Cosa acquistiamo in volo?

Una recente indagine di Sabre analizza le propensioni di acquisto dei passeggeri

0
1174

I servizi extra, acquistati in volo o durante la preparazione del viaggio, facilmente portano a spendere più di quanto non si faccia per il biglietto aereo. Infatti, mentre il costo medio di tali servizi è di 68 $, la propensione è ancora maggiore: si avvicina a 100 $.

Questo è il risultato di una recente indagine di Sabre, l’azienda che sviluppa i più diffusi software professionali per le compagnie aeree e servizi turistici a livello mondiale, svolta su viaggiatori di 20 paesi che avessero volato negli ultimi 12 mesi, intervistati negli scorsi settembre e ottobre.

Vediamo in dettaglio quali sono i servizi più graditi: generalmente lo studio dice che l’11,1% acquisterebbe un upgrade di classe di viaggio, l’11% cibi e bevande a bordo (se non già inclusi nel servizio, mediamente in aereo costano 18 volte più che a terra come ricorda un’altra indagine del motore di ricerca Kayak), un ulteriore 11% selezionerebbe posti più spaziosi e confortevoli.

Continuando l’analisi sulla personalizzazione del volo, il 9,3% dei passeggeri è propenso all’acquisto di connessione Wi-Fi (alcune compagnie offrono un pacchetto gratuito iniziale, esaurito il quale si possono acquistare ulteriori Mb). Seguono l’imbarco di bagagli extra rispetto a quelli consentiti dal proprio biglietto, scelto dal 9% dei viaggiatori, mentre almeno l’8,2% sceglie un’assicurazione di viaggio .

E’ interessante osservare come gli atteggiamenti dei passeggeri così descritti abbiano spinto le linee aere low cost,  Ryanair  in primis solo per rimanere in Europa, a introdurre restyling e diversificazione di offerta,  per soddisfare almeno in parte le propensioni all’acquisto dei servizi extra da parte dei viaggiatori, rivedendo l’approccio spartano che ha caratterizzato gli ultimi vent’anni.

 

 

 

Booking.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here