Aviazione Civile
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 26 a 28 su 28
  1. #26

    Predefinito

    Aggiungo i miei due centesimi...

    Il mio flusso di lavoro funziona così. Anzitutto se sono in vacanza porto con me una unità di backup (EMTEC Photocube), che tengo nella cassaforte dell'albergo. La sera scarico le schede di memoria sull'unità di backup, così sono sicuro di averne copia e se dovessi scattare più del previsto, posso sempre formattare una scheda.

    Per il mio flusso di lavoro uso un HD esterno, che chiamo "disco di lavoro". Ho copiato questo flusso di lavoro da un amico che fa il fotografo di mestiere.

    Creo una cartella con l'argomento. Io uso anno.mese titolo, così le cartellette mi restano in ordine di data.
    All'interno di questa cartella ne creo una chiamata "Draft" e ci copio dentro il contenuto delle schede. Non cancello le schede fin che non ho terminato la postproduzione, però.

    Do una passata veloce a questa cartella e cancello le foto irrecuperabili o insignificanti. E' più facile che io cancelli una foto insignificante piuttosto che una irrecuperabile perchè il software di fotoritocco evolve e immagini irrecuperabili oggi potrebbero non esserlo domani.

    Creo una copia della cartella "Draft" e la rinomino "Final". Questi sono i files che elaboro. Sono contrario ad una elaborazione spinta, mi limito a raddirizzare orizzonti, correggere la prospettiva e aggiustare i livelli. Ammetto di non essere bravo nel fotoritocco, mi devo ancora fare le ossa.
    Salvo le immagini con la massima qualità e le ordino. La mia convenzione è "anno.mese.giorno - numero - titolo - luogo". Se mi accorgo di aver sbagliato e ho bisogno di recuperare il file originale, lo recupero dalla cartella "Draft". Per assegnare i nomi, faccio ricorso ai miei appunti ed alle coordinate GPS. Essendo un fotografo di paesaggio, soprattutto urbano, per me è importante localizzare i singoli scatti. A volte scatto immagini di targhe di vie o cartelli indicanti monumenti che mi aiutano a capire, mesi dopo, qual'era il luogo o il soggetto.

    Quando ho finito, mi trovo con un certo numero di immagini, numerate e con un titolo che mi ricorderà cos'era e dove ho scattato anche dopo anni, come le etichette delle mie diapositive. A questo punto utilizzo la funzione di batch processing per fare una copia delle immagini contenute nella cartella "Final", ridimensionandole a 1600x1200 o 2000x1500 pixel e abbassando leggermente la qualità. Queste immagini vanno in una cartelletta "Shared". Sono le immagini che invierò via posta elettronica, mostrerò al PC o proietterò. La dimensione e il peso inferiori mi consentono di gestirle meglio e il fatto che siano già pronte aiuta.

    Faccio la stessa cosa ridimensionando a 640x480 o 800x600 punti e mettendo le immagini in una cartella che chiamo "Small". Questa è la cartella dove vado per cercare le immagini che mi servono e per le immagini da caricare nei forum. La dimensione ridotta del file aiuta a muoversi rapidamente.

    Quindi per ogni immagine ho l'originale nella cartella "draft", la versione definitiva nella cartella "final" e due copie di dimensioni inferiori nelle cartelle "shared" e "small". A questo punto ho finito.

    Copio la cartella principale con le sottocartelle sui due HD di backup, che tengo in posti diversi, e copio solo la cartella "Small" sull'HD del mio computer, così posso rintracciare ogni mia immagine senza bisogno dell'HD esterno e senza occupare troppo spazio sull'HD del computer. A questo punto, terminato il lavoro, formatto le schede di memoria per poterle riutilizzare.

    Al momento sto usando un disco di lavoro da 500GB e due HD di backup da 1,5TB ciascuno. Considerato che l'anno scorso ho aggiunto circa 250GB di materiale, questo sistema consente alcuni anni di autonomia, dopodichè trasferirò i files su HD nuovi e più capienti.

    Spero di essere stato utile.

  2. #27

    Predefinito

    grazieee!

  3. #28

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da saimon Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti,
    piccolo post senza foto per tutti gli spotters che scattano foto in RAW.

    Premetto, non si tratta di una mia "scoperta", ma frequentando forum di fotografia, si trovano notizie molto interessanti.
    Ora Vi spiego: in questo sito
    http://www.luminous-landscape.com/co...er-Edges.shtml
    è possibile scaricare gratuitamente un piccolo eseguibile che consente di recuperare il reale formato dell'immagine ripresa dal sensore della nostra macchina.

    In sintesi vi spiego come funziona: apriamo la nostra immagine RAW con camera raw (per i meno esperti, è l'applicativo che apre i nostri RAW in Photoshop) e a questo punto salviamo l'immagine con estensione DNG.
    Sarà sufficiente trascinare il nostro nuovo file sull'icona dell'eseguibile che abbiamo scaricato precedentemente dal sito che ho indicato. L'immagine verrà sovrascritta senza perdita di alcuna infomazione.

    Perché questa necessità? Non so a voi, ma vi è mai capitato di tagliare una piccola porzione di estremità di aeromobile (tip alare, per esempio), guardiamo la foto e manca quel pezzettino che fà la "differenza".... DISPERAZIONE e buttiamo la foto; in realtà le informazioni che il sensore riesce a catturare sono spesso nascoste all'interno del file e non vengono visualizzate completamente. Per farvi un esempio, sulla mia macchina (Olympus E510) si recupera un buon 7% di dimensioni e non è poco, quando dietro l'equilibratore sembra non resti spazio che per uno spillo.
    Provate e fatemi sapere, rimarrete sorpresi.

    Buoni esperimenti e a presto.
    Ciao, scusa, utilizzando una full frame ne vale la pena, o non serve a nulla?

Pagina 2 di 2 primaprima 12

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •