Luke Air, rebrand di Blue Panorama

East End Ave

Well-known member
Utente Registrato
13 Agosto 2013
4,525
0
su e giu' sull'atlantico...
E ti sembra di aver pagato tanto? Mi sembra piuttosto economico. L'aereo ha volato VUOTO per venirvi a prendere.
Sacroasante parole cio' che l'equipaggio a ha risposto a quei passeggeri.
e niente, tutto e' sempre DOVUTO e, attenzione, al massimo al prezzo di un TSF TSR in pieno inverno e venduto 6 mesi prima, 14,99; prima pero' si sta a Cuba a pascolare, mi raccomando, spendendo pesos a profusione, tanto il costo della vita e' nullo rispetto al nostro no? Mah...
 

s4lv0z

Well-known member
Utente Registrato
11 Dicembre 2017
368
11
E ti sembra di aver pagato tanto? Mi sembra piuttosto economico. L'aereo ha volato VUOTO per venirvi a prendere.
Sacroasante parole cio' che l'equipaggio a ha risposto a quei passeggeri.
Che l'aereo "ha voluto VUOTO" all'andata era fin troppo ovvio su AV..
Che l'equipaggio ha operato il volo in cassa integrazione non è un concetto che definirei sacrosanto.
Le altre informazioni date non le trovo molto comprensibili.
In caso di aereo, non ultimo modello, pieno, che vola sotto un noleggio stipulato dal governo, aspettarsi un prezzo più basso non è un'eresia. A quanto si vende un charter per la stessa destinazione in ultrabassa stagione con la flotta a terra?

Sul pretendere che organizzino un volo a due euro in queste circostanze, senza scendere nei dettagli dei motivi per cui a metà aprile quella gente si trovava ancora lì, e magari gridare allo scandalo... non posso che darti ragione.

Ovviamente se quello che ci hanno riferito corrisponde a quanto detto dell'equipaggio...



Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk
 

Manarch

Well-known member
Utente Registrato
12 Aprile 2012
232
0
Hai letto l’articolo? C’è la lettera con la spiegazione data dalla compagnia: ha sempre operato con espressa deroga concessa dalle autorità competenti, che per questi voli non è stata concessa. Se pianifico di portare X passeggeri come ho sempre fatto e all’improvviso mi viene detto che ne posso imbarcare solo 1/3 (e vado a perdere soldi) che devo fare?
guarda che la mia NON era una domanda polemica, cercavo SOLO di capire come mai in questa occasione non è stata concessa la deroga che invece è stata data a BP in altre occasioni ed a Neos, semplice curiosità.
 

rommix

Well-known member
Utente Registrato
2 Aprile 2008
2,023
16
.
guarda che la mia NON era una domanda polemica, cercavo SOLO di capire come mai in questa occasione non è stata concessa la deroga che invece è stata data a BP in altre occasioni ed a Neos, semplice curiosità.
per completezza allo stesso modo il volo LIMA MILANO del 20 marzo era stato effettuato senza distanziamento, mentre quello di inzio aprile con distanziamento, quindi penso che il problema sia temporale....all'inizio c'era deroga, da una certa data no
 

Manarch

Well-known member
Utente Registrato
12 Aprile 2012
232
0
per completezza allo stesso modo il volo LIMA MILANO del 20 marzo era stato effettuato senza distanziamento, mentre quello di inzio aprile con distanziamento, quindi penso che il problema sia temporale....all'inizio c'era deroga, da una certa data no
Grazie!
 

Manarch

Well-known member
Utente Registrato
12 Aprile 2012
232
0
per completezza allo stesso modo il volo LIMA MILANO del 20 marzo era stato effettuato senza distanziamento, mentre quello di inzio aprile con distanziamento, quindi penso che il problema sia temporale....all'inizio c'era deroga, da una certa data no
Grazie!
 

hyppo

Well-known member
Utente Registrato
26 Gennaio 2012
185
7
Andrea Molinari al fianco di Luca Patanè
per riprogettare il business di Blue Panorama
di Remo Vangelista
A fianco del presidente per riprogettare Blue Panorama, vettori che molti ormai chiamano semplicemente Luke. Da settimane Andrea Molinari è tornato nel mondo del trasporto aereo commerciale. La parte di mercato che lo ha visto protagonista per lunghi anni sotto tante insegne, Lauda Air prima di tutto.

Secondo il suo profilo social segue la compagnia aerea come "consulent crisis” del presidente Luca Patanè per rispondere a questa fase di mercato che sta devastando il mondo delle compagnie aeree.

I primi contatti
I due si annusavano da tempo e con l’uscita da Blue Panorama- Luke di Giancarlo Zeni sono riusciti a incontrarsi.

Poche parole, un stretta di mano e via subito al lavoro. In realtà Molinari è arrivato qualche giorno prima che piombasse sulle teste di tutti il coronavirus. Stava valutando con Patanè sia il parco flotta, sia il network della compagnia. Ora, di fronte a questo stop mondiale tutto deve essere rivisto e rivalutato. Per questo Patanè si è già tutelato con l’ingresso in società dell’ingegnere. Una sfida difficile, ma Andrea Molinari è convinto di farcela.

ttgitalia.com
 

hyppo

Well-known member
Utente Registrato
26 Gennaio 2012
185
7
Social distancing sugli aerei: Patanè dice no

Social distancing? «Nessuna compagnia aerea può stare in piedi con un sistema del genere». Ne è sicuro Luca Patanè, numero uno del Gruppo Uvet a cui fa capo da fine 2017 Blue Panorama, interpellato da L’Agenzia di Viaggi Magazine per approfondire il discorso relativo alla possibilità della diminuzione dei posti a bordo dell’aereo nel post emergenza sanitaria.

«Sia chiaro, questo non è un mio punto di vista ma è la realtà dei fatti che vede d’accordo tutte le compagnie aeree – spiega Patanè – Nessun vettore può sopravvivere così, si perdono soldi». Il costo dei biglietti lo sostieni se hai un load factor dell’80-85%, «quindi il riempimento deve essere elevato – prosegue – Con un aereo riempito al 40-50% non si vola, a meno che non raddoppi i prezzi, ma è improponibile anche solo pensarlo in un momento di crisi come questo».

Luca Patanè, che lo definisce «certe volte simpatico, altre brutale», si dice assolutamente in linea («lo ammiro») con quanto espresso da Micheal O’Leary, ceo di Ryanair, secondo il quale il posto libero in aereo è «un’idea idiota», che se dovesse passare vedrà il vettore irlandese non riprendere a volare. «Iata definisce la misura non sostenibile – continua il presidente di Uvet – Chi lo paga quel posto in mezzo? I passeggeri che volano o il governo? Se paga lo Stato allora va bene, anche perché il sedile vuoto non deve essere di certo un costo degli organizzatori per fare un charter (operatori come Valtur avrebbero tra l’altro chiesto un contributo), dei vettori per la linea o delle low cost. Stiamo parlando della fantasia di un burocrate che forse ha viaggiato poco oppure pensa che certe cose costino poco».

Inoltre, Patanè, nel corso dell’ultimo webinar di Fto di cui è presidente, aveva già dichiarato come «bisogna trovare una regola a livello europeo, in vista dell’effettiva riapertura, che permetta alle compagnie di avere una visione simile, senza penalizzare qualcuno piuttosto che un altro. A questo è necessario fare attenzione».

Quanto detto da Patanè, coincide con quanto affermato – sempre durante l’appuntamento online dell’associazione del turismo organizzato diretta da Gabriele Milani – da Pier Ezhaya, direttore tour operating del Gruppo Alpitour a cui fa capo Neos: «Riempire i 2/3 dell’aereomobile ha un effetto drammatico sulla domanda. Alternativa costosa e soprattutto inutile. Sembra una misura politica che vuole dimostrare che qualcosa si faccia ma non è questa la vera tutela verso il passeggero. La sua efficacia è tutta da dimostrare e in parte concordo con Patanè: così non si potrà operare».

Infine, un accenno al decreto Aprile: «Speriamo ci sia qualcosa anche per Blue Panorama», conclude Patanè, che in questo delicato momento è affiancato dall’esperto Andrea Molinari, nominato crisis manager.

lagenziadiviaggi.it
 

ference85

Well-known member
Utente Registrato
18 Maggio 2016
309
0
Roma
Social distancing sugli aerei: Patanè dice no

Social distancing? «Nessuna compagnia aerea può stare in piedi con un sistema del genere». Ne è sicuro Luca Patanè, numero uno del Gruppo Uvet a cui fa capo da fine 2017 Blue Panorama, interpellato da L’Agenzia di Viaggi Magazine per approfondire il discorso relativo alla possibilità della diminuzione dei posti a bordo dell’aereo nel post emergenza sanitaria.

