Aviazione Civile
17.4 C
Rome
Ven, Settembre 20, 2019
Booking.com
Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 25 su 104
  1. #1
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,933

    Predefinito [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    È sempre interessante volare con nuove compagnie e, quando la mia capa mi dice che dobbiamo andare in Israele, la mia mente pensa subito a due cose: 1) inutile cercare di arrivarci via OneWorld da Milano per raccattare due miglia, stante la disgraziata posizione dell’alleanza sui voli di breve raggio che non partano dalle tre periferie dell’Europa (nord-est, nord-ovest o sud-ovest) 2) speriamo che El Al abbia un buon prezzo prima che mi costringano a fare itinerari o orari assurdi.

    El Al ha in effetti il prezzo più basso nelle date che mi interessavano – partenza lunedì, ritorno venerdì a poco meno di 400€ in Y, prenotato 10 giorni prima del volo – e ha anche, rullo di tamburi, il nuovo 787-9 su entrambi i voli.

    La mattina di lunedì vado come al solito a Milano Centrale a prendere il MXPExpress; qualcuno sa come si creano petizioni online per chiedere a Trenitalia/Trenord di spostare il binario di partenza dall’1 al 2?
    Arrivato a MXP vado diretto verso l’area dove fanno check-in El Al e le americane, con poliziotti assolutamente disinteressati al flusso di passeggeri. Qualcuno, prima o poi, si renderà conto che l’apartheid aviatoria è una cazzata.

    El Al ha una sotto-area di questa area “sicura”; sono in aeroporto tre ore circa prima del decollo e c’è già una fila di una cinquantina di passeggeri in attesa dell’interrogatorio. Il flusso è piuttosto semplice: prima si è scortati presso alcune piccole postazioni dove un gentile addetto della sicurezza di El Al (visto che li vedo parlare quasi tutti anche in ebraico, immagino siano cittadini israeliani o con doppia cittadinanza) inizia a fare il pelo e contropelo al potenziale passeggero; una volta ricevuta l’autorizzazione a salire sul volo, si può andare al check-in e imbarcare quel che c’è da imbarcare e ricevere le carte d’imbarco. Senza passaggio per l’interrogatorio (ovvero facendo check-in online e andando diretti al gate) non è possibile, a quanto ho capito, salire sull’aereo.

    Dicevo. L’addetto (nel mio caso, un ragazzo piuttosto giovane, stimo intorno ai 30 anni, con i modi gioviali e un po’ buffoneschi simili a quelli di Alessandro Borghese, per capirci) mi chiede in italiano in che lingua volessi condurre quella che loro chiamano l’intervista – italiano, inglese o ebraico. Ad alcuni passeggeri in fila prima di me, veniva chiesto lo stesso (presumo) direttamente in ebraico; non necessariamente solo quelli che indossavano la kippah.

    La prima domanda, per tutti, è la richiesta di vedere il passaporto; per la precisione, il passaporto non viene solo visionato, ma trattenuto fino al termine dell’interrogatorio. Pardon, intervista. La seconda domanda, invece è un più banale, è la sua prima volta? Rispondo che sì, è la prima volta che mi reco in Israele. Mi spiega molto brevemente le modalità con cui si svolgerà l’intervista, che ci sarà la possibilità di domande a carattere personale e privato (di cui mi scuso anticipatamente) e che al termine dell’intervista verrà deciso se autorizzare il passeggero a imbarcarsi sul volo. Avrei anche gradito un riferimento al fatto che i dati appresi durante l’intervista, e minuziosamente annotati su vari foglietti, sarebbero stati trattati in accordo con la vigente normativa sui dati personali.

    Iniziamo la piacevole chiacchierata. Viaggio di lavoro. Chi l’ha organizzato, perché, chi è il contatto locale e come mai, se siamo colleghi, non ci siamo mai incontrati. Spiego, consegno biglietto da visita, le stampate delle email (vedo che ha anche un portatile – mi fa vedere le email in originale? Dopo tre minuti di attesa che il portatile parta, vede il telefono e mi chiede se posso fargli vedere le email sul telefonino, cosa che posso e a cui non avevo pensato: è il telefono aziendale, quindi? Chi lo usa? Ma quindi le email di lavoro le può vedere anche lì? E il programma per accedere alle email è protetto da password? (intanto a furia di chiacchierare sbaglio la password per entrare nelle email, cosa prontamente notata)).

    Cerco di fargli capire di cosa mi occupo e di cosa si occupa la mia organizzazione, credo invano. Vuole vedere la carta di credito aziendale, non capisce perché mi sia prenotato i voli da solo ma l’hotel sia stato organizzato dall’ufficio locale (certo, ora mi metto a spiegarti perché e percome funziona il reparto finance di un’organizzazione governativa con status di charity nel suo paese d’origine, con sedi in più di un centinaio di paesi del mondo, con almeno una dozzina di diversi modelli operativi basati sul sistema fiscale del paese locale e di accordi intergovernativi che neppure io conosco, e con cinque o sei business unit diverse, ognuna con le sue regole). Ahhhh. Quindi avete uffici anche in Siria Libano Iran Iraq EAU Libia Arabia Saudita e Palestina, e da quanti anni? Li ha mai visitati?

    Ad un certo punto cambia argomento e sfoglia le pagine del passaporto che neanche le dita di Kempff quando suonava il III movimento della Sonata al chiaro di luna di Beethoven, mi guarda e mi fa: vedo che lei viaggia parecchio (mi sento tipo il topo quando il gatto l'ha puntato). Inizia con le domande: quando è andato in Malesia? Chi conosce in Malesia, ha amici in Malesia? Considera la sua collega malese come un’amica? È mai andata a trovarla? E come mai ha tutti questi timbri di paesi asiatici con ingressi e uscite ravvicinati, nel periodo in cui è andato in Malesia? Avrei voluto dargli il link a questo TR per spiegarglielo. Mi chiede poi se sia mai stato negli Emirati Arabi. Ovvio che ci sono stato, lo sai benissimo anche se non c’è il timbro su questo passaporto. E no, nelle otto ore scarse di stop-over in cui ho deciso di uscire e fare un salto sul Burj Khalifa non ho conosciuto nessun arabo, né ho stretto amicizia con alcun individuo basato là. Anche la Turchia non deve essergli piaciuta moltissimo: perché si è recato poche settimane da in Turchia? Dove è stato? Chi le ha prenotato l'albergo e il biglietto del volo, come ha pagato? Invece del Kazakhstan non gliene frega niente.

    La piacevole chiacchierata di fronte ad una tazza di tè, tra due gentlemen che è quasi come se discutessero di principi filosofici, si conclude purtroppo dopo soli circa 40 (quaranta) minuti. La ringrazio per la pazienza! Mi devo consultare un attimo con il mio supervisor e le faremo sapere a breve. La consultazione dura cinque minuti in cui sono invitato a fare ispezionare il mio bagaglio a mano. Ci spostiamo quindi qualche metro più in là e viene tutto passato con l’aggeggio per rilevare esplosivi.

    Mi viene appiccicato un post-it sul passaporto con alcune lettere cerchiate e un bollino sul bagaglio da stiva. Bollino giallo. Ad ogni modo, mi saluta con un sorriso, si scusa ancora per l’invadenza, mi stringe la mano (ha cercato di catturare le mie impronte digitali?) e mi augura buon volo, indicandomi il banco check-in dietro di me.

    Vado al banco e ottengo la carta d’imbarco in due minuti, mi viene confermato il posto già scelto durante la prenotazione.

    Nella passeggiata verso il i controlli di sicurezza, faccio una delle poche foto di oggi a quel che offre Malpensa:



    Entro nella coda dei controlli per USA/Israele, insieme ad una comitiva di giapponesi. Altri venti minuti per passare i controlli, vengo selezionato per la perquisizione manuale e la tastiera Bluetooth che ho dimenticato nella borsa del portatile crea qualche problema, venendo scambiata per una placca di metallo.

    L’attesa al controllo passaporti è ok, direi, ma avere i controlli al C e dover tornare poi al B fa perdere ulteriore tempo. Al Sat B però ha aperto Spontini, mentre poco prima del controllo passaporti c’è il nuovo Chef Market che non pare malaccio.

    Mi reco al gate, dove, sopresa!, ci sono tre torte, spumante e bevande per celebrare il primo volo di un 787 El Al a Malpensa. Mi metto in prima fila per immortalare l’evento, peccato che il gate B04 sia il più sfigato per fotografare l’aereo attraccato, quindi niente immagini del 789. Mi perdo pure il saluto con il water cannon tra un controllo e l’altro.





    Uno degli inservienti SEA che poi distribuirà i piattini cerca in tutti i modi di obbligare il comandante a bere un bicchierino di spumante, che questi rifiuterà (si verserà da solo un bicchiere di acqua naturale): si può essere così cretini da chiedere ad un pilota di bere prima di un volo?!

    La torta era sorprendentemente buona – niente schifezze con crema al burro, ma un semplice pan di spagna e crema chantilly con dentro pezzetti di frutta. Purtroppo le celebrazioni sono proprio a ridosso dall’imbarco, che quindi partirà in ritardo. Sono in zona A quindi salgo a bordo tra i primissimi – tutti gli altri (volo assolutamente pieno) arriveranno alla spicciolata per accaparrarsi un piattino di torta e un bicchiere di bollicine.

    C’era un fotografo ufficiale, credo di SEA, peccato che l’evento non sia stato pubblicizzato, tranne un insignificante tweet con contenuti presi da un profilo Instagram (non di SEA). AdR ha un buon ufficio stampa che butta fuori cartelle stampa su cartelle stampa per qualsiasi scoreggia succeda in aeroporto, SEA ha ancora molto da imparare sul fronte comunicazione.

    Gli addetti della sicurezza El Al che già erano al check-in, sono anche qui al gate, e controllano lo sticker sul passaporto e non perdono l’occasione per fare ancora un paio di domande, prima di arrivare alla postazione delle addette aeroportuali che scansionano il codice a barre e restituiscono la carta d’imbarco al passeggero.


    Volo: LY 382
    Tratta: MXP-TLV
    Aereo: Boeing 787-9
    MSN: 63548 LN: 590
    Reg: 4X-EDA
    Primo volo: 11/07/2017
    Consegnato: 23/08/2017
    Età: 0.7 anni
    Posto: 54A
    Sched/Actual: 1225-1725 // 1250-1655
    Durata volo: 3h 05'

    Il personale di bordo in compenso è cordiali e sorridente. La cabina è in ordine, come legittimo aspettarsi da un aereo consegnato pochi mesi fa, ma lo stato di pulizia è un po’ approssimativo, con macchie e segni qua e là.







    Lo spazio per le gambe non è male e la mancanza del terzo sostegno del sedile (ce ne sono solo due) rende più confortevole l’area sotto al sedile di fronte, ma la larghezza del sedile e la comodità dello stesso sono atroci. Niente scatoletta dell’IFE, cosa senz’altro positiva.





    A proposito di IFE, lo schermo è ottimo, di buone dimensioni, chiaro anche in piena luce. L’audio è generalmente pessimo. A parte aver optato per l’ingresso cuffia a due pin, che elimina la possibilità di usare le proprie, a meno di comprare un adattatore, quelle fornite da El Al in Y hanno una qualità mediocre, alcune sono rotte, e se si infila il jack fino in fondo al connettore, il contatto non funziona dovere, facendo uscire l’audio solo da uno dei due auricolari. È disponibile anche una presa USB.

    I contenuti sono buoni (per me qualunque IFE abbia The Big Bang Theory è un buon IFE ), anche se non ho spulciato molto la scelta di film. Molti i titoli prodotti localmente.

    Nel frattempo accumuliamo quasi mezz’ora di ritardo, e il cielo su Malpensa si fa livido.



    Stacca MEA e poi stacchiamo anche noi. Un trittico russo è al Sat B.





    Viene accesso il mood lighting misto “cielo sereno” e “alba”. A mezzogiorno.



    Facciamo a gara con il 359 Singapore Airlines per chi arriva prima in testata pista – vinciamo noi, barando, decollando da 35L ben dopo la testata, mentre SQ andrà fino alla testata della 35R. L’ibrido Eastern/Meridiana ci saluta insieme ad un AlbaStar (ma quante livree hanno?!).



    I finestrini vengono dimmati dall’equipaggio a circa metà scurità. Altra cosa del 787 che detesto abbastanza.

    Viene servito un aperitivo dopo circa 25 minuti; prendo succo di mela insieme ai sei tarallucci che sono contenuti nella confezione.



    Seguito poco dopo dal pranzo, a scelta tra pasta e polpette di pollo con couscous. Scelgo quest’ultimo. Il pasto era decisamente migliore della sua presentazione, va detto.



    Non viene effettuato nessun giro di bevande durante il pasto, solo te o caffè al termine dello stesso. Ho trovato la procedura alquanto curiosa e assolutamente fuori standard rispetto a tutti gli altri vettori con cui ho volato.

    Dato che c’è ben poco da fotografare, gioco con l’IFE fino all’arrivo sulla costa israeliana, che coincide con il momento in cui i finestrini vengono “sbloccati” ed è di nuovo possibile vedere cosa c’è fuori.

    Il secondo aeroporto di Tel Aviv, Sde Dov, che è anche vicino a dove alloggeremo (il collega israeliano ha ben pensato di prenderci l’alloggio dalla parte opposta rispetto a dove dobbiamo lavorare, a Ramat Gan, 20 minuti di taxi senza traffico, quaranta la mattina...).



    E infine, Tel Aviv Ben Gurion



    Le file al controllo dei passaporti sono davvero lunghe, e, quando arriva il mio turno, mi vengono fatte ancora un po’ di domande su dove dormirò e cosa farò nei prossimi giorni.
    La riconsegna del bagaglio avviene in tempi tutto sommato umani, e ovviamente è stata aperta e controllata – mi era stato chiesto già dal mio inquisitore se avessi un codice per la valigia e avevo già comunicato che avevo lasciato la chiusura aperta.

    Purtroppo niente OT, visto che non ho visto altro che albergo, ufficio e posti dove mangiare. Dico solo che non ho particolare interesse a visitare il paese nuovamente – a parte la miriade di locali dove bere una birra o un bicchiere di vino dopo cena, Tel Aviv non mi ha suscitato alcun interesse; forse a Giaffa sarebbe stato un po’ meglio, ma vale davvero la pena tutto lo sbattimento? Gerusalemme personalmente non mi interessa in modo particolare e l’idea di dover passare altri controlli di sicurezza... francamente anche no.

    Per quanto riguarda le persone, ho trovato poche persone di una gentilezza incredibile, e molte persone di una maleducazione altrettanto incredibile. Però sono rimasto davvero colpito e dispiaciuto nel vedere che il tema sicurezza condizioni in modo così pressante la vita quotidiana – il secondo giorno, alle 11 e qualcosa, era prevista un’esercitazione di sicurezza nazionale, con le sirene di attacco che risuonavano in tutto il paese. Il nostro bunker era presso l’Ambasciata del Belgio, vicini di piano.

    Avrei preferito un ritorno di venerdì pomeriggio, ma in pratica i voli sono solo al mattino, ed El Al ha solo voli prima dell’alba di venerdì – con la partenza alle 5:50AM, la sveglia è alle due del mattino dopo aver dormito circa tre ore. Vi lascio immaginare il mio stato.

    Il taxi ordinato tramite l’hotel arriva con quasi venti minuti di ritardo; lungo la strada che arriva in aeroporto c’è un posto di blocco della polizia, con ulteriori dieci minuti di traffico aggiuntivo. Non veniamo però fermati.

    La mia capa va verso il check-in di Aegean, io mi dirigo dalla parte opposta verso quelli di El Al. Entro nella serpentina, dove dopo un’altra mezz’ora di coda arriva il mio turno per l’interrogatorio. L’addetta, che accenna addirittura un mezzo sorriso all’inizio, inizia con le domande e torna con quell’espressione arcigna di chi deve far vedere di essere un duro a tutti i costi. Questa volta mi sbrigo decisamente prima (solo una quindicina di minuti), ma la Malesia proprio non piace, con metà delle domande saranno sulle mie visite in Malesia.

    Altro bollino giallo e quindi vinco il check secondario al controllo di sicurezza, dopo aver depositato la valigia. Peccato che gli addetti che smistavano i pax ai controlli di sicurezza (tra normale, e fila per i cattivi col bollino), non avessero notato il bollino, per cui perdo altri quindici minuti in una coda sbagliata. Vengo scortato al controllo corretto, dove passano altri trenta e passa minuti prima che tutto il mio zainetto e borsa del portatile vengano aperti, gli oggetti asportati, verificati uno a uno, passati col tampone per gli esplosivi e, infine, al radiogeno.

    Scopro però che portare liquidi a bordo non è un problema e commento pure col uno degli addetti che sono probabilmente l’unico aeroporto internazionale dove una cosa del genere sia possibile. Come ultimo step, perquisizione personale dopo passaggio al metal detector, che ovviamente non suona.

    Infine, controllo passaporto, che è una veloce formalità – un’addetta mi invita ad usare le postazioni self, che in un nanosecondo riconoscono il volto, scattano la foto ed emettono il tagliando per l’uscita dal paese, da scansionare sul lettore.

    Con meno di venti minuti rimanenti, faccio solo in tempo a comprare due magneti da frigorifero e un po’ di datteri per finire gli ultimi shekel. Non faccio neppure una foto, ma generalmente l’aeroporto non mi è parso brutto, con un’ampia plaza centrale e vari bracci che si estendono da qui a formare le zone dei gate.

    Al gate, l’orario del volo viene cambiato dalle 5.50 alle 6.00, e il gate è mezzo vuoto quando arrivo. Alle 4.50 circa comunque viene aperto, con i pochi pax che vengono imbarcati subito senza alcuna divisione tra Y e J. In realtà il volo è completamente pieno, con la stragrande maggioranza dei pax con passaporto israeliano, solo che arrivano tutti in ritardo.


    Volo: LY 381
    Tratta: TLV-MXP
    Aereo: Boeing 787-9
    MSN: 63392 LN: 671
    Reg: 4X-EDD
    Primo volo: ...
    Consegnato: 03/03/2018
    Età: 0.0 anni
    Posto: 28A
    Sched/Actual: 0550-0850 // 0614-0913
    Durata volo: 3h 59'

    Oggi voliamo con il neo consegnato 4X-EDD. Praticamente ho volato sul 50% della flotta di 787 di El Al
    A bordo regna lo scazzo. Praticamente tutti gli aa/vv si fanno i fatti loro e nessuno saluta. Mi metto comodo al mio posto, e il miraggio del posto in mezzo libero, come balenato da Expertflyer e dall’addetta al check-in, svanisce quando una signora di mezza età si siede al 28B. Come detto, volo pieno. Intanto albeggia.

    Purtroppo la condensa sul finestrino impedisce qualsiasi tipo di foto anche solo decente. L’unico tentativo è questo 320 Aegean ma solo perché c’è sopra la mia capa
    Decolliamo col sole che sorge, mi appisolo subito dopo.



    Mi risveglio venticinque minuti dopo, al rumore di tavolinetti che si aprono – colazione! Prendo l’omelette, una povera, solitaria e nuda omelette che mi guarda come a chiedere pietà. Peraltro mangiare è assai difficile, visto che la configurazione 3-3-3 sul 787 vuol dire avere il vicino in braccio e continuare a ricevere gomitate ad ogni movimento.



    Pasto assolutamente insufficiente, considerando l’orario con cui occorre recarsi in aeroporto e la partenza antelucana. Curioso mettere due tipi di formaggi – una specie di Jocca, cioè polistirolo bagnato, che non tocco manco morto, e una specie di Philadelphia più molle. Non c’è un servizio bevande, a parte il tè e caffè dopo il pasto, e si è lasciati soli con la piccola confezione di acqua inclusa sul vassoio.

    Ormai sveglio, provo a guardare Genius: Albert Einstein, solo che la cuffia non funziona. Pure la mia vicina commenta che sente solo da un auricolare. Chiedo una nuova cuffia, che funziona solo dopo aver inserito e disinserito lo spinotto un paio di volte fino a trovare il contatto giusto. La serie è in ogni caso davvero bella (co-produzione National Geographic).

    Smanettando con l’IFE, sulla mappa in una delle varie modalità, c’è una schermata che permette di cliccare sui vari aeroporti incontrati nel percorso e che fornisce informazioni varie sull’aeroporto stesso, come numero di passeggeri. Mai visto su altre compagnie, funzione carina per l’aviogeek generico.

    Anche in questo caso, i finestrini vengono oscurati, ma il controllo è ancora funzionante e parecchi passeggeri tengono l’oscuramento disattivato.

    Faccio solo un paio di foto alle Alpi ormai nei pressi di Malpensa, tanto dall’ala e sull’acqua non ci sarebbe stato nient’altro da vedere.



    Un po’ di charter



    E un po’ di linea. Saranno volati gli sputi tra il 330 Alitalia e il 789 Etihad?





    Immigrazione velocissima – la coda per gli extra-UE era provista di elimina-code, mentre a quella UE non c’era nessuno (a onor del vero, le due sole postazioni aperte erano nascoste da un pilastro, mentre l’unica visibile era chiusa, quindi è possibile che molti connazionali si siano infilati nella extra-UE).

    Bagni assolutamente indegni, tra porte che non si chiudono, lavandini rotti, sporcizia generalizzata, cessi intasati. Anche senza andare in posti tipo Doha, i bagni di aeroporti come Heathrow sono su un altro pianeta per pulizia, manutenzione e qualità generale dell’ambiente.





    Riconsegna bagaglio in soli 45’ (non aggiungo altro), con il solito trucco di far uscire la valigia di test per fermare il timer. Il Qatar, dopo Meridiana, non è che avrebbe voglia di prendersi anche SEA e tentare una nuova mission impossible?

    DaV
    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,725

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Visto che non hai in programma di tornare, posso scriverlo: la già poca curiosità di visitare Israele è svanita del tutto dopo il minuzioso resoconto dei controlli e delle interviste.
    Ottimo TR, come sempre.

  3. #3

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    A me piacerebbe andarci, ma leggere racconti di questo tipo mi fa scemare la voglia.

    Quando poi mi ricordo di quanto vado daccordo con polizia/agenti/autorità/etc, o più precisamente di quanto loro vadano daccordo con me, la voglia mi passa proprio.

    (A metà lettura stavo pensando di commentare con un disclaimer del tipo: "cerchiamo, per quanto possibile, di non finire come al solito a parlare di geopolitica". Invece sono il primo a non esserci riuscito)
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  4. #4

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Molto bello, ho volato una sola volta su un 787 di AI e non poter controllare il finestrino può essere irritante. Riguardo Israele credo invece che meriti una visita, il posto é interessante e le persone pure. Tanto più che se voli con AZ tutta questa trafila non si fa, é praticamente come prendere un volo per una qualsiasi destinazione UE.

  5. #5

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Ah ma allora sei vivo . Bel tr. Io quando sono andato a tlv avevo una letterina del gsa che dovevo visitare e sono riuscito ad evitare tutte le domande del caso, però so che sono sempre molto simpatici durante i controlli. A me la città, così come Gerusalemme, era piaciuta.

    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

  6. #6

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    ...oppure il piano B, andarci in crociera, così il colloquio lo fai con calma nei tre giorni di navigazione e con visto provvisorio di soggiorno, così non viene timbrato il passaporto...
    ....ottimo tr, uno dei pochi su EL-AL.

  7. #7
    Junior Member L'avatar di flyLILB
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Di tanto in tanto al bar di Schwerzenbach (ma non per il referendum!)
    Messaggi
    199

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Veramente istruttivo il racconto dell'intervista, era una cosa che mi incuriosiva molto, grazie per avercela descritta così in dettaglio.
    Nei tuoi panni, credo che ad alcune domande avrei fatto la stessa faccia del mio avatar (rischiando grosso, ci giurerei) oppure avrei chiesto i termini a difesa per consultare la mia contabilità e i miei appunti (cfr. in partic. equivoche relazioni con colleghe / amiche del bar).
    Ora che lo so, sono preparato nel caso dovesse succedere anche a me di finire laggiù.
    Grazie ancora, ho apprezzato molto.
    19950713-20190808 * AF-AP-AZ-DL-EN-IB-LH-KL-MU-OS-SN-TK-U2-VE * 146-318-319-320-321-332-333-343-737-738-789-AB3-CN1-CRJ-D38-DH4-ERJ-F28-M80 * ADB-AGP-AMS-BLQ-BRU-CDG-DTW-DUS-FCO-FLR-FRA-GVA-HEL-IST-KTW-LGA-LILN-LIN-LUG-MAD-MUC-MXP-NAP-ORY-PEG-PVG-SAW-TRN-TZX-ZRH

  8. #8
    Junior Member L'avatar di dox74
    Registrato dal
    Jul 2014
    residenza
    Milano
    Messaggi
    73

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Ho preso un MXP-TLV El-al tre anni fa, oltre alla simpatica intervista abbiamo avuto la scorta di due auto della polizia lungo tutto il rullaggio, fino a testata pista. Inquietante. Eppure ci tornerei. Gerusalemme è una delle più belle città che io abbia mai visto.
    C'è chi viaggia per lavoro, io lavoro per viaggiare.


  9. #9
    Member L'avatar di Viking
    Registrato dal
    Aug 2009
    residenza
    Milano
    Messaggi
    1,842

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Mi spiace, ma ho saltato il TR per il nervoso ricordando i miei (per fortuna solo) due viaggi in Israele e le interviste a Malpensa. La cosa più ridicola che mi son sentito dire: le faccio sapere.


    Sent from my iPhone using Tapatalk

  10. #10

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    L'intervista che hai avuto in partenza è analoga a quelle che fanno in partenza a TLV, io subisco sempre il mio timbro turco per tre giorni nel 2012, ma Malpensa è in Italia, per questo io cerco sempre di viaggiare easyJet diretto o al limite Turkish, anche perché El Al ha orari molto sfidanti.

    Non condivido il giudizio su Tel Aviv, per me vale la visita e Giaffa è raggiungibile anche con una bella passeggiata dalla città. In generale ho sempre incontrato persone piacevoli e ospitali, addetti aeroportuali a parte che comunque si mantengono sempre nell'ambito della professionalità.



    Sent from my Pixel XL using Tapatalk

  11. #11
    Socio 2015 L'avatar di nicolap
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Stromboli
    Messaggi
    27,952

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Bellissimo TR. Il paese in realtà merita, anche se la fanno da padrone arroganza maleducazione e ossessioni di varia natura sulla sicurezza. Gerusalemme in particolare è bellissima.
    Etiamsi omnes, ego non.

  12. #12

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Secondo me sei stato sfigato, e soprattutto, hai volato El Al. Ho portato mio padre in Israele, volando EZY da Malpensa, e siamo andati direttamente al gate senza interviste di sorta; ugualmente, ai miei tempi, ho supervisionato diversi imbarchi per TLV da LHR e, tolti problemi con "certi" passeggeri, mai avuto casini o dovuto fare "interviste", pur portando mio padre che ha un PhD in figuremmerda e commenti inappropriati.

    Gerusalemme è una città che va vista, anche se (almeno per me) la vista quasi continua di armi, barriere, detectors è stata deprimente. Anche l'apartheid di fatto che regna in città (per dirne una triviale, perchè i tabelloni delle fermate dei bus mostrano solo i bus verdi e non quelli bianchi arabi?) mi ha intristito. Tel Aviv è stata una sorpresa per me, ci tornerei domani, incluso Giaffa.
    Are we there yet? Stories from the road.

  13. #13
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    7,950

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    @I-DAVE se avevi l'albergo vicino a Sde-Dov e l'unica cosa che hai visto di Tel Aviv era il percorso di taxi fra l'albergo e Ramat Gan ci credo che la citta' non ti sia piaciuta.

    C'e' un modo per evitare almeno una delle due interviste pre-imbarco, non volare El Al

  14. #14

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    scusate,visto che dovrò andarci ho curiosato per le mie date ma per la stessa tratta con El Al trovo sempre un 737-900
    Il 787 c'è solo in alcuni giorni oppure era temporaneo solo per far far pratica all'equipaggio ?
    Grazie

  15. #15
    Member L'avatar di giorgiogds
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Few NM inbound OST VOR
    Messaggi
    513

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da Volvic Visualizza il messaggio
    scusate,visto che dovrò andarci ho curiosato per le mie date ma per la stessa tratta con El Al trovo sempre un 737-900
    Il 787 c'è solo in alcuni giorni oppure era temporaneo solo per far far pratica all'equipaggio ?
    Grazie
    I 787 stanno entrando in flotta e vengono utilizzati al pari degli altri aeromobili. Alcune tratte vengono coperte (ancora) anche dai 747.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  16. #16
    Member L'avatar di giorgiogds
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Few NM inbound OST VOR
    Messaggi
    513

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    TR logorroico ed inutilmemte polemico come quelli che riguardano questo paese che continua a veder crescere costantemente il proprio flusso turistico.





    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  17. #17
    Member L'avatar di giorgiogds
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Few NM inbound OST VOR
    Messaggi
    513

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da londonfog Visualizza il messaggio
    @I-DAVE se avevi l'albergo vicino a Sde-Dov e l'unica cosa che hai visto di Tel Aviv era il percorso di taxi fra l'albergo e Ramat Gan ci credo che la citta' non ti sia piaciuta.

    C'e' un modo per evitare almeno una delle due interviste pre-imbarco, non volare El Al
    Si e' come scendere ad Heatrow stare una settimana a Reading per lavoro e dire che Londra non e' un granche'.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  18. #18
    Socio 2015 L'avatar di flyboy
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    Milano
    Messaggi
    4,269

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Intanto non ritengo il TR né logorroioco, né polemico. E' un TR semplicemente realista dove è stato raccontato ciò che è accaduto.
    Se si vola El Al ci si deve aspettare questo trattamento. Giusto o sbagliato che sia. Punto.

    Come è stato scritto da altri, scegliendo un altro vettore si hanno meno rogne, benché l'arrivo o la partenza, o entrambi, possano conservare in ogni caso (s)piacevoli sorprese.

    Detto questo credo che valga la pena visitare Israele nonostante tutto. Gerusalemme merita non solo per la città in sé, ma per tutto quello che ruota attorno ad essa. Non la metterei di certo tra le mete top 5, ma per comprendere un popolo bisogna entrare nel loro mondo, parlare con la gente (laddove e nei limiti del possibile) e farsi così un'idea personale compiuta.

    Complimenti per le foto, non so se avrei avuto il coraggio di fare foto sull'aeromobile dopo una così piacevole chiacchierata. Poco ci mettono a farti sbarcare.

  19. #19

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da Greco Visualizza il messaggio
    Molto bello, ho volato una sola volta su un 787 di AI e non poter controllare il finestrino può essere irritante. Riguardo Israele credo invece che meriti una visita, il posto é interessante e le persone pure. Tanto più che se voli con AZ tutta questa trafila non si fa, é praticamente come prendere un volo per una qualsiasi destinazione UE.
    Esatto..ma te la becchi al ritorno... e devo dire che è molto fastidiosa..

  20. #20

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da giorgiogds Visualizza il messaggio
    TR logorroico ed inutilmemte polemico come quelli che riguardano questo paese che continua a veder crescere costantemente il proprio flusso turistico.





    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Addirittura.

    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

  21. #21

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da giorgiogds Visualizza il messaggio
    TR logorroico ed inutilmemte polemico come quelli che riguardano questo paese che continua a veder crescere costantemente il proprio flusso turistico.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Il mondo è bello perché è vario, su.
    Are we there yet? Stories from the road.

  22. #22
    Member L'avatar di A381
    Registrato dal
    Jul 2007
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    637

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    grazie del racconto.

    La mia collega che è partita da MXP sempre con EL AL lo scorso autunno è stata separata dal marito per effettuare il consueto interrogatorio e a un certo punto le è stato chiesto di dimostrare che l'uomo fosse proprio suo marito! ( lei ha detto che non va in giro con il certificato di matrimonio ovviamente...)

  23. #23
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    7,950

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da Marco Clemente Visualizza il messaggio
    Esatto..ma te la becchi al ritorno... e devo dire che è molto fastidiosa..
    Piu' fastidioso di una bomba?

    Israele ha scelto di cercare di fare un profilo psicologico (si dice cosi' profiling?) dei passeggeri. Troppo spesso e' affidato a giovani a cui gioverebbe un corso di buone maniere. In compenso pero' porti a bordo i liquidi. So benissimo che e' fastidioso, io ho una protesi metallica e ogni volta suona. Ogni volta avviso prima e ogni volta ho il (o la) supervisor che con un espressione fra il seccato e il truce mi fa il terzo grado.

  24. #24
    Senior Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    N/D
    Messaggi
    33,121

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da Marco Clemente Visualizza il messaggio
    Esatto..ma te la becchi al ritorno... e devo dire che è molto fastidiosa..
    Posso capire le interviste in partenza quanto ti imbarchi verso Israele ma al ritorno non capisco il senso, se stai lasciando il paese dovrebbero solo ringraziarti secondo i loro canoni.

  25. #25

    Predefinito Re: [mini-TR] MXP-TLV-MXP con El Al e volo inaugurale 787-9

    Quote Originariamente inviato da Cesare.Caldi Visualizza il messaggio
    Posso capire le interviste in partenza quanto ti imbarchi verso Israele ma al ritorno non capisco il senso, se stai lasciando il paese dovrebbero solo ringraziarti secondo i loro canoni.
    Io sono stato tre volte in Israele. L’unica perdita di tempo é avvenuta in ingresso, ma solo perché provenivo dalla Siria via AMM. Per le successive tre uscite e due entrate non mi hanno mai interrogato per più di 5’

Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. [TR] Volo inaugurale MXP/ZAG
    Da Dancrane nel forum Archivio Trip Reports Aeronautici
    Risposte: 41
    Ultimo messaggio: 23rd May 2016, 22: 54
  2. Volo inaugurale KLM GOA-AMS [19 foto]
    Da gorini_roberto nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 3rd May 2016, 10: 56
  3. 29/03/13 - Volo inaugurale Vueling BCN-TRN!!
    Da TRN_Dreamliner nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 5th April 2013, 20: 16
  4. [TR] volo inaugurale AF380 JFK-CDG
    Da maclover nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 24th November 2009, 21: 12
  5. Volo inaugurale Singapore
    Da Chris76 nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 23rd July 2006, 22: 36

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •