Ita Airways : a Lufthansa il 40% della compagnia italiana


Stefanopv

Utente Registrato
12 Marzo 2010
1,920
168
Roma-Pavia
Definire la Germania un "competitor country" mi sembra piuttosto azzardato.

Ma non solo la Germania, credo che sia quantomeno inesistente nella realtà il concetto di paese concorrente.
 

B77W

Utente Registrato
28 Novembre 2011
643
339
Comunque ragazzi, ad alcuni di voi non va proprio giù nulla, neanche questo accordo.
Italian style, lamentarsi sempre e comunque, ad nauseam.
No, a me personalmente non va giù se devo rileggere che la sfida sarà a Ryanair (seppur stavolta tramite le Frecce)e Linate dovrebbe fare da polo turistico per il Nord Italia. Credo che da un colosso come Lufthansa potessimo aspettarci un piano leggermente meno evocativo del "glorioso" passato di Alitalia, con particolare riferimento al fu accordo con Etihad che, del tutto casualmente, partì con le stesse, identiche premesse: nuova livrea, nuove divise, premier che festeggia la rinascita e poi il 345 parcheggiato in area tecnica a prendere il sole, a corollario dei consueti miliardi gettati al vento.
 

Seaking

Moderatore
Utente Registrato
1 Febbraio 2012
12,127
2,009
No, a me personalmente non va giù se devo rileggere che la sfida sarà a Ryanair (seppur stavolta tramite le Frecce)e Linate dovrebbe fare da polo turistico per il Nord Italia. Credo che da un colosso come Lufthansa potessimo aspettarci un piano leggermente meno evocativo del "glorioso" passato di Alitalia, con particolare riferimento al fu accordo con Etihad che, del tutto casualmente, partì con le stesse, identiche premesse: nuova livrea, nuove divise, premier che festeggia la rinascita e poi il 345 parcheggiato in area tecnica a prendere il sole, a corollario dei consueti miliardi gettati al vento.
Il 345 però è una questione che non ha mai riguardato la vecchia Alitalia.
 

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,238
1,041
No, a me personalmente non va giù se devo rileggere che la sfida sarà a Ryanair (seppur stavolta tramite le Frecce)e Linate dovrebbe fare da polo turistico per il Nord Italia. Credo che da un colosso come Lufthansa potessimo aspettarci un piano leggermente meno evocativo del "glorioso" passato di Alitalia, con particolare riferimento al fu accordo con Etihad che, del tutto casualmente, partì con le stesse, identiche premesse: nuova livrea, nuove divise, premier che festeggia la rinascita e poi il 345 parcheggiato in area tecnica a prendere il sole, a corollario dei consueti miliardi gettati al vento.
I feed domestici li devi fare, inevitabilmente ti trovi in concorrenza con FR ma non puoi mollare gratis tutto quello che non origina da FCO.
Anche sul fatto che MIL sia il più importante bacino in termini di traffico, con un'area metropolitana paragonabile alle altre grandi città europee (secondo la classificazione OCSE sono oltre 7 milioni di abitanti) direi che c'è poco di discutere.
Posso capire la polemica sul come servire al meglio questi mercati, ma non certo sul fatto che siano mercati fondamentali per qualunque compagnia europea.
Nel libro dei sogni, ovviamente, ci sarebbero la chiusura di LIN e il trasferimento dell'hub da FCO a MXP, ma dato che questo non è possibile inevitabilmente il piano industriale vede anche questi due aspetti.
 

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
7,451
2,501
su e giu' sull'atlantico...
Il 345 però è una questione che non ha mai riguardato la vecchia Alitalia.
beh, come no; Alitalia e' stata proprio la tramite per l' "affare".

i quattrini per il pagamento dello stratosferico contratto di leasing (168 milioni di euro per 8 anni di esercizio) rientrerebbero in una specie di scambio di favori tra Alitalia – che a quel tempo era privata – e una delle parti firmatarie del contratto, Etihad, la compagnia dell’Emiro di Abu Dhabi diventata socia della stessa Alitalia grazie soprattutto all’intervento di Renzi. Poco tempo prima della stipula dell’accordo per l’Air Force, la compagnia di Fiumicino aveva emesso un’obbligazione per un importo quasi identico a quello del leasing, circa 200 milioni di dollari, interamente sottoscritti da Etihad. L’affare dell’aereo sarebbe stato un modo “creativo” per consentire ad Alitalia di restituire agli arabi il sostegno ricevuto facendolo pagare dai contribuenti italiani. Tanto questi ultimi non si sarebbero accorti del giochetto essendo il contratto dell’Air Force inspiegabilmente classificato come segreto di Stato. (Il Fatto Quotidiano)
 

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,238
1,041
beh, come no; Alitalia e' stata proprio la tramite per l' "affare".

i quattrini per il pagamento dello stratosferico contratto di leasing (168 milioni di euro per 8 anni di esercizio) rientrerebbero in una specie di scambio di favori tra Alitalia – che a quel tempo era privata – e una delle parti firmatarie del contratto, Etihad, la compagnia dell’Emiro di Abu Dhabi diventata socia della stessa Alitalia grazie soprattutto all’intervento di Renzi. Poco tempo prima della stipula dell’accordo per l’Air Force, la compagnia di Fiumicino aveva emesso un’obbligazione per un importo quasi identico a quello del leasing, circa 200 milioni di dollari, interamente sottoscritti da Etihad. L’affare dell’aereo sarebbe stato un modo “creativo” per consentire ad Alitalia di restituire agli arabi il sostegno ricevuto facendolo pagare dai contribuenti italiani. Tanto questi ultimi non si sarebbero accorti del giochetto essendo il contratto dell’Air Force inspiegabilmente classificato come segreto di Stato. (Il Fatto Quotidiano)
Ah beh, se lo dice il Fatto Quotidiano
 
  • Like
Reactions: Enrg99

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
7,451
2,501
su e giu' sull'atlantico...
Ah beh, se lo dice il Fatto Quotidiano




Oh, se poi a te la cosa ti e' sembrata lineare, corretta e consona, per carita', siamo qui per esprimere ognuno il proprio pensiero, per carita'!
 
  • Like
Reactions: belumosi

belumosi

Socio AIAC
Utente Registrato
10 Dicembre 2007
14,799
2,867
Soprattutto da parte della stampa italiana. Non a caso la Corte dei Conti, eventualmente delegata ad individuare danni erariali, nulla ebbe da segnalare.
Di questo dovresti chiedere conto a loro.
Ma pagare 168M€ per un leasing di 8 anni, un aereo che aveva un valore di mercato intorno ai 30-40 M€, è un'operazione che si giudica da se.
 
  • Like
Reactions: East End Ave

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,238
1,041




Oh, se poi a te la cosa ti e' sembrata lineare, corretta e consona, per carita', siamo qui per esprimere ognuno il proprio pensiero, per carita'!
Più di quello che penso io conta quello che pensa la Corte dei Conti.
Evito, per decenza ma anche perché sarebbe fuori luogo, ogni commento politico sulla vicenda; spero però che tutti ricordino le sceneggiate successive all'insediamento del Governo Conte I, di cui gli articoli di giornale sono solo la cassa di risonanza.
 
  • Like
Reactions: BrunoFLR

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,238
1,041
Di questo dovresti chiedere conto a loro.
Ma pagare 168M€ per un leasing di 8 anni, un aereo che aveva un valore di mercato intorno ai 30-40 M€, è un'operazione che si giudica da se.
Immagino tu abbia letto tutto il contratto (a differenza della Corte dei Conti) e sappia esattamente quanto valeva lo stesso e cosa era compreso nelle rate.
 

micheleforchini

Utente Registrato
9 Gennaio 2010
286
285
BGY
1) OTTIMO. Fino alla firma non ci credevo, ora speriamo fili tutto liscio lato Ue e vari organi che devono dare il via libera.

2) Io credo che LH oggi cucini un po' di aria fritta alla romana, poi se passerà davvero al 90% dal 2025 vedremo altro

3) il marchio ALITALIA potrebbe anche non tornare mai più e per me è un tema da punto 2

4) Linate è ovvio che sarà il loro aspirapolvere per eccellenza (in tedesco dovrebbe essere: "Staubsauger schlechthin") e faranno benissimo fintanto che terranno Linate aperto.

5) sempre in ottica milanese, non mi dispiacerebbe però vedere qualche volo da BGY verso gli Hub di FCO o FRA o MUC per fare sempre lo stesso lavoro di Linate.

6) sono curioso di vedere se in una fase 2 Lufthansa sceglierà di adeguare il prodotto (gli interni) al suo e a quello di Swiss.
 

imac72

Utente Registrato
28 Aprile 2021
400
542
Un paio di commenti sparsi sull'accordo LH/AZ:

  • Da sempre su questo forum ho affermato che AZ/ITA stand alone non poteva andare da nessuna parte come si è puntualmente verificato con le ingenti perdite che ITA ha prodotto - anche nel Q1 al netto delle veline giornalistiche - quindi sono assolutamente contento. Da appassionato e studioso del settore, questo accordo era l'unico possibile prima di portare nuovamente i libri in tribunale nel 2024-2025.
  • Molto positivo l'accordo anche per quel processo di consolidation in Europa.
  • Carsten Spohr non poteva altro che fare quelle dichiarazioni in questa fase.
  • Normale che dica che ITA ha i costi a posto se viene paragonata alle inefficienze delle compagnie del gruppo LH (Eurowings inclusa - si salva solo Swiss) ma il RASK in DACH gli permette di fare utili anche con CASK alto mentre in Italia è tutto diverso. Siccome ho i miei dubbi sul controllo di gestione fatto in AZ/ITA spero che LH non si ritrovi qualche brutta sorpresa.
  • E' vero che è più facile fare sinergie nei ricavi che nei costi ma ho la sensazione che LH sia troppo ottimista nell'aumento del RASK di ITA, secondo me la chiave sarà ancora nel CASK in quanto l'Italia è un mercato incoming low unit revenue quindi difficile aumentare il RASK nonostante siamo in un momento positivo per le airlines da quel punto di vista ma nei prossimi anni la "capacity discipline" imposta da diversi motivi sparirà e si tornerà alla overcapacity quindi di nuovo RASK stabile o in calo.
  • OK arrivano CEO e CCO da LH ma il resto del top e middle management ? sempre AZ/ITA ? Spero di no...secondo me si deve fare una bel cambiamento anche se qualche italiano in posizioni chiave dovrebbe essere messo - ovviamente qualcuno che al momento non è già all'interno di ITA.
  • Mi piacerebbe che LH implementasse per ITA un mixed business model tipo IB/VY ed anche perché no AF/TO e KL/HV.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: East End Ave

B77W

Utente Registrato
28 Novembre 2011
643
339
I feed domestici li devi fare, inevitabilmente ti trovi in concorrenza con FR ma non puoi mollare gratis tutto quello che non origina da FCO.
Anche sul fatto che MIL sia il più importante bacino in termini di traffico, con un'area metropolitana paragonabile alle altre grandi città europee (secondo la classificazione OCSE sono oltre 7 milioni di abitanti) direi che c'è poco di discutere.
Posso capire la polemica sul come servire al meglio questi mercati, ma non certo sul fatto che siano mercati fondamentali per qualunque compagnia europea.
Servire il domestico in ottica di alimentare FCO è un conto e ha perfettamente senso, sparare ancora a zero su Ryanair e il farle concorrenza a me sembra completamente diverso come concetto.
Su Linate si è detto già tutto, ma la storia dei turisti europei onestamente mi mancava: a meno non sia una velina per "nascondere" le reali e ben note intenzioni di LH di continuare a drenare traffico dal Nord Italia verso Francoforte e Monaco.