Aviazione Civile
27.2 C
Rome
Lun, Agosto 19, 2019
Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 26 a 50 su 82
  1. #26

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 4. SEI SCARSO

    Niente maratone aviatorie oggi, tanto che l’idea di prendere un solo volo mi disorienta un po'. Pochi sì, ma molto buoni direi. Sveglia di buon ora, direzione il Terminal 2 di TPE. Oggi si vola China Airlines per Narita. Nulla, saputo che il primo volo della mattina è operato dall’A350, non ho saputo resistere. Il check in lo faccio ai self. Fatto anche tramite app che però, a differenza di EVA, non ti permette di ricevere il formato passbook.



    Cerco uno Starbucks, che nella food court è un grande assente, e cedo ad una colazione decisamente orientale.*



    Procedendo all’area gate, le finestre che danno sulle taxi mostrano un vero e proprio balletto di macchine a traino.



    La vista fuori è interessante, dominata in larga parte da CI. Lui va a Pechino.



    Lui invece non si sa



    Poi dalla nursery emerge anche il mio



    Zorro è indubbiamente uno spettacolo. Airbus ci ha davvero preso con sta storia della mascherina





    Qualche minuto di ritardo e imbarcano.*


    *
    Notevoli anche le winglet a sciabola



    La vera sorpresa sono gli interni. Molto eleganti.







    Pitch generosissimo (anche allungandomi al massimo non arrivo a toccare con le ginocchia)



    Safety card



    L’imbarco è velocissimo, nonostante il volo sia quasi*pieno. Stacchiamo quasi puntuali, ma c’è da aspettare.



    Siamo i numero 5, se ho contato giusto. Altri due chiudono la fila. Decolliamo con mezz’ora di ritardo e ci lasciamo l’umido sotto di noi





    Servizio. Chiedo il pollo e mi viene servita una roba che sembra un volatile bonsai. Puree con gli avanzi di ieri , frutta e il solito pane e burro sfamapoveri completano in menu. Il tutto innaffiato da un’ottima Sapporo, a celebrare il mio ritorno in terra nipponica.



    Da segnalare il dolcetto, una deliziosa selezione di mini tartufi di cioccolato davvero molto buoni. Finito il pasto, provo a fare qualche foto intorno. E devo dire che non c’è una sola cosa di questi interni che non mi piaccia. Il capo cabina mi fa fare un giro completo.
    Rear galley



    Skylounge che serve le sezioni business class e premium ecnomy. Sui voli a lungo raggio viene allestita con selezione di vini, the, cioccolato e caffè ad libitum. La selezione di snack si articola poi in une sezoni, una orientale con noodles e affini, e una occidentale con una scelta di snack dolci e salati. Mi invita a fare tutte le foto che voglio, scusandosi solo per il fatto che su questo volo la skylounge non è disponibile.*



    Sbircio anche la business. Nulla di che nella configurazione ma piacevole straordinaria per la scelta dei colori.



    Insomma, bravi davvero! A confronto con il 787 di EVA, anch’esso nuovo di fabbrica, questo vince a mani basse. E non me ne voglia qualcuno che so che sta leggendo.

    Siamo ormai in discesa verso NRT, dove pioggia ci tocca.*



    Altra cosa figa, la pagina delle flight connections. E questa volta, Air China e parecchie altre ciao ciao con la manina



    Ancora qualche minuto sopra le nuvole, spesse e basse..



    E atterriamo fradici



    Foto ricordo di Zorro





    Parcheggiato a fianco di un’altra mascherata, questa volta CX



    In pochissimi minuti sono fuori. Vediamo. Dove posso portarvi ora? Ah sì, al museo della scienza aeronautica, nascosto tra le mille colline di Narita (e tra i mille opuscoletti sulle cose da fare all’infopoint). Si arriva con il bus da entrambi i terminal, anche se le frequenze sono piuttosto scarse. Ci sono varie opzioni. Quella più conveniente per me è un autobus che mi scaricherà all’angolo di una strada da dove si arriva al museo con una camminata di 8 minuti.
    Siamo sicuri? Io non vedo tracce di costruzioni, tutto è prato e tranquilli ruscelli...



    *E alla fine, dietro una curva, il museo!*



    Del Giappone ho capito che molte delle cose più belle sono nascoste e difficili da trovare. Questo è un esempio, e nemmeno dei più complicati. Ingresso...



    Nel poco tempo che ho a disposizione riesco a vederlo tutto. È piccolo, va bene, ma ha tutto in regola per valere una visita. Il pezzo forte è la sezione 41, una prua intera dei uno dei prototipi del 747-100. Meglio le immagini delle chiacchiere..











    Se è porno, levo











    La sala principale ospita una riproduzione in scala di NRT, una collezione di foto di tutti, ma proprio TUTTI gli aere che sono transitati sullo scalo e varie altre amenità, come questo diorama di un crash landing.









    C’è anche una biblioteca, che contiene veramente di tutto..





    ...e uno shop abbastanza fornito



    Mi dirigo proprio lì a far qualche danno (punto al modello 1/200 del cicciobus di ANA versione tartaruga) e qui succede una cosa simpatica. Mi si avvicina il commesso tutto trafelato e vedendomi con la macchina fotografica, mi chiede se sono uno spotter. Rispondo che sì e lui si anima ancora di più, dicendomi qualcosa che non capisco. Poi prende il cellulare e mi fa vedere una foto, e capisco che sta dicendomi che è in partenza una rarità, una prima a Narita. Quale? Il 359 da cui sono appena sceso. Gli dico quindi di aspettare un momento, e quando gli faccio vedere le foto scattate a bordo di quello stesso aereo poco prima, diventa tutto rosso e scoppia a ridere come un matto. In effetti la terrazza è un ottimo punto di osservazione...



    Purtroppo una delle sezioni del museo è in manutenzione. Posso solo sbirciare dalla porta aperta.



    È ora di correre al terminal, recuperare il bagaglio lasciato in deposito, fare un cambio dei vestiti, visto che sono passato dai 35º di Taipei ai 10º scarsi di qui, volare all’appendice dello shop del museo al 5º piano del central building al T1 e fare un altro acquisto.*
    E poi, prendi il Narita express, arriva a Tokyo, fai tappa al tuo negozio di dolci preferito (Mimi et Bon), vai a Tamachi, lascia un bagaglio in deposito nell’ultimo hotel della vacanza, vai da Seven Eleven a comprarti la cena (in viaggio io non mangio, mi nutro), vai da Top Gun, negozio di modelli ad Akihabara a fare un altro danno, corri alla Tokyo station, prendi l’ultimo NEX, arriva al T1, prendi il pullman per l’hotel.....e come niente si fanno le 23, ora in cui spengo la giornata.

  2. #27

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Splendido l’A350!!!! E grandissimo l’addetto del negozio. Sono queste piccole cose che fanno il Giappone il bel posto che é.
    Are we there yet? Stories from the road.

  3. #28
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2006
    residenza
    ROMA, Lazio.
    Messaggi
    7,071

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Molto ben scritto in maniera simpatica.Ottimo Roma Radar

    PS hai dormito un po' ?
    cl

  4. #29

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 5- SPRING IS IN THE AIR.


