Situazione limitazioni agli spostamenti EU


Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

A345

Socio AIAC
Utente Registrato
15 Novembre 2007
2,054
64
Piacenza, Emilia Romagna.
I pochi problemi in Italia ?!
Qui rischiamo di ritrovarci a giugno/luglio/agosto con zone arancioni/rosse e di dare il colpo di grazia all’economia. Il sistema dei colori è fallimentare, e mi preoccupa che l’attuale Governo voglia continuità su questo. L’unica chance che abbiamo è un piano vaccinale efficace che speriamo veda la luce dopo i disastri dei pentafenomeni.
Sarà anche fallimentare, ma l' alternativa è un tutto rosso/arancione, non credo che per l' economia e/o spostamenti sarebbe molto meglio, almeno qualche regione può avere qualche libertà in più.
Ah, l' alternativa ai "pentafenomeni" sarebbe stato Sal....i, i cui risultati non credo sarebbero stati molto distanti da quelli ottenuti da BoJo in Uk.
 
  • Like
Reactions: eugeniod1995

Giofumagalli

Utente Registrato
19 Febbraio 2017
375
128
Sarà anche fallimentare, ma l' alternativa è un tutto rosso/arancione, non credo che per l' economia e/o spostamenti sarebbe molto meglio, almeno qualche regione può avere qualche libertà in più.
Ah, l' alternativa ai "pentafenomeni" sarebbe stato Sal....i, i cui risultati non credo sarebbero stati molto distanti da quelli ottenuti da BoJo in Uk.
Le libertà in più che una ragione "virtuosa" conquista poi se le rimangia rapidamente, almeno questo è quello che lo schema a colori ci ha dimostrato fin qui, rendendo impossibile una qualsiasi pianificazione. I dati di questa settimana (covid19-italy.it) mostrano un Rt in molte regioni superiore ad 1, cosa che associata agli altri parametri porterebbe diverse regioni in fascia arancione, con buona pace di ristoratori e baristi. Oggi siamo ancora in tempo per agire in modo incisivo e garantire, insieme ad una campagna vaccinale più seria, una primavera/estate decente dal punto di vista sanitario ed economico. Sarò ovviamente molto felice di essere smentito se, pur continuando così, ci si troverà con un sensibile miglioramento dei dati.
 

Charter2017

Utente Registrato
3 Agosto 2017
704
270
Dall' ANSA di oggi:
Covid:Ue,vaccinazione non può essere obbligo per viaggiare
Reynders, si deve poter continuare a farlo con test e quarantena

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Sul certificato di vaccinazione "vogliamo avere un approccio digitale europeo per uso medico.
Nei prossimi mesi poi vedremo se ci sarà la possibilità di usarlo per altri scopi, come i viaggi.
Ma la vaccinazione non può diventare un obbligo per viaggiare". Così il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, a margine del Consiglio affari generali Ue. "Anche chi non si è sottoposto all'immunizzazione deve poter continuare" a muoversi, "con l'uso dei test e dei periodi di quarantena". (ANSA).
 
  • Like
Reactions: delta75

Jil.10

Utente Registrato
16 Febbraio 2013
280
55
Dall' ANSA di oggi:
Covid:Ue,vaccinazione non può essere obbligo per viaggiare
Reynders, si deve poter continuare a farlo con test e quarantena

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Sul certificato di vaccinazione "vogliamo avere un approccio digitale europeo per uso medico.
Nei prossimi mesi poi vedremo se ci sarà la possibilità di usarlo per altri scopi, come i viaggi.
Ma la vaccinazione non può diventare un obbligo per viaggiare". Così il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, a margine del Consiglio affari generali Ue. "Anche chi non si è sottoposto all'immunizzazione deve poter continuare" a muoversi, "con l'uso dei test e dei periodi di quarantena". (ANSA).
Penso sia giusto, se sei vaccinato o dimostri che hai già avuto il Covid (cosa che viene sempre omessa, probabilmente hai una immunità maggior perfino del vaccino) non c'è bisogno di quarantena e tampone, il contrario invece per chi non ricade nelle 2 categorie.
 

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
34,444
199
N/D
Uk, dopo il discorso di Johnson sulle riaperture boom di prenotazioni:

Despite questions over the return of international travel, the UK's biggest holiday firm, Tui, said bookings for foreign trips jumped 500% overnight.
The owner of UK-based holiday firms Hoseasons and Cottages.com said it sold a record 10,000 breaks.

