Inconvenienti e disagi vari dell'estate 2024


vipero

Utente Registrato
8 Ottobre 2007
5,951
1,837
.
01/07/2024 19:05
Airports

LPPT (Lisbon)
Arrivals regulated due to ATC Capacity.
Moderate to High delays

Airspace

EDUU (Karlsruhe)
Several sectors regulated due to ATC Capacity and Weather (CB).
Moderate to high delays.

LDZO (Zagreb)
Several sectors regulated due to ATC Capacity and Weather (CB).
High delays.

LECP (Palma)
GODOX+OXX combined sectors regulated due to ATC Capacity.
Moderate delays.

LFEE (Reims)
Several sectors regulated due to Staffing.
Moderate to high delays.

LHCC (Budapest)
5EH sector regulated due to Ukrainian crisis, ATC Staffing and ATC Capacity.
Moderate to high delays.

LIRR (Roma)
Roma ND+CN regulated due to ATC Equipment (CPDLC OFF)
High delays.



NMOC Brussels
 

flyingclam

Utente Registrato
21 Luglio 2019
245
145
Ho avuto un ritardo di piu di 8 ore con Austrian recentemente. Ho cercato sul loro sito ma non trovo il form per richiedere la compensazione. Vedo solo un link qui https://www.austrian.com/us/en/passenger-rights dove rimandano all'autority, dove pero scrivono in prima istanza di rivolgersi alla compagnia. Qualcuno ha avuto esperienze con loro? Suggerimenti?
Se possibile in prima istanza eviterei i vari servizi online di AirHelp e compagnia bella.
 

B77W

Utente Registrato
28 Novembre 2011
648
339
C'è poco da prendersela con Eurocontrol, piuttosto con Zeus...
Il meteo è stato inclemente in particolare sull’Est Europa recentemente, ma molti slot spuntavano come funghi per problematiche varie dei vari enti pure dove c’era tempesta di sereno. La verità è un po’ (tanto) nel mezzo, secondo me.
 

lin_ra

Utente Registrato
13 Febbraio 2016
421
261
EU
Ho avuto un ritardo di piu di 8 ore con Austrian recentemente. Ho cercato sul loro sito ma non trovo il form per richiedere la compensazione. Vedo solo un link qui https://www.austrian.com/us/en/passenger-rights dove rimandano all'autority, dove pero scrivono in prima istanza di rivolgersi alla compagnia. Qualcuno ha avuto esperienze con loro? Suggerimenti?
Se possibile in prima istanza eviterei i vari servizi online di AirHelp e compagnia bella.
Ritardo per che motivo ?
 

tiefpeck

Utente Registrato
27 Agosto 2011
2,463
600
Back to Fischamend
Ho avuto un ritardo di piu di 8 ore con Austrian recentemente. Ho cercato sul loro sito ma non trovo il form per richiedere la compensazione. Vedo solo un link qui https://www.austrian.com/us/en/passenger-rights dove rimandano all'autority, dove pero scrivono in prima istanza di rivolgersi alla compagnia. Qualcuno ha avuto esperienze con loro? Suggerimenti?
Se possibile in prima istanza eviterei i vari servizi online di AirHelp e compagnia bella.

Tu manda tutto, e se in prima battuta ti dicono che non hai diritto al rimborso rispondi con le tue ragioni via email. Poi diventano di solito ragionevoli. Il rimborso è bonificato in pochi giorni.

Mi hanno detto che il nuovo 787 ha problemi tecnici, spero non sia per questo.
 

flyingclam

Utente Registrato
21 Luglio 2019
245
145
Ritardo per che motivo ?
Il volo era al mattino presto, ma l'aereo la sera prima a causa di ritardi dovuti, credo, a slot per motivi meteo, non è riuscito ad atterrare prima della chiusura dell'aeroporto, e hanno dovuto posizionare l'aereo il mattino successivo, facendo saltare le connessioni successive.
Non sono sicuro la compensazione sia dovuta, un tentativo lo faccio.
 

lin_ra

Utente Registrato
13 Febbraio 2016
421
261
EU
Il volo era al mattino presto, ma l'aereo la sera prima a causa di ritardi dovuti, credo, a slot per motivi meteo, non è riuscito ad atterrare prima della chiusura dell'aeroporto, e hanno dovuto posizionare l'aereo il mattino successivo, facendo saltare le connessioni successive.
Non sono sicuro la compensazione sia dovuta, un tentativo lo faccio.
Se il ritardo è dovuto al meteo, purtroppo no.
Se invece la rotazione ha subito ritardo per lack of crew o cause direttamente imputabili allora si.

