***MODIFICHE E RESTRIZIONI COVID19***

enzomatto

Well-known member
Utente Registrato
20 Giugno 2018
198
11
Scusate, ma a cosa serve il tampone immediato?
Mettiamo caso un passeggero si sia contagiato all'aeroporto di partenza, dopo 2h di volo fa tampone all'aeroporto d'arrivo. Negativo, che bello, sono libero. Sbagliato.
Mia moglie ha avuto un caso positivo nel suo ufficio, il giorno dopo tutti hanno fatto il tampone e tutti sono risultati negativi, ma comunque in isolamento fiduciario per 14gg. Dopo altri 2 giorni un collega ha manifestato i primi sintomi e un ulteriore tampone ha confermato la positività.
Quindi un tampone negativo "precoce" può non dire nulla
 

ilverococco

Well-known member
Utente Registrato
3 Novembre 2016
159
30
BLQ - DXB
Scusate, ma a cosa serve il tampone immediato?
Mettiamo caso un passeggero si sia contagiato all'aeroporto di partenza, dopo 2h di volo fa tampone all'aeroporto d'arrivo. Negativo, che bello, sono libero. Sbagliato.
le alternative sono due:
1 o cerchiamo il "rischio zero" e allora blocchiamo tutto
2 o cerchiamo di minimizare il rischio quanto più possibile, accettiamo una componente di "sfiga" e proviamo ad andare avanti

per quanto mi riguarda l'opzione 2 è altamente preferibile
 

Flyfan

Well-known member
Utente Registrato
17 Giugno 2019
437
74
LJU
Scusate, ma a cosa serve il tampone immediato?
Mettiamo caso un passeggero si sia contagiato all'aeroporto di partenza, dopo 2h di volo fa tampone all'aeroporto d'arrivo. Negativo, che bello, sono libero. Sbagliato.
Mia moglie ha avuto un caso positivo nel suo ufficio, il giorno dopo tutti hanno fatto il tampone e tutti sono risultati negativi, ma comunque in isolamento fiduciario per 14gg. Dopo altri 2 giorni un collega ha manifestato i primi sintomi e un ulteriore tampone ha confermato la positività.
Quindi un tampone negativo "precoce" può non dire nulla
Beh non è che uno debba per forza essersi contagiato in aeroporto, può essere magari asintomatico e positivo.
Ci sono sempre margini di errore ovviamente, ma sempre meglio che niente. Credo sia questo il ragionamento.
 

eugeniod1995

Well-known member
Utente Registrato
7 Settembre 2009
1,679
10
EDI/PSR
Dunque, a FCO, arrivando da UK, venerdì scorso la trafila è stata la seguente: prima del controllo passaporti, check temperatura; poi degli addetti ci davano il foglio da compilare su destinazione, provenienza, motivo del viaggio, luogo dove si sarebbe passata la eventuale quarantena, dichiarazione che si sarebbe fatto il test molecolare in aeroporto (subito) o presso uno degli appositi centri entro 48h (da preventivare almeno 6h di fila); poi controllo documenti; ritiro bagagli; finalmente breve coda per fare tampone orofaringeo. Attesa circa 30 minuti e per uscire dal fabbricato si mostra al vigilante l'attestazione rilasciata dall'addetto sanitario.

NB: la dichiarazione da compilare è la stessa che si scarica online, ma a quella data era appena stata modificata con l'introduzione degli ulteriori Stati che richiedono tampone.
Grazie per la testimonianza 😉
Hanno chiesto la tessera sanitaria per caso?
 

EI-MAW

Well-known member
Utente Registrato
25 Dicembre 2007
6,146
34
Scusate, ma a cosa serve il tampone immediato?
Mettiamo caso un passeggero si sia contagiato all'aeroporto di partenza, dopo 2h di volo fa tampone all'aeroporto d'arrivo. Negativo, che bello, sono libero. Sbagliato.
Mia moglie ha avuto un caso positivo nel suo ufficio, il giorno dopo tutti hanno fatto il tampone e tutti sono risultati negativi, ma comunque in isolamento fiduciario per 14gg. Dopo altri 2 giorni un collega ha manifestato i primi sintomi e un ulteriore tampone ha confermato la positività.
Quindi un tampone negativo "precoce" può non dire nulla
Ma infatti non è per cercare chi si ammala in volo, ma per beccare chi risulti già positivo in arrivo da zone considerare a rischio.
Per quanto riguarda il contatto con un eventuale positivo va fatta la quarantena e il tampone solo a fine di questa, proprio per il motivo di cui parli tu. In ufficio di tua moglie hanno peccato con eccessivo zelo e toppato.
 

wingspan

Member
Utente Registrato
6 Aprile 2019
5
0

OneShot

Well-known member
Utente Registrato
31 Dicembre 2015
2,085
148
Paris

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,622
202
Londra
Risultato tampone effettuato in centro a Bologna disponibile esattamente 48 ore dopo il tampone (tampone fatto in Via Boldrini 2 alle 8.15 del 13/10, disponibile questa mattina alle 8.15). Piccolo problema, il sistema ti comunica un PIN via SMS, il sistema non accetta numeri stranieri!!!!! Ho dovuto dare il numero di cellulare di mio cugino che, a sua volta, mi ha mandato il PIN. Io continnuo a chiedermi come faccia uno straniero che arriva a BLQ a rispettare le regole (tampone all'arrivo e stai in casa fino a quando non hai l'esito)

A questo punto, ora e sempre W il Veneto e Venezia!
 
  • Like
Reactions: eugeniod1995

Brendon

Well-known member
Utente Registrato
14 Agosto 2016
254
47
TRS/WAS/MEM
Ma come?!?!
Qui incoraggiano gli spostamenti:
Penso si stiano preparando per evitare chiusure "a membro di segugio" come a fine marzo / inizio aprile. Tali chiusure devono essere giustificate e permettere la circolazione tra stati con situazione epidemiologiche simili.

Mi chiedo come mai non aprire agli USA visto che, ad ora, viaggiamo a numeri quasi uguali (anzi, i loro sono migliori 638.308 vs 677.955):

img.png

Fonte

Parliamoci francamente... tranne casi eccezionali (OZ e Kiwi) e casi da prendere con le pinze (alcuni stati del Sud-Est Asiatico), non c'è alcuna ragione per limitare gli spostamenti, se non impoverire il mercato e il commercio.
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,316
592
Penso si stiano preparando per evitare chiusure "a membro di segugio" come a fine marzo / inizio aprile. Tali chiusure devono essere giustificate e permettere la circolazione tra stati con situazione epidemiologiche simili.

Mi chiedo come mai non aprire agli USA visto che, ad ora, viaggiamo a numeri quasi uguali (anzi, i loro sono migliori 638.308 vs 677.955):

View attachment 11125

Fonte

Parliamoci francamente... tranne casi eccezionali (OZ e Kiwi) e casi da prendere con le pinze (alcuni stati del Sud-Est Asiatico), non c'è alcuna ragione per limitare gli spostamenti, se non impoverire il mercato e il commercio.
Si ma la popolazione USA e' molto minore di quella europea.
 

Flyfan

Well-known member
Utente Registrato
17 Giugno 2019
437
74
LJU
Più che altro comunque non è che ci sarebbero aerei in volo a trenino pieno di gitanti Usa e EU a scambiarsi per turismo mi sa. Nei numeri non cambierebbe praticamente niente.