    Non del tutto ad essere onesti. Sveglia alle 4.30. Fuori è già chiaro, ma solo per farti prendere atto che il tempo non collaborerà nemmeno oggi. Diluvia e fa parecchio freddo.
    Oggi volerò in Hokkaido con Spring Japan, una delle ultime mancanti alla mia lista di compagnie giappe. Spring Japan è la branch nipponica di Spring China. Per acquistare il biglietto è stato parecchio complicato, tanto che ho dovuto optare per Ctrip, biglietteria online specializzata in robe orientali.
    Lo shuttle dell’hotel mi deposita direttamente al T3, l’orrendo terminal low cost di NRT. È presto e i banchi di Spring sono ancora chiusi. La scena si presenta così








    Smile, swing, spring! Che tanto fuori il tempo fa schifo.





    Si può fare check-in sia ai self, con assegnazione random del posto, oppure al desk con scelta a pagamento. Scelgo questa opzione che mi costa ben 600 ¥.





    Fatto check-in, mi dirigo verso i gate. Il tema del terminal è la palestra, forse per via delle corse che i passeggeri sono costretti a fare per raggiungerlo dal T2. Qui la pista di atletica che conduce aigli imbarchi








    Fuori il panorama del T3 è questo. Ai Jetstar hanno scritto le marche usando un font con uno zero di troppo, tipo 250 invece che 25...





    Piccola digressione su NRT. È uno degli aeroporti più che conosca, parlando di grossi scali. Praticamente circondato da alberi e piccole colline, da fuori non si riesce a vedere nulla. Una delle due piste è distaccata parecchio dal complesso principale. Le taxiway in alcuni punti fanno giri bizzarri e la disposizione dei terminal è a mio avviso completamente sui generis.
    Altra vista del piazzale. Stessa disposizione che usavo quando da piccolo giocavo con le macchinine. Ordinate ma anche un po' a caso





    Il sistema in uso è il finger non finger, visto anche in altri scali nella sezione ultra low cost.





    Jetstar domina le partenze dell’alba








    Stanno intanto preparando il mio





    Imbarchiamo. Mi concedono gratis la priority, visto che la maggioranza dei pax è ancora indietro, impegnata a correre i 400m piani.





    Preboarding bagnato





    Nonostante i 6 anni di vita, l’interno è immacolato...





    Ma il pitch è assassino





    Safety card, fitta fitta di scritte.





    Decollo umidissimo, nuvole a più strati e tempo brutto per buona parte del volo








    Il resto è senza storia. Servizio a pagamento, unico passaggio del carrello, del pitch si è già detto, delle mie ginocchia potete immaginare. Atterriamo a Sapporo ritrovando lo stesso cattivo tempo di NRT, con qualche, parecchio, grado in meno.








    Sbarco per ultimo, chiedendo una gentilezza alla capocabina che mi viene negata prima con un sorriso, poi scuotendo leggermente la testa, poi con quella faccia che fanno i neonati quando gli si da del limone, infine con la classica, definitiva, croce fatta con i due indici. Desisto.
    Una volta dentro il terminal, vado a chiedere info all’ufficio del turismo. Passo davanti a loro, tra i miei preferiti





    Qui inizia il mio primo OT. quinta volta a Sapporo, prima volta che metto il naso fuori dall’aeroporto. Ora che ho volato il volabile da qui, è ora di sentire se l’aria di Hokkaido è tollerata dai miei polmoni. Perfetto, aria ok, tolgo lo scafandro e vado a prendere il mio Hokkaido Rover che mi porterà in giro.





    Dove? Breve storia triste. Prenotato una sistemazione da casa, il tizio dell’info point dice che è troppo lontano (6 ore di auto), ripiego su altra sistemazione in area racomandatissima dall’esperto, prendo l’auto, guido per quasi tre ore tra pioggia e neve combattendo il sonno e alla fine arrivo in questo ski resort ormai deserto in quanto la stagione è ormai conclusa. Spettrale.
















    Morale, bravo a pianificare voli esotici, chiavica ad organizzare il resto. Passo ciò che rimane del giorno nell’onsen della facility, così da far cuocere al vapore il piano B elaborato per domani.


    GIORNO 6- LA TERRA BRUCIA MA IO MUOIO DI FREDDO


    No, non è il titolo del nuovo libro della Thunberg, ma la sintesi della mia giornata. Sveglia con un sole che mi riempie di voglia di riscatto per la giornata inutile di ieri. Mi metto subito in marcia e qui inizia il mio primo OT che, vedrete, presto andrà totalmente in vacca.
    Prima tappa il lago Toya, molto popolare per le sue acque trasparenti e l’isolotto che lo fa somigliare a un enorme ciambellone. La strada è dominata dalla presenza incombente del vulcano Yōtei.





    Carpe in festa...





    Nuotano felici e rovesciate in fronte al vulcano


    Ecco il lago, il di suo isolotto...





    Bene, visto. Ora mi rimetto in macchina alla volta di quella famosa pozzanghera blu, sita a nord di Sapporo (e io ovvio mi trovo al nadir del punto in cui si trova). Il navigatore mi propone la direttissima di quattro ore e 5700 ¥ da pagare in contanti, come minacciato dalla megera del car rental (no caredito carudo, only cash, no caridito carudo). Ok, inforco l’autopista, poi dopo un po’ faccio due conti, valuto pro y cons, e alla terza uscita abbandono. A sto punto vado a vedermi l’onsen che si trova nei pressi. Io pensavo ad un bagno in acque termali calde, a mollo in mezzo ad orsi che non curanti si uccidono di miele (il posto si chiama Noboribetsu bear’s park). Mi ritrovo a godere in solitudine la vista stupenda di un lago perfettamente circolare dalle acque incredibilmente azzurre e trasparenti





    Proseguo, e la terra comincia a fumare. Bene, l’ammollo si avvicina. Ma più mi faccio nei pressi, più la cosa inizia a puzzare, di zolfo nello specifico. L’onsen si rivela un parco naturale in cui diversi sentieri si snodano intorno a pozze fangose ribollenti miasmi infernali. La terra fuma ovunque.











    E mentre il suolo brucia, qualcosa di urgente comincia a fare capolino dentro di me. No, non si tratta di evacuazioni impellenti, solo una certa inquietudine che alla fine mi farà raggiungere a passo svelto l’auto, guidare allegro verso l’aeroporto, parcheggiare nei pressi della testata 19 e cominciare a scattare... questa una selezione

















    Sta per tramontare, ho freddissimo e vorrei fare le ultime foto dalla terrazza di CTS. Volo a far benzina, riconsegno l’auto e via diretto con il pick up al Domestic Terminal dove si trova la terrazza. E qui altri scatti.











    Fuori fa veramente freddo, abbandono l’idea di continuare anche in ‘notturno’ (la terrazza chiude alle 20 e qui la luce è già andata) e mi conforto con un ramen bollente. Ah, prima faccio un salto al negozietto di modellismo, libri e affini al quinto piano del terminal. Regala sempre qualche sorpresa, ma oggi l’unica sorpresa è realizzare di aver comprato ormai tutto. Al ramen segue una corsa in metropolitana fino al JR hotel che mi ospiterà per la notte. Domani Osaka via Sendai e poi Kyoto e forse Nara, se solo riuscirò a star lontano dagli aeroporti. [continua...]



  5. #30

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Splendido l’A350!!!! E grandissimo l’addetto del negozio. Sono queste piccole cose che fanno il Giappone il bel posto che é.
    Davvero bellissimo, e ottimo il servizio. Spicca su tutti i 350 su cui ho volato finora. Bravi!

    Quote Originariamente inviato da Roma Radar Visualizza il messaggio
    Molto ben scritto in maniera simpatica.Ottimo Roma Radar

    PS hai dormito un po' ?
    Grazie! No, Roma Radar. Ho dormito pochissimo. Ed è stato bellissimo...

  6. #31

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Un altro TR veramente incredibile. Una curiosità, per noleggiare a Sapporo hai usato la patente italiana?

  7. #32

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Quote Originariamente inviato da Greco Visualizza il messaggio
    Un altro TR veramente incredibile. Una curiosità, per noleggiare a Sapporo hai usato la patente italiana?
    Grazie! No, serve la patente internazionale (convenzione di Ginevra) con la quale integri la patente in corso di validità. Poi è tutto veramente semplice. L'auto è dotata di navigatore e ti danno un libretto in cui c'è un elenco di destinazioni popolari, ognuna con un codice associato. Basta inserire il codice nel navsat, e il gioco è fatto. Percorso e strade alternative compaiono all'istante.

  8. #33

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Arigato gozamaisu JetBoy!

  9. #34

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Uhm.. onestamente il terminal low cost di Narita è quanto di brutto si possa vedere di un aeroporto... Ha lo stesso aspetto dell'Eurospin vicino casa.
    Fortunatamente, il "panorama" che offre la terrazza permette di rifarsi gli occhi...

  10. #35

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Quote Originariamente inviato da ottovolante Visualizza il messaggio
    Uhm.. onestamente il terminal low cost di Narita è quanto di brutto si possa vedere di un aeroporto... Ha lo stesso aspetto dell'Eurospin vicino casa.
    Fortunatamente, il "panorama" che offre la terrazza permette di rifarsi gli occhi...
    Davvero uno dei peggiori, secondo solo a BVA

  11. #36

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 7. IL GIRO DI BOA


    Anche oggi è la luce a svegliami. Fuori chiaro, dentro 4.48 am. Il Giappone vive su orari sui generis. D’estate alle 4 è già chiaro, alle 19.30 praticamente buio. Oggi si va a Osaka, via Sendai. Volerò su una vecchia signora, credo la più anziana della flotta NH. Poi un Dash8-400, quello con le caviglie di cristallo, mi scarrozzerà fino ad Itami. Troppo facile volarci direttamente, troppo poco divertente, voi mi capirete.
    Colazione 'al sacchetto' comprata da Lawson la sera prima e consumata a letto come i pascià. La tele trasmette gli imperdibili programmi del mattino, che sono in pratica versioni di uno mattina arricchite da una scarica ininterrotta di ‘oooh, aaahhhh, ehhhhh, ohhhh, hai, hai, hai. A quattro ore esatte dalla partenza lascio l’hotel (JR INN che consiglio per chi ha un layover a CTS- l’aeroporto chiude di notte e non è concesso dormirci). A tre ore e 45 dalla partenza sono già nel terminal. Faccio il check-in ai self e tramite QR code mi viene soarata la mia prenotazione. Posto già assegnato, che confermo. Interessante nota: il sistema visualizza i posti già assegnati e ‘mappa’ gli infant a bordo, tipo campo minato. E in effetti oggi voliamo con parecchie armi anti uomo. In un attimo ottengo la carta di imbarco





    Ora ascendo alla terrazza, per respirare un po’ di idrocarburi. In prossimità dell’uscita c’è un piccolo museo dedicato a JAL, parecchio interessante, contenente una collezione di divise, una di modellini, oggetti di varia provenienza ed epoca, e ottimi infographics sui diversi aerei attuali e andati.











    Fuori la mattinata gira pigra. Lui va a KUL





    Lui arriva da HND





    Rientro e mi faccio un giro al quarto piano, dove si trova lo smiling corridor, vero paradiso di giochi e attrazioni per i più piccoli. Accanto all’inevitabile fake terminal di Hello Kitty, Doraemon domina con un murales gigante. Mentalmente gli rivolgo una preghiera affinché faccia fuori per sempre la gattina dalla bocca mancante.





    Tempo di penetrare i filtri. Qui vale la regola che ti puoi portare le bevande, previo check con una macchina che probabilmente fa una PET istantanea alla bottiglietta.
    A proposito di radiazioni, lui arriva da Fukushima, e sarà il mio 'bobby' per SDJ.





    Imbarco svizzero, e in un quarto d’ora siamo tutti a bordo, compresa la mina di fianco a me.








    La vecchia signora si mantiene perfettamente, nonostante l’età (16 anni suonati). Gli interni immacolati tradiscono i segni del tempo solo dalla forma delle cappelliere e dalla fantasia delle ‘tappezzerie’.








    Anche i finestrini, di solito andati in malora su macchine così vecchie, sembrano stati prodotti e installati da Swarowsky. Rotten safety card..





    Lasciamo Chitose in perfetto orario. Per chi si ricorda il rumore della retrazione dei flap sui bobby di qualche generazione fa, ecco, tra poco è il momento.








    Lasciamo la costa e prendiamo il largo





    Rapido sguardo alla rivista di bordo per fare la spunta di quello che non ho ancora preso di ANA. Mancano solo i cargo, l’ CENSORED FOR SPOILING e il Millenuim falcon. Il resto? Volato su tutto.





    Punta estremo nord di Honshu...





    Punto in cui il servizio interrompe momentaneamente la stesura di questo racconto in presa diretta





    Chiedo e ottengo una nuova safety card, che mi viene consegnata come un superalcolico negli states





    Fuori un vulcano, e no, non è il Fuji.








    L’avvicinamento a Sendai è davvero degno di nota. Si costeggia la costa, si vira in sottovento, poi in prossimità delle montagne si vira a sinistra fino praticamente in finale.

















    Atterriamo in gran anticipo. Se è porno, levo





    Ultimi scatti del nostro, con l’equipaggio delle pulizie fuori che aspetta che finisca...





    Dettagli che indicano l’appartenenza ad ANA...





    Parcheggiamo a fianco di questo E170 di J-AIR, altra prossima vittima delle mie folli prenotazioni.





    Pare solo a me più corto in questi colori? Una volta dentro, la solita, piacevole pletora di attività per appassionati di aerei. E addio pranzo. Trovo un piccolo museo





    Con qualche chincaglieria esposta ed un cockpit semi-giocattolo dell’A300 dove piloti in erba si contendono leve e manette








    L’inevitabile observation deck, sito su una torre che raggiungi con quattro rampe di scale (naviganti con bagagilo al seguito usate l’ascensore). C’è pure questo, atterrato dritto nella food court.





    Chech-in per il segmento successivo fatto, è ora di passare i filtri. Lui domina il portale delle partenze.



    Bella la macchina, discutibile la livrea, che oltre all’orrendo logo, prevede parte delle ali e dei piani di coda dipinti di rosa e blu. Lato aria regnano la pulizia silenzio che , interrotto solo dai discreti chime e annunci di partenze quasi sussurrati. Il mio riparte per CTS








    La zona gate 8-10 è ancora meglio. Tutto strapulito e sobriamente elegante, ricorda alcuni scali del nord europa. E anche qui regna un moquettato silenzio.





    Parte l’imbarco e al mio turno luce rossa. Manca la terza boarding pass. Sui domestici hanno una strana procedura che prevede una prima stampa al check in, una ricevuta ai controlli e una terza al momento dell’imbarco. Facendo tutto con passbook, il sistema va nei casini. Ecco il tris d’assi.





    Pre imbarco








    ANA sugli aerei piccoli non prevede il delivery at aircraft, quindi se viaggi con un trolley te lo tieni sotto il sedile davanti. Peccato, il pitch non sarebbe nemmeno male.





    Decolliamo in direzione mare.





    Riguadagnamo terra sulla verticale di un luogo tristemente famoso: Fukushima





    Putroppo tempo si guasta e sorvoliamo una coltre ininterrotta di nuvole. O almeno credo, visto che dormo fino alla discesa.
    Atterrare a Itami è un’ottima occasione per farsi un’idea di quanto fittamente sia popolata. Case talmente piccole e addossate l’una all’altra da sembrare una distesa di macerie





    Giù il carrello, e saltando un E170 di J-AIR siamo a terra





    Ultimi scatti e via verso il terminal








    Passo il resto della giornata in viaggio verso Kyoto dove ad accogliermi sarà la pioggia battente. La città è invasa da turisti di tutte le risme, molti gli italiani, e credo che vorrò presto volare via. Accompagno la cena in busta comprata da Family Mart con una Sapporo in lattina per celebrare il giro di boa della mia vacanza. Ancora molto, e forse le parti più succulente, hanno da venire. Suspence....
    Ultima modifica di jetboy; 18th May 2019 a 14: 31

  12. #37

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Un folle! Ma grazie mille per la nuova carrellata. Non vedo l’ora di leggere il resto!

    Gli aeroporti dovrebbero essere silenziosi per legge, e cose come SCL lato domestico (musica a stecca, annunci ogni 3 minuti) andrebbero usati solo come alternativa al waterboarding.
    Are we there yet? Stories from the road.

  13. #38

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Un folle! Ma grazie mille per la nuova carrellata. Non vedo l’ora di leggere il resto!

    Gli aeroporti dovrebbero essere silenziosi per legge, e cose come SCL lato domestico (musica a stecca, annunci ogni 3 minuti) andrebbero usati solo come alternativa al waterboarding.
    Grazie! Anche per la pazienza che tu ed altri avete nel leggere questo verbosissimo TR. Hai ragione. Tutt'altro viaggiare quando gli aeroporti sono tranquilli e spaziosi. E ora... sotto con il resto!

  14. #39

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 8 TOLTO UN IMPERATORE SE NE FA UN ALTRO


    Via il vecchio, fuori il nuovo. Vale per l’imperatore e vale per le mie passioni che oggi, in questo giorno di OT, hanno subito una drammatica trasformazione. Vi dicevo della mia difficoltà a vedere cose che non siano avio-affini. Bene, oggi tocca a panico-Kyoto che con i suoi mille templi è un must di ogni viaggio in Giappone. Non nella golden week, la settimana di festa in cui tutti i giapponesi vanno in vacanza e si spostano in massa verso i luoghi del cuore, Kyoto in testa. Uno come me, a cui la calca fa venire voglia di scappare, mal si dispone in situazioni come questa. Aggravata dalla mancanza di una meta precisa (vado a vedere le cose giapponesi di Kyoto. Sì ma quali? Scegline una. Sì ma quale...) la giornata inizia con un broncio affogato in un caffè di Starbucks. Mi decido e andrò a vedere il più famoso. Un suicidio premeditato, visto che saranno tutti là. Prima tappa, e prima prova da superare, la ricerca di un armadietto dove collocare la mia preziosissima soma. Un’ora in tutto spesa alla stazione, su e giù per i mille piani di questo mostro di scale mobili acciaio e laterizi





    Ho una tappa ora, e decido di andarci a piedi, facendo zig zag tra le minuscole e bruttine ‘dori’ intorno alla stazione. Bruttine sì, ma un certo fascino lo hanno comunque








    Il fascino della composta desolazione. A sorpresa poi si aprono giardini che sono veri e proprie oasi di pace e silenzio.








    Più ci mi avvicino alla meta, più la situazione gente si densifica. Fino ad arrivare ad una catastrofica fila sulla salita che dà all’area di Kiyomizu-dera. Resisto giusto il tempo di fare qualche scatto.








    Faccio la posta alle varie ragazze che si mettono in posa per farsi fotografare da amici o fidanzati nei loro pregiatissimi kimono. Ne individuo una, provo con discrezione a ritrarla mentre il fidanzato fa lo stesso, poi si ricongiungono e capisco che sono cinesi. La molla che mi fa saltare via scatta quando sulla scalinata compare una famiglia di turisti europei che tra mille fatiche cercano di issar, sulla scalinata e in mezzo alla calca, un passeggino col loro figliolo bello e addormentato. Troppo. La città è laggiù e vorrei un deltaplano per sorvolarla in pace.





    Il diavolo che si è impossessato di me mi suggerisce di scappare, ora, subito, e di provare ad andare a visitare il museo dei treni, che si trova non lontano dalla stazione della JR Station di Kyoto. Non sarà tradimento? Ma no, fa lui. Le passioni non cambiano. Considerala solo una piccola, innocua parentesi. E sia, mi incammino per altri 7 Km. Ed eccomi nella mecca di tutti i colleghi ferr-appassionati. C’è veramente di tutto.
    A cominciare dal primo Shinkansen entrato in servizio nel 1964 e che con le sue forme tondeggianti rappresentava per noi cresciuti con i cartoni animati giapponesi una sorta di emblema della modernità nipponica.





    Viaggiava alla incredibile velocità di 150 Km/h, una scheggia ai tempi





    Gli interni sono immacolati, come del resto tutto in questo museo





    Il ‘cockpit’ visto da fuori ricorda qualcosa di familiare. Sarebbero bastate due ali e oggi avremmo il Serie Zero Max 8.





    Taxi lights...





    L’evoluzione continua fino ad arrivare ai giorni nostri con i vari Nozomi e compagnia bella. Tra tutti, spicca per le sue forme avveniristiche il serie 500, vero prodigio di tecnologia e design che però, ahimè, viaggia più lento di un nostro Frecciarossa








    Qui qualcuno si farà male...





    Fuori il festival delle locomotive a vapore.








    Mi avete convinto. Cambio passione e viro verso la ferrovia! Sacrilegi a parte, è insieme un piacere e un rammarico vedere musei organizzati, gestiti e mantenuti in questo modo. La gioia è ovvia. Il rammarico è pensare che musei nostrani faticano a raggiungere quel minimo di decenza da renderli finalmente un’attrazione degna di nota. Se penso all’ultima visita a Volandia... ah, il biglietto? Circa 5 euro. Il museo della brughiera ne chiede 14. Archiviati i malumori, ritorno in stazione e in sequenza: prendo il treno-vado a osaka-scendo alla stazione sbagliata per trovarmi con un amico che pacca (porc...)-pullmann-itami-hotel-tv-nanna. È mezzanotte, è ufficialmente iniziata una nuova era sotto la reggenza di Naruhito. Per me invece non cambia nulla. Nuovo giorno, vecchie passioni.

  15. #40
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,912

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    A "caviglie di cristallo" sono morto!

    Davvero spettacolare, anche il museo ferroviario. Su col resto.

    DaV
    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  16. #41

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 9 FUK e ORC!


    Improperi di prima mattina? Nah, semplicemente una coppia di tre lettere che riassumono il tema della giornata. Volerò a Fukuoka con IBEX e il loro CR7 momentaneamente in prestito dai bianconeri, per poi volare a Fukue (altro improperio) con Oriental Air Birdge (ORC, dove la C sta per corporation). Tornerò in serata a Fukuoka con un banalissimo ANA wings. Tempo fa, in un precedente viaggio, vidi ad Itami sia l’IBEX che l’ORC e da allora (era il 2014) me li son messi nella wish list. Oggi è il giorno.
    IBEX è un’affiliata di ANA che opera interamente in codeshare con quest’ultima. A Itami si prendono tutto il terminal nord, mentre JAL occupa il Sud.





    Tris d’assi dopo il check in. L’addetta, gentilissima, non ha battuto ciglio mentre snocciolava il mio strambo itinerario assemblato su tre prenotazioni diverse.





    Tappa obbligata alla terrazza





    Tris JAL





    Luce verde, filtri in vista





    Imbarco con il Cobus, scendo per primo e scatto








    Anche in questo caso, la macchina è immacolata all’interno





    Pitch generoso.





    Safety card





    Ne chiedo una nuova per la mia collezione. Mi viene risposto che non me la possono dare ma che posso prenderne una a scelta quando sbarcheremo. Intanto tra mille sorrisi l’av mi riempie di ciccia





    Decolliamo cercando di non urtare i tetti delle case di Itami








    Praticamente voliamo in una condizione meteo definita in gergo ‘panna sopra e sotto’





    Piccoli spoilerini ci aiutano ad immergerci nella fitta coltre





    Anche Fukuoka è bello abitato. Case tutt’intorno al sedime





    Viratona a sinistra e siamo a terra.











    Sbarchiamo, io sotto la supervisione della divertita capocabina che zompo di sedile in sedile a scegliermi la safeti card più intonsa. Poi gentilmente mi accompagna verso la porta. Le chiedo di poter fare un ultimo scatto. Lei dopo un microsecondo di sorpresa, mi dice fai pure. E qui la comica. Io mi giro per fotografare fuori e con la coda dell’occhio vedo immobile nell’atto di sistemarsi, pensando di essere lei il soggetto della foto.





    Poi mi giro quasi mortificato, e lei mi sorride dandomi in mano un ultimo cadeau





    Sulnato come sono, penso che le due si siano messe a disegnare con i pennarelli e la lingua di fuori come fanno i bambini. No, è un prestampato che dà la misura di quanti avgeeks questa gente ha a che fare. Bellissimo gesto comunque.


    Aviation porn...





    Alla fine saluto le mie nuove amiche, che ricambiano con la manina. Che dire. IBEX un’altra meravigliosa esperienza. De gregori... ciao ciao e arigato gozanimatsu!





    Altra esperienza, il Cobus. Quasi un safari. Loro...





    Lui...





    Terminal, giro esplorativo, individuo i punti cardinali. Cibo (food court), cultura (bookstore), leisure (observation deck), service (cessi). Parto dall’inevitabile terrazza, qui purtroppo multilata per via dei lavori. Qui vedo innanzitutto lui, in abito da cerimonia.





    L’immagine di Starflyer, dalla livrea all’advertising passando per tutto il coordinato è a mio avviso una delle migliori. Parte per Haneda.








    E come al parcheggio del super di sabato mattina, questo si frega subito il posto.





    Mi toccano quattro ore e passa di attesa, ORC! Le inganno nella gate lounge da dove comunque si gode di un ottimo panorama. Lui arriva da OKA, in ritardissimo.





    Noi si parte





    ORC! La batteria della macchina mi lascia a piedi proprio mentre saliamo a bordo di questo DH8-200 piuttosto lercio. Dentro, al solito, lindo come una farmacia svizzera, e è uscita così.
    Anche in questo caso, niente delivery at the aircraft, quindi i trolley finiscono sotto il sedile. Il pitch non ne risente assolutamente. Safety card





    E rivista di bordo, che consiste sostanzialmente nella mappa delle destinazioni.





    Decollo rapido e bumpy, il rumore al 5E si fa parecchio fastidioso. Ho sempre sognato beccare la retrazione del carrello





    Un po’ di aivation porn non guasta mai





    I pod posteriori sono pieni di scie chimiche che spargiamo abbondantemente sulla terra piatta sotto di noi.





    Il servizio consiste in una caramella contenente un cuore di ORC





    La povera AV, bombardata di richieste dal sottoscritto, senza mai perdere il sorriso mi ricopre di oggettistica.





    Terra in vista, si stendano i panni. E io registro





    Guardo il mondo da un oblò e decido che Fukue, come Penghu e Taittung sarà meta di una sosta più lunga di un giro macchina. Il mare è stupendo





    L’ombra arriva puntuale al nostro appuntamento





    E siamo di nuovo a terra dopo 40 minuti di volo. A sto punto lascio scendere tutti e mi scateno. Impazzisco alla vista dei 4 sedili tipo pullman





    Il mio ex, terrorizzato dal volo, una volta salendo su uno di questi a momenti mi sviene. Fuori è tutto mio. Sotto la supervisione paziente dell’addetto, mi scateno.

















    Una volta fuori, scopro che è invece il caso di reclamare e chiedere un rimborso. Ben 5 minuti di ritardo. Inaccettabile!





    Rinuncio solo perché l’iter è complicato e le compagnie per questo ci marciano. Comunque vergognoso! Volo in terrazza giusto in tempo per vederlo partire.





    Scherzi a parte, anche volare con ORC è stato un piacere. Intanto il mio prossimo atterra..





    L’aeroporto è un buco, scivolo dalla terrazza al gate in zero minuti. E siamo già all’imbarco. Piccola nota di colore. L’annuncio viene fatto in giapponese e poi partire un piccolo registratore e lo avvicina al microfono. Ecco l’annuncio di imbarco in inglese. Si va a piedi. Il tipo in arancione non si scansa. Diventerà una celebrità qui su Aviazione Civile, ma non lo saprà mai.








    Di questo volo non c’è nulla da dire, tranne che la hostess, vedendo che faccio foto alla qualunque, mi porta il sacchettino dei ricordi. A sto giro mi becco una shopper e una cartolina dedicata.





    Atterrati leggeri leggeri, lievi sbarchiamo felici.








    Nulla di interessante da segnalare fino alla stazione della metro dove, ahimè sento che dovrò presto far piangere nuovamente la carta di credito



  17. #42

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    se già prima avevo voglia di tornare in Giappone, adesso è alle stelle. grazie.

  18. #43

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 10- ALL BLACKS OK, MA MRJ A CHE PUNTO SIAMO?


    Già, dopo il gran parlare che se ne è fatto dal primo volo nel 2015 all’ultima apparizione ufficiale a Farnborough, che fine ha fatto il nostro? Decido di andare a scoprirlo. Con l’aiuto prezioso di un amico che lavora a Chubu, scopro che Mitsubishi organizza un manufacturing plant tour, simile al blasonatissimo boeing plant tour di Everett. La visita si svolge all’aeroporto di Komaki, il vecchio scalo di Nagoya dove Mitsubishi Heavy Industries ha la linea di assemblaggio dell’MRJ appunto. Ma andiamo con ordine. Da Fukuoka a Nagoya l’unico volo comodo è lo Starflyer 34 delle 10.05. Non senza qualche difficoltà (il sito è mezzo in inglese, mezzo in giapponese) compro il biglietto ad un prezzo accettabile. Check-in agli automatici, con possibilità di scelta dei posti lontani dagli infant, almeno quelli noti.





    Check del menu di oggi





    Fukuoka è in larga parte in ristrutturazione con gran parte del lato aria cartonato





    Il mio gate è di fronte al baretto, dove mi apposto per beccare l’uccellaccio nero di Starlyer in arrivo da Nagoya. Passo assolutamente inosservato....





    Lui intanto si leva dalle scatole





    E leggermente in ritardo arriva il mio.





    Di Starflyer ho già detto, ma lasciatemelo rilepetere. Il black and white, dove il nero prevale alla grande, è di gran classe. Starflyer ha tutto in queste tonalità, facendo sembrare che si tratti di un executive. E in effetti, il prodotto spicca sopra la media delle sorelle, nipponiche e non. Imbarco con un ritardo oltraggioso di 20 minuti. Fuori la vernice è quasi del tutto opaca, e non è una trovata tamarra della compagnia.








    A bordo, il quasi lusso, rovinato solo qua e là da tracce di usura perdonabili. Del resto si sa, il nero sfina ma è un casino mantenerlo.





    La safety card sembra un biglietto per l’opera








    Il sedile ha anche un IFE taglia L con una buona selezione di contenuti, alcuni riservati a specifiche tratte, credo










    Pitch.... eh?!?





    Decollo ‘straight-in’ e siamo per aria








    Mappe biografia dell’impresa








    È proprio vero, il nero sta bene su tutto, specie quando si vola alti





    Io invece volo dietro a fare la mia solita questua all’AV, la quale scatta come una forsennata, apre e chiude mille sportelli cavandone una quantità di amenities da riempire un sacchetto, rigorosamente nero. Ecco il bottino








    Arriva il servizio, in coordinato black. Caffé in tazza nera e cioccolato ultradark.





    Basta un gesto alla hostess per chiedere un altro quadrello, che lei sorridente mi porta tutta la scatola e un po’ di bicchieri per quando faccio le feste a casa





    Siamo già in avvicinamento





    E ci allineiamo alle onde per atterrare come fanno gli idrovolanti (Nagoya Chubu è sull’acqua come Kansai)





    La mia gopro registra attenta. I video saranno proiettati in una festa che darò al mio rientro. E penso che mi divertirò un mondo a guardarmeli da solo





    Stellari





    Ed eccola, la cabina pseudo business





    Scendo, esco, pranzo veloce con C. che mi ha aiutato ad organizzare il tutto, depongo un altro bagaglio nei locker e via in cammino per approdare dopo un’ora e mezza al Komaki, l’aeroporto secondariodi Nagoya, base di Fuji Dream. Sono qui per vedere con i miei occhi lo stato di avanzamento del progetto MRJ. C’è gente là fuori che sta aspettando di volarci, per la miseria! Il tour è accessibile mediante prenotazione obbligatoria (potete trovare le modalità cercando con google ‘Mitsubishi MRJ tour). Costa una scemenza (1500¥, circa 12€) e son soldi spesi davvero bene. ATTENZIONE. Ci sono solo due tour in Inglese. Purtroppo per ragioni di orario sono costretto a prenotarmi su uno di quelli in lingua originale. Tanto è facile da capire... Il punto di ritrovo è l’Aichi Museum of Flight, a poca distanza e una fermata di bus dal terminal di Komachi. Ci si arriva anche dalla Nagoya station dove partono e arrivano gli Shinkansen e i treni per Chubu, ma occhio agli orari ché le corse sono limitate e il taxi costa una sassata. L’atrio del museo è una celebrazione degli MD-90 di JAS disegnati da Kurosawa, gli uni e l’altra purtroppo scomparsi.





    Al check dell’MR tour ti danno pass, guida e passaporto dove timbrare le varie tappe. Nel biglietto è anche compreso l’ingresso all’attiguo museo, quest’ultimo non proprio imperdibile. All’ora fissata, ti trasferiscono in pullman al plant, all’interno del sedime di Komachi.





    Atrio e reception sembrano quelli di un hotel di gran lusso. Qualche foto documento...











    Poi si viene accompagnati nella locker room dove, sotto la supervisione della guida, si viene privati di tutti i dispositivi atti a registrare, filmare, ascoltare, trascrivere, trasmettere e teletrasmettere. Da questo punto in poi il tour ve lo racconto in sintesi. MRJ (che sta per Mitsubishi Regionaro Jettoro, come lo pronunciano i giapponesi) vola per la prima volta nel 2015. È una joint venture tra Mitsubishi heavy industries, xxx e xxxx. Le sue forme sono state ispirate dalle katana ed samurai, i colori della livrea rosso nero e oro dalle porcellane laccate della tradizione giapponese. L’eyliner grigio al lati dei finestrini del cockpit agli occhi delle figure drammatiche del teatro kabuki. Da segnalare: un full scale mock up di buona parte dell’aereo, visitabile, una semiala sezionata per farne vedere la struttura, un impressionante allestimento che illustra i principi del volo sfruttando un modello scala 1:72 ed effetti speciali davvero ben fatti, un modello in scala reale in legno del motore e tanto altro ancora. Il tutto spiegato da un’impeccabile guida in uno spazio eccezionale per allestimento, pulizia e cura maniacale dei contenuti. Il giro dura un’ora circa, dopodiché si passaall’assembly line. Anche qui, ovviamente, bando assoluto di supporti audiovideo. Qui la musica cambia, nel senso che c’è gran poco da vedere. Ci sono due prototipi (JA26MR e JA27MR) in fase finale, altre due fusoliere in assemblaggio e per il resto il vuoto siderale. Alla mia domanda, la guida mi risponde che i due prototipi là sotto sono stati aggiunti per accelerare la certificazione, con l’entrata in servizio prevista per metà 2020. Passiamo alla seconda assembly line e qui lo spettacolo è ancora più desolante. A parte due piani di coda e quattro engine cowlings, il nulla totale. Nel complesso sono degni di nota l’assoluta pulizia e l’ordine che fanno di questo plant qualcosa di vicino ad una enorme cristalleria. Aerei, purtroppo, ben pochi. Mi aspettavo di vedere almeno uno dei (tre) prototipi già impegnati nei test, ma nulla, di questi nemmeno l’ombra. Il tour finisce qui. Molto ben organizzato, spiegato divinamente (forse un po’ troppo elementare per i contenuti) ma sicuramente d’effetto. Tempo di recuperare le nostre video-audio-connessioni, dieci minuti per shopping-servicing e foto e il pullman già bussa alla porta.
    Foto ricordo








    E via scortati al punto di partenza con il mezzo in livrea. Non sarà ancora un successo commerciale, ma questi hanno dei gran soldi per tenere in piedi una roba del genere!





    Visto che manca un po’ di tempo alla partenza del mio Shinkansen per Osaka, mi fermo a dare un’occhiata all’Aichi Museum, il cui biglietto è compreso nel prezzo dell’MRJ.
    Attrazione principale è questo YS-11 della Japan Air Self-Defense Force...

















    La balconata al primo piano ospita una piccola collezione di modelli molto ben fatti e tenuti con la solita cura maniacale. Non un velo di polvere














    Un elicottero..





    ...e altra ferraglia. Fuori un piccolo shop che vende giocattoli a tema e una scarica di merchandising di Fuji Dream. Se ci capiate, un salto fatelo. Non andateci apposta, ecco.
    Elegantissimo anche da fuori.





    Poi l’escape sequence della giornata prevede: corsa fino a Nagoya JR con il pullman di Milanello (eh!?!)





    Shinkansen per Shin Osaka. Ho un debole per questi oggetti.





    Altro treno per Kansai e nanna in una cuccia nei pressi del terminal.




    continua...

  19. #44

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Ma che te lo dico a fare, grandissimo.

    Sull'MRJ ho sempre avuto qualche perplessità, riassumibili in "cui prodest"? C'è così bisogno di un ennesimo regional?

    Leggevo ieri questa parte del TR mentre andavo a una festa di addio vicino a LHR. Metropolitana (Piccadilly) ovviamente in lerciosissimo ritardo, poi 20 minuti fermi nel nulla a Osterley per treno davanti rotto, poi cambio di destinazione e termine del mio treno a Hounslow West. Treno successivo ancor più stipato del solito; al ritorno, dodici 'red signals' tra T5 e Acton. E ovviamente su metà della linea non c'è segnale per il telefono. Dev'essere stato bello usare una rete di trasporti efficiente e non una del Terzo Mondo!
    Are we there yet? Stories from the road.

  20. #45
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    7,926

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Il brand Starflyer e' veramente molto bello

  21. #46
    Junior Member
    Registrato dal
    Apr 2008
    residenza
    lucca
    Messaggi
    325

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Impressionante! difficile stare dietro a tutti i giri che hai fatto, bellissimo TR.
    Sono tornato proprio ieri dal Giappone, piaciuto trantissimo, ti ringrazio per i consigli che mi hai dato, anche se ho fatto un giro molto più classico del tuo , aspetto il resto

    Ciao Marco
    http://www.jetphotos.net/showphotos.php?userid=29747
    http://www.flickr.com/photos/marco345/
    nikon D800- D200 - D70s - 12-24dx - 24-70 2,8 VR - 70-200 2,8 VR - Sigma 150-600mm HSM S

  22. #47
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,912

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Assolutamente spettacolare, soprattutto Starflyer. La livrea è bellissima e il concept di bordo, anche se non innovativo, è davvero una spanna sopra alla concorrenza per come è presentato.

    Anche il safety video è così giapponese... https://www.youtube.com/watch?v=Arjl3-E6mhU

    DaV
    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  23. #48

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Grazie a tutti per avermi seguito fin qui. Ancora tre puntate, forza!

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Ma che te lo dico a fare, grandissimo.

    Sull'MRJ ho sempre avuto qualche perplessità, riassumibili in "cui prodest"? C'è così bisogno di un ennesimo regional?

    Leggevo ieri questa parte del TR mentre andavo a una festa di addio vicino a LHR. Metropolitana (Piccadilly) ovviamente in lerciosissimo ritardo, poi 20 minuti fermi nel nulla a Osterley per treno davanti rotto, poi cambio di destinazione e termine del mio treno a Hounslow West. Treno successivo ancor più stipato del solito; al ritorno, dodici 'red signals' tra T5 e Acton. E ovviamente su metà della linea non c'è segnale per il telefono. Dev'essere stato bello usare una rete di trasporti efficiente e non una del Terzo Mondo!
    Grazie Fab! In effetti sull’MRJ tanto parlare e scrivere. Poi nulla di concreto. Orgoglio Giapponese, mi sa che lo vedremo solcare i soli cieli nipponici.

    Quote Originariamente inviato da londonfog Visualizza il messaggio
    Il brand Starflyer e' veramente molto bello
    è il mio preferito. Mi sono accorto che la coda ha un lato bianco e uno nero, stessa cosa per le winglets. Francamente sta cosa non l’ho capita, preferendo di gran lunga l’all black. In ogni caso il prodotto è davvero di livello.

    Quote Originariamente inviato da marco345 Visualizza il messaggio
    Impressionante! difficile stare dietro a tutti i giri che hai fatto, bellissimo TR.
    Sono tornato proprio ieri dal Giappone, piaciuto trantissimo, ti ringrazio per i consigli che mi hai dato, anche se ho fatto un giro molto più classico del tuo , aspetto il resto

    Ciao Marco
    Ciao Marco. Diciamo che faccio spesso cose senza senso, vedi non uscire dagli aeroporti. Sono contento che ti sia piaciuto ed è stato un piacere darti qualche dritta!

    Quote Originariamente inviato da I-DAVE Visualizza il messaggio
    Assolutamente spettacolare, soprattutto Starflyer. La livrea è bellissima e il concept di bordo, anche se non innovativo, è davvero una spanna sopra alla concorrenza per come è presentato.

    Anche il safety video è così giapponese... https://www.youtube.com/watch?v=Arjl3-E6mhU

    DaV
    Vero! Comunque il video non me lo ricordo. Non ci ho fatto caso, impegnato com’ero a fotografare la qualunque. Posso assicurarvi che conosco a memoria le safety instructions e che in caso di emergenza… beh, a grandi linee saprei cosa fare.

  24. #49

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    GIORNO 11- SEOUL EXPRESS


    Niente giurie, prove, sfide o traguardi di sorta come nella omologa trasmissione TV. Oggi mi dedico un salto nella capitale Coreana, già visitata più volte nelle sue versione aeroportuale, Icheon e Gimpo. Di una visita vera alla città, manco a parlarne. Motivo? Una comparazione diretta delle due macchine più nuove in forza alle major coreane. A350 di Asiana vs 787 Korean. Motivo vero? Nessuno se non quello di collezionare un paio di voli con aerei che mancavano nella mia lista personale. Lascio il rifugio alle sette in punto. Rivedo in foto Rapid: o, il supertreno ricavato saldando la testa di Jeeg robot d’acciao ad un ferro da stiro con attaccati dei vagoni





    Oggi a Kansai danno un ballo in maschera. Faccio collezione di Zorro. Uno di Malaysian





    Lui che parte per Monaco





    E il mio che arriva da ICN








    Accessori per l’attacco roulotte, non in uso oggi





    Dal multipiano arriva lui. Sta buono te che ti becco stasera (ah dimenticavo,rientrerò a Kansai e proseguirò per Haneda con NH)








    Le danze continuano di là, noi qui, soli, a far tappezzeria





    Dentro tutto è lindo come si deve per una macchina di poco meno di un anno. Mi costituisco dichiarando di aver macchiato con una palata di gochujan sauce il sedile color sabbia. Non me ne vogliano i pax che si siederanno d’ora in poi al 57K. Pitch e safety





    Basta Starflyer, che noia con sto black and white, un po’ di colore diamine!





    Intanto cicciobus di ANA è venuto a deporre le uova





    Three, two, one... and liftoff!








    A dieci nodi si è un punto fisso nel cielo, e servono il pranzo.





    Cavolo, sauté di verdure e polpette in cartoccio








    Spero che questa foto vi convinca una volta per tutte che la terra è piatta: anche con il grandangolo l'orizzonte è una linea drittissima!





    Il volo è breve, 1 ora e 30. Atterriamo già








    Taxi al gate con ancora tutti i panni stesi.





    Lascio scendere tutti e dedico due foto due alla economy. Storia già vista altrove, nulla di speciale.








    Saluto zorro e mi avvio senza fretta ai transiti. Stavolta resterò in acque internazionali. Del resto in Corea non fanno manco più il timbro sul passaporto, e per me che ne colleziono, cade tutto l’interesse. Sempre calma, scivolo verso il T2, nuova nuovissima base di Korean e 'rendering' del lato aria








    Fuori è un incessante spostar mobili.





    Il mio è già pronto al gate in una zona che definirei morning calm, visto la totale assenza di rumori e movimenti in quest’ora della giornata.








    Lui va a Milano





    Boarding calm...





    Pitch generoso, safety card con segnalibro





    Liftoff perfettamente in orario, lasciamo ICN rumbo a Osaka.





    Interessantissima la mappa, navigabile in modi e virtualmente navigabile all’infinito. È talmente fatta bene che se ti posizioni davanti all’aereo, ti ci vedi passare sopra. A me ste scemenze fan diventare matto.








    Gioco un po’ con l’ossido di titanio per cavar fuori qualche scatto spaziale





    Ho provato a fare la stessa cosa sull’A350 e il risultato è questo.





    Boeing batte Airbus 1 a 0


    Arriva la bento box, sponsorizzata dall’ultima aggiunta nel carnet KE, contenente un onighiri tuna mayo, un pezzo d’ananas e bevanda a scelta.








    Il mapshow continua e delinea il sentiero di discesa verso KIX. Mi posiziono sulla pista e mi aspetto lì.





    Fuori, un cielo che faccio fatica a decifrare.








    Ci allineiamo...





    Hey, pilota, czzo fai! Atterriamo in mare.





    Ah, ok, probabilmente le mappe non sono ancora aggiornate come quei navigatori delle auto che si perdono negli svincoli autostradali di recente costruzione. Terra!





    Sbarco e ultimo kamsahamnida all’equipaggio di cui adoro lo spaghetto ritorto ad impreziosire le rigorosissime acconciature.





    E ora? Sono le 17 e il mio rientro per Haneda sarà alle 21. Volo da ANA a chiedere un cambi e mi trovano un posto su Itami. Cinturo il cinturabile, pronto alla corsa, ma la tizia mi gela chiedendomi 24000 non baci, ma Yen per il disturbo. Come a Willie il coyote mi si crepano gli occhi e si ammosciano le orecchie. Rinuncio e ‘decido’ di rimanere a KIX. Mi farò un giro sulla terrazza che non c’è (ma porc!). Perlustrerò il famoso scalo progettato da quell’archistar di Genova, e come Fantozzi, mi dico ‘a me pare una cagata pazzesca!’. Andrò a caccia di modellini o altro da comprare sul tema. Zero. Insomma, quattro ore di noia, no non ho detto gioia, ma noia noia... Confronto. L’eleganza dei banchi Starflyer...





    E la... non saprei nemmeno come definirla, di Vanilla Air





    A ridosso dell’ora di imbarco, chiamo mamma e papà che, poveri, con tutto il questo girare si son persi. Fino ad ora hanno seguito perfettamente gli spostamenti non sbagliando un colpo su orari e fusi. Ma stasera qualcosa va storto. Ci metto parecchio ad allineare tre elementi. Ora di partenza (mio fuso e fuso italiano), durata del volo (la stessa nei due casi) e ora di arrivo, di nuovo espressa nelle due ore locali. Ne viene fuori la lotteria dell’orologio (quindi arrivi alle 3 di mattina? No, alle 22 mie, le 15 vostre, e così via). Fino ad arrivare ad un colossale, comico, epilogo sul mio rientro. “Allora parto domenica da Tokyo alle 15 locali, le vostre 7 am, arrivo a Pechino alle 18 locali, le 10 vostre e riparto all’una di notte locale, le vostre 19, per atterrare a Milano alle 6.30 di lunedì”. Risposta “Sì, lunedì alle 6.30 a Milano, ma ora tua o ora nostra?’.... Imbarco. A320 Neo, vecchio di un anno.








    Spartano, pulitissimo e con un IFE da grido per un narrow body





    C’è anche un mini telecomando con un mini trackpad per la navigazione





    Map show satellitare, non zoomabile ahimé





    Safety azzurro puffo





    Nient’altro da segnalare, se non che, maldestramente, nel salutare la hostess esprimo tutto il mio apprezzamento per ANA dicendole ‘I love you!’. Questa si fa di mille colori diffondendo in cabina un bagliore rosso cardinale. Volo a prendere la Monorail per raggiungere la mia sosta di poche ore, 5 per la precisione, trascorse le quali di nuovo la Monorail mi riporterà qui. Il perché? La stanchezza me lo sta chiedendo a gran voce. Ma io non cedo e tiro dritto. Verso il letto per ora. Continua....

  25. #50
    Member L'avatar di lollomz
    Registrato dal
    Feb 2006
    residenza
    Monza, Lombardia.
    Messaggi
    704

    Predefinito Re: [TR] Giappone REDO- 13 giorni e tutti i voli che ci possono stare

    Bellissimo, che carrellata di voli!!!!!
    TRIJETS LOVER


Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 3rd February 2019, 23: 33
  2. Ryanair a VBS tutti i giorni da STN...fino ad ottobre
    Da depste nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 8th June 2009, 14: 41
  3. Sentenza contro Ryanair: le Olta possono vendere i voli
    Da goafan nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 1st February 2009, 23: 43
  4. (2 foto) da BGY che non si vedono tutti i giorni
    Da nt02469 nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 12th November 2007, 13: 09
  5. [OT] VIDEO Oggi tutti possono avere un 737!!
    Da Saetta nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 2nd March 2007, 20: 09

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •