[TR - Amarcord] Pan AM

Robyjet

Well-known member
Utente Registrato
14 Dicembre 2007
252
0
64
Fiumicino, Lazio.
Grazie per questi tuoi bellissimi ricordi, che hai condiviso con noi.
Ci hai riportato a un'epoca fantastica dell'aviazione civile, con i suoi momenti belli e, purtroppo, anche quelli più tristi.
Io non ho mai volato con PanAm, ma adesso è come se lo avessi fatto tramite i tuoi racconti. L'unica cosa che posso aggiungere è quando, da bambino, me ne andavo con la bici davanti la testata della 16L di Fiumicino, a vedere, e ascoltare, i DC6, i Constellation e poi i primi jet che atterravano ...
A mio parere, il più bel thread del 2014 qui su AviazioneCivile.
Grazie ancora !
 

carloz

Well-known member
Utente Registrato
13 Gennaio 2007
783
2
45
Milano
Anche se non conosco la tua età, mi sembri uno di quei "vecchi saggi" che iniziano a parlare e tutti i bambini si siedono di fronte a te per ascoltare :)
Battute a parte, sei un concentrato di esperienza ed umanità che non credo di avere mai incontrato prima.
 

AcrossThePond

Well-known member
Utente Registrato
21 Ottobre 2014
282
0
Milano
Racconto avvincente, in cui gli aerei fanno da collante a memorie di vita vissuta. Un altro modo di vedere l'aviazione, al di là di rotazioni, orari, rotte o tematiche sindacali.
Complimenti!
 

MalboroLi

Socio AIAC
Utente Registrato
19 Novembre 2009
6,320
1
Scrivo solo ora per dirti che sei un narratore nato, i complimenti non bastano...avanti così!
 

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,371
40
Londra
Re: [TR - Amarcord] Pan AM - Capitolo Ottavo - Ultimo volo transatlantico con Pan Am

1991

La Pan AM e’ in fortissima crisi. Si vedono alcuni cambiamenti al servizio, e’ chiaro che devono tagliare sui costi. L’airbus A310 viene usato sempre di piu’ sostituendo il B747 nelle ‘rotte leggere’. Quella che avevo chiamato la ‘danza’ del servizio di prima classe e’ cambiata. Sugli A310 c’e’ solo una persona dedicata alla prima classe, la seconda e’ ‘condivisa’ con la clipper. Il servizio adesso e’ passa il carrello, mentre apparecchiano ti dicono la scelta. Fanno comunque i piatti dal carrello, ma se non ci sono molti passeggeri in prima c'e' un solo assistente di volo. Quell'altro o rimane in Clipper o aiuta con il servizio in Economy. Se hai un pasto speciale passano o prima o dopo.

La prima Guerra del golfo non fa viaggiare gli amerricani. E’ il colpo di grazia per una Pan Am gia’ in crisi. Ha gia’ venduto le rotte del Pacifico alla United. Adesso e’ il momento dei voli transatlantici e del Pan Am Shuttle. Se li compra la Delta. Il passaggio avverra' con l'inizio delle operazioni dell'orario invernale. Rimarra' una ‘lean and mean’ Pan Am che concentra le attivita’ nei voli per il Sud America dal suo hub di Miami.

Io ‘manovro’ il mio viaggio negli Stati Uniti per volare un ultima volta Pan Am. Volo MXP-JFK l’ultimo giorno in cui il volo ha un numero PAxxxx.

Fine Ottobre 1991, tecnicamente la Guerra del Golfo e’ finita (o cosi’ dicono gli americani)ma e’ troppo tardi per la Pan Am.

Non ho ricordi particolari del volo, solo alla fine. Il first officer mi ringrazia di aver volato Pan Am, e aggiunge un particolare ringraziamento per la mia fedelta’ negli anni (credo avessero aggiunto alla nota “Worldpass Platinum” anche l’anno in cui ti eri iscritto per la prima volta al “Worldpass”). Mi rassicura che i miei privilegi continueranno con Delta (in realta’ Delta non offriva lo stand-by nella classe superiori).

Mi ricordo ancora molto bene che dopo il consueto “Benvenuto a New York e grazie per aver volato Pan Am”. L’assistente di volo che si occupava della prima classe continua

“Questa e’ l’ultima volta che la Pan Am opera questo volo da Milano. Oggi e’ l’ultimo giorno in cui la Pan Am opera voli transatlantici. Una storia aziendale durata sessantanni e una storia personale durata venticinque finiscono oggi.”

Era chiaro dalla voce che faceva fatica a darsi un contegno. Non erano solo 25 anni della sua vita professionale. Il bambino che a cinque anni era rimasto impressionato “dall’aereo senza eliche” ne aveva fatta di strada. La Pan Am aveva accompagnato quella strada, in particolare :

- quando ho conosciuto I genitori di Ruth.
- Il primo volo del centro di costo numero 1
- Quando ci siamo trasferiti a New York
- Il primo volo del centro di costo numero 2
- Quando siamo andati via da New York

E altri innumerevoli momenti della mia vita.

Il ritorno lo feci su un A310 gia’ verniciato Delta ma con tutti gli interni ancora Pan Am.

Foto di un A310 con i colori Delta (presa da airliners.net)



Circa un mese dopo (primi di Dicembre 1991), a New York, accendo la televisione e scopro che anche la Pan Am con le attivita’ concentrate nel Sud America aveva chiuso.

Riconosco una delle rappresentanti Pan Am nell’agenzia della Quinta Strada (altri tempi, quando le linee aeree si potevano permettere gli affitti nelle strade principali delle citta’) che dice “There will never be another Pan Am”.

Non posso che essere d’accordo. Non ho ritrovato in nessuna linea aerea il ‘glamour’, lo spirito pionieristico della Pan Am. Nessuna linea aerea si e’ avvicinata ad essere “La compagnia di bandiera” USA come la Pan Am. L’ultimo volo civile da Saigon fu con un aereo Pan Am, l’ultimo volo da Cuba prima che Castro prendesse definitivamente il potere fu un volo Pan Am. La Pan Am gestiva I voli da Berlino Ovest alla Germania per conto degli Americani (Air France lo faceva per conto dei Francesi e BEA lo faceva per conto del Regno Unito).

THERE WILL NEVER BE ANOTHER PAN AM

Nel libro Pan Am: An Aviation Legend, Barnaby Conrad III sostiene che il crollo della Pan Am fu una combinazione di cattiva gestione, indifferenza governativa nel proteggere la sua principale linea aerea internazionale e la conseguenza della deregulation. Va anche detto che la visione del leggendario Juan Trippe, il CEO che praticamente diede a Boeing le specifiche del B747, non ebbe successori. All'inizio degli anni 90 la Pan Am dovette vendere gli asset che rendevano solo per far quadrare i conti. Fine triste ma inevitabile.




Vi prometto che prima di chiudere questo thread faro’ le foto alla mia collezione di Amenity Kits Pan Am. Se ho tempo le carico domani (Lunedi 29/12) mattina.
 
Ultima modifica:

Cartagena

Well-known member
Utente Registrato
30 Ottobre 2013
790
0
Capri Island
Questo è un fantastico esempio di come attraverso il racconto di una sola persona, si possa ripercorrere la Storia, sia quella personale che quella del mondo. Posso solo complimentarmi, rimanendo ancora sotto shock pensando al PM103
 

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,371
40
Londra
Re: [TR - Amarcord] Pan AM - Gli amenity kit

Gli Amenity Kit Pan Am non sono cambiati molto negli anni 80. Erano fondamentalmente due, uno First Class.

Chiuso

[/URL][/IMG]

Aperto

[/URL][/IMG]

Al contenuto fotografato manca : rasoio e crema da barba (non esisteva una versione per signore), spazzolino e dentifricio, calzascarpe, calzini e tappi per le orecchie

[/URL][/IMG]

Quello di business (Clipper Class) (Capovolto scusate)

[/URL][/IMG]

E con questo ringrazio tutti dell'avermi fatto fare a me un viaggio fra i ricordi. Pensate che pare non avessi mai raccontato al centro di costo numero 1 la storia del suo primo volo.