Aviazione Civile
Pagina 3 di 11 primaprima 1234567891011 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 51 a 75 su 266
  1. #51

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da East End Ave Visualizza il messaggio
    Io osservo quel che succede da noi Paolo, con micro tagli di cesello che messi gli uni sugli altri a fine anno comportano milioni e milioni di cost saving, la famosa storia dell'oliva insomma. Che non risolve, ma aiuta.
    Pensando a come vanno certe cose qui da noi, all'andazzo di come si comportano mediamente i lavoratori italici all'interno di macro-strutture (malattie, 104, distacchi sindacali etc...), alle dinamiche societarie che vedono ancora oggi un'azienda in A.S. scialacquare liberamente in fiere e convegni a suon di bollicine, premi, incentivi, biglietti premio a go go, serate sponsorizzate ovunque...non posso non chiedermi cosa si intenda per A.S. , cosa facciano i 3+1 da tre anni, dove sia l'attenta gestione finanziaria, il serrato controllo su ogni costo e la scure sugli sprechi, che so per certo essere incredibilmente notevoli a tutt'oggi.
    Mentre la barca affonda.
    Per carità, tutto vero. Resta però difficile da spiegare come l’aumento dei ricavi a parità di volato non si traduca in un miglioramento della bottom line. Purtroppo senza bilanci non è possibile esprimere pareri sensati.

  2. #52

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da Paolo_61 Visualizza il messaggio
    Senza bilanci è assolutamente inutile commentare, perché non è possibile stabilire se la notizia è vera (in questo momento ci sono mille interessi a mettere in giro voci non controllabilli) ed eventualmente quale sia l'origine della perdita.
    Non è del tutto inutile commentare. Sono due anni e mezzo che i Commissari con i loro superpoteri stanno facendo un ottimo lavoro, (espressione che evidentemente deve avere un significato simile a "mandare tutto a putt@ne") mentre il resto dell'industria inanella record su record.

  3. #53

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da aamilan Visualizza il messaggio
    quello che volevo scrivere. Eppure i ricavi crescono a quanto ci viene detto, cosa incide cosi' tanto allora sui costi e come mai questi maggiori introiti non riescono a coprirli? Le rotte domestiche ed europee sono cosi' negative (fermo restando che l'intercontinentale guadagni)? sarebbe bello vedere un rendiconto di qualche rotta , magari aiuterebbe a capirci meglio.
    I tagli di rete hanno l'effetto di aumentarlo, il CASK, se non si tagliano anche i costi fissi. I problemi di Alitalia sono sempre gli stessi: la dimensione, la posizione dell'hub e la generale inefficacia commerciale dell'organizzazione (che accentua un problema di debolezza del mercato domestico).

  4. #54

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Alitalia, vendita dopo gli esuberi: azienda divisa in due e il volo a Lufthansa

    Martedì 26 Novembre 2019 di Roberta Amoruso

    ROMA La soluzione per il futuro di Alitalia non è ancora a portata di mano. Ma la frenata di Atlantia sulla cordata con Delta e Fs, oltre a spingere il governo a «prenderne atto» con qualche irritazione, sta spingendo anche la compagnia aerea verso un nuovo possibile scenario: un’Alitalia divisa in due, alleggerita, ristrutturata e a quel punto appetibile per una nuova cordata formata dall’asse Fs-Atlantia-Lufthansa con l’appoggio del Mef. Niente di deciso, sia chiaro, sono molti i dubbi del governo su questo fronte. «Stiamo valutando diverse possibilità, lo spezzatino e la vendita di asset separati domani non è tra queste», ha chiarito ieri il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, parlando di Alitalia a Quarta Repubblica. «Lufthansa ha fatto proposta commerciale, non fa proposta di equity, ma c’è bisogno anche di capitale per una nuova società».
    Ma in realtà dopo che è sceso il gelo sulla cordata con Delta in trattativa da mesi, si stanno vagliando una ad una le possibili alternative. A partire dallo scenario che può coinvolgere Lufthansa.
    Il disegno già definito nello schema di massima con tutte le sue complessità tecniche, presuppone però una condizione precisa: e cioè che vadano in porto le manovre in corso del governo e in particolare del premier, Giuseppe Conte, per stanare l’interesse dei tedeschi di Lufthansa. Non a caso nelle stesse ore in cui si va rielaborando il piano si stanno sondando anche le intenzioni di Atlantia, l’altro fronte di manovra, che a quanto pare sarebbe pronta a fare la sua parte. Del resto, già da tempo la società della famiglia Benetton trattando al tavolo con Delta e Fs aveva mostrato perplessità sull’indisponibilità degli americani a superare il 10% di Alitalia e a fornire le garanzie necessarie sull’ampliamento delle rotte verso gli Usa attraverso Skyteam. E quando Lufthansa si è affacciata alla finestra, Atlantia sembra aver intravisto subito nei partner tedeschi più chance di redditività rispetto a quelle assicurate dagli americani. Sullo sfondo, Fs rimane in campo con il suo piano. Ma anche Delta non si può considerare ancora fuori dai giochi, seppure sia un partner alternativo a Lufthansa. Dunque sarà Patuanelli, a dettare tempi e modalità della nuova fase nella procedura Alitalia. Il ministro lo farà dopo aver analizzato anche la relazione dei tre commissari straordinari e dopo aver raccolto l’esito delle manovre gestite da Conte sul fronte Lufthansa, da una parte, e Atlantia, dall’altra.

    IL PIANO ALTERNATIVO
    Qual è il progetto che può piacere ai tedeschi? L’idea è quella di affidare la ristrutturazione lampo di Alitalia ai tre commissari straordinari che hanno oggi in mano la gestione. Senza dunque affidare il dossier ad un commissario ad acta, come immaginato nelle ultime ore. Del resto, l’ipotesi non convince granché nel governo. Di qui la scelta di confermare la guida della nuova fase ai tre professionisti.
    Per la verità, Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo non hanno nascosto, soprattutto negli ultimi giorni, una certa irritazione per un dossier passato nei fatti all’ottava proroga mettendo a rischio l’operatività di una compagnia che non può fare a meno del prestito pubblico da 400 milioni se vuole arrivare a marzo. E dunque ora più che mai i tre commissari spingono per una svolta che dia alla compagnia «la ragionevole prospettiva industriale» che le consentirebbe di accedere al prestito-ponte.
    L’ipotesi è che ai commissari sia affidata la missione di dividere in due società l’attuale Alitalia, tra attività di volo (che comprende piloti e assistenti di volo) e asset di terra (amministrazione) e l’handling (ceck-in, biglietteria e manutenzione): una società, quest’ultima, cui farebbero capo circa 3.500 esuberi individuati dai tedeschi. Dopodiché, il modo per alleggerire il conto passerebbe da due strumenti: l’intervento del governo con ammortizzatori sociali di diverso tipo, dalla cassa integrazione (sono oltre 1.000 i lavoratori già in Cig) ai prepensionamenti alla solidarietà espansiva; ma anche la cessione a Lufthansa delle attività di volo. Così si spiegherebbe l’obiettivo di dimezzare gli esuberi chiesti da Lufthansa inizialmente (da 6.000 agli attuali 3.500). Una schema di massima che andrà definito nei dettagli: soprattutto per quel che riguarda i lavoratori dell’handling, probabilmente destinati ad Adr.


    https://www.ilmessaggero.it/pay/edic...s-4886070.html
    Ciao

  5. #55

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Su Alitalia nulla si muove. Intanto i sindacati fanno la conta degli esuberi: ce ne sarebbero circa 4mila

    L'incontro tra i commissari e Patuanelli non ha portato a nessun passo in avanti



    -
    Alla fine, sia pure a microfono spento, alcuni ammettono che in Alitalia ci sono almeno 4.000 persone di troppo di cui più di un terzo fra il personale navigante. È il conto, a spanne, che alcune organizzazioni dei lavoratori inviano al governo mettendo le mani avanti. Se ci sono esuberi vanno assistiti con ammortizzatori sociali per tre o quattro anni e questi sono i numeri con cui bisognerà fare i conti.
    Presi dal disorientamento per la mancanza di informazioni dal governo dopo che sono passati quattro giorni dal fallimento del tentativo di mettere insieme un cordata per salvare Alitalia, i sindacati brancolano nel buio, chiedono convocazioni urgenti e, spaventati, ipotizzano i peggiori scenari e tirano fuori sospetti indicibili: “Ferrovie dello Stato ha assunto quasi mille persone in questo mese per non prendere gli esuberi di Alitalia”, dice un rappresentante dei lavoratori, anche se quelle assunzioni sono state annunciate dall’Ad Gianfranco Battisti già nel piano industriale 2018/2023.
    Tutti si aspettavano una pronta relazione dei commissari al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli dopo che mercoledì e giovedì scorso, Atlantia e Ferrovie avevano fatto sapere, in rapida successione, che non c’erano i presupposti per creare un raggruppamento che salvasse Alitalia. Si stava annunciando infatti che almeno 20,000 persone rischiavano il posto di lavoro. E mentre di fronte al tentativo del gruppo ArcelorMittal di sfilarsi dall’acquisto dell’Ilva nessun ministro si era sottratto dal lanciare un proprio allarme, nel caso Alitalia non è successo niente. E fino ad oggi non c’è stata alcuna vera comunicazione ufficiale sul destino della compagnia. Né una indicazione di quando relazioneranno sul fallimento della procedura di vendita di Alitalia i commissari. A creare ulteriore confusione ci ha pensato il presidente del Consiglio con un’intervista questa mattina ha parlato come se non fosse successo nulla.
    Rispondendo ad una domanda durante una tavola rotonda, Giuseppe Conte oggi ha detto: “Insieme al ministro per lo sviluppo economico Stefano Patuanelli stiamo lavorando intensamente perché parli italiano, se dovrà interloquire con americani e tedeschi sarà secondario. Vediamo chi sarà miglior sponda per rilanciare Alitalia. Noi siamo per così dire neutri rispetto alla scelta tra americani e tedeschi, ora c’è un dialogo avviato con Delta”. Per poi aggiungere sibillino: “Stiamo cercando di finalizzare, deve essere un piano industriale, noi vogliamo una soluzione sostenibile, che possa offrire prospettiva. Non escludiamo un passaggio temporale”.
    Sibillino Conte, scomparsi i tre commissari Enrico Laghi, Davide Discepolo e Stefano Paleari, muti al ministero dello Sviluppo economico che pure è il destinatario della relazione sulla procedura di vendita e la persona che deve decidere il da farsi. In 28 mesi, infatti, non si è riuscito a trovare nessuno che rilevasse l’intera azienda e senza esuberi come era stato chiesto dal precedente dai precedenti governi. Ricostruire tutte queste vicende è un lavoro complesso anche per chi ha avuto in mano il cubo di Rubrik della trattativa per oltre due anni e mezzo, e conosce la pratica a memoria. Ma poiché si è nel corso di una procedura fallimentare, i commissari devono rendicontare la gestione, ancora deficitaria di Alitalia, e anche ricostruire i 9 mesi di trattative fra Ferrovie dello Stato, Atlantia, Lufthansa e Delta. Normale che sia un lavoro che richieda tempo, ma almeno un’indicazione il governo e i commissari potevano darla, visto che si tratta pur sempre di parlare del futuro di 11 mila dipendenti di Alitalia, e oltre 20.000 persone dell’indotto coinvolte. E soprattutto perché le scadenze, poi andate a vuoto, le avevano indicate loro e una volta chiusa la trattativa con Delta e Lufthansa le strade che i commissari possono suggerire al ministro Patuanelli sono in qualche modo obbligate.
    Limiti di tempo, dice Vincenzo De Sensi, che insegna Diritto della crisi d’impresa alla Luiss, non ce ne sono. Se per assurdo “il governo continuasse a versare soldi ad Alitalia si potrebbe andare avanti con [la gestione commissariale] all’infinito. Con un unico limite: i prestiti ponte sono appunto dei prestiti che vanno restituiti, se vengono spesi per mantenere in attività l’azienda, contribuiscono a ridurre il valore alla società. L’eventuale acquirente pretenderebbe di scontarli dal prezzo di vendita”. Per il professore però è meglio “una nazionalizzazione”, perché bruciare il capitale versato dallo stato non toglierebbe valore all’azienda. Tanto più conclude “che Alitalia è un’azienda che gestisce attività di interesse pubblico, come il trasporto, e queste operazioni potrebbero scontare un atteggiamento meno intransigente da parte dell’Unione europea”. La direzione per la concorrenza ha aperto un fascicolo sull’acquisto da parte di Fincantieri dei Chantiers de l’Atlantique. Ma non aveva detto nulla sulla nazionalizzazione decisa dal governo francese, quando i cantieri erano già stati assegnati dopo una procedura fallimentare, al gruppo navale italiano.
    All’ipotesi stanno lavorando alcuni parlamentari di Leu, ma per il momento la soluzione pubblica non sembra aver fatto breccia nel governo. Semmai indiscrezioni di stampa e percezioni sindacali e che si vada verso la ristrutturazione gestita dai commissari. “Dopo aver tentato la vendita senza riuscirci, i commissari devono tentare la ristrutturazione dell’azienda e metterla in vendita anche a pezzi, se non decidono di lasciarla fallire”, fa presente un sindacalista.


    https://www.huffingtonpost.it/entry/...b0d50f3294aea4





    Ciao

  6. #56
    Senior Member L'avatar di dario abbece
    Registrato dal
    Oct 2008
    residenza
    milano
    Messaggi
    2,348

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio
    Su Alitalia nulla si muove. Intanto i sindacati fanno la conta degli esuberi: ce ne sarebbero circa 4mila

    L'incontro tra i commissari e Patuanelli non ha portato a nessun passo in avanti



    [COLOR=#666666][FONT=ProximaNova][COLOR=#222222][FONT=ProximaNova]-
    Alla fine, sia pure a microfono spento, alcuni ammettono che in Alitalia ci sono almeno 4.000 persone di troppo di cui più di un terzo fra il personale navigante. È il conto, a spanne, che alcune organizzazioni dei lavoratori inviano al governo mettendo le mani avanti. Se ci sono esuberi vanno assistiti con ammortizzatori sociali per tre o quattro anni e questi sono i numeri con cui bisognerà fare i conti.
    ......

    conto già fatto qui in passato , se non ricordo male...
    "Abbiamo bisogno di presidiare Malpensa, perché sviluppa flussi importanti " (Rocco Sabelli- 23 settembre 2009-audizione alla Camera)

  7. #57
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,920

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Sfugge il motivo per il quale gli ammortizzatori sociali dovrebbero essere di durata doppia rispetto a tutti gli altri cristiani. Apprezzabile, invece, il realismo che, dopo due anni e mezzo, sembra finalmente avere pervaso il sindacato.


  8. #58
    Senior Member L'avatar di East End Ave
    Registrato dal
    Aug 2013
    residenza
    su e giu' sull'atlantico...
    Messaggi
    3,996

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    E allora, finalmente e sempre sia veritiero quanto riportato, cosa assai dubbia negli ultimi tempi ,sarebbero 4mila esuberi la causa principale dell’impossibile pareggio tra RASK e CASK...?

  9. #59
    Senior Member L'avatar di aa/vv??
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Up in the air
    Messaggi
    3,065

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da East End Ave Visualizza il messaggio
    E allora, finalmente e sempre sia veritiero quanto riportato, cosa assai dubbia negli ultimi tempi ,sarebbero 4mila esuberi la causa principale dell’impossibile pareggio tra RASK e CASK...?
    LAI perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 10.000 persone.
    Hanno creato CAI, che perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 2.000 persone.
    Hanno creato SAI, che perdeva un milione al giorno, così hanno creato SAI in A.S. coi suoi 1000 in cassa integrazion, che perde un milione al giorno.
    Ora licenziano altre 4.000 persone, e vedrai... stavolta, utili a palate.
    Scegli un lavoro che ami e non lavorerai mai, nemmeno per un giorno in tutta la vita

  10. #60
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,920

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da aa/vv?? Visualizza il messaggio
    LAI perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 10.000 persone.
    Hanno creato CAI, che perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 2.000 persone.
    Hanno creato SAI, che perdeva un milione al giorno, così hanno creato SAI in A.S. coi suoi 1000 in cassa integrazion, che perde un milione al giorno.
    Ora licenziano altre 4.000 persone, e vedrai... stavolta, utili a palate.
    Alternative?


  11. #61

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da aa/vv?? Visualizza il messaggio
    LAI perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 10.000 persone.
    Hanno creato CAI, che perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 2.000 persone.
    Hanno creato SAI, che perdeva un milione al giorno, così hanno creato SAI in A.S. coi suoi 1000 in cassa integrazion, che perde un milione al giorno.
    Ora licenziano altre 4.000 persone, e vedrai... stavolta, utili a palate.
    Rispetto ai tempi di LAI il settore ha subito una grande ottimizzazione. Se AZ fosse dimensionata come ai tempi di LAI, oggi perderebbe 2-3 M€ al giorno.
    D'altra parte se la compagnia oggi riesce a trasportare circa gli stessi pax di LAI con 13.000 dipendenti in meno, qualche domanda bisogna pur farsela.
    Ciao

  12. #62
    Senior Member L'avatar di aa/vv??
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Up in the air
    Messaggi
    3,065

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    Alternative?
    Assumere 50.000 persone, almeno fai la carità ad un maggior numero di famiglie.

  13. #63

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da aa/vv?? Visualizza il messaggio
    Assumere 50.000 persone, almeno fai la carità ad un maggior numero di famiglie.
    Sono stanco di fare la carità a chi non patisce fame o malattie.
    Ciao

  14. #64
    Senior Member L'avatar di aa/vv??
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Up in the air
    Messaggi
    3,065

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Come la pensi la totalità dei forumisti lo so bene, di certo non mi metto a discuterne. Vedremo.

  15. #65

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Con tutto il rispetto per tutti..il dramma è che in Italia, ci sono continuamente aziende costrette a chiudere e persone, figli di un Dio minore, che perdono il lavoro...ma per loro la storia è ben diversa.

  16. #66
    Senior Member L'avatar di East End Ave
    Registrato dal
    Aug 2013
    residenza
    su e giu' sull'atlantico...
    Messaggi
    3,996

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da aa/vv?? Visualizza il messaggio
    LAI perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 10.000 persone.
    Hanno creato CAI, che perdeva un milione al giorno, e quindi hanno licenziato 2.000 persone.
    Hanno creato SAI, che perdeva un milione al giorno, così hanno creato SAI in A.S. coi suoi 1000 in cassa integrazion, che perde un milione al giorno.
    Ora licenziano altre 4.000 persone, e vedrai... stavolta, utili a palate.
    vero pure che e' stato assai ridotto il perimetro operativo aziendale da LAI in poi; se questo abbia determinato l'attuale sovrabbondanza di personale non ho dati per dirlo io, sembra sia cosi' e francamente, credimi, sentirmi dire ancora ieri da una capo-turno AZ Handling che "...siamo la compagnia di bandiera, ci devono per forza nazionalizzare, che caxxo!" mi ha lasciato l'amara sensazione che vi sia uno scollamento con la realta' che e' un abisso senza fondo...

  17. #67

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da East End Ave Visualizza il messaggio
    ... sentirmi dire ancora ieri da una capo-turno AZ Handling che "...siamo la compagnia di bandiera, ci devono per forza nazionalizzare, che caxxo!" mi ha lasciato l'amara sensazione che vi sia uno scollamento con la realta' che e' un abisso senza fondo...
    Il dramma è che per quanto accaduto in decenni fino ad oggi il capo-turno AZ è al contrario "attaccato" alla realtà, dato che AZ non è stata mai lasciata fallire (appunto della serie "compagnia di bandiera, strategica, che porta i turisti in Italia, etc.") ed anche quelli che in occasione delle varie "ristrutturazioni" di AZ hanno perso il posto di lavoro hanno comunque ricevuto un trattamento che i comuni mortali manco se lo sognano (chi poi non ha la fortuna di avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato si scorda proprio qualunque tipo di tutela). Quindi non mi stupisco affatto che il suddetto soggetto la continui a pensare così.

  18. #68

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Ciao Ragazzi, non c’entra nulla. Il volo AZ722 Roma Atene di domenica sera è atterrato a Napoli, qualcuno sa il perché?

  19. #69
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,478

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Alitalia, il governo: "Il consorzio è finito, al momento non c'è soluzione di mercato"

    Patuanelli: stiamo valutando diverse opzioni con attenzione

    ROMA. Su Alitalia «al momento un soluzione di mercato non c'è»: «stiamo valutando diverse opzioni con attenzione», «non è una proroga al consorzio che si stava costituendo, perché quella strada lì non c'è più». Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in audizione in commissione Industria al Senato. «È dieci anni che si tenta di privatizzare» la compagnia, dice. Ma, sottolinea il ministro, «ha una dimensione che il mercato fa difficoltà ad accettare».

    «Stiamo valutando diverse opzioni con attenzione», spiega Patuanelli sul caso Alitalia. «È dieci anni che si tenta di privatizzare», osserva, tuttavia la compagnia «ha una dimensione che il mercato fa difficoltà ad accettare».

    https://www.lastampa.it/economia/201...ato-1.38000272



  20. #70

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Ho l'impressione che per la prima volta, la politica non sappia davvero come muoversi. Perchè dopo aver sfruttato tutte le scappatoie possibili per rinviare il problema, adesso è inevitabile un'azione che sarà comunque dirompente. Che sia un reale risanamento con relativi esuberi, o all'opposto una nazionalizzazione, credo il tempo delle mezze misure stia finendo.
    Ciao

  21. #71
    Senior Member L'avatar di dario abbece
    Registrato dal
    Oct 2008
    residenza
    milano
    Messaggi
    2,348

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    ......non si può più rimandare.....e non vale solo per Alitalia
    "Abbiamo bisogno di presidiare Malpensa, perché sviluppa flussi importanti " (Rocco Sabelli- 23 settembre 2009-audizione alla Camera)

  22. #72

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio
    Ho l'impressione che per la prima volta, la politica non sappia davvero come muoversi. Perchè dopo aver sfruttato tutte le scappatoie possibili per rinviare il problema, adesso è inevitabile un'azione che sarà comunque dirompente. Che sia un reale risanamento con relativi esuberi, o all'opposto una nazionalizzazione, credo il tempo delle mezze misure stia finendo.
    La seconda più che un'azione la chiamerei una ulteriore scappatoia salva voti....tuttavia, a questo punto, non scarterei del tutto neanche una terza ipotesi....più drastica.

  23. #73

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Infatti la parte Handling e Manutenzione di Alitalia, opera anche per terzi ed ha un bel portafoglio cliente, soprattutto con la line Maintenance e non solo in Italia ma anche all' estero.
    Se dovessero dividere la Manutenzione ed Handling per la parte volo i costi aumenteranno perchè dovrebbero pagare il servizio che verrebbe fatturato da Handling e Manutenzione.
    In passato avevano sperimentato nel 2004 con Alitalia e Alitalia servizi, a fine nel 2008 con il fallimento di Alitalia Lai, la stessa aveva un debito enorme con Alitalia servizi ed Alitalia Airport che le fornivano Manutenzione ed Handling, in più i costi per tenere le in piedi le due società erano lievitati, poiché alcuni enti richiesti dalle normative aeronautiche si sono duplicati, ad esempio il sistema di qualità. C'erano un sistema qualità per la ditta di manutenzione ed uno per la compagnia Aerea, anche i Post Holder richiesti da Enac erano doppi un Manitenance Manager per la parte Volo che doveva seguire la ditta CAMO( quindi gestione del programma di manutenzione) che per EASA le compagnie aeree non possono non avere, ed un altro Maintenance Manager in Alitalia servizi che doveva seguire la AMO( ditta di manutenzione, anche per questa EASA prevede un Maintenance Manager) invece oggi in un Alitalia unificata basta un solo Maintenance Manager sia per CAMO e AMO.
    Quindi credo che l'idea di dividerla non sia proprio ottimale almeno per la parte volo anche perchè tutte le spese per Leasing Aeromobile rimarrebbero in capo a loro e si priverebbero solo delle entrate dei clienti terzi su handling e Manutenzione, credo anche che in questo modo rimarrebbe in capo al volo solo gli stipendi dei naviganti e qualcosina di terra, ma non dimentichiamo che il costo del personale operativo di terra ( chek-in, OUA, Tecnici, rampisti) in realtà è inferiore a quello del personale navigante ( CPT, FO1, AAVV).

    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

  24. #74

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    Quote Originariamente inviato da RogerWilco Visualizza il messaggio
    La seconda più che un'azione la chiamerei una ulteriore scappatoia salva voti....tuttavia, a questo punto, non scarterei del tutto neanche una terza ipotesi....più drastica.
    La liquidazione la escluderei. Non c'è motivo di arrivare ad una conclusione così estrema e sconveniente per tutti.
    Ciao

  25. #75
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,920

    Predefinito Re: Alitalia: cambia tutto?

    L’aspetto che più fa imbestialire è che ci si fosse messi a tavolino a trattare con LH, probabilmente si sarebbe spuntato un accordo soddisfacente per ambo le parti (sicuro migliore di quello cui si puó puntare adesso, se non altro per il valore residuo della Compagnia), e che se anzichè buttare nel cesso i 900 milioni del prestito ponte si fosse allocata la medesima cifra per la gestione della macelleria sociale, ne sarebbero saltati fuori 200.000 euro per ognuno dei 4.500 esuberati (conto medio). Invece si sono persi due anni e mezzo ad inseguire la chimera del partner industriale che doveva mettere soldi e tacere, sotto l’egida ferroviar/ministeriale e con l’unica azienda italiana che la sua parte avrebbe potuta mettercela trattata da appestata e insultata da mane a sera. Il tutto da un branco di incapaci.

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 21 utenti che visualizzano di questa discussione. (2 utenti 19 ospiti)

  1. nofly,
  2. ploncito

Discussioni simili

  1. Alitalia cambia (ancora!) le divise
    Da ripps nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 97
    Ultimo messaggio: 3rd December 2017, 19: 30
  2. Alitalia cambia l'hotel per gli equipaggi a Tokyo
    Da kenyaprince nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 533
    Ultimo messaggio: 1st April 2015, 10: 44
  3. Come cambia Alitalia
    Da salvo81 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 16th June 2011, 11: 44
  4. Alitalia, TPS: farò di tutto per venderla
    Da airblue nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 77
    Ultimo messaggio: 9th February 2008, 00: 59
  5. Ufficiale : Alitalia chiude tutto in Scandinavia
    Da SkySurfer nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 30th January 2008, 17: 06

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •