Alitalia e voli papali


I-MEX

Utente Registrato
23 Marzo 2015
184
5
Mexico
Interessante che la tratta Iraq - Italia venga effettuata con Alitalia. Rispettando la consuetudine sarebbe dovuta essere con Iraqi.
 

Seaking

Moderatore
Utente Registrato
1 Febbraio 2012
10,868
136
Infatti mi ha molto stupito leggere che il Papa volerà con loro sulle tratte interne.
 

cisnusculum

Utente Registrato
24 Settembre 2010
250
5
Da ciò che mi ricordo, generalmente il rientro a Roma avviene sempre con la compagnia di bandiera del paese che il Papa ha visitato. In questo caso, dunque, sarebbe Iraqi. Ma forse ricordo male.
Non sempre. La maggior parte delle volte è così ma ci sono sempre state delle eccezioni in base al tipo di viaggio, alla destinazione e ovviamente alla situazione del paese e/o delle compagnie coinvolte.
 

OneShot

Utente Registrato
31 Dicembre 2015
2,335
351
Paris
Non sempre. La maggior parte delle volte è così ma ci sono sempre state delle eccezioni in base al tipo di viaggio, alla destinazione e ovviamente alla situazione del paese e/o delle compagnie coinvolte.
Vorresti togliere a Francesco l'ebrezza di volare con questo?
75612_1102584150.jpg75612_1102584150.jpg
 

Axel91

Utente Registrato
11 Dicembre 2017
155
21
29
Adesso vi sconvolgerò con l'ignoranza della mia domanda semplice e un pò banale... me ne scuso in anticipo e ringrazio per la vostra pazienza a rispondermi:

Ma i voli papali, sostanzialmente è il papa / Vaticano che prende un aereo Alitalia qualsiasi e lo trasforma come se fosse un volo charter privato per il tempo neccessario del viaggio, dove a bordo c'è solo lui e il suo staff senza alcun passeggero, oppure loro hanno proprio un aereo Alitalia fisso che è personalizzato appositivamente per il papa e il suo staff un pò come lo è l'Air Force One per il presidente USA ma con la liviera Alitalia forse anche per motivi di sponsor?

Avete presente quelle domande subconsce che vi siete da sempre domandati ma chissà perchè non avete mai posto? Ecco, questa per me è una di quelle! ahahah

Interessante anche il fatto che il volo di ritorno solitamente si fa con la compagnia di bandiera del paese ospitante, questo non lo sapevo proprio... pensavo non solo che riutilizzasse sempre il volo papale di Alitalia che lo avrebbe atteso parcheggiato in aeroporto per tutta la durata del viaggio ma che avrebbe fatto con esso anche tutti i viaggi interni (se gli aeroporti di destinazioni sono grandi abbastanza da poterlo ospitare)
 

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
7,018
1,602
Adesso vi sconvolgerò con l'ignoranza della mia domanda semplice e un pò banale... me ne scuso in anticipo e ringrazio per la vostra pazienza a rispondermi:

Ma i voli papali, sostanzialmente è il papa / Vaticano che prende un aereo Alitalia qualsiasi e lo trasforma come se fosse un volo charter privato per il tempo neccessario del viaggio, dove a bordo c'è solo lui e il suo staff senza alcun passeggero, oppure loro hanno proprio un aereo Alitalia fisso che è personalizzato appositivamente per il papa e il suo staff un pò come lo è l'Air Force One per il presidente USA ma con la liviera Alitalia forse anche per motivi di sponsor?

Avete presente quelle domande subconsce che vi siete da sempre domandati ma chissà perchè non avete mai posto? Ecco, questa per me è una di quelle! ahahah

Interessante anche il fatto che il volo di ritorno solitamente si fa con la compagnia di bandiera del paese ospitante, questo non lo sapevo proprio... pensavo non solo che riutilizzasse sempre il volo papale di Alitalia che lo avrebbe atteso parcheggiato in aeroporto per tutta la durata del viaggio ma che avrebbe fatto con esso anche tutti i viaggi interni (se gli aeroporti di destinazioni sono grandi abbastanza da poterlo ospitare)
Aereo charter, interni normali, spesso con sedili a bordo venduti / dati ai giornalisti. Vedi foto:

 

magick

Utente Registrato
5 Maggio 2016
505
51
Adesso vi sconvolgerò con l'ignoranza della mia domanda semplice e un pò banale... me ne scuso in anticipo e ringrazio per la vostra pazienza a rispondermi:

Ma i voli papali, sostanzialmente è il papa / Vaticano che prende un aereo Alitalia qualsiasi e lo trasforma come se fosse un volo charter privato per il tempo neccessario del viaggio, dove a bordo c'è solo lui e il suo staff senza alcun passeggero, oppure loro hanno proprio un aereo Alitalia fisso che è personalizzato appositivamente per il papa e il suo staff un pò come lo è l'Air Force One per il presidente USA ma con la liviera Alitalia forse anche per motivi di sponsor?

Avete presente quelle domande subconsce che vi siete da sempre domandati ma chissà perchè non avete mai posto? Ecco, questa per me è una di quelle! ahahah

Interessante anche il fatto che il volo di ritorno solitamente si fa con la compagnia di bandiera del paese ospitante, questo non lo sapevo proprio... pensavo non solo che riutilizzasse sempre il volo papale di Alitalia che lo avrebbe atteso parcheggiato in aeroporto per tutta la durata del viaggio ma che avrebbe fatto con esso anche tutti i viaggi interni (se gli aeroporti di destinazioni sono grandi abbastanza da poterlo ospitare)
Per ogni domanda il nostro Leonard ha una risposta: https://www.corriere.it/cronache/ca...i-papali/i-diversi-pontefici_principale.shtml

Questo pone però un'altra importante questione: se lasciassimo fallire Alitalia, come chiesto da molti, il papa come volerebbe?
Da qui l'idea rivoluzionaria: vendiamola al Vaticano e facciamola diventare la compagnia di riferimento per i pellegrinaggi parrocchiali delle diocesi di tutto il mondo :D
 

13900

Utente Registrato
26 Aprile 2012
7,018
1,602
Per ogni domanda il nostro Leonard ha una risposta: https://www.corriere.it/cronache/ca...i-papali/i-diversi-pontefici_principale.shtml

Questo pone però un'altra importante questione: se lasciassimo fallire Alitalia, come chiesto da molti, il papa come volerebbe?
Da qui l'idea rivoluzionaria: vendiamola al Vaticano e facciamola diventare la compagnia di riferimento per i pellegrinaggi parrocchiali delle diocesi di tutto il mondo :D
O, piu' semplicemente, il Vaticano va sul mercato ACMI come fa la Regina.
 

cisnusculum

Utente Registrato
24 Settembre 2010
250
5
Questo pone però un'altra importante questione: se lasciassimo fallire Alitalia, come chiesto da molti, il papa come volerebbe?
Da qui l'idea rivoluzionaria: vendiamola al Vaticano e facciamola diventare la compagnia di riferimento per i pellegrinaggi parrocchiali delle diocesi di tutto il mondo :D
I conti del Vaticano sono messi anche peggio di quelli di Alitalia, quindi lo escludo.
Semplicemente noleggerebbe altre compagnie, come del resto fa già dato che non vola solo con Alitalia. Per i voli interni invece continuerebbe ad usare i voli dell'Aeronautica come ha sempre fatto.
 

cisnusculum

Utente Registrato
24 Settembre 2010
250
5
Sembra che abbia fatto una piccola deviazione per avvicinarsi il più possibile al confine siriano.
 

ale982

Utente Registrato
20 Aprile 2015
65
0
Mi ricordo che qualche anno fa ci fu una problematica relativa all'abbigliamento delle assistenti di volo AF per i voli verso l'Iran, dove era richiesto che mettessero i pantaloni, coprissero testa e collo, ecc.
Non so se le leggi in Iraq sono equivalenti, ma mi chiedo se le hostess sul volo del Papa si dovranno adattare una volta atterrati.
 

Viking

Utente Registrato
13 Agosto 2009
2,499
241
Milano
Mi ricordo che qualche anno fa ci fu una problematica relativa all'abbigliamento delle assistenti di volo AF per i voli verso l'Iran, dove era richiesto che mettessero i pantaloni, coprissero testa e collo, ecc.
Non so se le leggi in Iraq sono equivalenti, ma mi chiedo se le hostess sul volo del Papa si dovranno adattare una volta atterrati.
Se non volessero adattarsi potrebbero stare a bordo fino al rientro: ma dove sta’ il problema di seguire usi, costumi e leggi locali? Facciamo intervenire I sindacati o il ministero degli esteri?
 

ale982

Utente Registrato
20 Aprile 2015
65
0
La mia non era una polemica ma una semplice curiosità.
Sono d'accordo con te sul fatto di adattarsi alle leggi, usi e costumi locali ed ero curioso riguardo la situazione specifica.
Per il caso francese ci furono delle proteste sindacali e la situazione si risolse permettendo alle dipendenti di scegliere volontariamente se volare a Teheran o meno e se decidevano di andare, si sarebbero dovute adattare alle leggi locali.