Aviazione Civile
Pagina 4 di 11 primaprima 1234567891011 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 76 a 100 su 263
  1. #76
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    8,005

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da Casa Visualizza il messaggio
    Complimenti!
    È bello vedere che non sono l'unico ad aver studiato Relazioni Internazionali, ma sopratutto mi fa piacere che facciano lavori fighi!

    Sono l'unico a cui le pagine dell'Huff impiegano tempi biblici per aprirsi?
    Capita anche a me (parlo dei tempi biblici)

  2. #77

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da londonfog Visualizza il messaggio
    Cominciamo dalla fine, prima di tutto i paesi del terzo mondo sono, percentualmente, forti produttori di inquinamento perche' il rispetto dell'ambiente costa. Lo sviluppo economico della Cina e' la prima causa del forte tasso di inquinamento del paese. Quindi, se permetti, non sono d'accordo sul fatto che "chi impatta di piu cresce di meno e chi impatta di meno cresce di piu' "
    Quote Originariamente inviato da SE-ROM Visualizza il messaggio
    Penso che in termini pro-capite - misura utile vista la difformità demografica tra i diversi paesi - sia generalmente vero che chi impatta di più cresce di meno e chi impatta di meno cresce di più; poi è chiaro che molti paesi meno sviluppati sono anche molto popolosi.
    Anch'io non sono molto d'accordo con te londonfog. Puntare il dito contro la Cina, come quella brutta e cattiva, lo trovo un po' troppo semplice a mio avviso. Sarei curioso di sapere quante di quelle emissioni sono dovute alla produzione di beni a basso costo commissionati da imprese europee ed amaricane e destinate al consumo in quei mercati. Il tutto senza un minimo di interesse sul costo ambientale (per non parlare di quello umano) che si paga a produrli. Tanto "lontano dagli occhi, lontano dal cuore", come se esistessero atmosfere e oceani cinesi, europei e americani.
    E nonostante questo, se ragioniamo in termini procapite, come ha giustamente interpretato SE-ROM, la Cina (che è comunque ai minimi storici come crescita demografica) ha emissioni 2,3 volte inferiori agli Stati Uniti ed in linea con la media europea. L' India 9,3 volte inferiori agli USA. L'Africa, il continente in cui il boom demografico è alle stelle, neanche a parlarne.

    Quote Originariamente inviato da londonfog Visualizza il messaggio
    Io vivo nel Regno Unito da quasi trent'anni, in passato ci sono stati almeno due tentativi da parte della politica di 'risolvere' il problema dell'impatto ambientale dell'aviazione civile. Questi tentativi si sono tradotti in tasse sui viaggi aerei, con il risultato che quelli che si potevano permettere uno-due viaggi all'anno hanno volato di meno e quelli che andavano a fare il fine settimana lungo nei Caraibi d'inverno hanno continuato ad andarci
    Cosa ne pensi allora di una tassa progressiva come la proposta avanzata in questa campagna?

    Quote Originariamente inviato da londonfog Visualizza il messaggio
    OT
    Lo so che esula dal tema aeronautico ma ci sono "isole di plastica' a spasso per l'oceano. Tracce di plastica si trovano nella 'catena alimentare' (e non solo nel pesce). Questo e' un problema che riguarda tutti e ognuno di noi puo' contribuire a ridurre l'impatto della plastica sull'ambiente. Quante volte voli in un giorno? Quante volte fai un monouso di un contenitore o di un imballaggio di plastica?

    Fine OT
    Mi trovi d'accordo sul fatto che il problema plastiche e microplastiche sia gravissimo, non c'è alcun dubbio. Vogliamo parlare delle microplastiche che se ne vanno beate in mare ogni qualvolta facciamo un lavaggio di fibre sintetiche? In questo caso il problema è più di carettere ecologico che climatico. Il fatto di esporne uno, non esclude porre interrogativi sull' altro che è altrettanto grave ed urgente.
    Ma anche sul discorso plastiche devono intevenire industrie e politica, perchè finchè ci sarà scelta ci sarà il problema. Dovremmo avere il coraggio di fare azioni più radicali come successo per i sacchetti ad esempio.
    Sembra ufficiale che nella prossima manovra ci sarà una tassa sulla plastica. Sarà abbastanza? Io teorizzavo il contrario, cioè una detassazione alle industrie che utilizzavano imballaggi alternativi, ma speriamo sia un inizio.
    Ultima modifica di FLR86; 16th October 2019 a 15: 19

  3. #78

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da antser Visualizza il messaggio
    Quando volavo Swiss, una decina di anni fa, nel suo onboard magazine annunviava il suo progetto di dotarsi di Bombardier CS100/300 per il corto raggio. Il motivo principe per la scelta di quell'aereo era la riduzione dei consumi anche se, sosteneva Swiss, l'aviazione commerciale era responsabile solo del 3% delle emissioni di CO2.
    Ora, che sia il 3% o il 5%, non bisogna cedere alla tentazione di una facile autoassoluzione. Fermo restando che al trasporto aereo, così com'è, non c'è alternativa e che atteggiamenti assolutisti vanno bene per i talebani ma non per le persone di buon senso, ognuno dovrebbe fare la sua parte, anche nel suo piccolo. Di certo la super regolamentata aviazione fa molto di più, per esempio, del trasporto su gomma e dei tanti tamarri che mappano e "defappano" la propria auto diesel, però è pure vero che se gli aerei sono efficienti e, per quelli nuovi, il consumo unitario diminuisce, aumentano i voli (e i chilometri percorsi dai camion, l'energia generata dalle centrali, la produzione di fabbriche di ogni tipo ecc ecc).
    Come per altri temi epocali, quello ambientale è trattato con grandissima incoerenza, dicendo solo quello che fa comodo e nascondendo la verità: in quasi tutti i settori, l'aumento di efficienza energetica è totalmente cancellato dall'aumento di produzione; questa Terra ce la stiamo giocando e non abbiamo nessuna idea di come porvi rimedio senza, in buona sostanza, distruggere il nostro modello di società
    Almeno per quanto riguarda l’italia, il consumo di prodotti petroliferi è drasticamente calato negli ultimi anni, come dettagliatamente riportato nelle tabelle al link sottostante.
    https://dgsaie.mise.gov.it/consumi_petroliferi.php

    E complimenti a 13900!

  4. #79

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Un grafico non propriamente scentificissimo ma che dà un'idea di massima di come sia messa l'Italia a confronto col resto d'Europa. Dovremmo andare a picchettare la Polonia, altroché. E anche tedeschi e olandesi non è che siano 'sti santi.




    https://www.theguardian.com/environm...-coal-free-run

    E grazie di nuovo a tutti.
    Grafico molto interessante.
    Andrebbe poi fatta una specifica sui combustibili fossili in Italia (grigio chiaro); infatti per quanto ne so, le centrali a olio combustibile o simili sono pressoché tutte chiuse o riconvertite a metano, che è assai più pulito. Lo stesso destino delle ancora esistenti centrali a carbone.

  5. #80

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Se posso permettermi, 13900, in un articolo così esaustivo non ho trovato un accenno alle emissioni non-CO2 che danno un quadro completo sull' impatto totale del settore. È stata una tua scelta o non le hai prese in considerazione?

    [...] In addition to carbon dioxide, emissions from aviation also impact cloud formation, ozone generation and methane reduction amongst other effects. These non-CO2 effects increase the impact of aviation on climate change by a factor of at least 2. [...]

    [...] If aircraft-induced cloudiness is included, this ratio increases to 1.9-2.0, i.e. the impact of aviation on the climate is about twice as high as the impact of the CO2 emissions alone. [...]

