Cina, lancia monete nel motore dell’aereo: arrestato


I-POV

Socio AIAC
Utente Registrato
25 Marzo 2008
1,498
4
Varese - Chatham NJ
Pare che stia diventando una moda

da Avionews:

Cina, lancia monete nel motore dell’aereo: arrestato
Coinvolta compagnia Guangxi Beibu Gulf Airlines

whatsapp sharing button

email sharing button

print sharing button


Un’usanza che sta diventando fin troppo frequente e che può essere molto pericolosa. Sfortunatamente non sono pochi i passeggeri che scambiano i motori degli aerei per la ben più romantica fontana di Trevi. La cronaca di queste ultime ore riporta di un episodio singolare avvenuto a bordo di un velivolo del vettore aereo Guangxi Beibu Gulf Airlines (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Un uomo ha deciso di gettare proprio nel motore alcune monetine, motivando il suo gesto come un augurio positivo in vista del viaggio. La compagnia asiatica è stata costretta a cancellare il volo, per la precisione da Weifang a Haikou, in Cina, evacuando gli altri viaggiatori (148 per la precisione). Gli strani movimenti del protagonista della storia sono stati notati dal personale di terra dell’aeroporto di Weifang. Dopo aver camminato in direzione di uno dei motori, l’uomo ha appunto lanciato delle monete all’interno, rendendo necessario il suo fermo. L’arresto e l’interrogatorio hanno permesso di conoscere le ragioni della rischiosa abitudine, una leggerezza commessa in buona fede, ma pur sempre una leggerezza. In seguito agli accertamenti della polizia del posto, ora questa persona rischia 5 giorni di carcere, anche se non è escluso il perdono per via della testimonianza fornita alle forze dell’ordine. Il fenomeno in questione è molto comune negli scali dell’ex-impero celeste e non è raro che i giornali del posto ne parlino con dovizia di particolari, invitando i lettori a non seguire lo stesso esempio.
 

Flyfan

Utente Registrato
17 Giugno 2019
662
217
LJU
Non so, mettere fuori dall’aeroporto i banchi di carne di passeggeri lanciamonete appena macellati sul posto aiuterebbe a prevenire? Tanto siamo in Cina…i wet market li hanno già.