L' Enac autorizza a volare più pieni, basta il posto vuoto in mezzo

Cesare.Caldi

Well-known member
Utente Registrato
14 Novembre 2005
33,863
52
N/D
LE NUOVE REGOLE
Aerei, Enac autorizza a volare più pieni: basta il posto vuoto in mezzo
L’Enac ammorbidisce l’obbligo di rispettare un metro di distanza tra i passeggeri. La distanza si misura dal punto mediano dei sedili, non dal bordo
di Gianni Dragoni

Si riduce la distanza tra i passeggeri sugli aerei. Non è più necessario che ci sia un metro effettivo tra ogni passeggero. Basta lasciare libero il sedile in mezzo a ogni fila da tre e tenere sempre dritto lo schienale. Lo ha deciso l’Enac, l’Ente per l’aviazione civile, che ha interpretato le norme sul «distanziamento sociale» nel trasporto aereo. Questo consentirà di avere aerei più pieni ad Alitalia e alle altre compagnie che volano in Italia, fino al 66% dei posti potranno essere occupati.

Prima c’era l’obbligo di un metro di distanza
In precedenza L’Enac aveva detto alle compagnie che bisognava far stare i passeggeri a un metro di distanza. Alitalia aveva dato un’applicazione ferrea della regola del metro, misurando la distanza fra i sedili, come riferito dal Sole 24 Ore.com il 21 maggio. In quel modo la compagnia guidata dal commissario Giuseppe Leogrande aveva reso disponibili al massimo metà dei posti sui grandi aerei (Airbus 330 con 256 o 262 posti) o sui piccoli Embraer regionali da 88-100 posti, mentre il minimo era il 33% negli aerei con sedili più vicini, gli Airbus 320 «densificati» nella gestione Etihad con 180 posti: su questi aerei prima la compagnia rendeva disponibili solo 60 posti, adesso ne può vendere 120. Alitalia lasciava libero anche il posto dietro ogni passeggero.

Il Dpcm del 17 maggio
L’obbligo di distanza di un metro tra i passeggeri c’è solo in Italia, in base al Dpcm del premier Giuseppe Conte del 17 maggio, valido fino al 14 giugno. L’Enac aveva perfino emesso un «notam» per ricordare a tutte le compagnie l’obbligo del metro di distanza a bordo. Molte compagnie straniere hanno protestato o smesso di volare, ritenendo la misura eccessiva e antieconomica. Ma nelle scorse settimane i passeggeri erano pochi, gli aerei semivuoti e quindi l’obbligo non pesava tanto.

Assaeroporti: persi 45 milioni di passeggeri
Adesso si allentano i vincoli sanitari per il coronavirus e si torna a volare. L’autorità europea per la sicurezza dell’aviazione, Easa, ha emesso «linee guida» con disposizioni più flessibili rispetto all’obbligo del metro di distanza. Le compagnie e gli aeroporti (che hanno perso milioni di passeggeri e di ricavi, 45 milioni di passeggeri in meno negli scali italiani da marzo a maggio, dice Assaeroporti) sono tornati alla carica con le proteste. La Iata, l’associazione mondiale delle compagnie, ha detto che è sufficiente avere la mascherina, non vuole neppure il posto vuoto in mezzo a tre sedili.

La lettera del dg Enac ha ammorbidito i vincoli
Chissà se è stato per le proteste, sta di fatto che con una lettera del 26 maggio del direttore generale, Alessio Quaranta, l’Enac ha ammorbidito le prescrizioni precedenti e ha stabilito che si può volare in sicurezza sanitaria se si rispettano due regole, mantenendo l’obbligo di indossare la mascherina. La prima regola è che lo schienale dei sedili deve rimanere in posizione verticale per tutto il volo; la seconda è che la distanza tra sedili vicini non viene misurata dal bordo, ma «tra i punti mediani di due sedili adiacenti».

Sedile sempre in posizione verticale
La lettera del d.g. Enac è stata mandata «a tutti gli operatori di trasporto pubblico» e ai ministeri dei Trasporti e della Salute. La lettera cita la disposizione dell’Allegato 15 al Dpcm del 17 maggio, che dice: «Sui mezzi di trasporto è opportuno al fine di perseguire una migliore e funzionale capienza dei mezzi di trasporto pubblico e ottimizzare gli spazi, fermo restando l’obbligo di indossare una mscherina di protezione, procedere anche alla utilizzazione in verticale delle sedute. Tale modalità, ove realizzabile, consentirà, escludendo un posizionamento c.d. faccia a faccia di ridurre la distanza interpersonale di un metro con un maggiore indice di riempimento dei mezzi».

Il metro si misura da metà sedile, non dal bordo
La lettera del d.g. Enac, Quaranta, afferma: «Si ritiene pertanto che configurazioni di cabina che prevedano il posizionamento dei sedili nel verso della direzione di volo dell’aeromobile e il cui schienale sia mantenuto in posizione verticale soddisfino la prescrizione di cui sopra. Allo scopo di soddisfare l’obbligo del distanziamento sociale si ritiene inoltre che la misura della distanza debba essere misurata tra i punti mediani di due sedili adiacenti; ciò implicherebbe, a titolo di esempio, sugli aeromobili che prevedono per ogni fila un doppio sedile da tre posti la potenziale occupazione dei posti lato corridoio e lato finestrino da parte dei passeggeri».

Ma i sedili sono larghi da 50 a 80 centimetri
La lettera dell’Enac è stata inviata a tutte le compagnie ed è già applicata anche da Alitalia, che può così riempire di più gli aerei fino al massimo al 66% dei posti. In realtà i sedili in economica, per esempio di un Airbus 320 o Boeing 737, gli aerei di solito usati nei voli nazionali o in Europa con un corridoio e due file da tre posti da ogni lato, sono larghi al massimo 80-83 centimetri. Addirittura la Iata all’inizio di maggio ha fatto notare che «la larghezza media di un sedile è inferiore a 50 centimetri» riferendosi a tutte le compagnie e a tutti i tipi di aereo. Quindi tra il sedile di finestrino e quello di corridoio la distanza è inferiore a un metro. Anche tra un sedile e quello dietro la distanza è inferiore a un metro.

L’espediente
Ma con l’espediente di misurare la distanza dalla linea mediana del sedile del finestrino alla linea mediana del sedile del corridoio - secondo l’Enac - si rispetta la distanza di un metro tra i passeggeri. I passeggeri però sono seduti su tutto il sedile, non su mezzo sedile come se fosse uno strapuntino.

I passeggeri “tagliati” a metà
Con questa nuova regola i passeggeri sono virtualmente “tagliati” a metà: non ci sarà un metro di distanza tra ogni passeggero, ma solo tra la metà del passeggero che dà sul finestrino e la metà del passeggero che dà sul corridoio.

 

Cesare.Caldi

Well-known member
Utente Registrato
14 Novembre 2005
33,863
52
N/D
E' un piccolo passo avanti ma non basta, questa limitazione dei posti a bordo è presente solo in Italia, nel resto d'Europa secondo le linee guida EASA basta la mascherina indossata, è indispensabile che alla scadenza del DPCM il 14 giugno non venga piu' riproposto
 
  • Like
Reactions: Enrg99 and fly.cxu

Flyfan

Well-known member
Utente Registrato
17 Giugno 2019
324
24
LJU
E' un piccolo passo avanti ma non basta, questa limitazione dei posti a bordo è presente solo in Italia, nel resto d'Europa secondo le linee guida EASA basta la mascherina indossata, è indispensabile che alla scadenza del DPCM il 14 giugno non venga piu' riproposto
Sono gli stessi che hanno fatto la lista delle zone a rischio, probabilmente due mesi fa, senza rivederla più?
Giusto per sapere...
 

flori2

Well-known member
Utente Registrato
11 Luglio 2009
647
4
padova
Signori se va bene sedersi attaccato al vicino sconosciuto per ore allora tolgano tutte le restrizioni di distanza minima altrove. Gli altri esercizi sono più cretini? Penso alle spiagge. Il confronto non regge. All'aperto devi stare lontano 1m, ma in aereo non importa, basta che fai finta di portare la mascherina quando passano per controllare...
 

kenadams

Moderatore
13 Agosto 2007
9,471
13
Signori se va bene sedersi attaccato al vicino sconosciuto per ore allora tolgano tutte le restrizioni di distanza minima altrove. Gli altri esercizi sono più cretini? Penso alle spiagge. Il confronto non regge. All'aperto devi stare lontano 1m, ma in aereo non importa, basta che fai finta di portare la mascherina quando passano per controllare...
Ma perché?

A me pare evidente che il rischio sia sempre una questione relativa al beneficio che può comportare: stare seduti vicini vicini in attesa della shampista è un rischio inutile (per parlare male degli altri a loro insaputa hanno inventato apposta Whatsapp); così come è logico non riaprire stadi e teatri, chiedendo alla gente di intrattenersi per via telematica.

Il tutto o niente non serve a nessuno. Quel che serve alla collettività è limitare i contagi il più possibile, ove possibile -- non l'intransigenza alla io boia (in Toscana si dice così).
 

rr41

Well-known member
Utente Registrato
6 Febbraio 2012
279
2
Ma perché?

A me pare evidente che il rischio sia sempre una questione relativa al beneficio che può comportare: stare seduti vicini vicini in attesa della shampista è un rischio inutile (per parlare male degli altri a loro insaputa hanno inventato apposta Whatsapp); così come è logico non riaprire stadi e teatri, chiedendo alla gente di intrattenersi per via telematica.

Il tutto o niente non serve a nessuno. Quel che serve alla collettività è limitare i contagi il più possibile, ove possibile -- non l'intransigenza alla io boia (in Toscana si dice così).
il vantaggio sarebbe?
Di portare legioni di turisti low cost a spasso?
Perchè per chi viaggia per lavoro i posti sicuramente basterebbero anche col distanziamento.
 
  • Like
Reactions: Giofumagalli

s4lv0z

Well-known member
Utente Registrato
11 Dicembre 2017
323
6
Signori se va bene sedersi attaccato al vicino sconosciuto per ore allora tolgano tutte le restrizioni di distanza minima altrove. Gli altri esercizi sono più cretini? Penso alle spiagge. Il confronto non regge. All'aperto devi stare lontano 1m, ma in aereo non importa, basta che fai finta di portare la mascherina quando passano per controllare...
Se si fa finta di mettere la mascherina il discorso è diverso. Occorre lamentarsi di chi non rispetta le regole e non della norma.

A meno che non si intenda spostarsi più in aereo (cosa possibile per chiunque lo ritenga opportuno) occorre trovare un compromesso.

Non si può riservare un m2 a testa... per cui ammettiamo a bordo solo passeggeri ragionevolmente non infetti (test temperatura e magari altri metodi/certificazioni) e teniamo tutte le precauzioni "realisticamente" possibili.

Al limite diamo la possibilità di comprare senza oneri aeroportuali il posto accanto a chi lo desidera... tanto se va bloccato... va cmq pagato in qualche modo. In pratica una rivalsa della J corto raggio europea sulla first Us stile.

Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk
 

flori2

Well-known member
Utente Registrato
11 Luglio 2009
647
4
padova
Se si fa finta di mettere la mascherina il discorso è diverso. Occorre lamentarsi di chi non rispetta le regole e non della norma.

A meno che non si intenda spostarsi più in aereo (cosa possibile per chiunque lo ritenga opportuno) occorre trovare un compromesso.

Non si può riservare un m2 a testa... per cui ammettiamo a bordo solo passeggeri ragionevolmente non infetti (test temperatura e magari altri metodi/certificazioni) e teniamo tutte le precauzioni "realisticamente" possibili.

Al limite diamo la possibilità di comprare senza oneri aeroportuali il posto accanto a chi lo desidera... tanto se va bloccato... va cmq pagato in qualche modo. In pratica una rivalsa della J corto raggio europea sulla first Us stile.

Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk
Io sinceramente non vedo coerenza.
 

Giofumagalli

Well-known member
Utente Registrato
19 Febbraio 2017
223
1
il vantaggio sarebbe?
Di portare legioni di turisti low cost a spasso?
Perchè per chi viaggia per lavoro i posti sicuramente basterebbero anche col distanziamento.
Condivido. Più che un discorso di rischi/benefici è una questione di sostenibilità economica che, oggettivamente, è molto difficile considerando l'evoluzione del mercato del trasporto aereo degli ultimi 20 anni. Se però parliamo di sostenibilità economica dobbiamo parlare di tutti i settori, in particolare a quella dell'hospitality tra alberghi, bar e ristoranti che comunque sono sempre soggetti al distanziamento sociale limitando quindi notevolmente il loro giro d'affari.
 

flori2

Well-known member
Utente Registrato
11 Luglio 2009
647
4
padova
Ma perché?

A me pare evidente che il rischio sia sempre una questione relativa al beneficio che può comportare: stare seduti vicini vicini in attesa della shampista è un rischio inutile (per parlare male degli altri a loro insaputa hanno inventato apposta Whatsapp); così come è logico non riaprire stadi e teatri, chiedendo alla gente di intrattenersi per via telematica.

Il tutto o niente non serve a nessuno. Quel che serve alla collettività è limitare i contagi il più possibile, ove possibile -- non l'intransigenza alla io boia (in Toscana si dice così).
In questa situazione la vedo così: il pericolo o c'è o non c'è. Fosse l'esposizione al volo per un tempo breve... Invece no, ore.
 

Brendon

Well-known member
Utente Registrato
14 Agosto 2016
208
2
TRS/WAS/MEM
Magari la mente mi inganna, ma dove vivo non vedo grosse differenze di distanziamento per quanto riguarda i tavoli dei bar / ristoranti (diciamo forse avranno perso un 10/15% dei tavoli) e degli ombrelloni in spiaggia (idem, ad occhio forse un 10% in meno). Bloccare un sedile centrale lo vedo con un impatto economico molto più elevato (senza considerare che magari in un bar o ristorante qualcuno aspetta che si liberi un tavolo, lo facevano già prima... un volo una volta che è partito, ciao ciao).
 

Cesare.Caldi

Well-known member
Utente Registrato
14 Novembre 2005
33,863
52
N/D
Intervista al CEO di Easyjet in cui dichiara che la compagnia dovrebbe riprendere i voli italiani dal 15 giugno ma se verrà mantenuto il distanziamento sociale a bordo i voli non ripartiranno. Stessa cosa che aveva dichiarato Ryanair.

 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: 777Aeromexico

Cesare.Caldi

Well-known member
Utente Registrato
14 Novembre 2005
33,863
52
N/D
Le linee guida dell' ICAO invitano i pax ad imbarcarsi senza bagaglio a mano che avrebbe messo in stiva, mi sembra una regola con poco senso inoltre se applicata vorrebbe dire pagare obbligatoriamente il supplemento per quelle compagnie che fanno pagare il trolley a bordo, inoltre la ragione della norma sarebbe vanificata del tutto dagli assembramenti di tutti i pax ai nastri di ritiro bagagli all' aeroporto di arrivo.

 

s4lv0z

Well-known member
Utente Registrato
11 Dicembre 2017
323
6
Io sinceramente non vedo coerenza.
I passeggeri ammessi a bordo dovrebbero fornire più garanzie rispetto a quelle degli avventori del bar sotto casa. Di conseguenza è possibile pensare a regole diverse, fermorestando che al momento quali siano i distanziamenti giusti (con le varie opzioni più o meno filtranti) non lo sa nessuno. Non essendoci certezze occorre giocare sugli equilibri.

Io non vedo coerenza a utilizzare le stesse regole al bar sottocasa e ad un 787.

Le regole vanno costruite sui grandi numeri non sui casi singoli... un basso fattore di contagio può essere preferibile al blocco totale degli spostamenti. Nessuna soluzione è a rischio zero.

Comunque... sono il primo ad evitare non solo i voli per vacanza ma anche tutti quelli per lavoro non essenziali, oltre ai caffè al bar.

Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk
 

Superricky

New member
Utente Registrato
5 Marzo 2020
2
0
Aggiungo che al bar non hai riciclo e filtraggio dell'aria come sull'aereo, anche questo potrebbe essere un fattore da considerarsi
 

flori2

Well-known member
Utente Registrato
11 Luglio 2009
647
4
padova
Signori, hanno voglia a filtrare l'aria se c'è il flusso che trasporta particelle sospese. Ora che viene aspirato e ripulito intanto si è espanso. Ditemi dove sbaglio, per favore.
 

s4lv0z

Well-known member
Utente Registrato
11 Dicembre 2017
323
6
Signori, hanno voglia a filtrare l'aria se c'è il flusso che trasporta particelle sospese. Ora che viene aspirato e ripulito intanto si è espanso. Ditemi dove sbaglio, per favore.
Personalmente non mi sento qualificato a parlare di bocchette poste sopra i passeggeri, flussi, filtri e efficienza delle mascherine...

Per me il complesso dei fattori rende il rischio accetabile pur di non bloccare del tutto gli spostamenti... ho capito che tu fai valutazioni diverse e non ne sono disturbato.



Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk