Volotea rinnova la flotta: la base di Genova diventa full A319

by kenyaprince

Volotea, la compagnia aerea low-cost che collega tra loro città di medie e piccole dimensioni e capitali europee, dà ufficialmente il benvenuto all’Airbus A319 che farà base all’aeroporto di Genova, a partire dal 2021. L’Airbus A319 consentirà al vettore di aumentare la propria capacità di trasporto passeggeri del 25% per ogni volo e di offrire un’esperienza di viaggio ancora più comoda e confortevole, garantendo sempre la massima sicurezza e igiene a bordo. Una decisione strategica che, a quattro anni dall’inaugurazione della base genovese, consentirà alla compagnia di raggiungere, grazie al nuovo aeromobile, destinazioni ancora più lontane. Il rinnovo della flotta attesta il piano di sviluppo di Volotea, che vuole diventare un operatore 100% Airbus nei prossimi anni.

La consegna di questo aeromobile rappresenta un passo importante nello sviluppo del vettore: questo modello di aeromobili consentirà, infatti, a Volotea di trasportare il 25% dei passeggeri in più per ogni volo. L’A319, infine, ha un raggio di volo di 3.500 km (1.000 in più rispetto ai B717) e consentirà alla compagnia di raggiungere nuove destinazioni più lontane da Genova.

L’A319 fa parte della famiglia Airbus 320, la linea di aeromobili più venduta al mondo. I velivoli Airbus sono dotati di tecnologie eco-friendly con numerosi benefici: gli A319, infatti, producono meno emissioni di gas serra, sono meno rumorosi e bruciano il 12% in meno di carburante, essendo così più rispettosi dell’ambiente. Infine, tutti gli A319 Volotea sono equipaggiati con filtri ospedalieri dell’aria (HEPA: High Efficiency Particulate Air) che filtrano il 99,97% di particelle come virus e batteri, per viaggi all’insegna della massima igiene.

Durante la scorsa stagione estiva, Volotea si è classificata al primo posto a Genova per volume di posti in vendita (oltre 77.260) e di voli operati (570), mentre durante le imminenti festività natalizie, la compagnia ha confermato un focus su 6 rotte alla volta di Cagliari, Catania, Napoli, Palermo, Lamezia Terme e Parigi (novità 2020).

«Siamo davvero felici di dare il benvenuto a questo nuovo aeromobile al Cristoforo Colombo, che sigilla un ulteriore rafforzamento tra Volotea, Genova e tutta la Liguria. L’avvio delle operazioni a Genova con l’Airbus A319, oltre a permetterci di trasportare un numero maggiore di passeggeri verso destinazioni ancora più distanti, garantendo comfort, sicurezza e qualità del servizio a bordo, lancia un segnale di speranza per tutto il comparto turistico, così duramente provato dal clima di incertezza. L’A319 è un velivolo eccellente molto diffuso sul mercato, che ci permetterà di offrire ottime prestazioni, sviluppando la nostra flotta a lungo termine» – ha affermato Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea.

«Siamo particolarmente soddisfatti della scelta di Volotea e del suo presidente Carlos Muñoz di continuare a investire sull’aeroporto di Genova – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti –, a maggior ragione in un momento come questo, con la pandemia da Covid 19 che ha influito in maniera pesantissima sul movimento delle persone. L’arrivo del nuovo Airbus, però, è un segnale di speranza, una scelta che guarda al futuro e che conferma come l’aeroporto di Genova, grazie al lavoro portato avanti in sinergia dalle istituzioni e dagli operatori del settore, sia un hub di valenza nazionale e internazionale, non solo dal punto vista turistico. Anche se la nostra attenzione e il nostro impegno sono in questo momento ovviamente concentrati sulla sanità, non smettiamo di lavorare per dare ai liguri un sistema sempre più forte e connesso, a investire in collegamenti e logistica, con un occhio rivolto sempre al domani».

«L’arrivo del nuovo aeromobile di Volotea conferma la volontà della compagnia di investire sulla nostra città. Una scelta che in questo periodo particolare assume significati importanti – sottolinea il Sindaco di Genova, Marco Bucci -. Il Cristoforo Colombo, interessato anche da una vasta opera di ampliamento, realizzata in parte anche grazie ai fondi derivanti dal Programma Straordinario di investimenti previsto dal Decreto Genova, si conferma uno scalo con enormi potenzialità e con la particolarità, quasi unica al mondo, di essere un aeroporto molto vicino al centro cittadino. Scelte come quella di Volotea ci fanno capire come Genova stia diventando strategica e ci permettono di continuare a guardare al futuro con grande ottimismo!».

«Nella fase storica più delicata per il trasporto aereo, l’aeroporto di Genova e Volotea guardano al futuro, potenziando l’accessibilità dello scalo con la riqualificazione dell’aerostazione e presidiando la posizione competitiva del vettore in vista della ripresa del traffico – dice Paolo Emilio Signorini, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale. – Credo che sia la migliore risposta anche per dare adeguate assicurazioni ai lavoratori sulle prospettive dello scalo».

«In questo momento di grande difficoltà per il settore del trasporto aereo, la scelta di Volotea di confermare la sua base e l’introduzione di un aeromobile più moderno e capiente è un grande segnale di fiducia per tutta la Liguria – commenta Paolo Odone, Presidente dell’Aeroporto di Genova. – In questi anni Volotea ha costruito un network nazionale e internazionale capace di rispondere alle esigenze dei residenti liguri, diventando la prima compagnia per numero di rotte e passeggeri trasportati. L’attività di Volotea non solo genera occupazione diretta, grazie alla presenza dei suoi aeromobili e dei suoi equipaggi, ma contribuisce allo sviluppo dell’economia ligure migliorando la connettività della nostra regione e consentendo a centinaia di migliaia di persone di viaggiare ogni anno da e per la Liguria per lavoro e per piacere. Siamo grati a Volotea, al suo Presidente Carlos Muñoz e a tutto il suo team per la preziosa e proficua collaborazione».

You may also like


bamby69

Utente Registrato
18 Marzo 2011
1,088
1
Lo sta eliminanado anche la DL, o lo abbia già messo a terra e credo che abbia fatto la sua epoca, ci ho volato da NAP/CTA poco più di mezz'ora di volo e mi sono chiesto dove stava il loro guadagno ad avere in servizio un aereo del genere e come potesse stare in alto vecchio come era!
 

FlyKing

Moderatore
Utente Registrato
14 Aprile 2011
5,852
24
Genova - LIMJ
Lo sta eliminanado anche la DL, o lo abbia già messo a terra e credo che abbia fatto la sua epoca, ci ho volato da NAP/CTA poco più di mezz'ora di volo e mi sono chiesto dove stava il loro guadagno ad avere in servizio un aereo del genere e come potesse stare in alto vecchio come era!
Vecchio com’era, i 717 non hanno più di 20 anni
 

marcofvg

Utente Registrato
3 Dicembre 2012
624
21
Udine
Ma come ... "vecchio com'era"!?
Il B717 non è mica "vecchio"; l'MD80 è vecchio.
Certo, il B717 non è "nuovo" (ovvero uscito "ieri" dalla produzione), ma mi sembra essere comparabile all'A319-20-21 e ai B737 come età.
Che poi le aerolinee lo vogliano dismettere perché ormai risulterà antieconomica la sua manutenzione e la sua gestione complessiva (es. ricambistica dell'aereo e dei motori), questo è un altro paio di maniche.

Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk
 
  • Like
Reactions: 777Aeromexico

AAAndy

Utente Registrato
25 Dicembre 2016
69
25
ho fatto un GOA - OLB su B717.
Mi ha stupito la silenziosità (ero nelle prime file).
 

AAAndy

Utente Registrato
25 Dicembre 2016
69
25
Comunque giusto per fare il mugugnone genovese, fermo restando il fatto che ogni passeggero in più è una manna dal cielo sempre e comunque, è un peccato avere, tranne alcuni operativi sul nazionale (dove sostanzialmente Volotea ha ripreso le tratte mollate da AZ anni fa), solo degli operativi internazionali stile 2XW su destinazioni vacanze (per i genovesi che in estate vanno a farsi la settimana in grecia). peccato non si riesca a fare di più.