Salvini: la questione Alitalia si chiude nelle prossime ore

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

RogerWilco

Well-known member
Utente Registrato
15 Maggio 2014
1,080
0
Che pastrocchio che sta uscendo.... c'è da sperare che LH abbia pazienza perchè tra qualche mese mi sa che si dovrá bussare alla porta strisciando in ginocchio.
 

Farfallina

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2009
14,321
17
Che pastrocchio che sta uscendo.... c'è da sperare che LH abbia pazienza perchè tra qualche mese mi sa che si dovrá bussare alla porta strisciando in ginocchio.
Bisogna capire che LH non è interessata ad AZ, vorrebbe giusto qualche pezzetto (principalmente LIN e poco altro) da acquistare dalla procedura di liquidazione.
 

Nickee

Well-known member
Utente Registrato
27 Febbraio 2017
287
0
Lotito farebbe bingo. Ha un'impresa di pulizie e di catering, con un bell accordo si assicurerebbe questi servizi a bordo degli aerei e magari, con l'intervento del governo, anche in qualche aeroporto.


Inviato dal mio CLT-L09 utilizzando Tapatalk
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
16,472
59
Milano
Lotito farebbe bingo. Ha un'impresa di pulizie e di catering, con un bell accordo si assicurerebbe questi servizi a bordo degli aerei e magari, con l'intervento del governo, anche in qualche aeroporto.


Inviato dal mio CLT-L09 utilizzando Tapatalk
Nulla di tutto questo dietro, tranquillo.
 

Discusfra

Well-known member
Utente Registrato
15 Dicembre 2007
3,028
0
BRU/BDS
Alitalia, Calenda: “Tornando indietro la farei fallire. Lotito? Idea risibile”

L'ex ministro a Circo Massimo su Radio Capital: "Butteremo altri miliardi in una compagnia che così com'è non può essere competiva"

DI GOFFREDO DE MARCHIS

13 GIUGNO 2019

MILANO - Tenere in piedi la strada di un nuovo salvataggio pubblico per Alitalia è stato un errore. Parola dell'ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda che giudica anche "risibile" un possibile coinvolgimento del presidente della Lazio Claudio Lotito. "Sono dei matti. E mi sento anche responsabile. Quando decidemmo di dare il prestito ponte per portarla alla vendita a Lufthansa, che era l'unico partner serio, lo decidemmo perché sarebbe costato tantissimo farla fallire. Ma, visto come stanno andando le cose, tornando indietro lascerei gli aerei a terra e la farei fallire", ha detto a Circo Massimo su Radio Capital a proposito della manifestazione di interesse presentata da Lotito.

"Butteremo altri miliardi di euro in una compagnia che così com'è non può essere competitiva. È insensato rimanere attaccati al sogno della grande compagnia di bandiera. Quel treno è passato. Già oggi - ha proseguito Calenda - le grandi compagnie di bandiera hanno difficoltà a difendersi dalle low cost, l'idea di poterlo fare con Lotito è risibile. Così come la buffonata di parlare di Atlantia, che prima volevano revocargli la concessione autostradale in un quarto d'ora, concessione che sta sempre lì, e ora vogliono dargli Alitalia. Boh...".

Fonte: repubblica.it
 

Beppe74

Well-known member
Utente Registrato
4 Dicembre 2014
159
0
Difficile Stabillirlo!
Lotito fa meno di 1,5 MIO di utili, tutto il suo business gira attorno alla Lazio, per AZ ne servono invece 800-900. Come per TOTO, probabilmente ci troviamo di fronte all'ennesimo bluff
 

Seaking

Moderatore
Utente Registrato
1 Febbraio 2012
10,729
24
Premesso che credo che Calenda sia stato un buon ministro, è troppo facile dire ora “tornando indietro la farei fallire”.
 

Vortigern

Well-known member
Utente Registrato
10 Ottobre 2013
904
0
Alitalia, Calenda: “Tornando indietro la farei fallire. Lotito? Idea risibile”

L'ex ministro a Circo Massimo su Radio Capital: "Butteremo altri miliardi in una compagnia che così com'è non può essere competiva"

DI GOFFREDO DE MARCHIS

13 GIUGNO 2019

MILANO - Tenere in piedi la strada di un nuovo salvataggio pubblico per Alitalia è stato un errore. Parola dell'ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda che giudica anche "risibile" un possibile coinvolgimento del presidente della Lazio Claudio Lotito. "Sono dei matti. E mi sento anche responsabile. Quando decidemmo di dare il prestito ponte per portarla alla vendita a Lufthansa, che era l'unico partner serio, lo decidemmo perché sarebbe costato tantissimo farla fallire. Ma, visto come stanno andando le cose, tornando indietro lascerei gli aerei a terra e la farei fallire", ha detto a Circo Massimo su Radio Capital a proposito della manifestazione di interesse presentata da Lotito.

"Butteremo altri miliardi di euro in una compagnia che così com'è non può essere competitiva. È insensato rimanere attaccati al sogno della grande compagnia di bandiera. Quel treno è passato. Già oggi - ha proseguito Calenda - le grandi compagnie di bandiera hanno difficoltà a difendersi dalle low cost, l'idea di poterlo fare con Lotito è risibile. Così come la buffonata di parlare di Atlantia, che prima volevano revocargli la concessione autostradale in un quarto d'ora, concessione che sta sempre lì, e ora vogliono dargli Alitalia. Boh...".

Fonte: repubblica.it
Bello essere all’opposizione.............
 

giovanve

Well-known member
Utente Registrato
30 Dicembre 2009
92
0
Carrara
Sembrava così vero, rido per non piangere...

...
5. Modalità e termini per la presentazione della manifestazione d’interesse

5.1 Le manifestazioni di interesse dovranno essere presentate in plico sigillato entro e non oltre
le ore 18.00 del 05 giugno 2017 presso lo studio del Notaio Nicola Atlante in Roma,
Piazzale di Porta Pia 121 e dovranno riportare all’esterno la dicitura “Manifestazione di
interesse – Alitalia in AS”.

5.2 Il protocollo di ricezione del Notaio attesterà il giorno e l’ora della ricezione.

Roma, 17 maggio 2017
 

Farfallina

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2009
14,321
17
Premesso che credo che Calenda sia stato un buon ministro, è troppo facile dire ora “tornando indietro la farei fallire”.
Concordo, ora sta facendo il 5s. Pensava queste cose, bene allora doveva chiudere allora con LH (se c'erano veramente ma pare di no) oppure spingeva per la liquidazione con asta per qualche pezzetto a LIN fra FR,U2 e LH.
 

delta75

Well-known member
Utente Registrato
9 Settembre 2009
52
3
Lotito fa meno di 1,5 MIO di utili, tutto il suo business gira attorno alla Lazio, per AZ ne servono invece 800-900. Come per TOTO, probabilmente ci troviamo di fronte all'ennesimo bluff
Qual è il nesso tra gli utili di Lotito e il capitale da versare in Alitalia? A meno che tu non intendessi il fatturato….ma dubito che le società di Lotito fatturino sono 1,5MIO...
 

Farfallina

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2009
14,321
17
La questione è sempre del controllo successivo e di cosa ci si vuole fare di AZ.
DL è chiara su ciò, non vogliono mettere un fiche per consegnare AZ liquidata a LH l'anno prossimo o il successivo ergo vogliono partner forti e chiedono che il controllo sia dato ai privati, loro + Atlantia. Atlantia è disposta alle condizioni di DL ma vuole che giggino e tony siano messi a cuccia e siano sbloccati gli investimenti infrastrutturali autostradali per i quali concordano con la Lega sulla necessità (fra l'altro al di là di ideologie è sensato investire in infrastrutture e aiuta il PIL). Giggino e Tony invece portano al tavolo i vari Toto, Lotito ecc che non hanno obiettivamente aziende di dimensioni multinazionali come vorrebbero gli americani che avendo il limite del 49% non vogliono trovarsi impiccati come EY riguardo alle necessarie successive ricapitalizzazioni perchè obiettivamente per "sistemare" servono 2-3 miliardi, non 8-900 milioni.
Si torna quindi sempre al problema di chi politicamente deve accettare la sconfitta.
 

Farfallina

Well-known member
Utente Registrato
23 Marzo 2009
14,321
17
Qual è il nesso tra gli utili di Lotito e il capitale da versare in Alitalia? A meno che tu non intendessi il fatturato….ma dubito che le società di Lotito fatturino sono 1,5MIO...
Va detto che la critica alla gestione della Lazio nell'articolo sul Sole24ore non è a mio parere giustificato, alla fine il fisco ha recuperato 80 milioni su 130 di debito (dovrebbe recuperare glo altri nei restanti 9 anni), la squadra non è fallita ripartendo ripulita dai debiti e ha pure raccolto discreto risultati. Mi viene in mente l'esempio del Cesena fatto fallire non accettando l'offerta di spalmatura pluriennale della nuova proprietà, morale 50 milioni di crediti inesigibili per il fisco e squadra che riparte dalla serie D.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.