diceva chiaramente che se la mascherina dovesse scivolarti mentre dormi ti avrebbero svegliato), aggiungi tutte le scartoffie da compilare (5 autocertificazioni nel mio caso), i tempi morti che si sono allungati... volare e' diventato un po' come andare dal dentista...

A spanne direi che erano pomodori carbonizzati (il gusto era quello di quanto scaldi la pizza e te la dimentichi in forno...)


Dovrebbero correggere il "remove before serving" dei coperchi, magari con un pennarello aggiungere un "do not" ;)
:D
 
Ultima modifica:

Vortigern

Well-known member
Utente Registrato
10 Ottobre 2013
914
2
Confermo, ad AMS la situazione era pressoché normale.



Grazie! SCL e' la desolazione all'ennesima potenza, se aggiungi che entro quest'anno doveva aprire il nuovo terminal che ora in mezzo al cimitero di aerei LATAM parcheggiati sembra proprio una cattedrale nel deserto...



Meno peggio di quello che sembra, ma nulla a che vedere con il servizio pre-covid. E' gia' un mezzo miracolo riuscire a volare, il resto e' tutto accessorio.



Grazie! Sul corto KL non ti da un bel niente, a parte mascherine chirurgiche (a quanto ho capito sono vietate quelle in stoffa, oltre a quelle con la valvola).



Onestamente non saprei, credo che su questa rotta non riempirebbero mai un 777, quindi mandano un 787 (tra l'altro il piu' piccolo -900).



Giusto!



Dover portare la mascherina per 20 ore di fila e' gia' un motivo sufficiente per farti desistere (tra l'altro un annuncio sul primo volo diceva chiaramente che se la mascherina dovesse scivolarti mentre dormi ti avrebbero svegliato), aggiungi tutte le scartoffie da compilare (5 autocertificazioni nel mio caso), i tempi morti che si sono allungati... volare e' diventato un po' come andare dal dentista...

A spanne direi che erano pomodori carbonizzati (il gusto era quello di quanto scaldi la pizza e te la dimentichi in forno...)




:D
Grazie comunque per la gentile risposta.