    http://www.europarl.europa.eu/RegDat...)569964_EN.pdf

    Quote Originariamente inviato da antser Visualizza il messaggio
    Quando volavo Swiss, una decina di anni fa, nel suo onboard magazine annunviava il suo progetto di dotarsi di Bombardier CS100/300 per il corto raggio. Il motivo principe per la scelta di quell'aereo era la riduzione dei consumi anche se, sosteneva Swiss, l'aviazione commerciale era responsabile solo del 3% delle emissioni di CO2.
    Ora, che sia il 3% o il 5%, non bisogna cedere alla tentazione di una facile autoassoluzione. Fermo restando che al trasporto aereo, così com'è, non c'è alternativa e che atteggiamenti assolutisti vanno bene per i talebani ma non per le persone di buon senso, ognuno dovrebbe fare la sua parte, anche nel suo piccolo. Di certo la super regolamentata aviazione fa molto di più, per esempio, del trasporto su gomma e dei tanti tamarri che mappano e "defappano" la propria auto diesel, però è pure vero che se gli aerei sono efficienti e, per quelli nuovi, il consumo unitario diminuisce, aumentano i voli (e i chilometri percorsi dai camion, l'energia generata dalle centrali, la produzione di fabbriche di ogni tipo ecc ecc).
    Come per altri temi epocali, quello ambientale è trattato con grandissima incoerenza, dicendo solo quello che fa comodo e nascondendo la verità: in quasi tutti i settori, l'aumento di efficienza energetica è totalmente cancellato dall'aumento di produzione; questa Terra ce la stiamo giocando e non abbiamo nessuna idea di come porvi rimedio senza, in buona sostanza, distruggere il nostro modello di società
    Sono d'accordo, specialmente con l'ultima frase.


    Comunque si potrebbe di far diventare questo (cambiandogli nome) il Thread ufficiale per poter postare e discutere notizie inerenti a questi temi.

  6. #81
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,867

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Limiterei il discorso alle emissioni e all'ambito aeronautico, altrimenti si parla di tutto senza approfondire (quasi) nulla.

    Qui trovate un grafico (aggiornato al 2018) delle emissioni di CO2 per paese

    http://www.globalcarbonatlas.org/en/CO2-emissions


  7. #82

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da FLR86 Visualizza il messaggio
    Se posso permettermi, 13900, in un articolo così esaustivo non ho trovato un accenno alle emissioni non-CO2 che danno un quadro completo sull' impatto totale del settore. È stata una tua scelta o non le hai prese in considerazione?
    Ciao FLR, nell'articolo le misure in tonnellate che vedi sono CO2-equivalenti. Da Eurostat: Greenhouse gases (CO2, N2O in CO2 equivalent, CH4 in CO2 equivalent, HFC in CO2 equivalent, PFC in CO2 equivalent, SF6 in CO2 equivalent, NF3 in CO2 equivalent). Io ho provato a tradurre tutto 'sto papiello in "CO2-equivalenti"....
    Are we there yet? Stories from the road.

  8. #83

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Ciao FLR, nell'articolo le misure in tonnellate che vedi sono CO2-equivalenti. Da Eurostat: Greenhouse gases (CO2, N2O in CO2 equivalent, CH4 in CO2 equivalent, HFC in CO2 equivalent, PFC in CO2 equivalent, SF6 in CO2 equivalent, NF3 in CO2 equivalent). Io ho provato a tradurre tutto 'sto papiello in "CO2-equivalenti"....
    Ah ok, grazie. My bad!

  9. #84

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da FLR86 Visualizza il messaggio
    Ah ok, grazie. My bad!
    Figurati... scrivere in italiano m'e' sinceramente riuscito difficile.
    Are we there yet? Stories from the road.

  10. #85

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Quote Originariamente inviato da Normalaw Visualizza il messaggio
    Ogni a/m classe 737 NG/A320 che atterra nella TMA di Milano è soggetto ad una discesa anticipata rispetto al profilo ideale economico, cio si traduce in un consumo addizionale di 100-200 kg (a volo). Provenendo da Nord ( svizzera ) il controllo svizzero ordina la discesa gia' al confine nord (germania-francia).
    Ciao, nella mia esperienza posso dirti che - nella stragrande maggioranza dei casi - quando gli svizzeri o i francesi trasferiscono a Milano un arrivo per un aeroporto della TMA, l'equipaggio è pronto ad un'ulteriore discesa, segno che è sul corretto profilo, se non addirittura alto. Una notevole eccezione a questa tendenza sono gli arrivi a Bergamo via TOP, che sono pesantemente penalizzati sul piano verticale (FL250 in ingresso nell'area di Milano, con più di 120NM da percorrere). Una cosa insensata, di cui ignoro il motivo.

    Condivido però il discorso di massima: in Italia meno che altrove ci sono un sacco di restrizioni, pensate per togliere traffico ad alcuni specifici settori di controllo, che hanno effetti nefasti sull'efficienza del volo, e di conseguenza sul suo impatto ambientale. Mi viene in mente la discesa molto precoce per l'aeroporto di Marsiglia, quando si proviene dall'area di Milano: gli arrivi a Marsiglia devono essere a FL230 sul confine Milano/Marsiglia, anche lì con un centinaio di miglia abbondanti da fare.
    Purtroppo, finché non risolveremo il problema della capacità dei settori di controllo europei (laddove Marsiglia e alcuni settori tedeschi sono tra worst offenders), continueranno ad esistere queste rigidità.

    Altro è il punto sulle "nuove" procedure di arrivo a Malpensa (i c.d. "tromboni"), che hanno effettivamente un profilo di volo più basso rispetto al passato. Questo non è casuale, ma serve a poter "mandar dentro" qualunque aereo verso il final approach fix, garantendogli un corretto rapporto tra la sua quota e le miglia da percorrere. In quel caso, mi viene da dire che l'inefficienza del profilo verticale viene più che compensata dal minor tempo passato in volo, ma è una valutazione spannometrica.

    Mi unisco ai complimenti all'amico 13900: bravo!

  11. #86
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    8,005

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da FLR86 Visualizza il messaggio
    ... Puntare il dito contro la Cina, come quella brutta e cattiva, lo trovo un po' troppo semplice a mio avviso.
    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    Qui trovate un grafico (aggiornato al 2018) delle emissioni di CO2 per paese

    http://www.globalcarbonatlas.org/en/CO2-emissions
    Il cambiamento di clima e' un problema globale, se guardi il grafico nel link di Dancrane ti rendi conto di quanto sia importante la Cina (e gli USA) nella lotto per limitare il cambiamento di clima. A questo vorrei aggiungere la deforestazione rampante dell'Amazonia in Brasile. Con questo non voglio assolvere nessun'altro paese e, probabilmente, ho il dente avvelenato con Extinction Rebellion perche' hanno bloccato il centro di Londra per quasi due settimane e questo mi ha causato grossi inconvenienti.
    Rimango del parere che concentrarsi sull'aviazione ignorando altre cause di 'global warming' sia troppo facile, relativemente inutile e di forte 'riscontro' sui media. Con questo, ribadisco, che sono discussioni che vanno fatte ma con parametri realistici e scientifici. (vedi articolo di 13900)

  12. #87
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,976

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Mi accodo ai complimenti per l'ottimo Fabrizio!

    DaV
    https://possiamopartireadesso.wordpress.com/

    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  13. #88

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Complimenti anche da parte mia per l'ottimo articolo pieno di fatti e scritto in modo chiaro e comprensibile a tutti!

    Probabilmente vado OT, ma approfitto per fare i complimenti anche a Nicola per i suoi interessantissimi articoli (sempre sul Huffington Post)

  14. #89

    Predefinito Re: Complimenti a 13900!!

    Congrats

    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

  15. #90

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    https://video.repubblica.it/mondo/lo...-C4-P1-S1.4-T1

    Poverino, io lo avrei aiutato. Intendo, quello che lo ha tirato giù dal treno...

  16. #91
    Member L'avatar di Viking
    Registrato dal
    Aug 2009
    residenza
    Milano
    Messaggi
    1,881

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da enzomatto Visualizza il messaggio
    https://video.repubblica.it/mondo/lo...-C4-P1-S1.4-T1

    Poverino, io lo avrei aiutato. Intendo, quello che lo ha tirato giù dal treno...
    Si può dire che è un gretino (cioè supporter di Greta)?

  17. #92

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da enzomatto Visualizza il messaggio
    https://video.repubblica.it/mondo/lo...-C4-P1-S1.4-T1

    Poverino, io lo avrei aiutato. Intendo, quello che lo ha tirato giù dal treno...
    Stunts come questi non aiutano il movimento.

    Il problema del cambiamento climatico va affrontato con logica, secondo me, lavorando con intelligenza a risolverne le cause. Deve funzionare a ogni livello, dall'inviduo che nel suo piccolo compra il detersivo 'alla spina' e magari mangia piu' pollo e meno manzo, fino alla macroeconomia dello stato che dismette le centrali a carbone, passando per l'industria del trasporto marittimo che smette di usare la nafta.

    Extinction Rebellion aveva una sua certa utilita', quella di catalizzare il pensiero pubblico e di rendere visibile la questione. Salire su treni, incollarsi alla DLR, fare queste ca**te, non serve. Perche' non vanno a Belchatow a inchiodarsi alla centrale a carbone piu' grossa d'Europa? 30.000 tonnellate all'anno di CO2 emesse. Un po' di piu' di salire sul tetto della Jubilee a rompere i cabbasisi a gente che non ha auto, usa i mezzi pubblici e magari - poracci loro - e' pure vegana.
    Are we there yet? Stories from the road.

  18. #93
    Junior Member
    Registrato dal
    Oct 2018
    residenza
    ARN
    Messaggi
    94

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Stunts come questi non aiutano il movimento.

    Il problema del cambiamento climatico va affrontato con logica, secondo me, lavorando con intelligenza a risolverne le cause. Deve funzionare a ogni livello, dall'inviduo che nel suo piccolo compra il detersivo 'alla spina' e magari mangia piu' pollo e meno manzo, fino alla macroeconomia dello stato che dismette le centrali a carbone, passando per l'industria del trasporto marittimo che smette di usare la nafta.

    Extinction Rebellion aveva una sua certa utilita', quella di catalizzare il pensiero pubblico e di rendere visibile la questione. Salire su treni, incollarsi alla DLR, fare queste ca**te, non serve. Perche' non vanno a Belchatow a inchiodarsi alla centrale a carbone piu' grossa d'Europa? 30.000 tonnellate all'anno di CO2 emesse. Un po' di piu' di salire sul tetto della Jubilee a rompere i cabbasisi a gente che non ha auto, usa i mezzi pubblici e magari - poracci loro - e' pure vegana.
    Proprio per questo suggerivo di scorporare le due discussioni - se uno dei moderatori può. Sarebbe un peccato aprire un nuovo thread per discutere dell'impatto ambientale dell'aviazione civile e perdere i contributi già postati qui.

  19. #94

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da SE-ROM Visualizza il messaggio
    Proprio per questo suggerivo di scorporare le due discussioni - se uno dei moderatori può. Sarebbe un peccato aprire un nuovo thread per discutere dell'impatto ambientale dell'aviazione civile e perdere i contributi già postati qui.
    Hai ragione, IMHO. Dancraaaaneeeeeee...
    Are we there yet? Stories from the road.

  20. #95

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da SE-ROM Visualizza il messaggio
    Proprio per questo suggerivo di scorporare le due discussioni - se uno dei moderatori può. Sarebbe un peccato aprire un nuovo thread per discutere dell'impatto ambientale dell'aviazione civile e perdere i contributi già postati qui.
    Hai ragione, IMHO. Dancraaaaneeeeeee...
    Are we there yet? Stories from the road.

  21. #96
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,867

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Riesce difficile fare una separazione delle due discussioni (andrebbero movimentati i singoli messaggi e diventa complesso), l'unica a mio avviso è unirle, si mischiano un po' i post ma ci si raccapezza meglio a seguire. Tanto, ormai, i complimenti a 13900 li abbiamo fatti...

    Edit: vediamo se così migliora


  22. #97

    Predefinito Re: Questione ambientale e settore aviazione

    Domanda per i nostri piloti, specie quelli (Oneshot?) che volano su 320ceo e neo: quanta differenza vedono, su stessa/comparabile rotta e load, tra un aereo e l'altro? Parlavo un po' di tempo fa con un amico dispatcher che si meravigliava della differenza di fuel uplift tra neo e ceo. Mi diceva che gli era capitato di sbrigare un ceo per GLA e un neo per EDI e, per quest'ultimo, si era allarmato credendo che avessero chiesto il fuel per un volo fino a NCL e non per EDI... poi s'e' reso conto del tipo di aereo.
    Are we there yet? Stories from the road.

  23. #98
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,867

    Predefinito Re: Attivista si arrampica sull'aereo a LCY

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    ...

    Il problema del cambiamento climatico va affrontato con logica, secondo me, lavorando con intelligenza a risolverne le cause. Deve funzionare a ogni livello, dall'inviduo che nel suo piccolo compra il detersivo 'alla spina' e magari mangia piu' pollo e meno manzo, fino alla macroeconomia dello stato che dismette le centrali a carbone, passando per l'industria del trasporto marittimo che smette di usare la nafta.

    ...
    Esattamente. Sino a quando si discute del singolo settore, non se ne esce, prova ne è che anche a cancellare l'aviazione si passerebbe da 100 a 96 come indice. Lo sforzo da fare, invece, è quello di impegnarsi, ognugno nel proprio settore e nella propria produzione di CO2 ed affini, a ridurre le emissioni. Senza dimenticare che tutto questo ha un costo, e non ci si deve nascondere dietro al dito di non poterselo permettere come scusa per rimanere fermi al palo.


  24. #99
    Member L'avatar di OneShot
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Paris
    Messaggi
    1,581

    Predefinito Re: Questione ambientale e settore aviazione

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Domanda per i nostri piloti, specie quelli (Oneshot?) che volano su 320ceo e neo: quanta differenza vedono, su stessa/comparabile rotta e load, tra un aereo e l'altro? Parlavo un po' di tempo fa con un amico dispatcher che si meravigliava della differenza di fuel uplift tra neo e ceo. Mi diceva che gli era capitato di sbrigare un ceo per GLA e un neo per EDI e, per quest'ultimo, si era allarmato credendo che avessero chiesto il fuel per un volo fino a NCL e non per EDI... poi s'e' reso conto del tipo di aereo.
    Eccomi, mi hai cercato?
    La differenza la si nota eccome fra i due. Non ti posso dare dati recenti o statistiche perché non ne ho e non me le ricordo, ma se la memoria non mi inganna, col CEO in crociera sei sui 1000/1100 kg/h a motore (flussometro a FL 370 e aereo pieno) col NEO si è abbondantemente sotto a 1000.
    Mi aveva colpito il Minimum diverting fuel sui voli per FCO con alternato CIA: il CEO vorrebbe 2000kg, il NEO 1600kg. Calcola che sotto i 1500 (750kg ogni innertank) hai una master caution L/R wing tank LOW LEVEL.

  25. #100

    Predefinito Re: Questione ambientale e settore aviazione

    Quote Originariamente inviato da OneShot Visualizza il messaggio
    Eccomi, mi hai cercato?
    La differenza la si nota eccome fra i due. Non ti posso dare dati recenti o statistiche perché non ne ho e non me le ricordo, ma se la memoria non mi inganna, col CEO in crociera sei sui 1000/1100 kg/h a motore (flussometro a FL 370 e aereo pieno) col NEO si è abbondantemente sotto a 1000.
    Mi aveva colpito il Minimum diverting fuel sui voli per FCO con alternato CIA: il CEO vorrebbe 2000kg, il NEO 1600kg. Calcola che sotto i 1500 (750kg ogni innertank) hai una master caution L/R wing tank LOW LEVEL.
    Apperò. 20% un meno per il minimum fuel e se il consumo a crociera è 900 kg/h siamo tra il 10 e il 20% di risparmio... Tu pensa se oltre ai motori ci fossero anche ali nuove!

    Grazie mille!

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Posizioni aperte nel settore dell'aviazione
    Da LOW FUEL nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 22nd April 2013, 17: 03
  2. Riqualificazione ambientale di viale Forlanini
    Da frenchMXP nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 18th September 2009, 17: 01
  3. Orio:Certificazione ambientale per l' aeroporto
    Da omarre nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 13th March 2008, 18: 59
  4. Veltroni:ridurre impatto ambientale di Ciampino
    Da kernel nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 17th October 2006, 12: 04
  5. [ANNUNCI] Ricerca Personale nel settore aviazione
    Da saralice nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 26th March 2006, 12: 50

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •