***MODIFICHE E RESTRIZIONI COVID19***

Denny_787

Well-known member
Utente Registrato
17 Ottobre 2013
73
16
London
Si ma poi parliamo dei tamponi, io l'ho fatto ieri mattina per partire appena ho il risultato ma se non mi arriva Domenica in teoria sono punto a capo. L'unica sono gli aeroporti ma secondo me qui abbiamo talmente scollinato che sul tavolo ora ci sono solo gli aiuti di stato per coprire le perdite del 2020 e non le riaperture almeno non prima del 1Q 2021.
 

londonfog

Moderatore
Utente Registrato
8 Luglio 2012
8,634
208
Londra
Si ma poi parliamo dei tamponi, io l'ho fatto ieri mattina per partire appena ho il risultato ma se non mi arriva Domenica in teoria sono punto a capo. L'unica sono gli aeroporti ma secondo me qui abbiamo talmente scollinato che sul tavolo ora ci sono solo gli aiuti di stato per coprire le perdite del 2020 e non le riaperture almeno non prima del 1Q 2021.
Se "qui" dici il paese dove abitiamo, mi sa che stanno ancora cercando di capire come uscire dal circolo vizioso che hanno creato. Quando troveranno la porta poi si chiederanno come gestire questa ondata del virus.
 

speedbird100

Well-known member
Utente Registrato
13 Febbraio 2020
82
8
Coronavirus, Londra impone quarantena per arrivi dall'Italia. Lockdown parziale in Polonia

ottimo, era solo la destinazione dove volavamo di piu MH ad ottobre.

comunque riguardo i tamponi, test and trace etc un paio di articoli interessanti
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,335
621
Ma LOL. Menzione d'onore anche all'app dell'NHS che, oltre a non consentire all'utente di inserire un risultato al Covid-test negativo, e' costata la bellezza di £35milioni di sterle.

Immuni credo l'abbiano fatta aggratis quelli di Bending Spoons?
 

Qantaslink

Well-known member
Utente Registrato
22 Giugno 2009
1,352
27
Straniero che non ha patria
MF MILANO FINANZA

Ryanair anticipa il lockdown di Natale

La low cost irlandese riduce dal 60% al 40% i voli invernali. Il 2 novembre la semestrale, guidance osservate speciali in attesa che i governi europei decidano le nuove misure anti-Covid. Si tratta con Boeing per il ritorno del 737 Max. Titolo in picchiata del 4,6% a 11,7 euro

di Angela Zoppo



Se anche stavolta Ryanair confermerà la sua abilità a intercettare le tendenze del mercato, allora non c’è da stare allegri. La low cost irlandese ha infatti appena annunciato la riduzione al 40% dei voli invernali rispetto allo scorso anno, in quello che ha tutta l’aria di essere un anticipo di lockdown. Da novembre a marzo 2021 resteranno chiuse le basi di Cork e Shannon in Irlanda e di Tolosa in Francia. Riduzioni significative riguarderanno le basi in Belgio, Germania, Spagna, Portogallo e Austria (Vienna). Il titolo ha reagito subito con una brusca picchiata del 4,6% a 11,7 euro.

La compagnia ha spiegato la decisione con le ulteriori strette sui viaggi che stanno arrivando da un numero crescente di Paesi per far fronte all'epidemia da coronavirus. "A causa delle maggiori restrizioni ai voli imposte dai governi dell'Ue, i viaggi aerei da e per gran parte dell'Europa centrale, Regno Unito, Irlanda, Austria, Belgio e Portogallo sono stati fortemente ridotti”. L'amministratore delegato, del gruppo, Michael O'Leary, si è dato come obiettivo quello di ridurre al minimo l'impatto in termini di posti di lavoro, e allo stesso tempo di mantenere operative almeno il 65% delle rotte.

Al momento la low cost ha individuato come sostenibile un tasso medio di riempimento degli aerei del 70%, con una stima abbassata a 38 milioni di passeggeri trasportati nel 2021. Le guidance , avverte Ryanair, potrebbe modificare le sue guidance se i governi europei decideranno nuovi lockdown. Il prossimo appuntamento col mercato è fissato al 2 novembre prossimo, per i conti della semestrale.

Solo pochi giorni fa Ryanair aveva lanciato l’ennesima campagna commerciale con un’offerta di biglietti a 12,99 euro pere tutta Europa, limitandola però ai voli di ottobre e novembre, prima cioè che intervenga il taglio del network invernale.



Nel frattempo la low cost ha dovuto fare i conti con una nuova erosione dei passeggeri: a settembre sono scesi del 64% anno su anno a 5,1 milioni.

Pensare che il mercato aveva acceso un riflettore sulla low cost per il maxi-ordine fino a 200 Boeing 737 Max, da confermare entro fine anno, ma dal ceo della compagnia, Eddie Wilson, era arrivata solo una conferma delle trattative aperte con Boeing per l’atteso ritorno in servizio dell’aeromobile, che in quel caso potrebbe rimettere in corsa l’ordine con le prime consegne all’inizio del 2021. Il costruttore americano non se la passa bene, solo per i problemi del Max ha perso finora 800 ordini. Pochi giorni fa, inoltre, ha tagliato le stime di mercato dell’11% e per i prossimi 10 anni prevede che la domanda di aerei commerciali sarà inferiore di ben 2.260 unità rispetto alle previsioni pre-Covid.

Ai problemi congiunturali dovuti alla crisi Covid si è aggiunta ieri la decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio di autorizzare l'Unione europea ad applicare dazi fino a 4 miliardi di euro sui prodotti importati dagli Usa, a titolo di comopensazione per una cifra analoga concessa a Boeing dal governo statunitense e classificata come aiuto di Stato.
 

Qantaslink

Well-known member
Utente Registrato
22 Giugno 2009
1,352
27
Straniero che non ha patria
IL MATTINO.it

Ryanair, la denuncia choc di una donna: «Mi hanno fatto indossare in volo una mascherina usata»

Una passeggera Ryanair sostiene che la compagnia aerea le avrebbe fatto indossare una mascherina usata "sporca" su un volo recente.
Bluebell Wooi, 26 anni, indossava la sua mascherina in stoffa quando è salita a bordo del volo dalla Calabria al Regno Unito. Tuttavia, l'equipaggio l'avrebbe informata che non avrebbe potuto volare a meno che non avesse indossato una maschera chirurgica. La signora Wooi afferma che le sarebbe stato detto dal personale di Ryanair di chiedere se altri passeggeri avessero una maschera usa e getta di scorta che poteva prendere in prestito. Lo riporta l'Indipendent.



Un compagno di viaggio gliene ha offerta una «ma si è scoperto che l'avevano già usato ed era sporca», sostiene la signora Wooi. Tuttavia, afferma che le sarebbe stato detto di indossarla comunque sopra la propria mascherina, nonostante abbia spiegato agli assistenti di volo che non era igienico. Lo riferisce The Sun. «Era sporca e davvero non volevo», ha detto. «Penso solo che sia completamente folle. Non ha alcun senso indossare una mascherina usata da uno sconosciuto rispetto alla mia riutilizzabile».







Secondo la signora Wooi, al contrario, tutti i membri dell'equipaggio di cabina avrebbero indossato mascherine riutilizzabili. I viaggiatori devono indossare mascherine chirurgiche dal 7 agosto. Ryanair ha una pagina sul suo sito web che delinea quali maschere sono appropriate - chirurgiche, KN95 e FFP2 - e quali non sono accettate - ventilate o in tessuto.
 

eugeniod1995

Well-known member
Utente Registrato
7 Settembre 2009
1,679
10
EDI/PSR
Qui sono gli inglesi che vivono nel loro mondo, ogni volta la stessa storia. Si ostinano a usare scaldacollo, bandane, colli delle t-shirt, sciarpe, etc, perché qui il governo glielo consente. Eppure gli studi dicono che gli scaldacollo aumentano addirittura del 110% il rischio di trasmissione.
Ma purtroppo in questo paese amano la libertà e per evitare di indossare la mascherina sull’autobus basta scaricarsi la exemption card dal sito della compagnia dei bus.
Spendere £6 per una pinta va benissimo, spenderne £12 per 50 mascherine da Amazon invece no.
Chiudo l’OT altrimenti mi esce un’arteria.
 

Qantaslink

Well-known member
Utente Registrato
22 Giugno 2009
1,352
27
Straniero che non ha patria
Qui sono gli inglesi che vivono nel loro mondo, ogni volta la stessa storia. Si ostinano a usare scaldacollo, bandane, colli delle t-shirt, sciarpe, etc, perché qui il governo glielo consente. Eppure gli studi dicono che gli scaldacollo aumentano addirittura del 110% il rischio di trasmissione.
Ma purtroppo in questo paese amano la libertà e per evitare di indossare la mascherina sull’autobus basta scaricarsi la exemption card dal sito della compagnia dei bus.
Spendere £6 per una pinta va benissimo, spenderne £12 per 50 mascherine da Amazon invece no.
Chiudo l’OT altrimenti mi esce un’arteria.
Che vuoi farci, sono esseri superiori; all'inizio della pandemia Boris disse che gli inglesi si sarebbero comportati in modo corretto, ecco i risultati come quel'intervento sopra di speedbird100.

Non hanno capito una mazza nessuno, si accusano stati con stati senza trovare una soluzione comune di questa terribile situazione ci stanno portando all'esaurimento
Io con 30 euro, ho preso 200 mascherine chirurgiche al sito ALIEXPRESS

Intanto la Cina dichiara pochi casi( forse li maschera) ma è tornata ad una quasi normalità e le persone sono più tranquille senza questi bombardamenti dalla mattina alla sera
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: eugeniod1995

delta75

Well-known member
Utente Registrato
9 Settembre 2009
87
53
Ho sentito circolare più volte questa possibilità di apertura di un ''travel corridor'' tra UK e US
Qualcuno ne sa qualcosa più in dettaglio?
Di seguito allego link...
 

speedbird100

Well-known member
Utente Registrato
13 Febbraio 2020
82
8
IL MATTINO.it

Ryanair, la denuncia choc di una donna: «Mi hanno fatto indossare in volo una mascherina usata»

Una passeggera Ryanair sostiene che la compagnia aerea le avrebbe fatto indossare una mascherina usata "sporca" su un volo recente.
Bluebell Wooi, 26 anni, indossava la sua mascherina in stoffa quando è salita a bordo del volo dalla Calabria al Regno Unito. Tuttavia, l'equipaggio l'avrebbe informata che non avrebbe potuto volare a meno che non avesse indossato una maschera chirurgica. La signora Wooi afferma che le sarebbe stato detto dal personale di Ryanair di chiedere se altri passeggeri avessero una maschera usa e getta di scorta che poteva prendere in prestito. Lo riporta l'Indipendent.



Un compagno di viaggio gliene ha offerta una «ma si è scoperto che l'avevano già usato ed era sporca», sostiene la signora Wooi. Tuttavia, afferma che le sarebbe stato detto di indossarla comunque sopra la propria mascherina, nonostante abbia spiegato agli assistenti di volo che non era igienico. Lo riferisce The Sun. «Era sporca e davvero non volevo», ha detto. «Penso solo che sia completamente folle. Non ha alcun senso indossare una mascherina usata da uno sconosciuto rispetto alla mia riutilizzabile».







Secondo la signora Wooi, al contrario, tutti i membri dell'equipaggio di cabina avrebbero indossato mascherine riutilizzabili. I viaggiatori devono indossare mascherine chirurgiche dal 7 agosto. Ryanair ha una pagina sul suo sito web che delinea quali maschere sono appropriate - chirurgiche, KN95 e FFP2 - e quali non sono accettate - ventilate o in tessuto.
La follia e' averla ammessa sull'aereo con una maschera non conforme.
Molte compagnie ti negano l'accesso all'imbarco e ti spediscono a comprarla in uno degli shop aperti nel terminal.
Senza non sali, giustamente

Qui sono gli inglesi che vivono nel loro mondo, ogni volta la stessa storia. Si ostinano a usare scaldacollo, bandane, colli delle t-shirt, sciarpe, etc, perché qui il governo glielo consente. Eppure gli studi dicono che gli scaldacollo aumentano addirittura del 110% il rischio di trasmissione.
Ma purtroppo in questo paese amano la libertà e per evitare di indossare la mascherina sull’autobus basta scaricarsi la exemption card dal sito della compagnia dei bus.
Spendere £6 per una pinta va benissimo, spenderne £12 per 50 mascherine da Amazon invece no.
Chiudo l’OT altrimenti mi esce un’arteria.
Tranquillo, tanto dura ancora poco (in tutto cio' ci siamo scordati di Brexit)

...e poi ci sono i brits, quelli furbi (a cui andrebbe applicato un travel ban valido non solo su BA, ma su tutta la IATA e non)
 
  • Like
Reactions: eugeniod1995

magick

Well-known member
Utente Registrato
5 Maggio 2016
454
31
La follia e' averla ammessa sull'aereo con una maschera non conforme.
Molte compagnie ti negano l'accesso all'imbarco e ti spediscono a comprarla in uno degli shop aperti nel terminal.
Senza non sali, giustamente


Tranquillo, tanto dura ancora poco (in tutto cio' ci siamo scordati di Brexit)

...e poi ci sono i brits, quelli furbi (a cui andrebbe applicato un travel ban valido non solo su BA, ma su tutta la IATA e non)
È consolante sapere che i geni di "no museruola" non esistono solo in Italia. Mal comune mezzo gaudio.
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,335
621
È consolante sapere che i geni di "no museruola" non esistono solo in Italia. Mal comune mezzo gaudio.
Ce ne sono a bizzeffe pure qua, a cominciare col padre di BoJo. E anche un'impressionante % etnica, stando almeno a ciò che vedo in giro.
Ho fatto un brevissimo giro su quell'account Twitter postato da Speedbird... maronn che roba.
 

I-DAVE

Moderatore
Modern aircraft ventilation systems aren't spreading viruses, DoD study suggests

(CNN) — A new study released Thursday suggests that people don't need to worry about circulating air spreading coronavirus on airplanes.
The US Department of Defense study supports earlier research showing the ventilation systems on aircraft filter the air efficiently and take out particles that could transmit viruses.
The study, which was released without peer review, did not take into account other ways that people could catch the virus on aircraft -- including from others coughing or breathing directly on them, from surfaces or from confined spaces such as restrooms.

The US Transportation Command, The Defense Advanced Research Project Agency (DARPA) and the Air Mobility Command used Boeing 777-200 and 767-300 aircraft loaded up with sensors meant to duplicate the effect of a fully loaded passenger flight.
A dummy wearing a surgical mask simulated a coughing passenger infected with a respiratory virus.
The team used fluorescent aerosol tracers to see where particles emitted from the coughing "passenger" went. They were sucked quickly into the ventilation system, the team concluded, and were unlikely to contaminate nearby surfaces or blow into the breathing zones of people seated nearby.

"Testing assumes that mask wearing is continuous, and that the number of infected personnel is low," the research team wrote. "Contamination of surfaces via non-aerosol routes (large droplets or fecal contamination) is more likely in lavatories and other common areas and is not tested here," they added.

"These alternative routes of exposure are more challenging to predict because of uncertainty in human behavior."
Other reports have found people became infected with coronavirus on flights, perhaps when they took off masks to use restrooms.
"Testing did not include substantial movement throughout the plane or in the airport, lounge or jetway, where air change rates and human interactions will vary," the researchers added.
"Similarly, the mannequin remained facing forward, uncertainty in human behavior with conversations and behavior may change the risk and directionality in the closest seats to an index patient, especially for large droplets."

A lot left to learn

Much is still unknown about Covid-19 transmission aboard planes. Two previous studies documented real-life cases of suspected transmission aboard flights. Both studies involved cases connected to long flights early in the pandemic, before airlines began requiring face masks.
Another study documenting a case of suspected coronavirus transmission aboard a flight involved a woman who wore an N95 mask throughout her flight except when she used the lavatory.

A passenger seated three rows away who developed coronavirus but who never had symptoms also used the lavatory.
The US Centers for Disease Control and Prevention notes that "most viruses and other germs do not spread easily on flights because of how air circulates and is filtered on airplanes," adding that the lack of social distancing on crowded flights that may require passengers to sit within six feet of others for long periods "may increase your risk of getting Covid-19."


DaV
 

TW 843

Senior Member
6 Novembre 2005
32,188
305
45
Ormeggiatore di aliscafi
A nessuno di voi è passato per la testa che ci sono una caterva di persone che viaggiano con “certificati” falsi?

Cioè voglio dire questo quanto ci mettete a farlo con una stampante? 30 secondi?

Chi ve lo può contestare? Assolutamente nessuno. Oggi, domani, mai.

E quindi signori miei di cosa stiamo parlando?
 

Allegati

  • Like
Reactions: Brendon

Denny_787

Well-known member
Utente Registrato
17 Ottobre 2013
73
16
London
Onestamente impostori e’ pieno il mondo ma con i tracciamenti che ci sono in giro secondo me parliamo di pochissimi, o perlomeno il rischio e’ talmente alto che se eri positivo e vuoi viaggiare a tutti i costi il tuo problema e’ un altro.
Io per arrivare oggi a Milano ho dovuto segnalarlo all’ats e mandare mail con risultato tampone, non e’ proprio che ti muovi come se nulla fosse...