Thread Alitalia Gennaio 2021


TapiroVolante

Utente Registrato
13 Dicembre 2016
611
20
Ma infatti.

Linate è limitato a 18 movimenti/ora se la memoria non m'inganna. Se ipotizziamo 18 movimenti/ora dalle 05:00 alle 22:00 fanno 306 movimenti, ossia 153 partenze (se intendiamo, come penso si debba fare, un decollo e un atterraggio = 2 movimenti). Ora, se Alitalia deve scendere al 70% al 50% il che vuol dire che ci sono 31 partenze in più a disposizione di tutti, divise sull'arco di una giornata. Dividiamole salomonicamente tra Ryanair, Wizz, Easyjet, Lufthansa, AF, KL, BA, IB, EI, OS, LX: 2.8 partenze a testa.

Non stiamo parlando dei diritti di decollo dalla quarta pista di Haneda.
Fra l'altro credo si debba restringere leggermente la finestra temporale...
L' aerostazione se non mi ricordo male apre alle 5 (forse...), ma ad esempio prima delle 5,15 i banchi check-in AZ non li ho mai visti aperti.
Per quel che riguarda i decolli, il primo (almeno a memoria mia) è sempre stato fissato per le 6,30.
Quindi i movimenti scenderebbero a quota 279 al dì.
 
  • Like
Reactions: 13900

lo spaziale

Utente Registrato
5 Giugno 2006
1,032
3
Milano
Fra l'altro credo si debba restringere leggermente la finestra temporale...
L' aerostazione se non mi ricordo male apre alle 5 (forse...), ma ad esempio prima delle 5,15 i banchi check-in AZ non li ho mai visti aperti.
Per quel che riguarda i decolli, il primo (almeno a memoria mia) è sempre stato fissato per le 6,30.
Quindi i movimenti scenderebbero a quota 279 al dì.
E poi un domani se ci fosse bisogno, il governo può sempre aumentare il numero di movimenti ora :)
 
  • Like
Reactions: 13900

belumosi

Socio AIAC
Utente Registrato
10 Dicembre 2007
13,539
346
Molte?
Io pensavo due (o quattro, se ci mettiamo pure KLM e Air Dolomiti...)
Credi invece che riescano ad essere della partita anche vettori non "ipersupportati" in sede UE, insomma gente che non abbia come codice AF o LH?
Mi stai confermando che stiamo parlando di geopolitica e che il diritto c'entra poco o nulla.
Perché altrimenti ci sarebbe il Regolamento Europeo 793/2004 che disciplina i movimenti degli slot.
Ma se è così (e secondo me lo è), come è possibile concepire la vertenza AZ come una procedura che segua scrupolosamente la legge?
 

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,917
1,399
E poi un domani se ci fosse bisogno, il governo può sempre aumentare il numero di movimenti ora :)
Chiaro. Ma anche se fosse e i voli fossero raddoppiati e dati in toto alla concorrenza, se divisi salomonicamente tra quelli di cui sopra passiamo da 2.8 a 5.6 voli al dì. Certo, un aumento importante ma...non esattamente la sfida fondamentale per l’Italia e l’Europa nel dopo Covid, che era il punto che si cercava di fare prima.

L’importanza di Alitalia (nel mondo dell’aviazione civile italiana e in generale) è un tantinello esagerata qui su AC.
 
  • Like
Reactions: romaneeconti

belumosi

Socio AIAC
Utente Registrato
10 Dicembre 2007
13,539
346
Per come la vedo io, gli slot in eccesso di LIN, fanno parte di quella parte degli asset della vecchia AZ non indispensabili alla nuova ITA, che quindi possono essere oggetto di negoziazione. Come, all'opposto, non può esserlo il marchio.
 

dario abbece

Utente Registrato
2 Ottobre 2008
2,366
4
milano
Ma infatti.

Linate è limitato a 18 movimenti/ora se la memoria non m'inganna. Se ipotizziamo 18 movimenti/ora dalle 05:00 alle 22:00 fanno 306 movimenti, ossia 153 partenze (se intendiamo, come penso si debba fare, un decollo e un atterraggio = 2 movimenti). Ora, se Alitalia deve scendere al 70% al 50% il che vuol dire che ci sono 31 partenze in più a disposizione di tutti, divise sull'arco di una giornata. Dividiamole salomonicamente tra Ryanair, Wizz, Easyjet, Lufthansa, AF, KL, BA, IB, EI, OS, LX: 2.8 partenze a testa.

Non stiamo parlando dei diritti di decollo dalla quarta pista di Haneda.
fatemi capire e ditemi se scrivo castronerie.......quindi az scendendo al 50% , quante macchine dovrebbe avere basate sul lin per gestire le 76 partenze ........10/15 circa ??!! ...quindi rimarrebbe con 30 macchine per Fco!!!??? .......se è così ...non è che la coperta è corta ... non c'è proprio.......
 

Farfallina

Utente Registrato
23 Marzo 2009
14,560
116
fatemi capire e ditemi se scrivo castronerie.......quindi az scendendo al 50% , quante macchine dovrebbe avere basate sul lin per gestire le 76 partenze ........10/15 circa ??!! ...quindi rimarrebbe con 30 macchine per Fco!!!??? .......se è così ...non è che la coperta è corta ... non c'è proprio.......
50 macchine si parla per la partenza ora in pieno periodo COVID19, il dimensionamento di AZ a regime è pensato attorno alla dimensione attuale nel piano di ITA.
 

romaneeconti

Bannato
Utente Registrato
21 Marzo 2021
48
16
50 macchine si parla per la partenza ora in pieno periodo COVID19, il dimensionamento di AZ a regime è pensato attorno alla dimensione attuale nel piano di ITA.
E' gia'...hai detto bene..."e' pensato"..., i "pensatori" in Alitalia sono gli unici dipendenti che non perderanno mai il lavoro....
 

romaneeconti

Bannato
Utente Registrato
21 Marzo 2021
48
16
Solitamente sono ben informati, da sindacalaro in missione in incognito dovresti saperlo...
Farfallina, qui a Milano dopo il Mago Otelma dell'aviazione, stiamo apprezzando il principe delle bufale quando si tratta del tema Alitalia/Ita...e' sulla buona strada per guadagnarsi lo scettro....Il Messaggero, al confronto, e' davvero roba seria sul tema. (e non scherzo).
 

romaneeconti

Bannato
Utente Registrato
21 Marzo 2021
48
16
Chiaro. Ma anche se fosse e i voli fossero raddoppiati e dati in toto alla concorrenza, se divisi salomonicamente tra quelli di cui sopra passiamo da 2.8 a 5.6 voli al dì. Certo, un aumento importante ma...non esattamente la sfida fondamentale per l’Italia e l’Europa nel dopo Covid, che era il punto che si cercava di fare prima.

L’importanza di Alitalia (nel mondo dell’aviazione civile italiana e in generale) è un tantinello esagerata qui su AC.
Quoto. anche le simpatie pro Alitalia. Ma ci sta ed e' interessante per chi legge avere punti di riferimento piu' o meno identitari. l'altro forum, piu' territoriale, non e' certo da meno al lato opposto sul tema Alitalia (io stesso ne ho fatto parte scrivendo un migliaio di commenti su AZ sempre con lo stesso refrain negativo che obiettivamente ha stancato anche il sottoscritto...anche se adesso, con Farfallina, potro' avere qualche rigurgito qui..ahahhah! Altri forum o pseudo tali non sono di mio interesse.
 

I-POV

Socio AIAC
Utente Registrato
25 Marzo 2008
1,496
4
Varese - Chatham NJ
Corriere del 08-04-2021

Alitalia, il 30 aprile la condanna Ue per aiuti di Stato: potrebbe restituire fino a 1,6 miliardi
di Leonard Berberi08 apr 2021

La decisione della Commissione europea sui presunti aiuti di Stato ad Alitalia è attesa per il 30 aprile. Per quel giorno i tecnici dell’Antitrust Ue dovrebbero condannare il nostro Paese a riprendersi tutti (o una gran parte) gli 1,3 miliardi di euro di prestiti ponte erogati nel 2017 e 2019. Se Bruxelles dovesse ritenere il nostro Paese colpevole su entrambe le tranche di denaro pubblico la compagnia aerea sarebbe chiamata a restituire 1,6 miliardi, compresi gli interessi. A fornire un’indicazione sulle tempistiche è stato il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti durante il question time al Senato.

Al Senato
Il ministro — rispondendo a una domanda della senatrice Giulia Lupo (M5S) sul dossier Alitalia e sul progetto di rilancio attraverso la newco pubblica Italia Trasporto Aereo — ha detto che il governo è impegnato a lavorare sulla «necessaria discontinuità perché il nuovo soggetto (cioè la newco, ndr) non possa essere chiamato a rispondere della complessiva posizione debitoria della precedente compagnia», da quasi quattro anni in amministrazione straordinaria. «In particolare — ha proseguito — i cosiddetti “prestiti ponte” che se giudicati in qualche modo illegittimi credo il 30 di aprile devono essere in qualche modo restituiti o imputati a Italia Trasporto Aereo».




I due faldoni
La Commissione europea ha aperto due fascicoli d’indagine sui prestiti ad Alitalia. Il primo, aperto ad aprile 2018, riguarda i 900 milioni di euro erogati in due tranche nel 2017, l’anno in cui l’aviolinea tricolore è finita in amministrazione straordinaria dopo la bocciatura dei dipendenti del piano di rilancio proposto da Etihad (socio al 49%). Bruxelles ha dovuto avviare l’indagine dopo le denunce di Ryanair, Iag (holding di British Airways, Iberia, Vueling, Aer Lingus e Level) e la slovena Adria Airways (che nel frattempo è fallita). Alla fine di febbraio 2020 è arrivata la seconda indagine per il prestito ponte di 400 milioni erogato a fine 2019.

La restituzione
L’orientamento dei tecnici di Bruxelles spiegano al Corriere fonti europee è quello di condannare l’Italia per aver erogato illegalmente aiuti di Stato. Si discute se la sentenza debba riguardare entrambi i prestiti oppure soltanto il primo, e più sostanzioso, da 900 milioni di euro, ma su questo non sarebbe stato raggiunto ancora un consenso finale. In ogni caso a quel punto Alitalia dovrebbe restituire in tempi brevi fino a 1,6 miliardi di euro in caso di doppia condanna (1,3 miliardi di prestiti più circa 300 milioni di interessi sul prestito). Soldi che l’azienda non ha dal momento che viaggia con una liquidità ridotta.
 
  • Like
Reactions: edogdm

fiducioso

Utente Registrato
11 Febbraio 2013
162
82
comunque, al netto di tutto, la denuncia da parte di FR, dopo che si intasca le sovvenzioni regionali, è ridicola.
perchè ridicola? FR si muove all'interno dei confini della legalità...AZ un po' meno a quanto pare.

Comunuqe Draghi ha appena detto in diretta che difficilemte il marchio Alitalia rimarrà...è pure pessimista che si riesca a mantenere il logo.
che tristezza
 
  • Like
Reactions: edogdm

speedbird100

Utente Registrato
13 Febbraio 2020
103
21
perchè ridicola? FR si muove all'interno dei confini della legalità...AZ un po' meno a quanto pare.

Comunuqe Draghi ha appena detto in diretta che difficilemte il marchio Alitalia rimarrà...è pure pessimista che si riesca a mantenere il logo.
che tristezza
Perche prima si grida alla concorrenza e al mercato e poi si vendono biglietti sotto al costo delle tasse? È veramente questo il libero mercato per il quale si scandalizzano?
 

Superricky

Utente Registrato
5 Marzo 2020
8
0
Beh, se poi ti vendono sull'aereo servizi e prodotti per lo stesso prezzo del biglietto, allora vi può stare anche stare sul mercato in questo modo!