Thomas Cook said traffic to its website was up over 100% on Monday from 15:00 GMT onwards, with bookings "flooding in" for countries such as Greece, Cyprus, Mexico and the Dominican Republic.

EasyJet also reported a 337% surge in flight bookings and a 630% jump in holiday bookings for locations such as Alicante, Malaga, Palmo, Faro and Crete.

tratto da:

 
  • Like
Reactions: Giofumagalli

Jil.10

Utente Registrato
16 Febbraio 2013
280
55
Pure con le parole di Boris non prenoterei niente per agosto, la situazione è ancora incertissima, che poi al giorno d'oggi puoi benissimo prenotare una settimana prima, non c'è bisogno di tutto questo anticipo
 
  • Like
Reactions: eugeniod1995

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,787
1,148
Va anche detto che non dipende solo dal Regno Unito, cosa succede se Portogallo, Spagna e Grecia impongono la quarantena? Te ne stai in camera ta dieci giorni su 14?
Infatti... Tra l'altro dal 12 aprile dovrebbero ripartire i viaggi nazionali; peccato che le varie nazioni abbiano regole diverse, per cui in Scozia pare che sara' impossibile viaggiare fino almeno a fine mese (di aprile). Al momento, secondo me, prenotare equivale a fare un bel prestito a tasso zero per le compagnie/hotel. Vedremo al 12/04 che diranno per i viaggi.
 
  • Like
Reactions: Flyfan

Flyfan

Utente Registrato
17 Giugno 2019
588
156
LJU
Infatti... Tra l'altro dal 12 aprile dovrebbero ripartire i viaggi nazionali; peccato che le varie nazioni abbiano regole diverse, per cui in Scozia pare che sara' impossibile viaggiare fino almeno a fine mese (di aprile). Al momento, secondo me, prenotare equivale a fare un bel prestito a tasso zero per le compagnie/hotel. Vedremo al 12/04 che diranno per i viaggi.
quoto al 100% ma chi te lo fa fare di prenotare con tale anticipo in queste condizioni, sapendo che potrai farlo last minute qualora vedessi che la situazione si è effettivamente sbloccata, che il TO non è fallito nel frattempo, la compagnia aerea esiste ancora e l'hotel a destinazione ha effettivamente aperto? Parliamo di viaggi leisure sopratutto.
 

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
34,444
199
N/D
Passaporti sanitari e voli: le compagnie accelerano

È ormai partito il conto alla rovescia per vedere in campo quello che è ormai stato ribattezzato come passaporto sanitario, ovvero tutti gli strumenti che le compagnie aeree saranno in grado di mettere all’opera grazie alla tecnologia per permettere ai passeggeri di viaggiare in sicurezzae accelerare le procedure per i documenti che garantiscono la negatività al Covid

Iata Travel Pass
Saranno tra trenta e quaranta i vettori che a partire dal mese di marzo testeranno il sistema in via di ultimazione da parte della Iata, ovvero il Travel Pass, che l’associazione delle compagnie aeree aveva annunciato già a partire dallo scorso autunno e che adesso si trova nella fase di rush finale.

I primi vettori già annunciati saranno i tre big del Golfo, ovvero Qatar Airways, Emirates ed Etihad, a cui verrà affidato il ruolo di apripista, ma la Iata ha già anticipato che trattative sono in corso per estendere la platea in maniera molto ampia. Nella fase iniziale il ‘documento’ elettronico si concentrerà sui dati relativi ai tamponi effettuati prima della partenza, ma nelle intenzioni dell’associazione c’è anche quella di inserire nella documentazione anche i vaccini.

Il Gruppo Lufthansa
E sul tema del passaporto sanitario si prepara a scendere in campo ufficialmente anche il Gruppo Lufthansa, che avvierà la sperimentazione su alcune rotte selezionate prima con gli aerei tedeschi e poi con la controllata Swiss. I voli in questione saranno quelli su Istanbul da Francoforte e su New York Newark da Monaco e Francoforte, mentre il New York-Zurigo seguirà a ruota.

“I passeggeri che viaggiano su questi voli riceveranno una notifica anticipata e un collegamento a un portale in cui è possibile archiviare i relativi dati di contatto e certificati – informa il gruppo in una nota -. Al centro servizi, i documenti vengono controllati. Dopo il controllo, il cliente riceve una conferma via e-mail, se i certificati soddisfano i requisiti di ingresso o un feedback se i documenti non sono sufficienti. Indipendentemente da ciò, i certificati originali devono continuare a essere trasportati durante il viaggio”.

L’idea di Delta
Anche Delta è in piena attività per sviluppare una soluzione ‘in casa’, con le prime prove avviate lo scorso mese di gennaio in collaborazione con TrustAssure e dopo avere avviato l’esperimento pilota in collaborazione con Alitalia e Fiumicino sui voli da e per Roma. Obiettivo del progetto è dare la possibilità ai clienti di potere prenotare direttamente a casa propria un test Covid prima della partenza per poi caricare i risultati online nella fase di check in.

 

Cesare.Caldi

Utente Registrato
14 Novembre 2005
34,444
199
N/D
Brussels Airlines annuncia la progressiva riattivazione dei voli sull' Italia.
Attualmente vola solo su Malpensa e Venezia

Da Aprile: Bologna, Catania, Napoli, Roma
Da Maggio: Milano Linate e Palermo.
Da Giugno: Bari, Firenze e incremento frequenze sulle altre rotte.

 

Charter2017

Utente Registrato
3 Agosto 2017
704
270
Per questo serve una visione comune programmando il futuro post-Covid pur essendo ormai quasi certi della terza ondata.
Tralasciando chi è negazionista o chi viaggia a sfregio fregandonese delle regole e dei controlli, certo che non è possibile far viaggiare solo chi è vaccinato perchè discriminatorio nei confronti di chi non può accedere al vaccino (ai vaccini) in tempo: qui in Italia, per esempio, si rischia di avere una situazione paradossale, ovvero tra sei mesi il secondo giro di vaccini a chi è già vaccinato mentre la stragrande maggioranza di persone non avranno fatto nemmeno il primo ciclo vaccinale (l'inghilterra, dopo un primo momento di smarrimento, è stata intelligente: prime dosi al maggior numero di persone possibile perchè è stato visto che già dopo la prima dose si crea un numero sufficiente di anticorpi da dare una sorta di immunità)! Quindi serve concertare tamponi molecolari/pcr rapidi, vaccini e quarantena il più possibile realistica e breve tra Stati e compagnie aeree. Secondo me ci si arriverà piano piano e vedremo un tipo di turismo diverso, contingentato e controllato ( e io spero nella durezza nei confronti di chi non rispetta regole e controlli!). Ma sarà turismo e finalmente qualcosa si muoverà.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: Giofumagalli

Qantaslink

Utente Registrato
22 Giugno 2009
1,415
72
Straniero che non ha patria
Non sono d'accordo nemmeno loro, come si può pensare alla ripartenza? Un pensiero alle persone che hanno perso il lavoro e che lo perderanno in futuro se continua ancora questa incertezza.
 

Flyfan

Utente Registrato
17 Giugno 2019
588
156
LJU
Non sono d'accordo nemmeno loro, come si può pensare alla ripartenza? Un pensiero alle persone che hanno perso il lavoro e che lo perderanno in futuro se continua ancora questa incertezza.
Va beh ma per una volta che ci sono buone notizie teniamocele
 

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,840
391
Londra
Non sono d'accordo nemmeno loro, come si può pensare alla ripartenza? Un pensiero alle persone che hanno perso il lavoro e che lo perderanno in futuro se continua ancora questa incertezza.
Qantaslink, non siamo lugubri. In fondo il titolo e' foriero di una buona notizia. Faro' la prima dose del vaccino AstraZeneca Domani Pomeriggio, per ora il Regno Unito sta aspettando la nuova fornitura dalla Pfizer (secondo la receptionist del mio medico) e quello che e' rimasto lo tengono per gli ultraottantenni che stanno per fare il richiamo.
 

Giofumagalli

Utente Registrato
19 Febbraio 2017
375
128
Qantaslink, non siamo lugubri. In fondo il titolo e' foriero di una buona notizia. Faro' la prima dose del vaccino AstraZeneca Domani Pomeriggio, per ora il Regno Unito sta aspettando la nuova fornitura dalla Pfizer (secondo la receptionist del mio medico) e quello che e' rimasto lo tengono per gli ultraottantenni che stanno per fare il richiamo.
Anche in Italia, come in UK, vediamo la luce in fondo al tunnel. Solo che da noi sono i fari di un autoarticolato.
 
  • Like
Reactions: delta75 and njko98
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.