Aviazione Civile
17.4 C
Rome
Ven, Settembre 20, 2019
Booking.com
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 25 su 42
  1. #1
    Member L'avatar di SAM26000
    Registrato dal
    Oct 2007
    residenza
    Roma, Lazio.
    Messaggi
    912

    Predefinito La collina maledetta - 14/11/90

    Ricordate il disastro di Zurigo del Dc9 AZ (I-ATJA)?
    Non avevo mai visto una overview così esplicativa delle dinamiche dell'incidente...
    mi ha lasciato senza parole...crudele quanto chiara
    a voi... senza retorica ma anche per ricordare

    ecco il link:
    http://www.flugzeugbilder.de/show.php?id=120192
    Ultima modifica di SAM26000; 30th September 2008 a 08: 29

  2. #2
    Bannato
    Registrato dal
    Dec 2006
    residenza
    Davanti al Sentiero per la 32 a Cagliari
    Messaggi
    13,434

    Predefinito

    Se puo' essere interessante ho trovato questo articolo del corriere del 92 agli atti dell'indagine.. :
    oggi l' udienza sulle responsabilita' per la sciagura del ' 90: ancora molti i punti oscuri

    disastro di Zurigo, l' Alitalia contesta l' indagine

    la commissione che emettera' la sentenza ha un solo compito: raccogliere elementi precisi sui fatti accaduti attraverso la documentazione delle parti e i rilievi tecnici condotti sull' aereo e sul servizio della Swiss Controll



    ------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ Oggi l' udienza sulle responsabilita' per la sciagura del ' 90: ancora molti i punti oscuri TITOLO: Disastro di Zurigo, l' Alitalia contesta l' indagine - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - DAL NOSTRO INVIATO ZURIGO . Questa mattina alle 9 comincia il dibattimento pubblico sulle responsabilita' del disastro aereo che, nel novembre ' 90, ha coinvolto un DC9 Alitalia. Si daranno battaglia esperti italiani e svizzeri. Premono, ovviamente, le 46 famiglie delle vittime, per sapere se i loro cari sono morti per colpa dei controllori di volo elvetici o dell' equipaggio. Nella cornice di questa diffusa tensione c' e' un tabu' da difendere: la precisione elvetica. E l' aeroporto di Zurigo e' chiamato in causa. La sua immagine di grande polo del traffico mondiale rischia di essere offuscata. La compagnia di bandiera Alitalia e' presente da una paio di giorni a Zurigo con lo staff tecnico e legale, ai piu' alti livelli. Il processo ha un' incredibile risonanza. Decine di giornalisti sono accreditati. A una condizione: quando verra' il momento dell' interrogatorio dei testi, le telecamere dovranno essere spente. Il Collegio giudicante, di emanazione governativa, sara' presieduto dal dottor Angof. L' intervento principale avra' come protagonista il presidente della Commissione d' inchiesta, Lire. Poi, i responsabili dei settori . operativo, meteorologico, fattore umano . faranno la relazione. La commissione che emettera' la sentenza ha un solo compito: raccogliere elementi precisi, insindacabili, sui fatti accaduti, attraverso la documentazione delle parti ed i rilievi tecnici condotti sull' aereo e sul servizio della Swiss Controll. Qual e' la risposta dell' Alitalia alla valanga di responsabilita' che le viene attribuita? Pur venendo incontro ai legittimi desideri dei familiari, il tempo dedicato all' inchiesta e' considerato insufficiente. Non avrebbe permesso di approfondire alcuni aspetti determinanti, sia da parte della Commissione sia dell' Alitalia; non avrebbe consentito una trascrizione accurata del "voice recorder". Un esempio: una conversazione tra piloti e controllore di volo, sul cambio di frequenza radio, da' la netta impressione come da parte di Swiss Controll non siano stati rispettati i termini tecnici appropriati. Quindi e' messa in dubbio la professionalita' dell' operatore. Un altro punto debole dell' inchiesta svizzera: e' stato controllato il probabile uso di telefoni cellulari, durante il volo, in possesso di passeggeri elvetici, ma non di quelli italiani. Una omissione che potrebbe avere risvolti importanti. Altre osservazioni: e' norma internazionale che il controllore radar riceva, o richieda, dal comandante dell' aereo la indicazione e conferma verbale: "Velivolo stabilizzato". Cio' richiede la massima attenzione del radarista. Questo non si e' verificato: il controllore non si e' curato dell' accertamento. Ha passato l' aereo dalla sua gestione a quella della torre di controllo "di terra". Infine, in un momento di intenso traffico aereo, due minuti prima dell' incidente, un radarista si era allontanato dall' ufficio, lasciando agli altri 2 colleghi il suo lavoro. Sul fronte delle responsabilita' , quindi, molte ipotesi contrapposte. Una testimonianza determinante potrebbe scaturire dal controllore che ha seguito il DC9. Verra' in aula a testimoniare? Adriano Baglivo
    Baglivo Adriano

  3. #3
    Bannato
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    bel paese l dove 'l s suona
    Messaggi
    19,271

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da SAM26000 Visualizza il messaggio
    Ricordate il disastro di Zurigo del Dc9 AZ (I-ATJA)?
    Non avevo mai visto una overview cos esplicativa delle dinamiche dell'incidente...
    mi ha lasciato senza parole...crudele quanto chiara
    a voi... senza retorica ma anche per ricordare

    Non si vede nulla.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di almetano
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Pianeta Terra
    Messaggi
    4,253

    Predefinito

    l'ultimo incidente con vittime di Alitalia

    perché inserire quindi un articolo così dubbioso? non è meglio inserire il report di aviation safety net?

  5. #5
    Bannato
    Registrato dal
    Dec 2006
    residenza
    Davanti al Sentiero per la 32 a Cagliari
    Messaggi
    13,434

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da almetano Visualizza il messaggio
    l'ultimo incidente con vittime di Alitalia

    perch inserire quindi un articolo cos dubbioso? non meglio inserire il report di aviation safety net?
    Perche' e' il primo che ho trovato e stop perche' e' in italiano e perche' comunque da alcune informazioni sull'accaduto, essendo io troppo giovane per potermi ricordare cosa e' accaduto...

  6. #6
    Bannato
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Italy
    Messaggi
    14,584

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da malpensante Visualizza il messaggio
    Non si vede nulla.
    Clicca qui: http://i1.flugzeugbilder.de/12/01/1058477403.jpg

    CMQ la "collinetta" fa impressione ancora oggi a chi atterra a Kloten: la si vede avvicinarsi da sotto in modo netto.

  7. #7
    aless
    Guest

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da FlyIce Visualizza il messaggio
    Mi dice "accesso negato"..

  8. #8
    Bannato
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    bel paese l dove 'l s suona
    Messaggi
    19,271

    Predefinito

    Appunto, non si vede nulla.

  9. #9
    Senior Member L'avatar di willy79
    Registrato dal
    Jan 2007
    residenza
    sestri levante, Liguria.
    Messaggi
    3,576

    Predefinito

    Zero manco a me!!! Non vedo nulla da nessuna parte ne qui ne nel link
    Miky

  10. #10
    Senior Member L'avatar di simof75
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    firenze, Toscana.
    Messaggi
    2,434

    Predefinito

    manco io vedo nulla

  11. #11
    Member L'avatar di CTALIRQ
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Firenze, Toscana.
    Messaggi
    990

    Predefinito

    Come al solito non vi fu una sola causa, ma una serie di errori e negligenze che, messi insieme portarono all'incidente...
    Tralasciando le cause tecniche (il ricevitore dell'ILS, sostituito a Linate, si rivel difettoso, i cross check di quota e distanza vennero fatti male o non fatti del tutto), e lo Human Factor (il primo ufficiale,molto giovane, si avvide che qualcosa non tornava e sugger di riattaccare, il comandante, molto esperto, non diede peso alle osservazioni del collega e volle continuare l'avvicinamento) ci furono anche responsabilit da parte del CTA svizzero.
    Normalmente la separazione dagli ostacoli responsabilit del pilota, tranne il caso in cui il volo sia sotto vettore radar.
    Per difinizione il vettoramento termina, o quando l'aeromobile si reinserisce sulla rotta autorizzata, o quando riporta di essere completamente stabilizzato sull'ILS (per completamente si intende stabile sia sul Loc che sul Glide).
    Il controllore di Zurigo, dopo aver autorizzato il volo AZ all'ILS, omise di chiedergli di riportare stabile e lo stesos volo AZ omise di fare tale riporto.
    Quindi, formalmente, la separazione dagli ostacoli non cess mai di essere responsabilit del CTA.
    A prescindere da questo il controllore aveva sempre il dovere di effettuare il monitoring della quota, anche dopo aver cambiato il volo con la TWR.
    Purtroppo invece il volo AZ si era stabilizzato su un sentiero di discesa circa 1000 piedi pi in basso di quello nominale, e nessuno se ne accorse!
    In realt il controllore si avvide che qualcosa non andava solo quando la separazione con l'aeromobile che seguiva il Dc-9 (un Sabena, se non ricordo male) and a decadere (il software di allora del radar di Zurigo, in caso di perdita del ritorno del radar, anzich cancellare la traccia, la "congelava" nell'ultima posizione osservata. Quindi sul radar, dopo l'incidente, la traccia del Dc-) si ferma, mentre quella dietro continua l'avvicinamento).
    A quel punto le registrazioni sono abbastanza agghiaccianti:
    il CTA avvisa la Sabena che c' un aeromobile poche miglia avanti a lui e gli chiede di riportarlo in vista. La Sabena risponde "Traffic not in sight, but we see flames below us..." Il controllore non pu rispondere altro che "Roger..."
    "Il CTA esperto quello che, in virt della sua superiore capacit di giudizio, evita situazioni che richiederebbero l'intervento della sua superiore esperienza per essere risolte"

  12. #12
    Senior Member L'avatar di willy79
    Registrato dal
    Jan 2007
    residenza
    sestri levante, Liguria.
    Messaggi
    3,576

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da CTALIRQ Visualizza il messaggio
    Come al solito non vi fu una sola causa, ma una serie di errori e negligenze che, messi insieme portarono all'incidente...
    Tralasciando le cause tecniche (il ricevitore dell'ILS, sostituito a Linate, si rivel difettoso, i cross check di quota e distanza vennero fatti male o non fatti del tutto), e lo Human Factor (il primo ufficiale,molto giovane, si avvide che qualcosa non tornava e sugger di riattaccare, il comandante, molto esperto, non diede peso alle osservazioni del collega e volle continuare l'avvicinamento) ci furono anche responsabilit da parte del CTA svizzero.
    Normalmente la separazione dagli ostacoli responsabilit del pilota, tranne il caso in cui il volo sia sotto vettore radar.
    Per difinizione il vettoramento termina, o quando l'aeromobile si reinserisce sulla rotta autorizzata, o quando riporta di essere completamente stabilizzato sull'ILS (per completamente si intende stabile sia sul Loc che sul Glide).
    Il controllore di Zurigo, dopo aver autorizzato il volo AZ all'ILS, omise di chiedergli di riportare stabile e lo stesos volo AZ omise di fare tale riporto.
    Quindi, formalmente, la separazione dagli ostacoli non cess mai di essere responsabilit del CTA.
    A prescindere da questo il controllore aveva sempre il dovere di effettuare il monitoring della quota, anche dopo aver cambiato il volo con la TWR.
    Purtroppo invece il volo AZ si era stabilizzato su un sentiero di discesa circa 1000 piedi pi in basso di quello nominale, e nessuno se ne accorse!
    In realt il controllore si avvide che qualcosa non andava solo quando la separazione con l'aeromobile che seguiva il Dc-9 (un Sabena, se non ricordo male) and a decadere (il software di allora del radar di Zurigo, in caso di perdita del ritorno del radar, anzich cancellare la traccia, la "congelava" nell'ultima posizione osservata. Quindi sul radar, dopo l'incidente, la traccia del Dc-) si ferma, mentre quella dietro continua l'avvicinamento).
    A quel punto le registrazioni sono abbastanza agghiaccianti:
    il CTA avvisa la Sabena che c' un aeromobile poche miglia avanti a lui e gli chiede di riportarlo in vista. La Sabena risponde "Traffic not in sight, but we see flames below us..." Il controllore non pu rispondere altro che "Roger..."

    Grazie del chiarimento!!!
    Miky

  13. #13
    gjangj
    Guest

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da SAM26000 Visualizza il messaggio
    Ricordate il disastro di Zurigo del Dc9 AZ (I-ATJA)?
    Non avevo mai visto una overview cos esplicativa delle dinamiche dell'incidente...
    mi ha lasciato senza parole...crudele quanto chiara
    a voi... senza retorica ma anche per ricordare

    ecco il link:
    http://www.flugzeugbilder.de/show.php?id=120192
    Me lo ricordo bene... lavoravo in aeroporto da pochissimi mesi ed ero al check-in. Personalmente ho registrato tre passeggeri su quel volo, tra i quali il sig. Alba, cortesissimo gentiluomo sorridente, che aveva una tariffa di business per il volo Swissair ma, purtroppo, mi chiese di anticipare il volo "cos evito il rischio della nebbia. Anche in economy, signorina, non c' problema". Fu un dolore grandissimo. Lo chiamano destino...

  14. #14
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2006
    residenza
    ROMA, Lazio.
    Messaggi
    7,077

    Predefinito

    Complimenti CTALIRQ per l'ottima spiegazione ,Roma Radar
    PS un collega in pensione
    cl

  15. #15
    Senior Member L'avatar di willy79
    Registrato dal
    Jan 2007
    residenza
    sestri levante, Liguria.
    Messaggi
    3,576

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da gjangj Visualizza il messaggio
    Me lo ricordo bene... lavoravo in aeroporto da pochissimi mesi ed ero al check-in. Personalmente ho registrato tre passeggeri su quel volo, tra i quali il sig. Alba, cortesissimo gentiluomo sorridente, che aveva una tariffa di business per il volo Swissair ma, purtroppo, mi chiese di anticipare il volo "cos evito il rischio della nebbia. Anche in economy, signorina, non c' problema". Fu un dolore grandissimo. Lo chiamano destino...
    Cavoli trsitezza vera!!! Penso sia bruttissimo fare il check-in a persone che poi moriranno in una tragedia simile!
    Miky

  16. #16
    gjangj
    Guest

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da willy79 Visualizza il messaggio
    Cavoli trsitezza vera!!! Penso sia bruttissimo fare il check-in a persone che poi moriranno in una tragedia simile!
    E' un dolore terribile davvero. Io piansi come una matta e non mi capacitavo. Pensai anche che forse avrei dovuto cambiare mestiere, e se questi sono pensieri che si fanno a vent'anni, posso dire che il profondo dispiacere resta uguale anche a quaranta

  17. #17
    Bannato
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Italy
    Messaggi
    14,584

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da gjangj Visualizza il messaggio
    E' un dolore terribile davvero. Io piansi come una matta e non mi capacitavo. Pensai anche che forse avrei dovuto cambiare mestiere, e se questi sono pensieri che si fanno a vent'anni, posso dire che il profondo dispiacere resta uguale anche a quaranta
    Ho letto la vicenda dei tuoi colleghi che hanno fatto check-in ed imbarco ai passeggeri del SAS di Linate e pochi minuti li hanno rivisti dentro l'aereo distrutto. Davvero sconvolgente.
    Spesso non ci si rende conto che le vittime di una sciagura non sono solo morti e feriti.

  18. #18
    aless
    Guest

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da CTALIRQ Visualizza il messaggio
    il CTA avvisa la Sabena che c' un aeromobile poche miglia avanti a lui e gli chiede di riportarlo in vista. La Sabena risponde "Traffic not in sight, but we see flames below us..." Il controllore non pu rispondere altro che "Roger..."
    pelle d'oca

  19. #19
    Senior Member L'avatar di A319FLR
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    4,902

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da CTALIRQ Visualizza il messaggio
    Come al solito non vi fu una sola causa, ma una serie di errori e negligenze che, messi insieme portarono all'incidente...
    Tralasciando le cause tecniche (il ricevitore dell'ILS, sostituito a Linate, si rivel difettoso, i cross check di quota e distanza vennero fatti male o non fatti del tutto), e lo Human Factor (il primo ufficiale,molto giovane, si avvide che qualcosa non tornava e sugger di riattaccare, il comandante, molto esperto, non diede peso alle osservazioni del collega e volle continuare l'avvicinamento) ci furono anche responsabilit da parte del CTA svizzero.
    Normalmente la separazione dagli ostacoli responsabilit del pilota, tranne il caso in cui il volo sia sotto vettore radar.
    Per difinizione il vettoramento termina, o quando l'aeromobile si reinserisce sulla rotta autorizzata, o quando riporta di essere completamente stabilizzato sull'ILS (per completamente si intende stabile sia sul Loc che sul Glide).
    Il controllore di Zurigo, dopo aver autorizzato il volo AZ all'ILS, omise di chiedergli di riportare stabile e lo stesos volo AZ omise di fare tale riporto.
    Quindi, formalmente, la separazione dagli ostacoli non cess mai di essere responsabilit del CTA.
    A prescindere da questo il controllore aveva sempre il dovere di effettuare il monitoring della quota, anche dopo aver cambiato il volo con la TWR.
    Purtroppo invece il volo AZ si era stabilizzato su un sentiero di discesa circa 1000 piedi pi in basso di quello nominale, e nessuno se ne accorse!
    In realt il controllore si avvide che qualcosa non andava solo quando la separazione con l'aeromobile che seguiva il Dc-9 (un Sabena, se non ricordo male) and a decadere (il software di allora del radar di Zurigo, in caso di perdita del ritorno del radar, anzich cancellare la traccia, la "congelava" nell'ultima posizione osservata. Quindi sul radar, dopo l'incidente, la traccia del Dc-) si ferma, mentre quella dietro continua l'avvicinamento).
    A quel punto le registrazioni sono abbastanza agghiaccianti:
    il CTA avvisa la Sabena che c' un aeromobile poche miglia avanti a lui e gli chiede di riportarlo in vista. La Sabena risponde "Traffic not in sight, but we see flames below us..." Il controllore non pu rispondere altro che "Roger..."
    Grazie per aver spiegato cos bene l'argomento.

  20. #20
    Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Bruxelles, Estero.
    Messaggi
    864

    Predefinito

    @CTALIRQ

    Racconto molto interessante (e purtroppo terribile...)! Grazie per averlo inserito!

    Mi hai fatto tornare in mente una trasmissione che vidi tempo fa sul canale francese "France 2" dedicata al fattore umano negli incidenti aerei. Riportavano alcuni casi in cui il comandante, in palese errore, avesse completamente ignorato le correzioni suggeritegli dal primo ufficiale. Quest'ultimo, spesso vittima del timore reverenziale, non insisteva. Per evitare situazioni come queste, facevano vedere un'unit speciale di Air France, dedicata ai piloti, che forniva loro tutte le spiegazioni (anche da un punto di vista psicologico) per non ritrovarvisi.
    Ultima modifica di BRUFCO-AZ; 1st October 2008 a 13: 59

  21. #21
    Senior Member L'avatar di Worf92
    Registrato dal
    Jan 2006
    residenza
    -MI-, Lombardia.
    Messaggi
    3,338

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da CTALIRQ Visualizza il messaggio
    "Traffic not in sight, but we see flames below us..." [........] "Roger..."
    Azz
    RESISTANCE IS FUTILE

  22. #22
    Senior Member
    Registrato dal
    Aug 2008
    Messaggi
    5,474

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da BRUFCO-AZ Visualizza il messaggio
    @CTALIRQ

    Racconto molto interessante (e purtroppo terribile...)! Grazie per averlo inserito!

    Mi hai fatto tornare in mente una trasmissione che vidi tempo fa sul canale francese "France 2" dedicata al fattore umano negli incidenti aerei. Riportavano alcuni casi in cui il comandante, palese errore, avesse completamente ignorato le correzioni suggeritegli dal primo ufficiale. Quest'ultimo, spesso vittima del timore reverenziale, non insisteva. Per evitare situazioni come queste, facevano vedere un'unit speciale di Air France, dedicata ai piloti, che forniva loro tutte le spiegazioni (anche da un punto di vista psicologico) per non ritrovarvisi.
    Molti anni fa ci fu un incidente aereo con un L-1011 Tristar a Miami l'aereo era a corto di carburante il primo ufficiale se ne accorse ma non lo disse al pilota! Proprio per questo timore reverenziale!

  23. #23

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Wolf359 Visualizza il messaggio
    Proprio per questo timore reverenziale!
    Anche nel disastro Flash Air.

  24. #24
    Senior Member L'avatar di Tiennetti
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Venessia
    Messaggi
    3,762

    Predefinito

    E nell'incidente di Jakarta dell'anno scorso...
    David

  25. #25

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Tiennetti Visualizza il messaggio
    E nell'incidente di Jakarta dell'anno scorso...
    Questo non me lo ricordo. Mi puoi dare qualche riferimento per favore?

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •