Aviazione Civile
Pagina 2 di 10 primaprima 12345678910 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 26 a 50 su 236
  1. #26
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,381

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    ​Le chiacchiere continuano:

    Gino Lisa tra gli scali «nazionali», l'ente camerale chiama la «Bocconi»


    Commissionato uno studio sulle potenzialità dell'aeroporto classificato di interesse regionale

    «Se venissero meno gli aeroporti italiani con traffico inferiore a 2 milioni di passeggeri ci sarebbe uno spostamento di ricchezza dalle aree meno sviluppate a quelle più ricche, accentuando il divario economico e sociale già fortemente esistente nel nostro Paese». Questa l’opinione, suffragata da uno studio dettagliato, di Unioncamere, che la scorsa settimana ha riunito a Roma i suoi soci, oltre a diversi esperti, per fare il punto sul Piano aeroporti nazionale, nel momento di passaggio dal governo di Enrico Letta a quello di Matteo Renzi. Il ministro (riconfermato) alle Infrastrutture Maurizio Lupi ha di recente redatto un piano aeroportuale — dopo aver corretto quello ereditato dal predecessore Corrado Passera — aggiungendo una clausola apprezzata sui territori: saranno accettati suggerimenti e si cercherà di farne tesoro. Per questo le Camere di commercio sperano che il loro grido d’allarme sia raccolto nel momento della stesura definitiva del Piano (che passerà al vaglio della Conferenza Stato-Regioni e quindi del Parlamento). Piano che ha suddiviso il territorio in dieci bacini di utenza omogenei, ciascuno dei quali avrà un aeroporto strategico, circondato da uno o più scali di interesse nazionale. C’è un’unica eccezione: il Centro-Nord ne avrà due di strategici.

    Tutti gli altri saranno di carattere regionale
    . Ma è proprio sugli scali con meno traffico (che possono essere anche nel gruppo dei nazionali) che si è appuntata l’attenzione di Unioncamere: considerando l’attrattività turistica, la chiusura degli aeroporti minori metterebbe a rischio almeno parte dell’ammontare di entrate derivanti dalla spesa del turismo in arrivo, pari ad oltre 1 miliardo e 450 milioni di euro. La spesa è stimabile in oltre 500 milioni di euro per i soli aeroporti con traffico inferiore a 1 milione di passeggeri all’anno. La percentuale di turisti stranieri che utilizza l’aeroporto per accedere al nostro Paese è pari a circa il 30% medio. Ma — si aggiunge nel report — per alcune province periferiche, come Ragusa, Trapani, Taranto, o difficilmente raggiungibili con altre modalità di trasporto, come Siena e Perugia, la quota è molto più significativa. A Trapani e Ragusa, ad esempio, supera l’80%, a Taranto il 70%, a Siena e Perugia sfiora il 50%». Questi sono alcuni spunti dello studio curato da Uniontrasporti-Iccsai, che ha alzato il livello di allerta in particolare «per le scelte che l’Unione europea si appresta a compiere e che minacciano la sopravvivenza della stragrande maggioranza degli aeroporti italiani, e di società di gestione che in Italia, come in gran parte dei Paesi europei non possono stare in equilibrio senza un aiuto pubblico». Si è — per dirla con il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello — «di fronte ad uno scenario di cambiamenti del sistema aeroportuale che produrranno sensibili effetti per le imprese».

    L’Italia non è sola in questa situazione: in Europa, infatti, due terzi degli aeroporti gestisce volumi di traffico annuali inferiori al milione di passeggeri. In questa categoria sono 23 gli aeroporti italiani, 17 quelli tedeschi (18 con traffico superiore), 22 quelli spagnoli (24 quelli con traffico superiore). Chiudendo in Europa gli aeroporti minori (come sostengono alcuni mirando all’accorpamento), circa 4,5 milioni di persone, per raggiungere il resto del Continente, subirebbero aumenti dei tempi medi di viaggio di oltre il 20%. In Italia, «l’azzeramento dei voli in partenza e in arrivo nelle 23 strutture con meno di 1 milione di passeggeri provocherebbe un aggravio dei costi per l’utenza stimato in 21,5 milioni di euro nell’ipotesi ottimistica che la chiusura dei collegamenti di linea su ciascuno scalo non modifichi abitudini di volo dei passeggeri, ma comporti solo un aumento del percorso di viaggio. In particolare — secondo Unioncamere — l’entrata in vigore dei nuovi indirizzi creerebbe grossi problemi di mobilità su tutto il corridoio adriatico e nelle regioni geograficamente più «periferiche», come Calabria e Sicilia. Il Piano di Lupi individua 11 aeroporti strategici: Milano Malpensa, Venezia, Bologna e Firenze/Pisa (se si consorzieranno), Roma Fiumicino, Bari, Lamezia, Catania, Palermo, Cagliari. Sono 26 quelli nazionali: Torino, Cuneo, Genova, Milano Linate, Bergamo, Brescia, Verona, Treviso, Trieste, Parma, Rimini, Ancona, Roma Ciampino, Perugia, Pescara, Brindisi, Taranto (ma solo per le merci), Salerno, Reggio Calabria, Crotone, Comiso, Trapani, Pantelleria, Lampedusa, Olbia Alghero.

    Tutti gli altri sono scali regionali, come il foggiano «Gino Lisa». Questo, infatti non risponde, secondo il Piano, ai criteri richiesti per diventare «nazionale»: ruolo definito nel bacino e specializzazione; equilibrio economico-finanziario, anche da raggiungersi ma in un tempo ragionevole. Secondo Fabio Porreca, presidente della Camera di Commercio di Foggia, invece i due requisiti ci sono, a cominciare dalla vocazione turistica del vicino Gargano e dalla domanda in un bacino di utenza che si spinge fino a Campobasso, Avellino e Potenza (pari a circa 1 milione e 300 mila abitanti). Quanto all’equilibrio economico — oggi non verificabile perché lo scalo è utilizzato solo da elicotteri — se ne capirà di più quando entro la prima metà di marzo sarà pronto uno studio affidato a Lanfranco Senn, direttore del Centro studi trasporti dell’università Bocconi. Comunque vada a finire si procederà con l’allungamento della pista, dagli attuali 1.600 metri ai futuri 2.000, misura che consentirebbe l’atterraggio di aerei da 200-250 posti.

    http://corrieredelmezzogiorno.corrie...19759503.shtml

  2. #27
    Senior Member
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Un tempo SFO-SMF-LAX, ora piu' tristemente ATL
    Messaggi
    2,468

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    ​Le chiacchiere continuano:

    Gino Lisa tra gli scali «nazionali», l'ente camerale chiama la «Bocconi»


    Commissionato uno studio sulle potenzialità dell'aeroporto classificato di interesse regionale

    «Se venissero meno gli aeroporti italiani con traffico inferiore a 2 milioni di passeggeri ci sarebbe uno spostamento di ricchezza dalle aree meno sviluppate a quelle più ricche, accentuando il divario economico e sociale già fortemente esistente nel nostro Paese». Questa l’opinione, suffragata da uno studio dettagliato, di Unioncamere, che la scorsa settimana ha riunito a Roma i suoi soci, oltre a diversi esperti, per fare il punto sul Piano aeroporti nazionale, nel momento di passaggio dal governo di Enrico Letta a quello di Matteo Renzi. Il ministro (riconfermato) alle Infrastrutture Maurizio Lupi ha di recente redatto un piano aeroportuale — dopo aver corretto quello ereditato dal predecessore Corrado Passera — aggiungendo una clausola apprezzata sui territori: saranno accettati suggerimenti e si cercherà di farne tesoro. Per questo le Camere di commercio sperano che il loro grido d’allarme sia raccolto nel momento della stesura definitiva del Piano (che passerà al vaglio della Conferenza Stato-Regioni e quindi del Parlamento). Piano che ha suddiviso il territorio in dieci bacini di utenza omogenei, ciascuno dei quali avrà un aeroporto strategico, circondato da uno o più scali di interesse nazionale. C’è un’unica eccezione: il Centro-Nord ne avrà due di strategici.

    Tutti gli altri saranno di carattere regionale
    . Ma è proprio sugli scali con meno traffico (che possono essere anche nel gruppo dei nazionali) che si è appuntata l’attenzione di Unioncamere: considerando l’attrattività turistica, la chiusura degli aeroporti minori metterebbe a rischio almeno parte dell’ammontare di entrate derivanti dalla spesa del turismo in arrivo, pari ad oltre 1 miliardo e 450 milioni di euro. La spesa è stimabile in oltre 500 milioni di euro per i soli aeroporti con traffico inferiore a 1 milione di passeggeri all’anno. La percentuale di turisti stranieri che utilizza l’aeroporto per accedere al nostro Paese è pari a circa il 30% medio. Ma — si aggiunge nel report — per alcune province periferiche, come Ragusa, Trapani, Taranto, o difficilmente raggiungibili con altre modalità di trasporto, come Siena e Perugia, la quota è molto più significativa. A Trapani e Ragusa, ad esempio, supera l’80%, a Taranto il 70%, a Siena e Perugia sfiora il 50%». Questi sono alcuni spunti dello studio curato da Uniontrasporti-Iccsai, che ha alzato il livello di allerta in particolare «per le scelte che l’Unione europea si appresta a compiere e che minacciano la sopravvivenza della stragrande maggioranza degli aeroporti italiani, e di società di gestione che in Italia, come in gran parte dei Paesi europei non possono stare in equilibrio senza un aiuto pubblico». Si è — per dirla con il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello — «di fronte ad uno scenario di cambiamenti del sistema aeroportuale che produrranno sensibili effetti per le imprese».

