Lo stato pietoso dei servizi IT del mondo dell’aviazione


lezgotolondon

Utente Registrato
16 Luglio 2011
899
45
Pisa
Scusate ma devo fare un rant, non è possibile che nel 2022 tante aziende offrano servizi così scarsi e spesso abbiano problemi che le fanno perdere milioni, nonostante ciò sembrano non volere spendere un poco dì più in un servizio IT decente.

Al momento ecco come sono messo:
- Sto cercando di recuperare avios non accreditati da BA dopo un volo cancellato insieme ad centinaia di altri per un problema informatico.
- Ho prenotato un volo con Air Canada e il sito dava errori e non mostrava la prenotazione sul mio profilo
- Sto cercando di prenotare un volo con EasyJet ma prima il sito è andato down mentre stavo per pagare e ora non mi fa loggare. (Nuovo attacco hacker?)

Non è possibile che ci siamo problemi così frequenti per siti che fanno lo stesso lavoro da 20 anni.

Non mi fate poi parlare dei servizi a bordo, tra Wi-Fi che spesso e rotto per un intero volo e IFE nuovi di zecca con tecnologia di 10 anni prima. Incredibile come l’ipad esista da 12 anni e ci siano ancora aerei con mega box sotto il sedile per il cervellone dell’ife
 

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
35,570
797
N/D
Ultimamente molte compagnie hanno tagliato di tutto e di piu' nel settore informatico, spesso dando in outsourcing ai prezzi piu' bassi possili gran parte o la totalità di questi servizi e questi sono i risultati.
 

lezgotolondon

Utente Registrato
16 Luglio 2011
899
45
Pisa
Ultimamente molte compagnie hanno tagliato di tutto e di piu' nel settore informatico, spesso dando in outsourcing ai prezzi piu' bassi possili gran parte o la totalità di questi servizi e questi sono i risultati.
Ma ultimamente da quanto?

Perche' se dai in outsourcing qualcosa che funziona bene... ce ne vuole prima di rovinarla, qui mi sa che non hanno mai funzionato bene.

Cioe' io non riesco a comprare un volo su easyjet da ieri perche' non mi fa accedere 🤦‍♂️
 

Brendon

Utente Registrato
14 Agosto 2016
522
336
TRS/WAS/MEM
Si vede che non hai mai programmato nemmeno un Hello World.
Un sistema si sviluppa in anni e si distrugge con un click.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
si e no... se è stato programmato male lo distruggi così, se hai una buona pipeline che ti fa fallire una build se il code coverage è, diciamo, inferiore al 90% puoi stare tranquillo che se sputtani qualcosa degli unit test e/o integration test ben scritti ti trovano l'errore subito :)
 
  • Like
Reactions: lezgotolondon

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
35,570
797
N/D
Il sito peggiore che ho trovato è Air Europa ogni tanto mentre prenoti o tenti di fare qualche cambiamento ti si blocca tutto e appaiono schermate con pezzi di codice... non parliamo poi delle traduzioni, sulla stessa pagina trovi un pezzo in Italiano, un altro in Spagnolo e un altro in Inglese...
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: lezgotolondon

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
8,634
4,606
Come disse il saggio, nel post di Lezgotolondon all'inizio c'e' una bella matassa da diramare.

A grandissime linee, il mondo dell'IT in aviazione ha un paio di pastoie non da poco, dei "peccati originali" che vanno a prescindere dai problemi di costo.

Il problema n.1 e' che si usano linguaggi, standard e 'modi di fare' preistorici. E siccome organismi tipo IATA lavorano in regime di unanimita', ci vorranno secoli prima che cose come il linguaggio EDIFACT venga lasciato all'archeologia. Credo che stiano cercando di introdurre XML per baggage messaging dal secondo secolo dopo Cristo, ci riusciranno forse in tempo per la venuta del Nazareno 2.0.

Il secondo problema e' di natura prettamente tecnica: per volare in aereo ci sono tante di quelle pastoie tecniche che sono veramente poche le compagnie che hanno voglia di sbattersi per entrare nel giro. Lezgotolondon parlava dell'iPad al posto dell'IFE di 10 anni fa: a meno che un prodotto non sia specificamente certificato per l'uso in aviazione, quel prodotto non viene montato o autorizzato, e i costi sono tali (e lo sbattimento, si deve provare la resistenza a Dio solo sa cosa) che sono poche le compagnie che si sbattono. Faccio l'esempio dei prodotti per la pulizia, dove in pratica non si possono usare certe soluzioni a base di alcol, candeggine o altri prodotti che emettono vapori. E' peggio nello spazio, NdR, ma vabbe'.

Poi c'e' tutta una serie di motivazioni 'minori' (sistemi legacy che costa una cifra togliere, IT visto come centro di costo e non come un valore aggiunto, architetture chiuse che impediscono una vera e propria rivoluzione IoT nel modo di gestire gli aerei, un cartello per quanto riguarda la parte commerciale) e il risultato e' un mondo in cui ci sono un sacco di buone intenzioni ma ben pochi risultati di nota.
 

lezgotolondon

Utente Registrato
16 Luglio 2011
899
45
Pisa
Si vede che non hai mai programmato nemmeno un Hello World.
Un sistema si sviluppa in anni e si distrugge con un click.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
Si vede che lavori in Italia, la peggior nazione europea per quanto riguarda l'industria IT.

Su Easyjet non ho mai avuto problemi, hai provato anche dall' App?
Il sito e' andato down mentre stavo scegliendo i posti, da li non mi fa piu' loggare, mi chiede il reset della password che non viene mai completato.

Come disse il saggio, nel post di Lezgotolondon all'inizio c'e' una bella matassa da diramare.

A grandissime linee, il mondo dell'IT in aviazione ha un paio di pastoie non da poco, dei "peccati originali" che vanno a prescindere dai problemi di costo.

Il problema n.1 e' che si usano linguaggi, standard e 'modi di fare' preistorici. E siccome organismi tipo IATA lavorano in regime di unanimita', ci vorranno secoli prima che cose come il linguaggio EDIFACT venga lasciato all'archeologia. Credo che stiano cercando di introdurre XML per baggage messaging dal secondo secolo dopo Cristo, ci riusciranno forse in tempo per la venuta del Nazareno 2.0.

Il secondo problema e' di natura prettamente tecnica: per volare in aereo ci sono tante di quelle pastoie tecniche che sono veramente poche le compagnie che hanno voglia di sbattersi per entrare nel giro. Lezgotolondon parlava dell'iPad al posto dell'IFE di 10 anni fa: a meno che un prodotto non sia specificamente certificato per l'uso in aviazione, quel prodotto non viene montato o autorizzato, e i costi sono tali (e lo sbattimento, si deve provare la resistenza a Dio solo sa cosa) che sono poche le compagnie che si sbattono. Faccio l'esempio dei prodotti per la pulizia, dove in pratica non si possono usare certe soluzioni a base di alcol, candeggine o altri prodotti che emettono vapori. E' peggio nello spazio, NdR, ma vabbe'.

Poi c'e' tutta una serie di motivazioni 'minori' (sistemi legacy che costa una cifra togliere, IT visto come centro di costo e non come un valore aggiunto, architetture chiuse che impediscono una vera e propria rivoluzione IoT nel modo di gestire gli aerei, un cartello per quanto riguarda la parte commerciale) e il risultato e' un mondo in cui ci sono un sacco di buone intenzioni ma ben pochi risultati di nota.
Tante industrie utilizzano sistemi preistorici, eppure si tratta di industrie che gestiscono senza troppi problemi volumi di affari ben piu' elevati di quelli di un sito di una compagnia aerea (finanza ad esempio)

Sono si problemi ma solo una parte.


Ma io non sono a favore dell'iPad sugli aerei, stavo solo dicendo che sono 12 anni che esiste un dispositivo capace di riprodurre video e applicazioni con una qualita' maggiore dell'ife medio montato fino ad una manciata di anni fa ed consuma una frazione dello spazio e delle risorse.

Mi ricordano quei totem interattivi che si vedono nelle citta', sono prodotti dozzinali e costosissimi sviluppati da aziende scarsissime.
Mi sembra strano che in ambito aeronatico non ci siano le possibilita' di disruption per un'azienda capace di produrre ife adeguati almeno alla tecnologia di 5 anni fa.

Sarebbe un bel risparmio per ogni linea aerea avere aerei con IFE piu' leggeri, piccoli, performanti e meno bisognosi di elettricita'.

Forse il problema e' che l'IT e' visto come un costo e non come un valore aggiunto, cosi si arriva ai casi in cui in un anno BA deve tenere a terra quasi tutta la flotta per vari giorni per problemi informatici.

Forse era meglio spendere qualcosa di piu'?

Ora BA fa recruitment ma arrivano con anni di ritardo e gli costera' x10 (minimo) sistemare la matassa.
 
  • Like
Reactions: Qantaslink

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
35,570
797
N/D
Il sito e' andato down mentre stavo scegliendo i posti, da li non mi fa piu' loggare, mi chiede il reset della password che non viene mai completato.
Chiama il call center se gli dici che hai problemi col sito dovrebbero farti fare le modifiche senza il pagamento del supplemento per modifiche fatte dal call center.
 

Brendon

Utente Registrato
14 Agosto 2016
522
336
TRS/WAS/MEM
Io non riesco a loggarmi su Iberia da praticamente due anni... ogni tot mesi mando un messaggio al customer care che mi risponse in Spagnolo ma non risolve un cacchio...

Se non fosse per il mio OCD che voglio tutti gli account con la stessa mail ne registrerei uno nuovo
 
  • Like
Reactions: lezgotolondon

Qantaslink

Utente Registrato
22 Giugno 2009
1,852
282
Straniero che non ha patria
Cesare di questi tempi chiamare per parlare con qualche persona che ti può aiutare è come vincere al lotto, e alla fine ti danno anche delle risposte non adatte.

Ho dei problemi, ma entro uguale, ogni volta per entrare in modo definitivo, mi manda dei codici di controllo su e-mail, e questo prima non succedeva.

Prima della pandemia andava tutto bene, si vede che il virus ha colpito anche i sistemi informatici
 
  • Like
Reactions: lezgotolondon

maclover

Utente Registrato
6 Ottobre 2006
4,336
28
- Sto cercando di recuperare avios non accreditati da BA dopo un volo cancellato insieme ad centinaia di altri per un problema informatico.
in che senso “recuperare avios non accreditati per un volo cancellato?
Avevi un ticket award e non ti hanno rimborsato gli avios spesi oppure ti aspetti di ricevere Avios per un volo che - indipendentemente dalla causa - non hai volato?

questa curiosità a parte, definire in generale lo stato “pietoso” su tue esperienze personali mi sembra alquanto ingeneroso.
 

lezgotolondon

Utente Registrato
16 Luglio 2011
899
45
Pisa
in che senso “recuperare avios non accreditati per un volo cancellato?
Avevi un ticket award e non ti hanno rimborsato gli avios spesi oppure ti aspetti di ricevere Avios per un volo che - indipendentemente dalla causa - non hai volato?

questa curiosità a parte, definire in generale lo stato “pietoso” su tue esperienze personali mi sembra alquanto ingeneroso.
Semplicemente ho volato e non mi sono stati accreditati.

Se tu avessi letto con attenzione sapresti che BA ha cancellato centinaia di voli e che ho parlato degli IFE che sono scarsi da sempre sulla maggior parte dei voli, quindi non si tratta di sole esperienze personali che comunque per sistemi che dovrebbero funzionare almeno il 99.99% delle volte sono un po’ troppe.
Di ingeneroso vedo solo la tua polemica.
 

maclover

Utente Registrato
6 Ottobre 2006
4,336
28
Semplicemente ho volato e non mi sono stati accreditati.

Se tu avessi letto con attenzione sapresti che BA ha cancellato centinaia di voli e che ho parlato degli IFE che sono scarsi da sempre sulla maggior parte dei voli, quindi non si tratta di sole esperienze personali che comunque per sistemi che dovrebbero funzionare almeno il 99.99% delle volte sono un po’ troppe.
Di ingeneroso vedo solo la tua polemica.
ho letto con attenzione, forse non hai scritto tu bene visto che nel tuo messaggio non c’è scritto da nessuna parte scrivi che aspetto gli avios per un volo che hai preso e non ti è stato accreditato.

ti riporto quanto

Sto cercando di recuperare avios non accreditati da BA dopo un volo cancellato insieme ad centinaia di altri per un problema informatico.
sugli IFE, non so cosa risponderti poiché non ho le conoscenze tecniche per farlo. Non credo però sia come costruirsi il media server in casa.
detto questo, per la mia personale esperienza, non ricordo di aver trovato un IFE non funzionante recentemente, quindi dire che sono scarsi da sempre e funzionano meno del 99,9% delle volte, se paragoniamo la mia esperienze con la tua abbiamo due esperienze diverse.
Quindi, pur riconoscendo che ci siano ampi spazi di miglioramento, ribadisco che definire il tutto pietoso è ingeneroso.
 

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
8,634
4,606
Ma io non sono a favore dell'iPad sugli aerei, stavo solo dicendo che sono 12 anni che esiste un dispositivo capace di riprodurre video e applicazioni con una qualita' maggiore dell'ife medio montato fino ad una manciata di anni fa ed consuma una frazione dello spazio e delle risorse.
Non volermene, pero' hai perso tutto il succo del mio discorso.
Io lascio perdere qui, mi limito a fare un appunto su questo passaggio. Non so su che aereo hai volato, immagino o un 787 o un 380 di British Airways. Beh, quei due tipi di aerei (3 sotto-tipi: 380, 788, 789, il 78X e' diverso) hanno IFE Thales che ha appunto una decina d'anni di eta'. Questo perche' i costi relativi al cambiamento delle cabine sono astronomici, e l'unita audio/video e' solo un pezzo del sistema, esiste comunque tutto un cablaggio e server.

Aerei entrati in servizio piu' di recente, come l'A350 e il 78X, hanno cio' che dici tu: IFE con alta risoluzione (NH ha 4K in F/J per esempio) e niente scatola.



 

lezgotolondon

Utente Registrato
16 Luglio 2011
899
45
Pisa
ho letto con attenzione, forse non hai scritto tu bene visto che nel tuo messaggio non c’è scritto da nessuna parte scrivi che aspetto gli avios per un volo che hai preso e non ti è stato accreditato.

ti riporto quanto



sugli IFE, non so cosa risponderti poiché non ho le conoscenze tecniche per farlo. Non credo però sia come costruirsi il media server in casa.
detto questo, per la mia personale esperienza, non ricordo di aver trovato un IFE non funzionante recentemente, quindi dire che sono scarsi da sempre e funzionano meno del 99,9% delle volte, se paragoniamo la mia esperienze con la tua abbiamo due esperienze diverse.
Quindi, pur riconoscendo che ci siano ampi spazi di miglioramento, ribadisco che definire il tutto pietoso è ingeneroso.
Niente, non hai capito neanche il secondo messaggio, mischi le cose, prendi quello che ti fa comodo, scusa ma sono troppo vecchio su internet per avere la forza di spiegarti partendo da questa situazione, agree to disagree.


Non volermene, pero' hai perso tutto il succo del mio discorso.
Io lascio perdere qui, mi limito a fare un appunto su questo passaggio. Non so su che aereo hai volato, immagino o un 787 o un 380 di British Airways. Beh, quei due tipi di aerei (3 sotto-tipi: 380, 788, 789, il 78X e' diverso) hanno IFE Thales che ha appunto una decina d'anni di eta'. Questo perche' i costi relativi al cambiamento delle cabine sono astronomici, e l'unita audio/video e' solo un pezzo del sistema, esiste comunque tutto un cablaggio e server.

Aerei entrati in servizio piu' di recente, come l'A350 e il 78X, hanno cio' che dici tu: IFE con alta risoluzione (NH ha 4K in F/J per esempio) e niente scatola.



Ovviamente non mi riferisco in particolare degli aerei più vecchi anche se IFE vecchi di 10 anni come quelli su BA sono comunque scarsi considerando costi e dimensioni, ho volato anche su. A350 con QR e non sono rimasto impressionato, non era male ma è lo standard che mi sarei aspettato 5-6 anni prima.

per me la cosa piu strana é che i costi di questa tecnologia sono astronomici quando in qualsiasi altro contesto non lo sono, ci dovrebbe essere una standardizzazione e aziende più serie a lavorarci, è possibile che ci sia un sacco di potenziale per essere disruptive.