«Sia chiaro, questo non è un mio punto di vista ma è la realtà dei fatti che vede d’accordo tutte le compagnie aeree – spiega Patanè – Nessun vettore può sopravvivere così, si perdono soldi». Il costo dei biglietti lo sostieni se hai un load factor dell’80-85%, «quindi il riempimento deve essere elevato – prosegue – Con un aereo riempito al 40-50% non si vola, a meno che non raddoppi i prezzi, ma è improponibile anche solo pensarlo in un momento di crisi come questo».

Luca Patanè, che lo definisce «certe volte simpatico, altre brutale», si dice assolutamente in linea («lo ammiro») con quanto espresso da Micheal O’Leary, ceo di Ryanair, secondo il quale il posto libero in aereo è «un’idea idiota», che se dovesse passare vedrà il vettore irlandese non riprendere a volare. «Iata definisce la misura non sostenibile – continua il presidente di Uvet – Chi lo paga quel posto in mezzo? I passeggeri che volano o il governo? Se paga lo Stato allora va bene, anche perché il sedile vuoto non deve essere di certo un costo degli organizzatori per fare un charter (operatori come Valtur avrebbero tra l’altro chiesto un contributo), dei vettori per la linea o delle low cost. Stiamo parlando della fantasia di un burocrate che forse ha viaggiato poco oppure pensa che certe cose costino poco».

Inoltre, Patanè, nel corso dell’ultimo webinar di Fto di cui è presidente, aveva già dichiarato come «bisogna trovare una regola a livello europeo, in vista dell’effettiva riapertura, che permetta alle compagnie di avere una visione simile, senza penalizzare qualcuno piuttosto che un altro. A questo è necessario fare attenzione».

Quanto detto da Patanè, coincide con quanto affermato – sempre durante l’appuntamento online dell’associazione del turismo organizzato diretta da Gabriele Milani – da Pier Ezhaya, direttore tour operating del Gruppo Alpitour a cui fa capo Neos: «Riempire i 2/3 dell’aereomobile ha un effetto drammatico sulla domanda. Alternativa costosa e soprattutto inutile. Sembra una misura politica che vuole dimostrare che qualcosa si faccia ma non è questa la vera tutela verso il passeggero. La sua efficacia è tutta da dimostrare e in parte concordo con Patanè: così non si potrà operare».

Infine, un accenno al decreto Aprile: «Speriamo ci sia qualcosa anche per Blue Panorama», conclude Patanè, che in questo delicato momento è affiancato dall’esperto Andrea Molinari, nominato crisis manager.

lagenziadiviaggi.it
Lui che parla di posti vuoti pagati dal governo e si preoccupa del decreto? Mi auguro che parli di governo e decreti maltesi.

Inviato dal mio 704HW utilizzando Tapatalk
 

hyppo

Well-known member
Utente Registrato
26 Gennaio 2012
185
7
Beh, credo che aerei più vecchi dei loro 767 non ne esistano nemmeno più. Il loro ex AA (EI-GEP del 1988) è nella top 5 dei 767 pax più vecchi al mondo. 18 anni, non sono 32.
Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER
Italiavola


Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER





Ieri secondo quanto riporta Skyliner-Aviation.de e’ partito da Milano Malpensa verso Roswell via Bangor Il Boeing 767/323ER EI-GEP.

L’aereo, ha operato con Blue Panorama Airlines dal maggio 2018. Il velivolo e’ partito ieri da Milano Malpensa alle 13:47 come EI-GEP, solo le marche. L’atterraggio a Bangor alle 15:03 locali dopo 7 ore e 17 minuti.

La proprietà del velivolo sul registro irlandese e’ la Spectre Overseas Aircraft Limited di Dublino.

Back to lessor direi
 

EI-MAW

Well-known member
Utente Registrato
25 Dicembre 2007
6,146
34
Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER
Italiavola


Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER





Ieri secondo quanto riporta Skyliner-Aviation.de e’ partito da Milano Malpensa verso Roswell via Bangor Il Boeing 767/323ER EI-GEP.

L’aereo, ha operato con Blue Panorama Airlines dal maggio 2018. Il velivolo e’ partito ieri da Milano Malpensa alle 13:47 come EI-GEP, solo le marche. L’atterraggio a Bangor alle 15:03 locali dopo 7 ore e 17 minuti.

La proprietà del velivolo sul registro irlandese e’ la Spectre Overseas Aircraft Limited di Dublino.

Back to lessor direi
Back to scrapper mi sa
 

EI-MAW

Well-known member
Utente Registrato
25 Dicembre 2007
6,146
34
Lattine di birra anche per EI-CSI che dopo due mesi fermo vola a DGX.

EDIT: Boeing 737 -8AS 29924 578 EI-CSI Sapphire Leasing ferried 02may20 FCO-DGX, for part-out & scrap ex VP-BPG
 
Ultima modifica:

East End Ave

Well-known member
Utente Registrato
13 Agosto 2013
4,525
0
su e giu' sull'atlantico...
Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER
Italiavola


Blue Panorama : vola negli USA un B767/300ER





Ieri secondo quanto riporta Skyliner-Aviation.de e’ partito da Milano Malpensa verso Roswell via Bangor Il Boeing 767/323ER EI-GEP.

L’aereo, ha operato con Blue Panorama Airlines dal maggio 2018. Il velivolo e’ partito ieri da Milano Malpensa alle 13:47 come EI-GEP, solo le marche. L’atterraggio a Bangor alle 15:03 locali dopo 7 ore e 17 minuti.

La proprietà del velivolo sul registro irlandese e’ la Spectre Overseas Aircraft Limited di Dublino.

Back to lessor direi
Come mai sosta a Bangor e non diretto fino a Roswell?
 

vipero

Well-known member
Utente Registrato
8 Ottobre 2007
4,519
236
.
makes sense, thanks!

Domanda forse sciocca: nel momento in cui lo mando a Roswell per scrap, potrei ancora aver effettuato un MXP BGR con cargo revenue?
La vedo difficile fare un volo revenue e poi prosecuzione ferry.
Se poi avesse volato con la registrazione come nr di volo, vuol dire farlo come privato (e macchina probabilmente già fuori dal COA)
 

hyppo

Well-known member
Utente Registrato
26 Gennaio 2012
185
7
Blue Panorama diventerà Luke Air
Avrà base in Polonia e avrà un Coa Maltese
facebook sharing button

twitter sharing button

linkedin sharing button

whatsapp sharing button


Giorgio Brenna è stato nominato DOV (direttore operazioni di volo) di Blu Panorama e prende il posto Claudio Palma che ha lasciato l’azienda che da febbraio non vola. Brenna ha un curriculum di tutto rispetto avendo fatto partire compagnie come Lauda Air, Lufthansa Italia, Air Litoral. Crisis manager di Blu Panorama è oggi Andrea Molinari, uno dei fondatori di Lauda Air dove ha lavorato con Giorgio Brenna.
Blu Panorama, oggi di proprietà della Uvet che fa capo a Luca Patanè, entro breve tempo dovrebbe diventare “Luke Air” con base in Polonia e con Coa maltese. Con questa operazione Blu Panorama lascerebbe a casa circa 200 lavoratori che oggi ha in carico, oltre i danni per l’indotto. Andrea Molinari, che di Luke Air potrebbe diventare Amministratore Delegato, è persona di grande esperienza internazionale nel settore del trasporto aereo avendo curato per molto tempo i voli per il Centro America. I lavoratori di Blu Panorama sono molto preoccupati per il loro futuro. Pare che, nelle intenzioni dei protagonisti, questa operazione che darebbe vita a Luke Air dovrebbe decollare nei prossimi mesi.
Avionews.

Che nel caso leggesse approfitto per informare nuovamente che si scrive "BLUE" panorama
 

Mandrake

Well-known member
Utente Registrato
24 Luglio 2018
92
2
Cioè fatemi capire, hanno diritto ai fondi COVID del governo, e poi chiudono tutto per riaprire in polonia con COA maltese??