Addio Alitalia


uncomfortable

Utente Registrato
25 Settembre 2008
3,934
269
Canada
Ricordo un Capodanno di 15 anni fa, ero a Miami. Alla fermata del bus si avvicinano due signore che, con spiccato accento romano, mi chiedono informazioni. Saliamo insieme e scopro che una era madre di un assistente di volo alitalia, l'altra un'amica che, grazie al rapporto di parentela erano volate a Miami con un preavviso sì di 48 h, ma la prima spendendo 60 EUR, l'altra 200 (ricordo che tre gg prima il volo costava 1200 EUR se non di più). Ecco, lì era chiaro come, grazie a questa piccola casta, le cose erano messe male.. E che dire di assistenti di volo in cassa integrazione per 7 anni già all'epoca (ne ho conosciuti un paio)...? Nessuna pietà per chi si lamenta oggi dimenticando che ci sono lavoratori licenziati via SMS senza troppi complimenti....
Tutte le linee aeree hanno politiche di staff travel simili a questa però... non è decisamente questo il problema.
 

kla

Utente Registrato
10 Marzo 2008
183
17
.
Tutte le linee aeree hanno politiche di staff travel simili a questa però... non è decisamente questo il problema.
Se lo dici tu... A me ha fatto impressione, comunque è ora di finirla con simili vergognosi privilegi che, fino a prova contraria, sono stati pagati dalla collettività, anche da chi non ha mai preso un aereo
 

Seaking

Moderatore
Utente Registrato
1 Febbraio 2012
11,501
969
Se lo dici tu... A me ha fatto impressione, comunque è ora di finirla con simili vergognosi privilegi che, fino a prova contraria, sono stati pagati dalla collettività, anche da chi non ha mai preso un aereo
Kla, ribadisco: tutte le compagnie aeree hanno benefit di questo tipo.
Non è una cosa appannaggio di AZ, anzi ho lavorato per compagnie aeree che hanno benefit ben più generosi di quelli di AZ.
 

uncomfortable

Utente Registrato
25 Settembre 2008
3,934
269
Canada
Se lo dici tu... A me ha fatto impressione, comunque è ora di finirla con simili vergognosi privilegi che, fino a prova contraria, sono stati pagati dalla collettività, anche da chi non ha mai preso un aereo
Gran parte dei biglietti superscontati per lo staff sono per voli in stand-by, ovvero si parte solamente se c'è ancora posto prima della chiusura del volo. Non sono pagati dalla collettività.
 
  • Like
Reactions: BrunoFLR and fra110

Lumia

Utente Registrato
8 Gennaio 2013
92
25
Ma questo rimarcare, appena possibile (l'ho letto spesso anche su altri thread), un dettaglio che non ha alcuna attinenza con la storia raccontata (lo spiccato accento romano), cosa vuole sottintendere esattamente, e perchè il fatto che qualcuno sia romano è così importante da doverlo, ogni volta specificare? Non riesco a darmi una risposta che abbia un senso. Mio limite di sicuro.

Perchè di dove fossero le signore in questione non ha alcuna importanza, si parlava del privilegio, quello era ciò che andava stigmatizzato.
Come se io, raccontando un fatto, accennasi, ogni volta che posso, al colore della pelle di colui/colei che lo ha commesso.

Anche questo, penso, è un grosso problema in Italia, Alitalia per parecchia gente è solo un comodo pretesto per poter attaccare Roma ed i suoi abitanti. La colpa di aver avuto Alitalia basata per decenni, probabilmente, continua ad essere un affronto troppo grande per farla passare liscia.
Oppure lo si fa per semplice ignoranza e mancanza di stile, boh.
Il giorno in cui si smetterà di porre l'attenzione su quale accento parlano assistenti di volo o persone incontrate per caso, allora avremo fatto un bel passo avanti.
My 2 cents.
 
  • Like
Reactions: CHINOOK

OneShot

Utente Registrato
31 Dicembre 2015
3,050
1,393
Paris
Ricordo un Capodanno di 15 anni fa, ero a Miami. Alla fermata del bus si avvicinano due signore che, con spiccato accento romano, mi chiedono informazioni. Saliamo insieme e scopro che una era madre di un assistente di volo alitalia, l'altra un'amica che, grazie al rapporto di parentela erano volate a Miami con un preavviso sì di 48 h, ma la prima spendendo 60 EUR, l'altra 200 (ricordo che tre gg prima il volo costava 1200 EUR se non di più). Ecco, lì era chiaro come, grazie a questa piccola casta, le cose erano messe male.. E che dire di assistenti di volo in cassa integrazione per 7 anni già all'epoca (ne ho conosciuti un paio)...? Nessuna pietà per chi si lamenta oggi dimenticando che ci sono lavoratori licenziati via SMS senza troppi complimenti....
Quello di vendere biglietti SA (space available) a parenti e/o amici dei dipendenti a cifre bassissime (tipo 10% della tariffa più bassa al momento dell'acquisto) è una pratica utilizzata da quasi tutti i vettori seri per 2 motivi: il primo è quello di riempire seggiolini di no-show con gente pagante last minute (sby appunto); il secondo è che sotto le feste invoglia il lavoratore a farsi la rotazione lontano da casa senza che pesi troppo il distacco durante una festa comandata, dando anche un aspetto più umano e comprensivo al datore di lavoro.
Quest'ultimo mi sembra mancare molto ultimamente: neanche un ringraziamento, finora, per ciò che è stato, un addio, un arrivederci a presto sotto le nuove effigie. Niente, nada de nada.
Mi dicono manco un "complimenti, lei è stato assunto presso la nuova ITA, non vediamo l'ora di averla tra il nostro pregiatissimo personale! Solo una semplice lettere che dice che a fare data dal 15/10 la SV è assunta presso ITA.
Ma se po'?
 

TapiroVolante

Utente Registrato
13 Dicembre 2016
856
364
Gran parte dei biglietti superscontati per lo staff sono per voli in stand-by, ovvero si parte solamente se c'è ancora posto prima della chiusura del volo. Non sono pagati dalla collettività.
Il problema di AZ (credo sia cosa nota) era il "come" si riuscissero misteriosamente a trovare posti vuoti su voli in altissima stagione...
Altro problema era che i figli di gheisha che mettevano in atto i "trucchetti" per far si che i propri amici e familiari potessero miracolosamente trovare posti (anche in abbondanza) su voli che teoricamente posti non avrebbero dovuto averne, di questi "trucchetti" si vantavano pure, ed in maniera sfacciata, come ebbi personalmente modio di assistere nel corso di una cena tra amici-colleghi (eravamo nella Capitale, non ricordo di preciso l'anno ma più o meno a cavallo tra i due millenni) cui partecipò anche un lavoratore (...) AZ, non ho idea con quale ruolo.
Bene, il gentile signore si vantava di come fosse lui (e non solo lui...) riuscito ad imbarcarsi ad Agosto per nonricordodove con famigliola al seguito al costo di due lire: le parole furono più o meno "l'avemo riempito (il volo) de farse prenotazioni fino a fallo scoppià, ahò, l'avemo bombardato che manco Saddamme. Eppoii du giorni prima avemo cancellato tutto, e 'n finale se semo presentati a Fiummicino chiedenno si magari ce fosse rimasto quarche posto..."
Come ho scritto qualche giorno fa, Alitalia non è plurifallita solo per queste cose, ma anche per queste cose.
 

kla

Utente Registrato
10 Marzo 2008
183
17
.
Roma=privilegi
Milano=figa e fatturato
;)
Il privilegio c'era eccome nel volare a Miami a 60€ a/r a Capodanno!
Sorvolando su questo per te inutile dettaglio, come la mettiamo con la cassa integrazione per 7 anni già 15 anni fa? Non pagata con i soldi del contribuente?? La verità è che AZ andava messa al prato 20 anni fa, come Swissair... E che cavolo!
 
  • Like
Reactions: kenyaprince

kla

Utente Registrato
10 Marzo 2008
183
17
.
Il problema di AZ (credo sia cosa nota) era il "come" si riuscissero misteriosamente a trovare posti vuoti su voli in altissima stagione...
Altro problema era che i figli di gheisha che mettevano in atto i "trucchetti" per far si che i propri amici e familiari potessero miracolosamente trovare posti (anche in abbondanza) su voli che teoricamente posti non avrebbero dovuto averne, di questi "trucchetti" si vantavano pure, ed in maniera sfacciata, come ebbi personalmente modio di assistere nel corso di una cena tra amici-colleghi (eravamo nella Capitale, non ricordo di preciso l'anno ma più o meno a cavallo tra i due millenni) cui partecipò anche un lavoratore (...) AZ, non ho idea con quale ruolo.
Bene, il gentile signore si vantava di come fosse lui (e non solo lui...) riuscito ad imbarcarsi ad Agosto per nonricordodove con famigliola al seguito al costo di due lire: le parole furono più o meno "l'avemo riempito (il volo) de farse prenotazioni fino a fallo scoppià, ahò, l'avemo bombardato che manco Saddamme. Eppoii du giorni prima avemo cancellato tutto, e 'n finale se semo presentati a Fiummicino chiedenno si magari ce fosse rimasto quarche posto..."
Come ho scritto qualche giorno fa, Alitalia non è plurifallita solo per queste cose, ma anche per queste cose.
Si chiamava "Er Pomata" costui? :))))
 
  • Like
Reactions: BrunoFLR

kla

Utente Registrato
10 Marzo 2008
183
17
.
Kla, ribadisco: tutte le compagnie aeree hanno benefit di questo tipo.
Non è una cosa appannaggio di AZ, anzi ho lavorato per compagnie aeree che hanno benefit ben più generosi di quelli di AZ.
La cosa mi indigna comunque. Si tratta sicuramente di compagnie non ridotte come AZ, I suppose...
 

kla

Utente Registrato
10 Marzo 2008
183
17
.
Ma questo rimarcare, appena possibile (l'ho letto spesso anche su altri thread), un dettaglio che non ha alcuna attinenza con la storia raccontata (lo spiccato accento romano), cosa vuole sottintendere esattamente, e perchè il fatto che qualcuno sia romano è così importante da doverlo, ogni volta specificare? Non riesco a darmi una risposta che abbia un senso. Mio limite di sicuro.

Perchè di dove fossero le signore in questione non ha alcuna importanza, si parlava del privilegio, quello era ciò che andava stigmatizzato.
Come se io, raccontando un fatto, accennasi, ogni volta che posso, al colore della pelle di colui/colei che lo ha commesso.

Anche questo, penso, è un grosso problema in Italia, Alitalia per parecchia gente è solo un comodo pretesto per poter attaccare Roma ed i suoi abitanti. La colpa di aver avuto Alitalia basata per decenni, probabilmente, continua ad essere un affronto troppo grande per farla passare liscia.
Oppure lo si fa per semplice ignoranza e mancanza di stile, boh.
Il giorno in cui si smetterà di porre l'attenzione su quale accento parlano assistenti di volo o persone incontrate per caso, allora avremo fatto un bel passo avanti.
My 2 cents.
Trovo questa risposta un tantinello vittimistica... È sotto gli occhi di tutti come è ridotta Roma e la colpa è dei Romani, altroché. Altro episodio da me personalmente vissuto a Roma tre anni fa. Domenica, zona ministero dell'economia (non propriamente Coccia de Morto...). Devo prendere un mezzo pubblico, nessuna edicola o tabacchino aperto. Chiedo ad un'elegante signora alla fermata se per caso poteva vendermi un biglietto: risposta (con spiccato accento romano, ebbene sì...): "Non si faccia problemi, tanto qui nessuno paga il biglietto..."... E non venirmi ora a parlare di luoghi comuni. Roma caput mundi ...
 
  • Sad
Reactions: Lumia

Lumia

Utente Registrato
8 Gennaio 2013
92
25
Trovo questa risposta un tantinello vittimistica...
Ma dove starebbe il vittimismo?

È sotto gli occhi di tutti come è ridotta Roma e la colpa è dei Romani, altroché
Ah ecco, allora avevo ragione io. Che centra come sarebbe ridotta Roma con il rimarcare l'accento romano, e solo quello, della gente che incontri? A che serve? cosa vuoi comunicare esattamente? Ma alla fine mi hai risposto.

Altro episodio da me personalmente vissuto a Roma tre anni fa. Domenica, zona ministero dell'economia (non propriamente Coccia de Morto...). Devo prendere un mezzo pubblico, nessuna edicola o tabacchino aperto. Chiedo ad un'elegante signora alla fermata se per caso poteva vendermi un biglietto: risposta (con spiccato accento romano, ebbene sì...): "Non si faccia problemi, tanto qui nessuno paga il biglietto..."... E non venirmi ora a parlare di luoghi comuni. Roma caput mundi ...
A Roma sono anni che non si deve più cercare un tabaccaio aperto per comprare un biglietto. lo puoi acquistare tramite sms, app, o con carta contactless (per ora solo su metro e ferrovie concesse). https://www.atac.roma.it/utility/canali-di-vendita

E chiudo perchè non sarebbe giusto portare il thread OT, anzi mi scuso. Però immagino ci siano molti utenti romani che trovano bizzarro quanto me che si accomuni sempre l'accento della città a situazioni poco edificanti senza alcun motivo.