Mi pare ci fosse un sito dove potevi vedere il motivo del ritardo... ma è a pagamento
 

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
7,892
2,930
su e giu' sull'atlantico...
Un grido di lamentoh si è levato tra i forumusti che hanno partecipato alla cena a Londra: “devono fallireeeh!”. Aspettiamo qui cosa avranno da dire.
Ciao a tutti ed e' stato bello essere in cotanta splendida e competente compagnia!
Assia meno bello, invece, il succo delle varie nostre esperienze, dove l'intero sistema pare abbia mostrato una corda assai prossima al rompersi.
Non voglio fare il qualunquista alla Lenny, ma obiettivamente tutto quanto abbiamo visto e condiviso non puo' che certificare quanto sopra, ovvero che volare e' diventato davvero complicato in queste condizioni di isteria dove al passaggio sulla pista anche solo di una formica (o il famoso battito d'ali) porti ad un effetto domino colmo di caos, inconsistenza, ritardi e cancellazioni.
Ora, una cosa e' per me volare su e giu' sull'Atlantico e negli USA, dove abbiamo travel waivers per "heavy disruptions due to weather conditions" dati da uragani e tornado, altra e' avere un temporale o anche due da qualche parte in EU che mandano letteralmente in tilt il sistema.
Per non dire del resto, che ora cerco di sintetizzare; partiamo dal punto che eravamo una dozzina di cui 10/12esimi sono volati a LON per l'occasione e hanno tutti avuto problemi, in andata o al ritorno, o entrambi.
- a FRA in andata manca il pushback...perdiamo lo slot...dopo 20' tuttavia ci sbloccano; ma solo per parcheggiarci sul tarmac dove stiamo fermi 90' a motori accesi (la sustainability...mavaffaxxxxxxx!)
- finalmente decolliamo e partito da FCO alle 7 (da casa alle 445) sono a LHR 7 (sette) ore dopo
- nel mentre arriva un messaggio da altro forumista che FR ritarda il suo volo per LON di...6 (sei) ore. Non lo vedremo mai arrivare a LON per rinuncia.
- altri pure lamentano ritardi vari e qualcuno perde la prima serata insieme
- atterro dunque al T2 e trovo un delirio totale; migliaia e migliaia di persone fuori dal terminal per una security breach interna; voli persi a centinaia e mi dicono al T5 piu' o meno stessa scena
- al ritorno scelgo EZY da LGW (20 pounds da Victoria col Southern, 'cci loro!); arrivo e capisco subito che sara' un bordello anche oggi. Una marea umana che vaga a onde nel terminal, poi nello shuttle per LGW North, poi ancora alla security. E qui davvero le comiche; mi indirizzano ad una fila ed eseguo, via tutto nel vassoio e passo indenne. io. Non il vassoio, che insieme ad altri 29 va in secondary check. Praticamente uno su trenta per loro e' ok. Noto che altre file non hanno affatto lo stesso pessimo rateo e lo faccio notare ad un officer, il quale -giustamente- mi dice "we do our job...", ma con l'occhiata di quello che vorrebbe dire "I know, it's a mess here!". Stanno ancora con apparecchi del paleozoico, che scambiano cotton fioc per ddardi acuminati e una mela per una granata antiuomo. Non parliamo di lquidi che anche sotto i 100ml a loro risulta un litro, o un i-phone che per loro diventa un "laptop inside your bag sir!!"
Passa duqnue una buona mezz'ora (e altri forumisti comunicano la stessa faccenda da LHR) prima che mi ridiano lo zaino con una smorfia a mezza bocca, senza ovviamente averne cavato un ragno dal buco. Ed e' cosi per tutti i 29 bagagli che erano in fila, cui se ne sono sommati altrettanti.
- Duty free mandatory passage con bambini urlanti, gente impazzita, impossibile trovare un varco e te lo devi fare tutto dietro alla tizia che prova 20 profumi diversi. Entri nel main terminal airside ed e' un unico, immenso ristorante dove polli da batteria ingurgitano roba in modo vergognoso e a prezzi da rapina. Il business del "arrive earlier at the airport!" funziona a meraviglia; praticamente ti dicono che per sicurezza e operativita' e' bene arrivare 3/4 ore prima solo per prenderti per sfinimento, fame, sete. Uno schifo di mascelle ruminanti che poi ritrovi nei mille cessi necessari ad evacuare.
- e infine il gate, dove l'aereo non e' ancora pervenuto allo schedulato di partenza, figuriamoci; guardo fuori, dozzine di aerei in fila sull'unica pista di LGW, giacche' la seconda (grazie 13900!) ho saputo non si puo' usare perche' troppo vicina all'altra (ingegneri e progettisti ne abbiamo?!?!?!). Uno atterra e uno decolla insomma, roba che pure a Bangalore hanno risolto con 2 runways operative.
- con un'ora di ritardo imbarchiamo, per EZY il priority boarding e' solo un modo di dire e ci ammucchiamo tutti insieme sulle scale, as usual, dove stazioniamo ancora altri 20'. A bordo succede il finimondo coi trolley, nel senso che salendo tutti insieme chi ha pagato le speedy boarding ma e' salito dopo il general boarding si ritrova le cappelliere piene di zaini e zainetti, senza piu' un buco. Volano madonne, gli aa/vv quasi pregano perche' qualcoa venga tolto ("we can't do that!") e messo sotto il sedile anteriore. via , risolta pure questa scelleratezza. Stacchiamo ("here's the captain, we're leaving our stand and should be airborne shorlty!) e ci spariamo invece altri 90' sul tarmac (lo sapeva, ovvio!); fila 24, no pitch at all, ginocchia in bocca, smadonno pure io che sono di indole tranquilla in questi frangenti. Decollo, altri 90' di ginocchia in bocca sentendo la circolazione praticamente fermarsi e formicolio ovunque ormai, ma sono in un fottuto middle seat, not that easy to handle that.
Atterro, vedo ultimo volo BA per LHR cancellato e penso ai quei poveracci. Altri forumisti sono nelle stesse condizioni, qualcuno arrivera' a destinazione con bus sostitutivo dal momento che l'aeroporto di destinazione infine ha chiuso le serrande e spento le luci tipo "L'aereo piu' pazzo del mondo".
Perdo la cena con il sindaco ma arrivo in tempo per i balli di gruppo.
E con tanta' tantissima amarezza sentendomi parte in causa di questa pessima esperienza di un banale ROM LON ROM; da addetto ai lavori mi imbarazzo e mi vergogno, pensando ai milioni di pax non addetti ai lavori che vivono ogni santo giorno questo sfacelo.
Non funziona quasi piu' nulla ormai, e' tutto talmente tirato che alla minima cazzata e' il caos. Ed e' la quotidianita' ormai.
Su tutto, splendido FCO, all'avanguardia nella security (UK system, prrrrrrrrr!!!!) , unico sollievo.
Vabbe', scusate lo sfogo!
 

vipero

Utente Registrato
8 Ottobre 2007
5,951
1,837
.
Ciao a tutti ed e' stato bello essere in cotanta splendida e competente compagnia!
Assia meno bello, invece, il succo delle varie nostre esperienze, dove l'intero sistema pare abbia mostrato una corda assai prossima al rompersi.
Non voglio fare il qualunquista alla Lenny, ma obiettivamente tutto quanto abbiamo visto e condiviso non puo' che certificare quanto sopra, ovvero che volare e' diventato davvero complicato in queste condizioni di isteria dove al passaggio sulla pista anche solo di una formica (o il famoso battito d'ali) porti ad un effetto domino colmo di caos, inconsistenza, ritardi e cancellazioni.
Ora, una cosa e' per me volare su e giu' sull'Atlantico e negli USA, dove abbiamo travel waivers per "heavy disruptions due to weather conditions" dati da uragani e tornado, altra e' avere un temporale o anche due da qualche parte in EU che mandano letteralmente in tilt il sistema.
Per non dire del resto, che ora cerco di sintetizzare; partiamo dal punto che eravamo una dozzina di cui 10/12esimi sono volati a LON per l'occasione e hanno tutti avuto problemi, in andata o al ritorno, o entrambi.
- a FRA in andata manca il pushback...perdiamo lo slot...dopo 20' tuttavia ci sbloccano; ma solo per parcheggiarci sul tarmac dove stiamo fermi 90' a motori accesi (la sustainability...mavaffaxxxxxxx!)
- finalmente decolliamo e partito da FCO alle 7 (da casa alle 445) sono a LHR 7 (sette) ore dopo
- nel mentre arriva un messaggio da altro forumista che FR ritarda il suo volo per LON di...6 (sei) ore. Non lo vedremo mai arrivare a LON per rinuncia.
- altri pure lamentano ritardi vari e qualcuno perde la prima serata insieme
- atterro dunque al T2 e trovo un delirio totale; migliaia e migliaia di persone fuori dal terminal per una security breach interna; voli persi a centinaia e mi dicono al T5 piu' o meno stessa scena
- al ritorno scelgo EZY da LGW (20 pounds da Victoria col Southern, 'cci loro!); arrivo e capisco subito che sara' un bordello anche oggi. Una marea umana che vaga a onde nel terminal, poi nello shuttle per LGW North, poi ancora alla security. E qui davvero le comiche; mi indirizzano ad una fila ed eseguo, via tutto nel vassoio e passo indenne. io. Non il vassoio, che insieme ad altri 29 va in secondary check. Praticamente uno su trenta per loro e' ok. Noto che altre file non hanno affatto lo stesso pessimo rateo e lo faccio notare ad un officer, il quale -giustamente- mi dice "we do our job...", ma con l'occhiata di quello che vorrebbe dire "I know, it's a mess here!". Stanno ancora con apparecchi del paleozoico, che scambiano cotton fioc per ddardi acuminati e una mela per una granata antiuomo. Non parliamo di lquidi che anche sotto i 100ml a loro risulta un litro, o un i-phone che per loro diventa un "laptop inside your bag sir!!"
Passa duqnue una buona mezz'ora (e altri forumisti comunicano la stessa faccenda da LHR) prima che mi ridiano lo zaino con una smorfia a mezza bocca, senza ovviamente averne cavato un ragno dal buco. Ed e' cosi per tutti i 29 bagagli che erano in fila, cui se ne sono sommati altrettanti.
- Duty free mandatory passage con bambini urlanti, gente impazzita, impossibile trovare un varco e te lo devi fare tutto dietro alla tizia che prova 20 profumi diversi. Entri nel main terminal airside ed e' un unico, immenso ristorante dove polli da batteria ingurgitano roba in modo vergognoso e a prezzi da rapina. Il business del "arrive earlier at the airport!" funziona a meraviglia; praticamente ti dicono che per sicurezza e operativita' e' bene arrivare 3/4 ore prima solo per prenderti per sfinimento, fame, sete. Uno schifo di mascelle ruminanti che poi ritrovi nei mille cessi necessari ad evacuare.
- e infine il gate, dove l'aereo non e' ancora pervenuto allo schedulato di partenza, figuriamoci; guardo fuori, dozzine di aerei in fila sull'unica pista di LGW, giacche' la seconda (grazie 13900!) ho saputo non si puo' usare perche' troppo vicina all'altra (ingegneri e progettisti ne abbiamo?!?!?!). Uno atterra e uno decolla insomma, roba che pure a Bangalore hanno risolto con 2 runways operative.
- con un'ora di ritardo imbarchiamo, per EZY il priority boarding e' solo un modo di dire e ci ammucchiamo tutti insieme sulle scale, as usual, dove stazioniamo ancora altri 20'. A bordo succede il finimondo coi trolley, nel senso che salendo tutti insieme chi ha pagato le speedy boarding ma e' salito dopo il general boarding si ritrova le cappelliere piene di zaini e zainetti, senza piu' un buco. Volano madonne, gli aa/vv quasi pregano perche' qualcoa venga tolto ("we can't do that!") e messo sotto il sedile anteriore. via , risolta pure questa scelleratezza. Stacchiamo ("here's the captain, we're leaving our stand and should be airborne shorlty!) e ci spariamo invece altri 90' sul tarmac (lo sapeva, ovvio!); fila 24, no pitch at all, ginocchia in bocca, smadonno pure io che sono di indole tranquilla in questi frangenti. Decollo, altri 90' di ginocchia in bocca sentendo la circolazione praticamente fermarsi e formicolio ovunque ormai, ma sono in un fottuto middle seat, not that easy to handle that.
Atterro, vedo ultimo volo BA per LHR cancellato e penso ai quei poveracci. Altri forumisti sono nelle stesse condizioni, qualcuno arrivera' a destinazione con bus sostitutivo dal momento che l'aeroporto di destinazione infine ha chiuso le serrande e spento le luci tipo "L'aereo piu' pazzo del mondo".
Perdo la cena con il sindaco ma arrivo in tempo per i balli di gruppo.
E con tanta' tantissima amarezza sentendomi parte in causa di questa pessima esperienza di un banale ROM LON ROM; da addetto ai lavori mi imbarazzo e mi vergogno, pensando ai milioni di pax non addetti ai lavori che vivono ogni santo giorno questo sfacelo.
Non funziona quasi piu' nulla ormai, e' tutto talmente tirato che alla minima cazzata e' il caos. Ed e' la quotidianita' ormai.
Su tutto, splendido FCO, all'avanguardia nella security (UK system, prrrrrrrrr!!!!) , unico sollievo.
Vabbe', scusate lo sfogo!
Però puoi pianificare rotte dirette senza più necessità di usare aerovie.
Peccato che la lista dei diretti è limitata e non puoi pianificare liberamente come sembra e pubblicizzano :)
(La colpa, a mio parere, è una: volare è in trasporto elitario, esteso alla massa, questo è quanto accade).
 

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,501
1,315
Ciao a tutti ed e' stato bello essere in cotanta splendida e competente compagnia!
Assia meno bello, invece, il succo delle varie nostre esperienze, dove l'intero sistema pare abbia mostrato una corda assai prossima al rompersi.
Non voglio fare il qualunquista alla Lenny, ma obiettivamente tutto quanto abbiamo visto e condiviso non puo' che certificare quanto sopra, ovvero che volare e' diventato davvero complicato in queste condizioni di isteria dove al passaggio sulla pista anche solo di una formica (o il famoso battito d'ali) porti ad un effetto domino colmo di caos, inconsistenza, ritardi e cancellazioni.
Ora, una cosa e' per me volare su e giu' sull'Atlantico e negli USA, dove abbiamo travel waivers per "heavy disruptions due to weather conditions" dati da uragani e tornado, altra e' avere un temporale o anche due da qualche parte in EU che mandano letteralmente in tilt il sistema.
Per non dire del resto, che ora cerco di sintetizzare; partiamo dal punto che eravamo una dozzina di cui 10/12esimi sono volati a LON per l'occasione e hanno tutti avuto problemi, in andata o al ritorno, o entrambi.
- a FRA in andata manca il pushback...perdiamo lo slot...dopo 20' tuttavia ci sbloccano; ma solo per parcheggiarci sul tarmac dove stiamo fermi 90' a motori accesi (la sustainability...mavaffaxxxxxxx!)
- finalmente decolliamo e partito da FCO alle 7 (da casa alle 445) sono a LHR 7 (sette) ore dopo
- nel mentre arriva un messaggio da altro forumista che FR ritarda il suo volo per LON di...6 (sei) ore. Non lo vedremo mai arrivare a LON per rinuncia.
- altri pure lamentano ritardi vari e qualcuno perde la prima serata insieme
- atterro dunque al T2 e trovo un delirio totale; migliaia e migliaia di persone fuori dal terminal per una security breach interna; voli persi a centinaia e mi dicono al T5 piu' o meno stessa scena
- al ritorno scelgo EZY da LGW (20 pounds da Victoria col Southern, 'cci loro!); arrivo e capisco subito che sara' un bordello anche oggi. Una marea umana che vaga a onde nel terminal, poi nello shuttle per LGW North, poi ancora alla security. E qui davvero le comiche; mi indirizzano ad una fila ed eseguo, via tutto nel vassoio e passo indenne. io. Non il vassoio, che insieme ad altri 29 va in secondary check. Praticamente uno su trenta per loro e' ok. Noto che altre file non hanno affatto lo stesso pessimo rateo e lo faccio notare ad un officer, il quale -giustamente- mi dice "we do our job...", ma con l'occhiata di quello che vorrebbe dire "I know, it's a mess here!". Stanno ancora con apparecchi del paleozoico, che scambiano cotton fioc per ddardi acuminati e una mela per una granata antiuomo. Non parliamo di lquidi che anche sotto i 100ml a loro risulta un litro, o un i-phone che per loro diventa un "laptop inside your bag sir!!"
Passa duqnue una buona mezz'ora (e altri forumisti comunicano la stessa faccenda da LHR) prima che mi ridiano lo zaino con una smorfia a mezza bocca, senza ovviamente averne cavato un ragno dal buco. Ed e' cosi per tutti i 29 bagagli che erano in fila, cui se ne sono sommati altrettanti.
- Duty free mandatory passage con bambini urlanti, gente impazzita, impossibile trovare un varco e te lo devi fare tutto dietro alla tizia che prova 20 profumi diversi. Entri nel main terminal airside ed e' un unico, immenso ristorante dove polli da batteria ingurgitano roba in modo vergognoso e a prezzi da rapina. Il business del "arrive earlier at the airport!" funziona a meraviglia; praticamente ti dicono che per sicurezza e operativita' e' bene arrivare 3/4 ore prima solo per prenderti per sfinimento, fame, sete. Uno schifo di mascelle ruminanti che poi ritrovi nei mille cessi necessari ad evacuare.
- e infine il gate, dove l'aereo non e' ancora pervenuto allo schedulato di partenza, figuriamoci; guardo fuori, dozzine di aerei in fila sull'unica pista di LGW, giacche' la seconda (grazie 13900!) ho saputo non si puo' usare perche' troppo vicina all'altra (ingegneri e progettisti ne abbiamo?!?!?!). Uno atterra e uno decolla insomma, roba che pure a Bangalore hanno risolto con 2 runways operative.
- con un'ora di ritardo imbarchiamo, per EZY il priority boarding e' solo un modo di dire e ci ammucchiamo tutti insieme sulle scale, as usual, dove stazioniamo ancora altri 20'. A bordo succede il finimondo coi trolley, nel senso che salendo tutti insieme chi ha pagato le speedy boarding ma e' salito dopo il general boarding si ritrova le cappelliere piene di zaini e zainetti, senza piu' un buco. Volano madonne, gli aa/vv quasi pregano perche' qualcoa venga tolto ("we can't do that!") e messo sotto il sedile anteriore. via , risolta pure questa scelleratezza. Stacchiamo ("here's the captain, we're leaving our stand and should be airborne shorlty!) e ci spariamo invece altri 90' sul tarmac (lo sapeva, ovvio!); fila 24, no pitch at all, ginocchia in bocca, smadonno pure io che sono di indole tranquilla in questi frangenti. Decollo, altri 90' di ginocchia in bocca sentendo la circolazione praticamente fermarsi e formicolio ovunque ormai, ma sono in un fottuto middle seat, not that easy to handle that.
Atterro, vedo ultimo volo BA per LHR cancellato e penso ai quei poveracci. Altri forumisti sono nelle stesse condizioni, qualcuno arrivera' a destinazione con bus sostitutivo dal momento che l'aeroporto di destinazione infine ha chiuso le serrande e spento le luci tipo "L'aereo piu' pazzo del mondo".
Perdo la cena con il sindaco ma arrivo in tempo per i balli di gruppo.
E con tanta' tantissima amarezza sentendomi parte in causa di questa pessima esperienza di un banale ROM LON ROM; da addetto ai lavori mi imbarazzo e mi vergogno, pensando ai milioni di pax non addetti ai lavori che vivono ogni santo giorno questo sfacelo.
Non funziona quasi piu' nulla ormai, e' tutto talmente tirato che alla minima cazzata e' il caos. Ed e' la quotidianita' ormai.
Su tutto, splendido FCO, all'avanguardia nella security (UK system, prrrrrrrrr!!!!) , unico sollievo.
Vabbe', scusate lo sfogo!
Il punto è sempre lo stesso, il trasporto aereo è ormai equiparato al TPL (in certi casi anche come prezzi), se la metropolitana è in ritardo smadonni ma ti adegui. Il vero problema del sistema è non riuscire a creare l’alternativa “Uber” dove, pagando il giusto, ricevi un trattamento da essere umano anziché da quadrupede. Il fatto che questa alternativa non sia ancora nata mi fa sospettare che in realtà non ci sia domanda, tutti si incaxxano e poi scelgono la tariffa che fa risparmiare 5 centesimi.
 
  • Like
Reactions: BrunoFLR

East End Ave

Utente Registrato
13 Agosto 2013
7,892
2,930
su e giu' sull'atlantico...
Il punto è sempre lo stesso, il trasporto aereo è ormai equiparato al TPL (in certi casi anche come prezzi), se la metropolitana è in ritardo smadonni ma ti adegui. Il vero problema del sistema è non riuscire a creare l’alternativa “Uber” dove, pagando il giusto, ricevi un trattamento da essere umano anziché da quadrupede. Il fatto che questa alternativa non sia ancora nata mi fa sospettare che in realtà non ci sia domanda, tutti si incaxxano e poi scelgono la tariffa che fa risparmiare 5 centesimi.
chi era ieri sul 777 BA LGW YVR in business non credo abbia pagato 5 centesimi...eppure e' stato sul tarmac a motori accesi per almeno 75' come noi barboni su EZY...
 

Paolo_61

Socio AIAC
Utente Registrato
2 Febbraio 2012
7,501
1,315
chi era ieri sul 777 BA LGW YVR in business non credo abbia pagato 5 centesimi...eppure e' stato sul tarmac a motori accesi per almeno 75' come noi barboni su EZY...
La business non è più il regno del “jet set” - e 75 minuti a champagne passano comunque molto più in fretta di 75 minuti di carro bestiame
 

ilPrincipeDiCasador

Utente Registrato
16 Febbraio 2009
397
496
Basel
Ciao a tutti ed e' stato bello essere in cotanta splendida e competente compagnia!
Assia meno bello, invece, il succo delle varie nostre esperienze, dove l'intero sistema pare abbia mostrato una corda assai prossima al rompersi.
Non voglio fare il qualunquista alla Lenny, ma obiettivamente tutto quanto abbiamo visto e condiviso non puo' che certificare quanto sopra, ovvero che volare e' diventato davvero complicato in queste condizioni di isteria dove al passaggio sulla pista anche solo di una formica (o il famoso battito d'ali) porti ad un effetto domino colmo di caos, inconsistenza, ritardi e cancellazioni.
Ora, una cosa e' per me volare su e giu' sull'Atlantico e negli USA, dove abbiamo travel waivers per "heavy disruptions due to weather conditions" dati da uragani e tornado, altra e' avere un temporale o anche due da qualche parte in EU che mandano letteralmente in tilt il sistema.
Per non dire del resto, che ora cerco di sintetizzare; partiamo dal punto che eravamo una dozzina di cui 10/12esimi sono volati a LON per l'occasione e hanno tutti avuto problemi, in andata o al ritorno, o entrambi.
- a FRA in andata manca il pushback...perdiamo lo slot...dopo 20' tuttavia ci sbloccano; ma solo per parcheggiarci sul tarmac dove stiamo fermi 90' a motori accesi (la sustainability...mavaffaxxxxxxx!)
- finalmente decolliamo e partito da FCO alle 7 (da casa alle 445) sono a LHR 7 (sette) ore dopo
- nel mentre arriva un messaggio da altro forumista che FR ritarda il suo volo per LON di...6 (sei) ore. Non lo vedremo mai arrivare a LON per rinuncia.
- altri pure lamentano ritardi vari e qualcuno perde la prima serata insieme
- atterro dunque al T2 e trovo un delirio totale; migliaia e migliaia di persone fuori dal terminal per una security breach interna; voli persi a centinaia e mi dicono al T5 piu' o meno stessa scena
- al ritorno scelgo EZY da LGW (20 pounds da Victoria col Southern, 'cci loro!); arrivo e capisco subito che sara' un bordello anche oggi. Una marea umana che vaga a onde nel terminal, poi nello shuttle per LGW North, poi ancora alla security. E qui davvero le comiche; mi indirizzano ad una fila ed eseguo, via tutto nel vassoio e passo indenne. io. Non il vassoio, che insieme ad altri 29 va in secondary check. Praticamente uno su trenta per loro e' ok. Noto che altre file non hanno affatto lo stesso pessimo rateo e lo faccio notare ad un officer, il quale -giustamente- mi dice "we do our job...", ma con l'occhiata di quello che vorrebbe dire "I know, it's a mess here!". Stanno ancora con apparecchi del paleozoico, che scambiano cotton fioc per ddardi acuminati e una mela per una granata antiuomo. Non parliamo di lquidi che anche sotto i 100ml a loro risulta un litro, o un i-phone che per loro diventa un "laptop inside your bag sir!!"
Passa duqnue una buona mezz'ora (e altri forumisti comunicano la stessa faccenda da LHR) prima che mi ridiano lo zaino con una smorfia a mezza bocca, senza ovviamente averne cavato un ragno dal buco. Ed e' cosi per tutti i 29 bagagli che erano in fila, cui se ne sono sommati altrettanti.
- Duty free mandatory passage con bambini urlanti, gente impazzita, impossibile trovare un varco e te lo devi fare tutto dietro alla tizia che prova 20 profumi diversi. Entri nel main terminal airside ed e' un unico, immenso ristorante dove polli da batteria ingurgitano roba in modo vergognoso e a prezzi da rapina. Il business del "arrive earlier at the airport!" funziona a meraviglia; praticamente ti dicono che per sicurezza e operativita' e' bene arrivare 3/4 ore prima solo per prenderti per sfinimento, fame, sete. Uno schifo di mascelle ruminanti che poi ritrovi nei mille cessi necessari ad evacuare.
- e infine il gate, dove l'aereo non e' ancora pervenuto allo schedulato di partenza, figuriamoci; guardo fuori, dozzine di aerei in fila sull'unica pista di LGW, giacche' la seconda (grazie 13900!) ho saputo non si puo' usare perche' troppo vicina all'altra (ingegneri e progettisti ne abbiamo?!?!?!). Uno atterra e uno decolla insomma, roba che pure a Bangalore hanno risolto con 2 runways operative.
- con un'ora di ritardo imbarchiamo, per EZY il priority boarding e' solo un modo di dire e ci ammucchiamo tutti insieme sulle scale, as usual, dove stazioniamo ancora altri 20'. A bordo succede il finimondo coi trolley, nel senso che salendo tutti insieme chi ha pagato le speedy boarding ma e' salito dopo il general boarding si ritrova le cappelliere piene di zaini e zainetti, senza piu' un buco. Volano madonne, gli aa/vv quasi pregano perche' qualcoa venga tolto ("we can't do that!") e messo sotto il sedile anteriore. via , risolta pure questa scelleratezza. Stacchiamo ("here's the captain, we're leaving our stand and should be airborne shorlty!) e ci spariamo invece altri 90' sul tarmac (lo sapeva, ovvio!); fila 24, no pitch at all, ginocchia in bocca, smadonno pure io che sono di indole tranquilla in questi frangenti. Decollo, altri 90' di ginocchia in bocca sentendo la circolazione praticamente fermarsi e formicolio ovunque ormai, ma sono in un fottuto middle seat, not that easy to handle that.
Atterro, vedo ultimo volo BA per LHR cancellato e penso ai quei poveracci. Altri forumisti sono nelle stesse condizioni, qualcuno arrivera' a destinazione con bus sostitutivo dal momento che l'aeroporto di destinazione infine ha chiuso le serrande e spento le luci tipo "L'aereo piu' pazzo del mondo".
Perdo la cena con il sindaco ma arrivo in tempo per i balli di gruppo.
E con tanta' tantissima amarezza sentendomi parte in causa di questa pessima esperienza di un banale ROM LON ROM; da addetto ai lavori mi imbarazzo e mi vergogno, pensando ai milioni di pax non addetti ai lavori che vivono ogni santo giorno questo sfacelo.
Non funziona quasi piu' nulla ormai, e' tutto talmente tirato che alla minima cazzata e' il caos. Ed e' la quotidianita' ormai.
Su tutto, splendido FCO, all'avanguardia nella security (UK system, prrrrrrrrr!!!!) , unico sollievo.
Vabbe', scusate lo sfogo!
Io ho fatto l'andata da Basilea BA753 e ritorno su LIN BA588. Andata ok, ritorno disastroso.

E purtroppo caro EEA, non posso che fare un mega quotone. Non funziona nulla perchè è tutto spremuto.
La democratizzazione del volo è attuale, giusta e sacrosanta. Quello che manca, sono le infrastrutture che non hanno ancora fatto il salto necessario e chissà se potranno mai farlo.
 

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
10,065
7,595
I disagi a LON di ieri erano causati da meteo. CB diffusi (ci sono stati almeno due lightning strikes ad altrettanti mezzi), vento a 40km/h e flow rate restrictions. LHR era a 38-40/ora tutto il giorno. Inevitabile che ci sia casino.