[TR] Kiev/Kharkiv


Flyfan

Utente Registrato
17 Giugno 2019
1,061
583
LJU
Non ho idea di che lavoro tu faccia e del perché tu sia andato a Ucraina, ma in qualche modo ti invidio per la possibilità che hai avuto di vedere le cose coi tuoi occhi. Io nel mio piccolo farò tesoro delle tue immagini per ricordare quanto siamo fortunati (ancora) da queste parti, temendo però che questa fortuna un giorno possa finire.
Ancora complimenti e grazie.
 

marksimon

Utente Registrato
6 Febbraio 2017
179
17
55
Cameri (NO)
Mi spiace ripetermi, ma sono ancora senza parole.
Grazie per aver condiviso con noi le immagini e le tue sensazioni.

Ciao
Marco
 

ference85

Utente Registrato
18 Maggio 2016
372
37
Roma
Grazie per questo interessantissimo report.
Un plauso al popolo ucraino

Inviato dal mio M2003J15SC utilizzando Tapatalk
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
17,926
1,842
Milano
Grazie di tutto Gus, avere avuta l'opportunità di un racconto in diretta è stato un privilegio per il nostro forum.
 

Farfallina

Utente Registrato
23 Marzo 2009
15,361
560
Si ma almeno in Italia non ci alziamo la mattina al grido di "Riprendiamoci l'Istria e la Dalmazia!" e l'accesso all'informazione pluralista è parte del nostro DNA.
Ah no? E io che pensavo che il 25.9 fosse quello il primo punto serio del programma di Governo dopo dentiere ecc? Sia chiaro che è una battuta per sdrammatizzare, è veramente agghiacciante vedere quello che sta succedendo. E devo dire che dopo l'iniziale vicinanza si comincia a vedere fastidio per i profughi e non è una bella cosa.
 
  • Like
Reactions: enryb

AlicorporateUK

Utente Registrato
9 Marzo 2009
2,928
624
Sarajevo
Mi alzo in piedi e comincio ad applaudire.

Grazie a te
Grazie, Silvano — apprezzo molto il tuo commento.

Grazie ancora.
Grazie a te come sempre, F.

Grazie ancora per aver postato quella che è, nei fatti, una testimonianza storica.

DaV
Very kind as usual — thanks, D.

Grazie per il racconto e le immagini
Grazie mille, Jambock.

Mi spiace ripetermi, ma sono ancora senza parole.
Grazie per aver condiviso con noi le immagini e le tue sensazioni.

Ciao
Marco
Grazie davvero per il commento, apprezzatissimo.

TR monumentale. Grazie per la condivisione.
Gentilissimo, grazie.

Grazie per aver condiviso con noi questo racconto e immagini intense
Grazie a te per la sopportazione di un TR pesantuccio.

Grazie di tutto Gus, avere avuta l'opportunità di un racconto in diretta è stato un privilegio per il nostro forum.
Grazie di cuore, GP — I shall see you up in London very soon.

Un TR emozionante, da brividi. Grazie di tutto.
Molto gentile, grazie a te per averlo sopportato.

Non ho idea di che lavoro tu faccia e del perché tu sia andato a Ucraina, ma in qualche modo ti invidio per la possibilità che hai avuto di vedere le cose coi tuoi occhi. Io nel mio piccolo farò tesoro delle tue immagini per ricordare quanto siamo fortunati (ancora) da queste parti, temendo però che questa fortuna un giorno possa finire.
Ancora complimenti e grazie.
Bellissimo report! Posso chiederti la ragione del tuo viaggio?
Hvala al compagno jugoslavo e grazie tante a te, AZ1699. Rispondo ad entrambi vista la natura dei commenti/quesiti: nulla a che fare con il mio corporate job, la “missione” era nata con lo scopo di visitare un amico (Ambasciata Polacca a Kiev, è il tipo che ho chiamato “gov.pl”) durante una trasferta di lavoro a Varsavia, l’occasione mi ha dato anche la preziosa opportunità di rivedere un altro amico (giornalista americano, che è da ‘ste parti per un documentario) e si è in seguito tramutata in supporto di natura umanitaria (a Kharkiv), grazie ad entrambe le parti sopracitate (e grazie, ovviamente, alla comprensione dell’azienda per la quale lavoro).


Grazie per questo interessantissimo report.
Un plauso al popolo ucraino
Grazie e mi aggrego al plauso — ai soldati ed ai civili entrambi, che sopportano questa assurdità ogni giorno e notte. L’altro ieri, passeggiando un po’ intorno alle 10 del mattino, sono scesi un paio di missili non lontano da dove mi trovavo ma il peggio è di notte (risvegliarsi al suono degli orribili boati e con l’edificio che trema…): per chi vive questa cosa da cittadino di Kharkiv, dev’essere un martirio psicologico. Assicuro, inoltre, che bere alcol al calare della notte aiuta solo parzialmebte

G
 

I-DILA

Utente Registrato
4 Giugno 2007
754
36
bergamo.
Grazie.

Testimonianza della totale assurdità (ma della costante attualità) della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali.

Nelle città le ferite della guerra rimangono per molti anni nei luoghi e per sempre nelle persone. Così mi è parso nelle città della ex Jugoslavia visitate dopo il conflitto.

Mi hai fatto tornare in mente le parole di un frate italiano che incontrai a Freetown (ci deve essere ancora da qualche parte nel forum il mio tr di ormai 13 anni addietro) che dirigeva un centro di accoglienza dei bambini soldato reduci del conflitto. Mi spiegava, più o meno con queste parole, che la guerra distrugge le cose materiali ma soprattutto i legami sociali e che i secondi sono i più difficili da riparare.
 
  • Like
Reactions: AlicorporateUK

AlicorporateUK

Utente Registrato
9 Marzo 2009
2,928
624
Sarajevo
Grazie.

Testimonianza della totale assurdità (ma della costante attualità) della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali.

Nelle città le ferite della guerra rimangono per molti anni nei luoghi e per sempre nelle persone. Così mi è parso nelle città della ex Jugoslavia visitate dopo il conflitto.

Mi hai fatto tornare in mente le parole di un frate italiano che incontrai a Freetown (ci deve essere ancora da qualche parte nel forum il mio tr di ormai 13 anni addietro) che dirigeva un centro di accoglienza dei bambini soldato reduci del conflitto. Mi spiegava, più o meno con queste parole, che la guerra distrugge le cose materiali ma soprattutto i legami sociali e che i secondi sono i più difficili da riparare.
Grazie per la riflessione e d’accordo con te sulle ferite (in vari strati e non solo materiali) nella ex-Jugoslavia post-conflitti, basta guardare agli “hotspots” dei Balcani di oggi, Bosnia e Kosovo, dopo ~30 anni.

G