Via libera al Decreto Delrio su Linate

La mini-liberalizzazione del Forlanini non accontenta nessuno

0
1819

 

La Commissione Europea ha dato il via libera al Decreto Delrio, ritenendo superati i vizi di forma (mancata consultazione delle compagnie aeree) che a dicembre avevano prodotto un parere negativo sul Decreto.

In buona sostanza adesso da Linate possono essere operate da vettori comunitari tutte le rotte intra europee point to point che siano effettuate da aerei narrow body, e dunque vengono meno i limiti previsti dal Decreto Bersani per cui vi erano determinate limitazioni alle destinazioni, anche intra europee, in base ai flussi di traffico sviluppati con l’area milanese ed in funzione delle destinazioni.

La scelta di aprire ad una maggiore liberalizzazione del Forlanini lascia scontenti tutti gli attori coinvolti: Etihad, infatti, si vocifera, avrebbe voluto un risultato ancora più importante, con un’apertura anche ai voli extra europei, per alimentare dal cosiddetto City Airport dei milanesi tramite la controllata Alitalia il proprio HUB di Abu Dhabi . E questo sarebbe stato uno dei desiderata di James Hogan, CEO di Etihad, rivolti al Governo italiano durante la trattativa che ha portato la compagnia emiratina ad acquisire il 49 % delle quote societarie di Alitalia.

Per contro, dalle parti di Milano Malpensa, non si festeggia di certo, sia perché la decisione allontana sempre di più una riforma complessiva del sistema aeroportuale milanese che possa definire un ruolo importante per l’aeroporto di Malpensa, sia in quanto si teme, come detto tra gli altri dall’Unione Industriali di Varese, che questo Decreto sia il primo passo verso una più ampia liberalizzazione dello scalo di Linate.

 

 

 

 

Booking.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here