[TR] MXP-EWR La Compagnie


B_777

Utente Registrato
22 Agosto 2008
94
21
Milano
Premessa: è il mio primo TR, non sono un bravo oratore e tantomeno fotografo, abbiate pietà.

Complice un’ottima tariffa promo, decido di provare La Compagnie per una vacanza a New York. Per chi non lo sapesse, La Compagnie opera voli all business su A321 Neo con 76 posti e connessione Wi-Fi gratuita. Si definiscono una boutique airline con un servizio Smart e attualmente hanno due aerei con i quali operano ORY-EWR e MXP-EWR. Da maggio dovrebbe partire anche NCE-EWR.

Check-in a Malpensa molto rapido con due banchi dedicati, fast track e accesso alla lounge Montale dove il cibo é tutto confezionato singolarmente per le norme Covid e non è granché. Mi consolo con uno spritz, ma nel bicchiere di carta non mi dà soddisfazione

89DC6C15-AC4E-4CEE-B8AA-435953503568.jpeg

Davide e Golia pronti a partire
30F702C9-EF04-4DF1-90E8-EB3F5ADE518D.jpeg

Complice un lf del 35%, non c’è la solita ressa all’imbarco
F98CB75F-E12C-4223-8884-E5BB225079D1.jpeg

La cabina é piacevole e spaziosa e ogni posto ha cuscino, coperta trapuntata, amenity kit, cuffie e bottiglietta d’acqua
9FB11B47-42F6-4C80-B27F-2E6884D21FB5.jpeg

4B7CF079-4876-431A-B540-6B6D3E1C04F6.jpeg

70CD8724-E8B3-490A-B288-7BA1F994331E.jpeg
6EB8EA0E-0C16-499E-8062-1A0615D8F115.jpeg

Lo spazio per le gambe é generoso, un po’ meno il poggiapiedi piuttosto stretto. Monitor di tutto rispetto con un comodo ripiano sotto
25C82AB6-530C-4015-B45C-2013BD1F7377.jpeg

Una volta accomodati viene offerto del succo d’arancia o champagne, io opto per il secondo, giusto un assaggio e senza nulla ad accompagnare
ACAA4FB7-7C91-4896-BC1D-F85C3EFDACB1.jpeg

Pronti per il decollo, non prima della safety demo, molto originale

Poco dopo il decollo inizia il servizio, viene posizionata la tovaglia e servite le portate. Tramite l’ife é possibile consultare il menú, ma le portate servite sono completamente diverse e la stessa cosa accadrà sul volo di ritorno.
I vini offerti sono solo un bianco e un rosso italiani oltre allo champagne. Io continuo con lo champagne perché sta bene quasi con tutto.
75891E70-BA27-43C1-8331-5FEA7EEC1906.jpeg

Come antipasto viene servito del tonno affumicato con insalatina, come portata principale scelgo un arrosto di tacchino ripieno con verdure al forno, molto buono e per nulla asciutto. A completare, piccola selezione di formaggi.
La qualità del cibo é molto buona, unica nota negativa è il pane freddo che lo fa sembrare quasi raffermo.
FA01AE62-7D89-44FC-98C4-2B830AB17EEC.jpeg

E66D641E-D0DE-4CBB-8719-9D3210AF515C.jpeg

Arriva il momento del dolce, viene tolta la tovaglia (?) e viene offerta una buonissima lime pie alla quale abbino un calvados. Salto caffè e té.
AD268DFF-054C-4FA3-AC2A-CABB8766C9A9.jpeg

La poltrona é un po’ più stretta delle rivali, ma l’imbottitura l’ho trovata più morbida e comoda, sia da seduto che da sdraiato
970462B6-FFE9-4E73-9467-1F81E51D2EAB.jpeg

Chiudo gli occhi e mi sveglio qui
A6B503C2-C5BE-49B1-A77F-4F8492C52C8F.jpeg

Cerco qualcosa da guardare sull’ife ma la scelta non è granché
C3BB62CA-B720-4478-B52E-04137140D159.jpeg

A circa un’ora dall’atterraggio viene servito uno snack, in questo caso su vassoio con tovaglia. Panino pomodoro, mozzarella e rucola, accompagnato da ginger ale
2E038501-FCA4-4D59-8912-166C6DFE7A2B.jpeg

Una volta atterrati dobbiamo attendere più di mezz’ora per parcheggiare, nel terminal i controlli di sicurezza sono rapidi, così come la consegna bagagli.
Siamo finalmente fuori e pronti per la grande mela!

Piccolo OT - su New York si é visto tutto, quindi non voglio tediare ma mostro solo qualcosa di relativamente recente inaugurazione.

Nella parte nord dell’high line hanno terminato diversi edifici nell’Hudson Yards, tra i quali The Edge Building, con relativo osservatorio panoramico e The Vessel, una struttura architettonica imponente e a mio avviso più bella dal vivo che in foto. Sfortunatamente é chiusa, pare perché diverse persone si sono buttate di sotto.
F45CF6AB-55AC-4FAA-9445-149BBD8706A9.jpeg

Passeggiando sull’high Line, all’altezza della 14ma strada c’è un nuovo parco costruito su un’isola artificiale che si chiama Little Island
B83B6263-E8B8-4191-96FC-31A448433F7E.jpeg
4CE72882-4F25-4EDF-B949-A6B6C70643FB.jpeg

Ho scelto di salire sul nuovo osservatorio panoramico Summit One Vanderbilt, che oltre ad offrire la vista su New York, offre anche un’esperienza multi sensoriale
AC7F03AC-7199-438D-B12B-7934E9DBB517.jpeg
6A056003-4F19-485B-B6C0-A3181028804E.jpeg

Essendo stato diverse volte a New York, posso permettermi un itinerario meno turistico e scelgo di visitare il quartiere di Little Italy nel Bronx, che a detta di molti é l’autentico quartiere italiano, non come quello più turistico che si trova a Manhattan.
Per raggiungerlo ci vuole quasi un’ora e occorre prendere metro e bus, ma a mio avviso ne vale la pena perché si respira un’atmosfera di altri tempi; gli italiani che vivono lí sono ben contenti di scambiare quattro chiacchiere e dire quanto gli manchi l’Italia.

Ci fermiamo a mangiare un panino in una gastronomia italiana, il panino é enorme e buonissimo e il locale é un continuo via vai di connazionali emigrati.
8E8A5A90-9DDC-4AA5-A5A3-DBC996A96583.jpeg
29840936-97D7-49A8-8183-E3273BA188F7.jpeg

Fine OT e fine vacanza, tempo di tornare a casa!

Raggiunto l’aeroporto di EWR, abbiamo fatto il check-in in tempi rapidi, mentre ai controlli di sicurezza c’era una bolgia infernale e solo due check point operativi. Chiedo a una “simpatica” addetta alla sicurezza se c’è una fast lane per i passeggeri biz, risponde di no, peccato che il monitor indichi cinque minuti per i passeggeri business e cinquanta per quelli economy, vabbè non ho voglia di polemizzare e stiamo buoni in coda. Dopo una decina di minuti arriva la ragazza che ci ha fatto check-in e insieme ad altri passeggeri ci fa tagliare una buona parte della fila.
Finalmente possiamo andare a rilassarci nella Plaza lounge, che é una ex lounge Virgin Atlantic, molto carina e dal design futuristico.
E4D56DAA-E448-436F-A9EC-A1FCE9282282.jpeg
26E4D6B8-F7D7-4BD7-9398-0F80C32EBD5D.jpeg
190719C0-E194-4C85-B6A7-BD3250B8BBC3.jpeg

È possibile ordinare da mangiare e bere tramite un QR code, le bevande arrivano subito, mentre il servizio del cibo é molto più lento, infatti arriva poco prima dell’imbarco. Qualità del cibo molto buona, ho preso un’insalata con barbabietole e un fish burgher con patate.
C76448DA-80F5-496C-841F-02518F50F433.jpeg
F25ADFAB-CCA5-4C0F-A4D9-4AC514C2B1FE.jpeg

Come per il volo di andata, anche in questo caso l’imbarco é velocissimo e il lf un po’ più alto: 45%.
Calice di benvenuto e poco dopo il decollo un lite dinner che viene servito a vassoio con tovaglietta di carta. Il problema del pane freddo non si pone perché non viene offerto, non so se per scelta o per errore.
La scelta é tra insalata di pollo e pasta, opto per la prima ed é servito accompagnato da un assaggio di formaggi e una frolla alle mele.
FAE15E18-3C68-4870-9C23-CF1583881071.jpeg

A differenza del volo di andata, dove erano presenti più di quaranta titoli di film, su questo volo sono solo dodici, inoltre le cuffie non funzionano, forse a causa dell’attacco magnetico e comunque non sono un granché, così preferisco usare i miei auricolari
0FA5AF93-E84D-4E74-BAF1-CB14BA53660A.jpeg
1484F306-3249-4906-ADBA-3B918196A8F9.jpeg
Mi metto a dormire e mi sveglio giusto in tempo per la colazione che anche in questo caso é servita a vassoio; scelgo l’opzione salata con una torta a base di uova e funghi con contorno di dadolata di pomodoro.
8C11559C-C4A8-4A16-8279-F4D27F77FAB5.jpeg

Sorvoliamo le Alpi e il tempo ci offre dei bellissimi paesaggi
C81B207C-3F8F-4A61-B189-7491DF4956A0.jpeg
8FA5F833-EFF4-4C14-B0E4-FA66392FC09E.jpeg

B82AE17C-9552-458D-AA5E-36A8DC3645D4.jpeg

Atterriamo con leggero ritardo, ai controlli di sicurezza i lettori automatici dei passaporti sono fuori servizio e occorre il controllo de visu, unico caso in cui il controllo umano é più veloce di quello fatto con la macchina. Bagagli consegnati in tempi rapidi e si torna a casa.

Considerazioni finali: il 321 é un po’ più rumoroso di un wide body ma ci siamo trovati molto bene e con pochi passeggeri sembra di essere su un volo privato. Lo standard di servizio è stato un po’ diverso tra andata e ritorno, ma nel complesso positivo.
Qualità del cibo ottima su entrambe le tratte.
A mio avviso è una valida alternativa alle compagnie blasonate, l’unica preoccupazione è data dal fatto che hanno solo due macchine e se dovesse esserci un imprevisto non è chiaro se e come possano riproteggere.
Faccio i migliori auguri a La Compagnie perche se lo meritano e mi piacerebbe volare ancora con loro.
 

Allegati

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
8,671
4,673
Ecco, una compagnia (battutaccia) che mi interessava parecchio, grazie per condividere!
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
18,050
2,075
Milano
Buona la prima, anche come fotografie! Il prodotto sembra discreto, certamente da provare prima o poi.
 

ALESSIO78

Utente Registrato
9 Giugno 2010
564
78
Millano
Bello. Grazie per averlo postato. Quell'azzurrino degli interni....... mah!
 
Ultima modifica:

FLR86

Utente Registrato
29 Aprile 2017
430
94
Grazie! Ero molto di curioso di vedere questa compagnia.
 
Ultima modifica:

BGW

Moderatore
Utente Registrato
30 Marzo 2008
3,224
233
CMN
Grazie per la condivisione. I voli all business sono quasi sempre un azzardo... vediamo se questo resiste.
 

enrico

Amministratore AC
Staff Forum
30 Gennaio 2008
15,279
583
Rapallo, Liguria.
Veramente molto molto interessante! Grazie mille per averlo postato!
Ti ricordi per caso che vini e che champagne venivano offerti?
 

B_777

Utente Registrato
22 Agosto 2008
94
21
Milano
Approfitto di questa risposta per ringraziare tutti

Ti ricordi per caso che vini e che champagne venivano offerti?
Lo champagne era un Piper brut, di quelli base.
Purtroppo non ho segnato i vini, ma all’andata erano un bianco e un rosso Prunotto, mentre sul volo di ritorno avrebbero dovuto essere quelli in foto, ma probabilmente non c’era corrispondenza come per il menù

9491C6B9-A868-4A94-8071-4C01797C54A8.jpeg
52592E31-BA32-48F3-8843-4374BC757449.jpeg
 

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
5,643
1,022
su e giu' sull'atlantico...
Molto interessante davvero, intendo proprio la proposta di offrire un tal specifico prodotto di full J su una rotta cosi' lunga, qualunque intercontinentale sia.
Sinceramente, sia dal punto di vista del viaggiatore che da addetto ai lavori, non riesco tuttavia a comprendere perche' farlo su rotte ampiamente congestionate, spesso in overcapacity; la MIL NYC e' una di queste, come penso lo sia anche la PAR NYC.
Ora, o il prodotto deve necessariamente essere ultra-competitivo (e questo non lo e') oppure devi fare leverage sul prezzo, tipo appunto i 1500 EUR A/R per la MIL NYC, che per questo prodotto son giusti. Quanto revenue positive non lo so.
Saranno anche solo 76 J, ma la cabina risulta (almeno a me) "attufata"; la config 2-2 non e' ottimale e ormai in disuso su tutte le major, chi sta al finestrino deve scavalcare chi e' al corridoio, il programma frequent flyer serve solo al potenziale pendolare della specifica rotta, il volo non e' giornaliero, il sito e' basico (peraltro qui si parla solo di PAR e NCE seasonal, come destinazioni), credo non abbiano una App per gestire il proprio viaggio (almeno io non l'ho trovata), l'overall product non e' un top one, non ha feeder (EZY come partner, ma non mi risulta abbia through check-in) etc...
Avessi davvero il mio aereo "privato", da condividere con pochi intimi, sorseggiando champagne, mangiando caviale, single seat con piumino d'oca e limo transfer lo capirei, ma calcolando la presenza di EK sulla MXP-JFK , nonche' delle altre, ovviamente, non mi capacito davvero della scelta strategica; questo prodotto puo' senza meno funzionare sull'offline o comunque su city-pairs meno trafficati, ponendosi come valida alternativa; certo, meno traffico = meno possibilita' di sostenibilita'. Insomma, come giri giri storto...ma sinceri auguri!
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
18,050
2,075
Milano
Analisi condivisibile, ma butto lì un paio di considerazioni brevissime:
1 - Potrebbero fare leva sulla fetta di mercato di chi vorrebbe volare in J ma non si può permettere tariffe mediamente più elevate di un buon 30/40% ad essere stretti;
2 - Potrebbero aggiungere il plus di un imbarco meno caotico e più snello, indipendentemente dalle corsie privilegiate del preboarding, di quanti non amano gli assembramenti umani di un volo con 3/400 cristiani in attesa.

Condivido il pensiero che potrebbe esserci un mercato più attraente su quelle rotte più ostiche (penso alla ORD da MXP, che stenta a reggersi in piedi e che potrebbe, forse, avere numeri interessanti), ma il range quasi al limite credo sia un vincolo sul fronte east coast statunitense.

In ogni caso, la scommessa l'hanno lanciata, vediamo se la vincono.
 

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
5,643
1,022
su e giu' sull'atlantico...
Capisco i tuoi spunti, da come la poni non siamo distanti: prezzo adatto a quel tipo di prodotto (ma non so quanto valido per lo yield, peraltro non credo lo possano vendere tutto a 1500, il che significa che appena la alzi quel 30/40% di gap lo colmi, appannaggio delle major) e sensazione -solo temporanea- di soluzione piu' snella (imbarco) salvo poi trovarsi in 76 su un narrowbody.
Ai posteri...
 

AAAndy

Utente Registrato
25 Dicembre 2016
101
29
L’equipaggio é francese e l’ho trovato, in entrambe le tratte, professionale e cortese
Analisi condivisibile, ma butto lì un paio di considerazioni brevissime:
1 - Potrebbero fare leva sulla fetta di mercato di chi vorrebbe volare in J ma non si può permettere tariffe mediamente più elevate di un buon 30/40% ad essere stretti;
2 - Potrebbero aggiungere il plus di un imbarco meno caotico e più snello, indipendentemente dalle corsie privilegiate del preboarding, di quanti non amano gli assembramenti umani di un volo con 3/400 cristiani in attesa.

Condivido il pensiero che potrebbe esserci un mercato più attraente su quelle rotte più ostiche (penso alla ORD da MXP, che stenta a reggersi in piedi e che potrebbe, forse, avere numeri interessanti), ma il range quasi al limite credo sia un vincolo sul fronte east coast statunitense.

In ogni caso, la scommessa l'hanno lanciata, vediamo se la vincono.

Pur con tutto un altro prodotto e clientela, non vorrei facessero la fine di Aigle Azur che è saltata quando ha fatto il passo più lungo della gamba.
 

Dancrane

Amministratore AC
Staff Forum
10 Febbraio 2008
18,050
2,075
Milano
Pur con tutto un altro prodotto e clientela, non vorrei facessero la fine di Aigle Azur che è saltata quando ha fatto il passo più lungo della gamba.
La differenza tra le due è che La Compagnie è nata con quella idea e con quel business model.