Quanto ci costa mangiare tra le nuvole! Il Buy On Board sui vettori europei

Una bottiglietta d'acqua 3 euro. Un panino 6. È tanto? È poco? La nuova frontiera del Buy on Board sui vettori europei.

0
2596
Archivio Associazione Aviazione Civile (C) Davide Secci - Buy on board
Archivio Associazione Aviazione Civile (C) Davide Secci - Buy on Board

Dall’avvento delle low-cost, sempre più compagnie hanno iniziato ad eliminare quelli che in gergo vengono chiamati “frills”, ovvero gli accessori che una volta erano inclusi nel costo del biglietto: bagagli in stiva, scelta gratuita del posto, pasti a bordo. Quest’ultimo, in particolare, sta venendo sostituito dal concetto del Buy On Board (BOB), ovvero dell’acquistare quello che si desidera direttamente a bordo dell’aereo, seduti al proprio posto.

Con una mossa sola, i vettori hanno ottenuto il grande vantaggio di generare incassi aggiuntivi (le cosiddette ancilliary revenue) su quello che prima era unicamente un costo, permettendo una più serrata competizione con le low-cost.

L’idea dell’eliminazione di qualsivoglia rinfresco a 30.000 piedi ha fatto storcere il naso a più persone, soprattutto i passeggeri delle compagnie cosiddette “tradizionali”. D’altra parte, se è vero che Ryanair non ha mai offerto nulla a bordo, era anche vero che la tariffa media offerta dal vettore irlandese era molto più bassa di quella di qualsiasi compagnia di bandiera e quindi si accettava volentieri il piccolo sacrificio.

Occorre anche chiedersi se abbia davvero senso uno snack o spuntino a bordo per voli che, nella maggior parte dei casi, si compiono entro due ore dall’aeroporto di partenza; per rimanere nell’ambito trasportistico, quasi nessuno si aspetta di pranzare o di ricevere uno snack su un treno da Torino a Verona, e chiunque di solito si organizza già da casa con un panino o qualcosa da sgranocchiare, nel caso senta davvero la necessità di nutrirsi. Peraltro, il servizio Buy on Board è già attivo da decenni sui treni a lunga percorrenza – sia come servizio minibar, sia come carrozza ristorante.

Il proliferare di menu a bordo è un trend sempre meno evitabile, soprattutto per chi compra i biglietti alle tariffe più basse che, di solito, non includono neppure un bagaglio imbarcato. L’ultima big, in ordine di tempo, ad introdurre un menu Buy on Board è stata British Airways.

BA & MS - Buy on Board
La pagina sul sito BA che annuncia la partnership con M&S per il servizio Buy on Board

Uno degli assunti da parte delle compagnie aeree, almeno nelle campagne marketing che di solito accompagnano questa, a volte, sgradita novità, è che a fronte di un’unica opzione è ora possibile costruire il proprio spuntino su misura e con prodotti di qualità maggiore, anche se su quest’ultimo punto, a volte, ci sarebbe da discutere. La domanda del passeggero del 2017 è quindi: meglio uno snack impacchettato di dubbia qualità, ma gratuito, oppure ampia scelta ma a pagamento?

In questo articolo ci siamo divertiti ad analizzare quanto costa ai passeggeri acquistare il proprio rinfresco su una serie di vettori, sia lowcost che full-fare, su una ampia gamma di prodotti. La fonte sono i listini forniti del Buy on Board che si possono consultare sui siti dei rispettivi vettori citati.

Iniziamo dall’acqua; posto che acquistare una bottiglietta d’acqua in aeroporto, rigorosamente dopo i controlli di sicurezza, a volte può rappresentare un piccolo salasso, anche a bordo i prezzi non sono propriamente economici. L’acqua più economica viene venduta da due vettori dell’est Europa – con CSA Czech Airlines e Wizzair ve la caverete con appena 2€; la forbice non è molto ampia e tutti i vettori rimangono entro i 3€ per una bottiglietta da mezzo litro. Vale la pena di aggiungere che, con Finnair, l’acqua vi sarà sempre servita gratuitamente!

Se la mattina non potete fare a meno della vostra dose di caffé, sarà meglio per voi non volare con il vettore britannico FlyBE, che richiede ben 3.75€ per una tazza del prezioso liquido nero. La maggior parte dei vettori fissa il prezzo di una tazzina tra i 2.50 e i 3€, per quello che solitamente è caffé solubile o americano. Se volate con SAS o Finnair, invece, siete fortunati, dato che viene offerto gratuitamente.

È ora dell’aperitivo e vi andrebbe un drink o un bicchiere di vino? I vettori del nord Europa hanno prezzi fino al doppio rispetto a quelli dell’Europa continentale: una birra su SAS costa 6€, mentre con Brussels Airlines o Eurowings ve ne basteranno la metà. Se volete farvi un Gin & Tonic, sempre con SAS siate pronti a tirare fuori 10€ (ne bastano solo 9€ con Finnair), mentre con i vettori col listino più economico ne basteranno, si fa per dire, solo 7€. Un buon aperitivo in una città non propriamente economica come Milano, ma con in più un buffet a disposizione, a volte ne costa meno.

Un capitolo a parte merita l’offerta di cibo. La maggior parte dei vettori offre un breve menu a bordo con panini, snack dolci e salati e qualcosa di dolce per la prima colazione. Per molti vettori, tuttavia, la nuova frontiera non è più il Buy on Board, è l’introduzione di un sistema di prenotazione online di pasti caldi, a volte preparati in collaborazione con chef e ristoranti più o meno rinomati. Tali pasti non sono disponibili a bordo a meno che non vengano scelti (e pagati) in anticipo. L’indubbio vantaggio è una maggiore facilità di gestione, l’incasso anticipato sicuro e la riduzione delle scorte a bordo – tutto peso in meno da trasportare.

Con Air Berlin, ad esempio, dei chicken nuggets con purè e carote partono da 6.50€, mentre l’impressionante menu che è possibile prenotare sul sito di Air Baltic include anche l’agnello alle Bretone, per 25€ – va detto che però è un menu completo che include anche antipasto, contorno, bevanda analcolica e dolce.

Buy on Board
Tra non molto sarà possibile personalizzare completamente il proprio pasto a bordo, ordinandolo e pagandolo prima del volo

Se vi accontentate di un panino, British Airways ha un’offerta piuttosto interessante, nata dalla collaborazione con M&S; i prezzi sono ragionevoli (tra i 5 e i 6€ come per la maggioranza dei vettori). I sandwich più economici si trovano tuttavia su Eurowings, dove li porterete a casa con solo 3.90€. Iberia e SAS le più costose, rispettivamente 6.50 e 7€.

Gli snack dolci sono, per tutte le compagnie, la cosa più economica a bordo, e barrette di cioccolato vengono vendute da tutti tra 1.50€ e 2.50€; gli snack salati, invece, tra i 2 e i 3€, sostanzialmente più che il prezzo medio rilevabile in qualsiasi distributore automatico, che già a sua volta è molto di più del prezzo medio che si può trovare in qualsiasi supermercato.

L’unica alternativa al portarsi qualcosa da casa è quindi… mangiare prima di volare!

Se volete divertivi a spulciare i listini Buy on Board dei vari vettori, eccone qui un breve elenco:

AerLingus
Air Baltic

Air Berlin
Air Europa
British Airways
Brussels Airlines
CSA
easyJet
Eurowings
Finnair
FlyBE
Iberia
Ryanair
SAS
Transavia
Wizzair

Booking.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here