    L’Italia non è sola in questa situazione: in Europa, infatti, due terzi degli aeroporti gestisce volumi di traffico annuali inferiori al milione di passeggeri. In questa categoria sono 23 gli aeroporti italiani, 17 quelli tedeschi (18 con traffico superiore), 22 quelli spagnoli (24 quelli con traffico superiore). Chiudendo in Europa gli aeroporti minori (come sostengono alcuni mirando all’accorpamento), circa 4,5 milioni di persone, per raggiungere il resto del Continente, subirebbero aumenti dei tempi medi di viaggio di oltre il 20%. In Italia, «l’azzeramento dei voli in partenza e in arrivo nelle 23 strutture con meno di 1 milione di passeggeri provocherebbe un aggravio dei costi per l’utenza stimato in 21,5 milioni di euro nell’ipotesi ottimistica che la chiusura dei collegamenti di linea su ciascuno scalo non modifichi abitudini di volo dei passeggeri, ma comporti solo un aumento del percorso di viaggio. In particolare — secondo Unioncamere — l’entrata in vigore dei nuovi indirizzi creerebbe grossi problemi di mobilità su tutto il corridoio adriatico e nelle regioni geograficamente più «periferiche», come Calabria e Sicilia. Il Piano di Lupi individua 11 aeroporti strategici: Milano Malpensa, Venezia, Bologna e Firenze/Pisa (se si consorzieranno), Roma Fiumicino, Bari, Lamezia, Catania, Palermo, Cagliari. Sono 26 quelli nazionali: Torino, Cuneo, Genova, Milano Linate, Bergamo, Brescia, Verona, Treviso, Trieste, Parma, Rimini, Ancona, Roma Ciampino, Perugia, Pescara, Brindisi, Taranto (ma solo per le merci), Salerno, Reggio Calabria, Crotone, Comiso, Trapani, Pantelleria, Lampedusa, Olbia Alghero.

    Tutti gli altri sono scali regionali, come il foggiano «Gino Lisa». Questo, infatti non risponde, secondo il Piano, ai criteri richiesti per diventare «nazionale»: ruolo definito nel bacino e specializzazione; equilibrio economico-finanziario, anche da raggiungersi ma in un tempo ragionevole. Secondo Fabio Porreca, presidente della Camera di Commercio di Foggia, invece i due requisiti ci sono, a cominciare dalla vocazione turistica del vicino Gargano e dalla domanda in un bacino di utenza che si spinge fino a Campobasso, Avellino e Potenza (pari a circa 1 milione e 300 mila abitanti). Quanto all’equilibrio economico — oggi non verificabile perché lo scalo è utilizzato solo da elicotteri — se ne capirà di più quando entro la prima metà di marzo sarà pronto uno studio affidato a Lanfranco Senn, direttore del Centro studi trasporti dell’università Bocconi. Comunque vada a finire si procederà con l’allungamento della pista, dagli attuali 1.600 metri ai futuri 2.000, misura che consentirebbe l’atterraggio di aerei da 200-250 posti.

    http://corrieredelmezzogiorno.corrie...19759503.shtml
    quante puxxanate... peccato sprecare ulteriore fiato su queste fregnacce. C'e' sempre l'idiota (o demagogo) di turno che dice che creando aeroporti a pioggia sul territorio si crea sviluppo.

    La Puglia ha Bari a Brindisi. A Grottaglie ci stanno bene i cargo per lo stabilimento Boeing e poco altro. A Foggia, che mettano un bel trenino che porta a Bari Palese.

  3. #28
    Senior Member L'avatar di flapane
    Registrato dal
    Jun 2011
    residenza
    DTM/DUS/CGN/NAP
    Messaggi
    2,322

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Il CdM è sempre una garanzia, in tutte le regioni in cui è distribuito. E, per carità di Dio, non sparo sulla croce rossa, e non faccio notare come abbiano sbagliato la lista degli scali strategici.

  4. #29
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,211

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Immagino che lo studio della Bocconi non sia proprio gratis...

  5. #30
    Amministratore L'avatar di enrico
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    Rapallo, Liguria.
    Messaggi
    14,670

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da TW 843 Visualizza il messaggio
    Immagino che lo studio della Bocconi non sia proprio gratis...
    Poco ma sicuro, soldi veramente ben spesi dalla Camera di Commercio.

  6. #31
    Senior Member L'avatar di geardown3green
    Registrato dal
    Jul 2011
    residenza
    Secondo anello di Saturno
    Messaggi
    2,964

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Fuggi da Foggia
    ......Not in my backyard. (the Italian way for a good lifestyle)......

  7. #32
    Member L'avatar di Marco Rimini
    Registrato dal
    May 2013
    residenza
    Rimini
    Messaggi
    1,266

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da enrico Visualizza il messaggio
    Poco ma sicuro, soldi veramente ben spesi dalla Camera di Commercio.
    Comunque vada a finire si procederà con l’allungamento della pista, dagli attuali 1.600 metri ai futuri 2.000, misura che consentirebbe l’atterraggio di aerei da 200-250 posti.

    In ogni caso soldi buttati...

  8. #33
    Junior Member
    Registrato dal
    Apr 2008
    residenza
    foggia
    Messaggi
    174

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Geardown3green tu sei fuggito?

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

  9. #34
    Senior Member L'avatar di geardown3green
    Registrato dal
    Jul 2011
    residenza
    Secondo anello di Saturno
    Messaggi
    2,964

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da nicbic Visualizza il messaggio
    Geardown3green tu sei fuggito?

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
    Mi è bastato il Militare fatto in zona
    ......Not in my backyard. (the Italian way for a good lifestyle)......

  10. #35
    Junior Member L'avatar di Ryun
    Registrato dal
    Apr 2007
    residenza
    Puglia
    Messaggi
    318

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da Marco Rimini Visualizza il messaggio
    Comunque vada a finire si procederà con l’allungamento della pista, dagli attuali 1.600 metri ai futuri 2.000, misura che consentirebbe l’atterraggio di aerei da 200-250 posti.

    In ogni caso soldi buttati...
    Di cui solo 1800 metri saranno realmente utilizzabili.
    BRI-JFK-FCO-MXP-LIN-BGY-TRN-PMO-FOG-BDS-MAD

  11. #36
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,381

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Aeroporto di Foggia
    sit-in nella sede di AdP


    FOGGIA - Tra gli amministratori pubblici ci sarà il presidente della Camera di commercio, Fabio Porreca; adesioni ufficiali (per ora) da Confcommercio, Confindustria, Adiconsum e alcuni sindacati. Il sit-in davanti alla sede di Aeroporti di Puglia, presso l’aerostazione di Bari Palese, si terrà domani con inizio alle ore 10. Nel pullman organizzato dall’associazione Vola Gino Lisa troveranno posto i cittadini che hanno prenotato (posti esauriti, costo 10 euro), ma si annunciano al seguito anche decine di auto private. Viene data per certa anche la partecipazione di alcuni candidati sindaci.

    Il futuro del Gino Lisa passa anche attraverso l’esito di questa manifestazione, convocata a poco più di un mese (30 giugno) dalla scadenza dei termini per usufruire dei 14 milioni di euro di fondi comunitari per l’allungamento della pista. Il sit-in, sottolinea la presidente di Vola Gino Lisa, Maria Luisa D’Ippolito, ha una doppia finalità: «Invitare il presidente della Regione, Nichi Vendola, a sollecitare l’approvazione della Via (valutazione d’impatto ambientale: ndr) senza della quale i lavori sulla pista non potranno cominciare; chiamare Aeroporti di Puglia alle sue responsabilità di ente gestore dello scalo dauno, il chè non significa solo preoccuparsi di tenerlo aperto, ma di farlo funzionare».

    Come? Vola Gino Lisa consegnerà ad Aeroporti di Puglia un documento di cose da fare subito per rimettere in funzione il Gino Lisa. «Nel documento – commenta Fabio Porreca con la Gazzetta – vi sono alcuni spunti emersi dallo studio che la Camera di commercio ha commissionato all’università Bocconi un paio di mesi fa. Si tratta di soluzioni operative alcune applicabili subito, altre quando sarà completato l’allungamento della pista».

    I comitati in difesa dello scalo puntano sull’attivazione immediata del volo di linea Foggia-Milano Linate in regime di compensazione degli oneri di servizio pubblico e nel rispetto della continuità territoriale. E’ questo, ad esempio, il modo attraverso il quale alcuni capoluoghi di provincia dispongono di collegamenti: viene citato il caso del Crotone-Roma (e Milano) o dell’Aosta-Roma. «Abbiamo anche in Capitanata aree remote periferiche e svantaggiate, come i Monti dauni e il Gargano – dice Porreca – si tratta a mio avviso di una proposta equilibrata e immediatamente fattibile».

    Il secondo obiettivo poggia sull’attivazione di rotte stagionali su base settimanale o periodica, da alcune capitali europee che portano il maggior numero di turisti stranieri sul Gargano. Un risultato, quest’ultimo, da centrare a lavori per la pista conclusi, quando il Gino Lisa avrà 1800 metri di pista praticabili e dunque potrà ospitare aerei fino a 150 passeggeri.

    «Non ci interessano i numeri – dice la presidente di Vola Gino Lisa – davanti alla sede di Aeroporti di Puglia verrà chi sentirà propria questa battaglia e chi potrà venire. La manifestazione sarà gestita nella massima correttezza dei comportamenti e delle espressioni verbali dei partecipanti, non intendiamo creare alcun disservizio o intralcio allo svolgimento delle normali attività aeroportuali presso l’aerostazione di Bari, segno tangibile del rispetto che i cittadini di Capitanata hanno nei confronti dell’ente e delle istituzioni alle quali continuano pervicacemente a proporre un dialogo costruttivo».

    http://www.lagazzettadelmezzogiorno....-voli-no715368

  12. #37
    Senior Member L'avatar di geardown3green
    Registrato dal
    Jul 2011
    residenza
    Secondo anello di Saturno
    Messaggi
    2,964

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Non é giusto che il 777 di EK non possa atterrare a Foggia, che Paese insensibile che è diventato L'Italia.
    ......Not in my backyard. (the Italian way for a good lifestyle)......

  13. #38
    Senior Member
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Un tempo SFO-SMF-LAX, ora piu' tristemente ATL
    Messaggi
    2,468

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Tranquilli, siamo in periodo di campagna elettorale. Un po' di chiasso e' normale. Praticamente chi non ha riservato un posto sul quel bus per andare a manifestare da AdP ha perso una manciata di voti...

  14. #39
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,381

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Bari, protesta ad Adp per l'allungamento pista dell'aeroporto di Foggia



    BARI - Si è svolta oggi a Bari, davanti alla sede di Aeroporti di Puglia, e cioè allo scalo regionale, la manifestazione di protesta organizzata dal comitato per il Gino Lisa a cui hanno preso parte rappresentanti delle associazioni, del volontariato e delle Istituzioni. Obiettivo sensibilizzare sia la Regione Puglia sia il ministero delle Infrastrutture ad accelerare sull’allungamento della pista dello scalo foggiano.

    I MOTIVI DELLA PROTESTA

    «Sarò davanti alla sede della società Aeroporti di Puglia SpA per chiedere che l’aeroporto “Gino Lisa” possa essere messo nelle condizioni di esprimere fino in fondo tutte le sue potenzialità. Sarò a manifestare con la mia gente, rivendicando il diritto del nostro territorio e della nostra città a quell’ammodernamento infrastrutturale che è fattore determinante e strategico per la costruzione di una reale e concreta prospettiva di sviluppo».

    Così Franco Landella, candidato sindaco di Foggia per la coalizione di centrodestra, annuncia la sua partecipazione, a titolo personale, alla manifestazione organizzata dall'associazione “Vola Gino Lisa” domani a Bari in difesa dello scalo aeroportuale del capoluogo dauno.

    «Sarò a Bari non come esponente politico né come candidato sindaco. Manifesterò da semplice cittadino, senza etichette di parte. Perché la battaglia per l’allungamento della pista del “Gino Lisa” non ha colore politico né può essere oggetto di strumentalizzazioni di alcun genere. È una battaglia che appartiene al territorio e alla nostra comunità cittadina e provinciale – afferma Landella –. Voglio ringraziare sinceramente e non in modo retorico le associazioni che hanno promosso questa iniziativa e che sino ad oggi hanno continuato a mantenere altissima l’attenzione sul futuro del nostro aeroporto, nonostante le accuse di campanilismo che sono state rivolte nei loro confronti in modo ingeneroso. Allo stesso modo ringrazio tutti coloro i quali hanno deciso di aderire a questa mobilitazione dimostrando il loro amore per Foggia e per la Capitanata».

    «Questa manifestazione non è dunque un capriccio ma il segnale dell’orgoglio di una comunità che vuole poter immaginare e costruire il proprio destino scommettendo sulle sue vocazioni e sulle sue eccellenze – conclude Landella –. Un orgoglio in cui tutti ci riconosciamo, indipendentemente dalla nostra appartenenza politica e dal nostro ruolo».

    «La manifestazione delle associazioni e dei comitati pro Gino Lisa, ad Aeroporti di Puglia è un positivo segnale di protagonismo del territorio per consolidare una partita strategica», dichiara Leonardo Di Gioia, candidato sindaco di Foggia per la Coalizione Civica, che aggiunge: «Mi pare importante che Camera di Commercio e Associazione Industriali, nel solco di un cammino che le ha viste sempre particolarmente sensibili alla valorizzazione di un’infrastruttura di grande importanza come il Gino Lisa, abbiano dato il loro sostegno ad una iniziativa propositiva e costruttiva, nella quale tutto il territorio, ed in particolare la città di Foggia deve sentirsi impegnata».

    «La terzietà e la neutralità delle associazioni e delle rappresentanze del mondo economico rispetto alla contesa elettorale in atto è comunque garanzia che questa occasione non verrà sciupata da polemiche gratuite: la forza delle nostre buone ragioni di comunità ne verrebbe inevitabilmente indebolita. Ma confido che non sarà così», aggiunge Di Gioia che è anche assessore regionale al Bilancio.

    «L’aeroporto “Gino Lisa” non è l’aeroporto della città ma della provincia di Foggia. E’ strategico per sostenere il ruolo e lo sviluppo del capoluogo quale piattaforma dei servizi e dell’economia legata al turismo e all’agroalimentare di tutta la provincia. Sono stato l’amministratore che ha lavorato e fatto approvare dal Consiglio comunale, all’unanimità, un piano dei rischi aeroportuali per favorire il progetto di allungamento della pista, che ha comportato misure durissime su interventi edilizi in corso di approvazione», afferma a sua volta Augusto Marasco che aggiunge: «Sono stato colui che ha seguito passo passo l’iter amministrativo, denunciando pubblicamente i ritardi e le inerzie che ci hanno portato a oggi, maggio 2014, dieci mesi dopo l’approvazione di quel Piano dei rischi, ad attendere che Aeroporti di Puglia e la Regione Puglia, che ne è proprietaria al 99 e passa per cento, chiariscano una strategia per il “Gino Lisa” e varino un cantiere programmato dal livello nazionale a quello locale. Non c’è una congiura elettorale in atto. La realtà è conosciuta dai cittadini di tutta la Capitanata ed è una realtà che evidenzia un atteggiamento distratto quando non apertamente ostile della Regione e del management AdP che ha fatto slittare l’opera con mille scuse. Perché, almeno su questo argomento, non c’è niente che possa addebitarsi ad alcun amministratore o consigliere comunale, di qualsiasi parte politica. Riserve forti possono, invece, avanzarsi rispetto ad amministratori e consiglieri regionali eletti nella città capoluogo che si ergono a difensori di ufficio di una posizione irragionevole: le ingenti risorse già spese in questi anni per lo scalo foggiano reclamano che si completi il potenziamento della nostra l’infrastruttura. Questa citta e questa provincia vogliono volare, non solo metaforicamente, per intercettare la domanda turistica e le esigenze di mobilità.»

    Significativo il sostegno dell’Amministrazione comunale di Manfredonia.

    «La Città di Manfredonia sarà idealmente presente accanto a chi chiede che si concludano al più presto i procedimenti di pertinenza della Regione Puglia – dice il Sindaco, Angelo Riccardi – perché si rischia di veder svanire i Fondi per le Aree Sottoutilizzate (FAS) e perché Manfredonia è direttamente interessata dalla mobilità indotta dall’aeroporto».

    «Il Gino Lisa contribuisce, infatti, alla valorizzazione delle risorse di un territorio che possiede grandi potenzialità e che deve proseguire in un percorso di sviluppo ambizioso. L’allungamento della pista dell’aeroporto potrà generare un effetto di volano. Le capacità attrattive del nostro territorio sono decisamente rilevanti ed i flussi turistici sarebbero così destinati ad aumentare». «Sotto questo ultimo punto di vista, infatti, paghiamo ancora un certo isolamento dell’area, dovuto alla limitata mobilità. La presenza di un aeroporto realmente funzionale per le nostre esigenze, unitamente ad adeguati interventi infrastrutturali e di promozione del territorio, potrà contribuire allo sviluppo del settore turistico», conclude Riccardi.

    http://www.lagazzettadelmezzogiorno....-bari-no716048

  15. #40
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,381

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Gino Lisa, Rampelli: "Inaccettabile Foggia senza lo scalo aeroportuale"

    Il vicecapogruppo alla Camera dei Deputati ha illustrato i contenuti dell'interrogazione parlamentare. Presente anche il candidato sindaco Landella "Il silenzio che ci preoccupa e che ci fa temere la perdita dei 14 milioni di euro di Fondi Fas"


    Mainiero, Landella, Rampelli e Farina

    «Dopo la manifestazione organizzata dal comitato
    “Vola Gino Lisa” davanti alla sede di “Aeroporti di Puglia SpA” siamo ancora in attesa di un segnale da parte del Ministero dell’Ambiente circa il rilascio della Valutazione di Impatto Ambientale necessaria a realizzare l’allungamento della pista dello scalo di Foggia. Continua ad esserci un inspiegabile ed assordante silenzio che ci preoccupa e che ci fa temere la perdita dei 14 milioni di euro di Fondi Fas destinati a questo importante e strategico intervento infrastrutturale». È Franco Landella, candidato sindaco di Foggia per la coalizione di centrodestra, ad accendere nuovamente i riflettori sul futuro dell’aeroporto “Gino Lisa”. Ad offrire l’occasione per tornare a denunciare «un inspiegabile ritardo nel pronunciamento ministeriale» è l’interrogazione ai Ministri dell’Ambiente e delle Infrastrutture e dei Trasporti depositata alla Camera dei Deputati dal vicepresidente del gruppo di “Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale”, Fabio Rampelli, arrivato a Foggia per un tour elettorale.

    Accanto a Fabio Rampelli i portavoce provinciale e cittadino del partito guidato dall’ex Ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, Domenico Farina e Giuseppe Mainiero. «Voglio ringraziare Fabio Rampelli non come candidato sindaco ma come cittadino di Foggia e della Capitanata – ha detto Landella –. In questa vicenda ci sono state e ci sono troppe pagine oscure: dalle responsabilità della Regione Puglia e di “AdP” circa la lentezza nella pubblicazione del bando per l’assegnazione dei lavori sino all’incomprensibile allungamento dei tempi per il rilascio della VIA. Foggia ha diritto ad avere una parola di chiarezza, anche in ragione del rischio che questi ritardi producano la perdita dei fondi destinati all’allungamento della pista. Chi doveva difendere le ragioni della nostra città all’interno della Giunta regionale è stato silente e distratto – ha sottolineato il candidato sindaco del centrodestra –. È tempo che Foggia abbia una nuova e più autorevole classe dirigente, in grado di tutelare i diritti del territorio davvero con libertà e che non brilli per assenze quando c’è da mobilitarsi e protestare».

    «Considero assurdo che un territorio come quello della provincia di Foggia non possa contare su uno scalo aeroportuale pienamente operativo – ha spiegato Rampelli –. Ho accolto le sollecitazioni che mi sono giunte dal partito di Foggia e dopo aver approfondito la questione ho deciso di intraprendere quella che considero una battaglia per la valorizzazione di una delle aree più importanti del Mezzogiorno d’Italia soprattutto sul fronte dell’attrattività turistica». L’interrogazione presentata da Fabio Rampelli, infatti, ricorda come «dopo oltre un anno dalla consegna di alcune integrazioni della documentazione necessaria al rilascio della VIA, avvenuta il 9 gennaio 2013, con una nota del 24 gennaio 2014 è stata disposta una sospensione di 45 giorni del procedimento concessorio».

    Ad oggi, però, «nonostante i termini per la sospensione
    siano già decorsi da circa due mesi, la VIA non è ancora stata concessa». L’altro tema affrontato nell’interrogazione è quello del declassamento dell’aeroporto di Foggia, «che appartiene al “Comprehensive Network” della rete “Ten-T” approvata da Parlamento europeo, Commissione europea e Consiglio dei ministri europeo in via definitiva nel dicembre del 2013». Nonostante questo, infatti, nella proposta di piano nazionale l’aeroporto di Foggia è l’unico, oltre a quello di Forlì, ad essere escluso dall’elenco degli scali d’interesse nazionale, nel quale però ci sono aeroporti non rientranti nella rete “TEN-T” come Cuneo, Crotone, Comiso, Taranto, Salerno, Parma. Aeroporti, questi, che tra l’altro non sono caratterizzati da volumi di traffico storici rilevanti né sono ubicati in aree con potenziale di traffico, numero residenti e flussi turistici superiori a quello di Foggia, né sono distanti da altri scali più di quanto Foggia sia da Bari.

    «La piena operatività del “Gino Lisa”
    non è un capriccio ma uno strumento fondamentale per lo sviluppo della nostra terra, che va rivendicato con atti concreti e non solo con invettive sterili. Questa interrogazione è la dimostrazione che sappiamo trasformare le parole in fatti, che sappiamo batterci per la nostra terra – ha aggiunto Mainiero –. Al contrario di chi si lancia in dichiarazioni infuocate contro la Regione dimenticando o fingendo di dimenticare che è il proprio schieramento politico a governare la Puglia da ormai dieci anni».


    http://www.foggiatoday.it/politica/e...gino-lisa.html

  16. #41
    Member L'avatar di pello
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    BGY
    Messaggi
    1,861

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    "Inaccettabile"

  17. #42

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Spettacolo puro...già dal piano Lupi andrebbe fatta una sfoltita negli aeroporti di seconda fascia...figuriamoci in quelli di terza fascia.
    Ma la campagna elettorale da soddisfazioni di questo tipo, per esempio anche a Cervia hanno ritirato fuori il progetto di costruire un aeroporto al posto della base di Pisignano.
    La cosa triste è che me lo raccontava un amico candidato per una lista civica pro Pd che molto probabilmente designerà l'assessore al turismo.

  18. #43
    Senior Member
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Un tempo SFO-SMF-LAX, ora piu' tristemente ATL
    Messaggi
    2,468

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    E' divertente vedere come a 4 giorni dalle elezioni, rifioriscono notizie sui nostri thread "appestati" ovvero *rullo di tamburi*: Foggia, Crotone e L'Aquila!

    Stupisce il silenzio su Cuneo, Comiso e Perugia, forse non si vota li? Da Albenga, invece, profondo silenzio, tutte le carte disponibili pare che siano ormai in Procura o alla DIA

  19. #44
    Member L'avatar di pello
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    BGY
    Messaggi
    1,861

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da Dr Gio Visualizza il messaggio
    E' divertente vedere come a 4 giorni dalle elezioni, rifioriscono notizie sui nostri thread "appestati" ovvero *rullo di tamburi*: Foggia, Crotone e L'Aquila!

    Stupisce il silenzio su Cuneo, Comiso e Perugia, forse non si vota li? Da Albenga, invece, profondo silenzio, tutte le carte disponibili pare che siano ormai in Procura o alla DIA
    Comiso per ora è forse l'unico un pò tranquillo...

  20. #45
    Senior Member L'avatar di geardown3green
    Registrato dal
    Jul 2011
    residenza
    Secondo anello di Saturno
    Messaggi
    2,964

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Foggia ha diritto a pretendere i collegamenti intercontinentali, sopratutto a causa della folta comunità cinese, per cui si richiede l'immediata attivazione di tali voli prevedendo anche un proseguimento fino all'australia, in un secondo momento si chiede sia il nord che il sud America, visto l'elevato numero di emigrati nei secoli scorsi.
    Cavolo!
    ......Not in my backyard. (the Italian way for a good lifestyle)......

  21. #46
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,381

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Aeroporto di Foggia. Lupi: "È in corso la procedura di valutazione d'impatto ambientale"

    Roma, Italia - Interrogazione parlamentare del deputato Di Gioia (Misto) in merito alla riapertura dello scalo pugliese

    (WAPA) - Si è appena conclusa un'interrogazione parlamentare presso la Camera dei deputati in merito alla questione della riapertura dell'aeroporto di Foggia "Gino Lisa" (vediAVIONEWS).

    Il deputato Lello Di Gioia(Misto) ha chiesto al ministro dei Trasporti Maurizio Lupi la riapertura urgente dello scalo pugliese anche in ragione del fatto che i 14 milioni di Euro destinati alle aree sottosviluppate vanno utilizzati entro il 30 giugno prossimo (l'utilizzo dei fondi Fas è stato prorogato di un anno).

    "Il 6 maggio scorso, lavoratori, imprenditori e gente comune si sono riuniti davanti la sede di Aeroporti di Puglia (gestore degli scali pugliesi, ndr), per capire perché l'aeroporto non si apre e i soldi rimangono inutilizzati. Come mai a gennaio l’aeroporto è stato declassato?", ha dichiarato Di Gioia.

    Lupi ha risposto che "È attualmente in corso presso la commissione tecnica del ministero dell’Ambiente l’istruttoria relativa alla procedura di valutazione d’impatto ambientale" (VIA), aggiungendo di aver provveduto "Ad acquisire informazioni presso il competente dipartimento politiche europee presso la presidenza del consiglio per aggiornamenti in merito alla notifica “Aiuti di Stato” effettuata dalla Regione Puglia. Detto dipartimento- ha proseguito Lupi- ha comunicato che è tuttora in corso da parte della Commissione europea la valutazione di compatibilità con le regole Ue in materia di aiuti di Stato".

    L’opera, in sostanza, non potrà essere finanziata finché non ci sarà l’approvazione della commissione.

    Per Di Gioia, si tratta di "Una risposta insoddisfacente. Non ci si può limitare ad un riepilogo dei fatti. Ci vuole la volontà politica di sbloccare una situazione che sta diventando insostenibile. Quella della Capitanata è un’area devastata da un punto di vista sociale e deficitaria sotto quello infrastrutturale". (Avionews)

  22. #47
    Senior Member
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Un tempo SFO-SMF-LAX, ora piu' tristemente ATL
    Messaggi
    2,468

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    "...Quella della Capitanata è un’area devastata da un punto di vista sociale e deficitaria sotto quello infrastrutturale". (Avionews)
    Ed allora ci vuole un aeroporto per risolvere i problemi, giusto? Questo Di Gioia e' davvero portavoce dell'Italia peggiore, che vuole solo gettare alle ortiche soldi pubblici (europei) per creare finta (momentanea) occupazione, continuare a deturpare il paese con opere inutili, e ottenere facile consenso e clientele politiche locali. Che schifo che mi fa.

  23. #48
    Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    .
    Messaggi
    1,923

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Il deputato Lello Di Gioia(Misto) ha chiesto al ministro dei Trasporti Maurizio Lupi la riapertura urgente dello scalo pugliese anche in ragione del fatto che i 14 milioni di Euro destinati alle aree sottosviluppate vanno utilizzati entro il 30 giugno prossimo (l'utilizzo dei fondi Fas è stato prorogato di un anno).


    quindi utilizzare per il Signore emerito vuol dire sprecare?
    siamo a posto.....
    appunto perche è sottosviluppata la zona allora buttiamoli nel cesso....ma vaffa.........!

  24. #49
    Junior Member L'avatar di Ryun
    Registrato dal
    Apr 2007
    residenza
    Puglia
    Messaggi
    318

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Ma quei fondi, per i quali è stata richiesta la VIA, non sono destinati all'eventuale allungamento della pista? Quindi di quale riapertura urgente va blaterando Di Gioia? Non possono certamente essere utilizzati per l'attivazione di nuovi voli.
    BRI-JFK-FCO-MXP-LIN-BGY-TRN-PMO-FOG-BDS-MAD

  25. #50
    Senior Member
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Un tempo SFO-SMF-LAX, ora piu' tristemente ATL
    Messaggi
    2,468

    Predefinito Re: Comune di Foggia dice sì ad allungamento pista dell'aeroporto Gino Lisa

    Se vi siete persi il gruppo di teste pensanti che e' il cervello dietro le grandi strategie del Gino Lisa di Foggia, lo trovate qui:
    https://www.facebook.com/groups/150670078311297/

    notevoli le foto dell'ultimo meeting del gruppo per discutere delle strategie dell'aeroporto (partecipava anche un Onorevole) datanti a un birra su un tavolino di plastica di un bar di periferia. Sembra la riunione dei braccianti agricoli della Capitanata

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •