Il thread leggero

OneShot

Well-known member
Utente Registrato
31 Dicembre 2015
2,170
242
Paris
Voglio vedere la entry sul t/log!! :LOL:
Tu cosa avresti messo?
(Non è ironico e neanche interrogatorio/accusatorio)

Io avrei scritto due righe semplici semplici, tipo "upon landing, wildlife impact left engine nascelle" o qualcosa di simile.
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,461
811
Tu cosa avresti messo?
(Non è ironico e neanche interrogatorio/accusatorio)

Io avrei scritto due righe semplici semplici, tipo "upon landing, wildlife impact left engine nascelle" o qualcosa di simile.
Un mio ex collega Overseas Engineer di BA era andato a Bangkok per coprire il 777 all'epoca della sua introduzione la' (sostituiva il 747 LHR-BKK-MEL). All'epoca, tra un volo e l'altro, l'aereo veniva trainato ai remoti e poi c'era towing di nuovo al terminal. Un giorno qualcuno mi mostro' una fotocopia del tech log di un 777 appena tornato da BKK: c'era una nota che diceva qualcosa tipo "Additional checks performed on nose gear due to live python found wrapped around wheels".
 

vipero

Well-known member
Utente Registrato
8 Ottobre 2007
4,731
384
.
Un mio ex collega Overseas Engineer di BA era andato a Bangkok per coprire il 777 all'epoca della sua introduzione la' (sostituiva il 747 LHR-BKK-MEL). All'epoca, tra un volo e l'altro, l'aereo veniva trainato ai remoti e poi c'era towing di nuovo al terminal. Un giorno qualcuno mi mostro' una fotocopia del tech log di un 777 appena tornato da BKK: c'era una nota che diceva qualcosa tipo "Additional checks performed on nose gear due to live python found wrapped around wheels".
E non hanno scritto come l'hanno rimosso?
 

13900

Well-known member
Utente Registrato
26 Aprile 2012
6,461
811
E non hanno scritto come l'hanno rimosso?
All'epoca avevamo una specie di newsletter interna e la storia del pitone era arrivata anche li. C'era una foto dell'animale (che era bello grosso) piazzato all'ombra tra le due ruote del nose gear. L'ingegnere in questione aveva detto che lui e l'addetto al towing sono arrivati, hanno visto la bestia, sono prontamente fuggiti a bordo del tow tug, hanno chiamato i vigili del fuoco e animal control e sono rimasti a debita distanza (nell'ufficio dell'handler, con porta chiusa e a distanza di mezzo km) finche' non gli han detto che era tutto a posto.
 

vipero

Well-known member
Utente Registrato
8 Ottobre 2007
4,731
384
.
All'epoca avevamo una specie di newsletter interna e la storia del pitone era arrivata anche li. C'era una foto dell'animale (che era bello grosso) piazzato all'ombra tra le due ruote del nose gear. L'ingegnere in questione aveva detto che lui e l'addetto al towing sono arrivati, hanno visto la bestia, sono prontamente fuggiti a bordo del tow tug, hanno chiamato i vigili del fuoco e animal control e sono rimasti a debita distanza (nell'ufficio dell'handler, con porta chiusa e a distanza di mezzo km) finche' non gli han detto che era tutto a posto.
ma dai, mica è così pericoloso...
come dice Wild Frank, "basta non romper la distancia de seguridad" :D

 
  • Haha
Reactions: ilverococco

leerit

Well-known member
Utente Registrato
3 Settembre 2019
786
31
 © ANSA




(ANSA) - TORINO, 19 NOV - Torino entra a far parte del Sistema Museale di Leonardo. Situato presso lo stabilimento Leonardo Velivoli di Torino Caselle Sud, il Museo dell'Industria Aeronautica Leonardo ospita alcune tra le produzioni più significative dell'azienda: dai velivoli costruiti in legno e con le superfici alari ricoperte in tela, a quelli costruiti in fibra di carbonio e titanio, con sofisticati sistemi di navigazione e gestione della missione, sino agli aerei pilotati da remoto.

Un Museo e centro di documentazione storica che custodisce un patrimonio unico e che da oggi si aggiunge agli altri archivi storici e realtà espositive proprietà di Leonardo (Museo Agusta, Museo Breda Meccanica Bresciana, Museo delle Officine Galileo, Museo del Radar) coordinate da Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine.
Il Museo è frutto di un progetto, avviato nel 2013, di recupero e conservazione dei velivoli storici presenti presso i siti industriali della Divisione Velivoli di Leonardo, realizzato grazie al supporto del Gavs - Gruppo Amici Velivoli Storici di Torino, e dai volontari del Gruppo Seniores Leonardo, che gestiscono le attività di manutenzione degli aerei e l'accoglienza dei visitatori.
Ai velivoli in esposizione, si affianca l'enorme patrimonio del Centro di Documentazione Storica Velivoli - circa 58.000 articoli di assoluta eccellenza - presso la sede Leonardo Velivoli di corso Francia, a Torino. Disegni tecnici su carta e lucidi di aerei e relative componenti a partire dal 1910 circa, progetti originali, fotografie, microfilm, manualistica, videocassette, cd, dvd, note tecniche e libri sono parte di un patrimonio tecnico che attrae grandi e piccoli, appassionati del volo e studiosi. (ANSA).