Aviazione Civile
Booking.com
Pagina 4 di 4 primaprima 1234
Visualizzazione dei risultati da 76 a 100 su 100

Discussione: Lugano-Airport

  1. #76
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    News Ticino, Grigioni e Insubria

    Agno, via libera ai due nuovi hangar
    (keystone)


    Decolla il rilancio di Agno
    Il Consiglio comunale di Lugano ha dato il via libera al credito di 6 milioni di franchi per nuovi hangar; rimandata la questione espropri
    lunedì 14/05/18 23:00 - ultimo aggiornamento: martedì 15/05/18 14:48

    Condividi


    Aeroporto di Agno: dopo un intenso e lungo dibattito il Consiglio comunale di Lugano ha dato lunedì sera il via libera parziale al messaggio di rilancio da 20 milioni per lo scalo ticinese. In pratica, il Legislativo ha dato il suo assenso, con 42 sì, 11 no (i rappresentanti del Gruppo PS-PC e Indipendenti e i tre consiglieri Verdi) e nessun astenuto, ai 6 milioni previsti per la realizzazione dei nuovi hangar. I 14 milioni destinati agli espropri saranno oggetto di una nuova votazione.
    Quello avallato lunedì sera non è però un assegno in bianco per il Municipio per la concessione di futuri crediti. Per affrontare la parte concernente gli eventuali espropri, anche se l'odierno segnale politico è forte, saranno necessari un maggior coinvolgimento dei privati, un business plan aggiornato e pure un maggior sostegno da parte cantonale. Punti che comunque erano già contenuti nel rapporto della Commissione della gestione del Legislativo luganese.
    "Sono molto soddisfatto per il segnale positivo che ha dato questa sera il Consiglio comunale, spiega a RSI.ch il sindaco di Lugano Marco Borradori. Un segnale che va ben oltre la realizzazione dei due nuovi hangar ma che rappresenta un sostegno del Legislativo allo scalo di Agno e alla sua importanza per il Ticino". Per quanto riguarda le raccomandazioni contenute nel "puntuale e preciso" rapporto della Gestione e la questione che riguarda gli espropri, il sindaco di Lugano precisa che il Municipio "cercherà ovviamente di seguire le raccomandazioni del rapporto della Gestione e di riallacciare i contatti con i privati e con il Cantone per garantire il futuro dello scalo ticinese".
    Swing/CSI/Notiziario

  2. #77

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    La compagnia Zimex non inizia i voli per Ginevra, conseguenze negative per l’aeroporto.
    https://www.rsi.ch/news/ticino-e-gri...-12085051.html

  3. #78
    Senior Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    .
    Messaggi
    2,087

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    https://www.cdt.ch/ticino/lugano/aer...tabu-IM1583903

    Curioso leggere le parole di Maurizio Merlo.

    Intervistato in occasione del fallimento di Darwin, da lui diretta fino a pochi mesi prima del crollo, sosteneva che avesse lasciato la compagnia in attivo.

    Ora parla di cattiva gestione legata alla Direzione precedente che ha portato alla situazione attuale.

    Davvero curioso ...

  4. #79

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Averci pensato prima...

    Una compagnia ticinese per salvare l'aeroporto. Spunta il piano B

    Il comandante Enzo Mossino e un socio vorrebbero un prestito agevolato da Banca Stato su input della politica e sarebbero pronti a portare gli aerei già a settembre. Ma ricapitalizzare LASA è la conditio sine qua non

    DI PB

    LUGANO – Spunta un piano B per l’aeroporto di Lugano, con una compagnia praticamente ad hoc che cambierebbe un po’ il sistema di viaggiare ad Agno e garantirebbe l’identità ticinese allo scalo. Un piano già ben delineato e comunicato al Municipio, con cui presto ci saranno degli incontri.
    “Lugano ha un grande potenziale”, ci dice, da noi interpellato, uno dei promotori dell’iniziativa, il comandante Enzo Mossino, che opererebbe assieme a un socio di Zurigo, con 25 anni di esperienza nel settore aviatorio. Lui appunto è pilota, il socio si occupa della parte finanziaria.
    Il loro discorso è semplice: per un aeroporto, serve una compagnia. Sinora l’aeroporto ha avuto sfortuna, con Darwin e Swiss. Se quest’ultima se ne andasse, lo scalo rischierebbe il declassamento. Loro sarebbero pronti a creare una compagnia di bandiera tutta ticinese, e, spiega Mossino, al contrario di Zimex (che concretamente a Lugano non si è mai vista) porterebbero dei voli di prova già a settembre. “Per far vedere che le nostre intenzioni sono serie”.
    Ovviamente, vorrebbero un prestito agevolato da Banca Stato su input della politica, per quella che definiscono una cifra minima per partire. “I cittadini potrebbero avere dei dubbi, però sono stati spesi per esempio 20 milioni per gli hangar. Vogliamo aggiungere qualcosa, oppure buttar via tutto quello che è stato investito prima?”, si chiede il nostro interlocutore. Che proseguirebbe, probabilmente, anche senza investimenti pubblici, ma a quel punto tutto, per l’aeroporto, costerebbe di più.
    La ricapitalizzazione di LASA è comunque una conditio sine qua non. E alla domanda se vorrebbero dei rappresentati nel CdA, parla di sinergie.
    “Perché le compagnie non vengono ad Agno, oppure non rimangono?”, da lì è partita la riflessione. “Serve puntare su qualcosa di diverso, prioritario è il volo su Ginevra, a rotazione mattina e sera. Non si può scegliere il turismo di massa, bensì quello businnes, pur senza escludere il primo. Vorremmo avere aeri adatti, magari con 20-30 posti, o ancora meno, per permettere ai passeggeri, atterrando nella parte privata, di velocizzare le operazioni di check-in.
    “Ci piacerebbe volare anche sull’Isola d’Elba, per esempio, poi su Londra e sul Lussemburgo. Il team di persone che sta costituirebbero questa compagnia è motivato a dare un servizio diverso alla popolazione e a portare sostanzialmente un certo lustro a un prodotto ticinese che appartiene ai ticinesi. Vorremmo occuparci della porta d’aria del Ticino, dando anche identità. Ovviamente un finanziamento pubblico sarebbe meglio, perché in ogni caso si farebbe anche l’interesse della città e della politica”, prosegue Mossino.
    Ripete che il Municipio ha tutte le carte in mano. Le reazioni, a suo dire, per ora sarebbero state positive. Presto ci si troverà a tavolino per approfondire.
    Abbiamo contattato Marco Borradori, sindaco di Lugano, il quale ci ha detto che il nome di Mossino non gli giunge nuovo e che probabilmente si sono parlati. Molto vago, insomma.
    Abbiamo rigirato la risposta a Mossino, che ci ha risposto: “Perché come le dicevo sono stati colloqui sommari dove non ero da solo. Con Maurizio Merlo ci siamo già visti e ne abbiamo già parlato”, aggiungendo che sino al momento in cui non si sarà tutti d’accordo il progetto resterà dietro le quinte e se ne saprà poco.

    https://www.ticinolibero.ch/attualit...nta-il-piano-b
    Ciao

  5. #80
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    16,604

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    La crisi nera degli aeroporti regionali

    Senza voli di linea un aeroporto regionale non può sopravvivere. È il parere netto degli esperti del Centro di competenze trasporto aereo dell'Università di San Gallo. E a lungo termine sono necessari anche i finanziamenti pubblici senza i quali gli scali regionali sarebbero costretti a chiudere.
    Dei quattro aeroporti regionali in Svizzera, attualmente solo quello di San Gallo-AltenrheinLink esterno non conosce crisi. Gli altri tre, SionLink esterno ma soprattutto Lugano Link esternoe Berna Link esternosono in crisi nera. Cosa fare? La domanda vera è capire se l'apporto dell'aeroporto all'economia regionale è sufficientemente importante da giustificare un sostegno pubblico. Perché senza questo intervento a lungo termine nessun aeroporto regionale può sopravvivere. Parole di René Puls, ricercatore al Centro di competenze trasporto aereo dell'Università di San GalloLink esterno e autore dello studio sul futuro dell'aeroporto di Lugano-Agno (Lugano Airport Impact Study).

    Hanno ancora un senso gli aeroporti regionali in Svizzera? Soprattutto è giusto che questi aeroporti, in costante perdita, siano finanziati da soldi pubblici? Sono domande che molti cittadini si pongono. A Lugano e a Berna.

    Lugano-Agno
    Voli di linea: Zurigo, con Swiss via Adria Ariways. Due destinazioni estive. Passeggeri nel 2008, 88'570.
    Berna-Belp
    Voli di linea: nessuno. Diverse destinazioni estive. Passeggeri nel 2018, 137'042.
    San Gallo-Altenrhein
    Voli di linea: Vienna con People's. Diverse destinazioni estive. Passeggeri nel 2018, 113'599.
    Sion
    Voli di linea: Zurigo e Londra con Swiss. Una destinazione estiva. Passeggeri nel 2018, 8782.

    Per René Puls la situazione per gli aeroporti regionali resta "estremamente difficile": non solo in Svizzera, anche in Germania. Senza voli di linea l'esercizio non è praticamente finanziabile. "Ci sono aeroporti che cercano di sopravvivere con l'aviazione generale (voli privati) e per un determinato tempo questo è anche fattibile. A lungo termine però, è praticamente impossibile vivere di soli voli privati".
    La domanda da porsi - come detto - è un'altra, sempre secondo René Puls: l'apporto dell'aeroporto all'economia regionale è sufficientemente importante da giustificare un sostegno pubblico? In questa domanda si gioca il futuro degli aeroporti regionali in Svizzera.
    A fine agosto il Municipio di Berna ha da parte sua espresso la sua opposizione al piano cantonale di sostegno finanziario dell'aeroporto di Berna-Belp. Non solo. Il municipio si dice anche contrario alla creazione di una base giuridica per la partecipazione del Cantone di Berna al capitale azionario del gestore dell'aeroporto.
    Oggi il canton Berna è azionista per il 2%: la quota potrebbe salire a circa il 30%, con un'iniezione supplementare di 5,7 milioni di franchi su un totale di fondi di circa 20 milioni. L'ente pubblico parteciperebbe inoltre ogni anno ai costi di sicurezza con un contributo di 1-2 milioni di franchi.
    Ricordiamo che questa discussione è anche figlia del fallimento della compagnia aerea regionale svizzera basata a Berna-Belp, la SkyWork Airlines, avvenuto il 29 agosto 2018. Questo "groundingLink esterno" ha praticamente azzerato il numero di passeggeri in transito all'aeroporto della capitale elvetica nel primo semestre del 2019.
    La stessa compagnia avrebbe voluto inaugurare nuovamente il collegamento tra Lugano e Ginevra. Il fallimento di SkyWork fu una grossa delusione per la direzione dell'aeroporto di Lugano.

    Passeggeri in costante calo

    Nel primo semestre 2019 i passeggeri transitati da un aeroporto regionale in Svizzera sono passati da 172'452 a 95'467, ovvero c'è stata una perdita del 45% rispetto allo stesso semestre dell'anno precedente. Questo - come detto - soprattutto a causa del fallimento della Skywork di base a Berna-Belp ma anche per un'ulteriore perdita di passeggeri dell'Aeroporto di Lugano-Agno che nei primi sei mesi del 2019 ha perso 15% rispetto al 2018. E pensare che il 2018 è stato l'anno peggiore di sempre per lo scalo luganese con un meno 35% rispetto al 2017.

    Di fronte a questi numeri negativi, alla domanda se lo scalo luganese sia importante per l'economia ticinese tale da investire nuovi fondi pubblici, il direttore del dipartimento del territorio Claudio Zali ha risposto affermativamente. Si parla infatti di un sensibile aumento dell'impegno del cantone nella società Lugano Airport SA (oggi al 12,5%, a fronte dell'87,5% del comune di Lugano). Zali non ha avanzato cifre, ma sui media si è parlato del 40%. Si parla inoltre di un sostegno pubblico a un collegamento regolare fra Lugano con Ginevra. Un volo che per René Puls giustifica un finanziamento pubblico visto che si tratta di "una valida ipotesi per il futuro dello scalo luganese ed è molto interessante economicamente vista la richiesta della clientela".

    Lugano-Agno, chiudere o investire?

    Vista l'evoluzione negativa però, il sindaco di Lugano Marco Borradori a metà agosto ha evocato per la prima volta la possibilità che l’aeroporto possa chiudere definitivamente.

    Questo perché Swiss a inizio agosto ha annunciato il possibile disimpegno sulla rotta Lugano-Zurigo con l'apertura della galleria di base ferroviaria del Monte Ceneri. Inoltre a metà settembre Adria Airways,Link esterno che garantisce questo collegamento di Swiss, ha sospeso i suoi voli in attesa di trovare investitori... Non manca neppure la concorrenza dell'aeroporto di Milano-Malpensa che dista a meno di un'ora di automobile da Lugano. Ma sia i nuovi collegamenti ferroviari ad alta velocità sia Malpensa non sarebbero per Puls dei veri concorrenti: "Non c'è l'effetto cannibalizzazione, ognuno ha una clientela diversa".

    Eppure, secondo lo studio Link esternocondotto dall'Università di San Gallo, lo scalo luganese è ancora molto dinamico. "Chiudere lo scalo in questo momento non avrebbe alcun senso. Vi sono due o tre soluzioni valide per il futuro dell'aeroporto", racconta ancora René Puls. Inoltre ci sono diversi attorni pubblici e privati che ruotano attorno all'aeroporto. Si deve dunque trovare una soluzione che vada bene a lungo termine. "Ma qui - conclude ancora Puls - occorre il sostegno delle autorità regionaliLink esterno, di Municipio e governo cantonale, e anche di investitori privati". Senza questo sostegno è inutile pensare a un futuro per l'aeroporto.

    https://www.tvsvizzera.it/tvs/aviazi...onali/45214590

  6. #81
    Junior Member
    Registrato dal
    Feb 2011
    residenza
    Mendrisiotto
    Messaggi
    23

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Ancora poche ore poi sarà la fine Swiss da diverso tempo è sempre meno interessata al collegamento su Zurigo, utopia far funzionare il volo su Ginevra o altre città in quanto la Malpensa è a 1 ora di auto

  7. #82

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Swiss conferma la chiusura definitiva del LUG-ZRH e dirotta i pax sul servizio ferroviario.
    Il sindaco di Lugano (nonchè presidente dell'aeroporto) Borradori è furioso, ed afferma che non volerà mai più Swiss.
    Probabile a questo punto che LUG venga impostato per essere uno scalo di AG, per la quale è perfetto.
    Con la speranza che i ticinesi sappiano guardare al di la di una ossessiva "svizzeritudine", prendendo atto che a 45 km in linea d'aria da Lugano c'è uno scalo ottimamente collegato con ogni angolo d'Europa e con un buon network anche a livello globale.
    Ciao

  8. #83
    Senior Member
    Registrato dal
    Sep 2008
    residenza
    Canada
    Messaggi
    3,546

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio
    Il sindaco di Lugano (nonchè presidente dell'aeroporto) Borradori è furioso, ed afferma che non volerà mai più Swiss.
    Per forza, gli hanno tolto il volo...

  9. #84
    Senior Member
    Registrato dal
    Sep 2008
    residenza
    Canada
    Messaggi
    3,546

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio
    Con la speranza che i ticinesi sappiano guardare al di la di una ossessiva "svizzeritudine", prendendo atto che a 45 km in linea d'aria da Lugano c'è uno scalo ottimamente collegato con ogni angolo d'Europa e con un buon network anche a livello globale.
    A parte le battute, forse potrebbe essere il caso di dirottare i soldi che sarebbero stati spesi per l'accanimento terapeutico necessario a tenere aperto l'aeroporto per finanziare un servizio di trasporto collettivo per Malpensa, ammesso che i Flixbus attuali non siano sufficienti.

  10. #85

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    MXP è già collegato con Lugano via ferrovia. Il tempo di percorrenza tuttavia è piuttosto lungo (circa 1h40'), sia perchè i treni fanno tutte le fermate, sia perchè deve ancora essere costruita le bretella di 4 km che collegherebbe il T2 a Gallarate, evitando il giro per Busto Arsizio ed accorciando il percorso.
    Con il superamento di questi limiti, presumibilmente un servizio espresso collegherebbe Lugano a MXP in un'ora o poco più.
    E' invece interessante osservare le reazioni alla chiusura del volo in Ticino. Prima ancora che per la perdita di un collegamento comodo, gli strali dispensati a piene mani verso Swiss sono dovuti ad una presunta mancanza di rispetto verso il Ticino, che essendo parte della Svizzera dovrebbe essere servito dalla compagnia di bandiera. E c'è chi vorrebbe far togliere la bandiera rossocrociata dalle code degli aerei della compagnia.
    Manca qualunque riferimento alla realtà per quanto riguarda dettagli come la catchment area ridicola, la sostenibilità economica del volo, i rilevanti limiti tecnici imposti dallo scalo, la palese convenienza di Swiss ad utilizzare i preziosi slot zurighesi per aerei che trasportano ben altra quantità di pax rispetto ai 20-30 che mediamente prendevano posto sui Saab.
    E in un momento come questo, non possono mancare le proposte fantasiose per ottenere comunque dei voli di linea. Tralascio i dettagli per pietà.
    Ciao

  11. #86
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio
    rispetto ai 20-30 che mediamente prendevano posto sui Saab.
    A voler essere generosi...

  12. #87

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Ho preso il TiLo Lugano-Malpensa ed è un’esperienza più che dignitosa: un’ora e 30/40, treno moderno, non troppo affollato, un po’ lento a tratti (in particolar modo per il cambio del personale di condotta al confine) ma comunque ben fatto. Prezzo svizzero, ma volendo c’è anche Flixbus.

    Il confronto col viaggio della speranza stile Dacca in ora di punta fatto per arrivare a LHR per iniziare quel viaggio (un’ora e quaranta di Northern e Piccadilly da Old street) è improponibile.

    Non c’è da addormentarsi sugli allori, ma in Lombardia/Ticino il trasporto locale su ferro ha fatto passi da gigante negli ultimi anni; solo nella bigliettazione online sono rimasti indietro.

  13. #88
    Senior Member
    Registrato dal
    Sep 2008
    residenza
    Canada
    Messaggi
    3,546

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da belumosi Visualizza il messaggio

    Manca qualunque riferimento alla realtà per quanto riguarda dettagli come la catchment area ridicola, la sostenibilità economica del volo, i rilevanti limiti tecnici imposti dallo scalo, la palese convenienza di Swiss ad utilizzare i preziosi slot zurighesi per aerei che trasportano ben altra quantità di pax rispetto ai 20-30 che mediamente prendevano posto sui Saab.
    Purtroppo è velleitario sperare che il cittadino medio abbia nozioni di questo genere. E forse non dovrebbe nemmeno. Basterebbe fidarsi di chi ne sa di più. Ma siamo sempre lì...

  14. #89

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da uncomfortable Visualizza il messaggio
    Purtroppo è velleitario sperare che il cittadino medio abbia nozioni di questo genere. E forse non dovrebbe nemmeno. Basterebbe fidarsi di chi ne sa di più. Ma siamo sempre lì...
    In teoria chi dovrebbe saperne di più è proprio la classe politico-manageriale che sovrintende alla gestione dello scalo.
    Ma visto che questi signori sono i primi che per gretta convenienza parlano come se venissero da Fantasilandia, è difficile che i cittadini ripongano in loro grande fiducia.
    Ciao

  15. #90
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Ma senti questi fulminati...


    Sì a Lubiana, no a Lugano: j'accuse di Avio Ticino a Swiss
    L'associazione per la difesa dello scalo luganese non le manda a dire: "C'è premeditazione"


    Dopo lo schiaffo a Lugano, Swiss ha annunciato oggi di aver assicurato il collegamento aereo tra Zurigo e Lubiana a partire dal prossimo 16 ottobre. La tratta, lo ricordiamo, in precedenza era di competenza di Adria Airways, che lo scorso lunedì ha depositato i bilanci. La linea che collega Zurigo e la capitale slovena prevede inizialmente cinque voli a settimana e i collegamenti saranno garantiti da Helvetic Airways. A partire dal 27 ottobre, con l'introduzione dell'orario invernale 2019/2020, Swiss ed Helvetic si alterneranno offrendo un collegamento al giorno.

    La decisione della compagnia di bandiera elvetica non è però piaciuta a Avio Ticino, l'associazione in difesa dell'aeroporto che nelle scorse settimane aveva lanciato una raccolta firme raccogliendo più di 8'000 sottoscrizioni. "Chiudendo Lugano, si sono liberati gli slot su Zurigo, quindi li hanno utilizzati per Lubiana. Se Swiss ha fatto questo gioco, c'è premeditazione - è il j'accuse lanciato su Facebook - Siccome la capacità di ricevere voli (slot) a Zurigo è limitata, non è che i quattro slot occupati sul volo LUG-ZRH dovevano essere riassegnati per altre tratte? Inoltre, non vai a pianificare un'altra tratta se già opera un vettore (Adria), a meno che: 1. vuoi fargli concorrenza (improbabile perché è il partner sulla rotta di Lugano), 2. hai la certezza che Adria fallirà! Ora? Cosa vogliamo fare? Probabilmente qualche Autorità dovrà intervenire, anche pesantemente". Insomma, l'addio a Lugano sarebeb stato attuato per concentrarsi su un collegamento più redditizio.

    Altri dettagli nel TG di TeleTicino delle 18.45

    Redazione | 26 min

  16. #91
    Senior Member
    Registrato dal
    Sep 2008
    residenza
    Canada
    Messaggi
    3,546

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da TW 843 Visualizza il messaggio
    Insomma, l'addio a Lugano sarebeb stato attuato per concentrarsi su un collegamento più redditizio.
    Allocare le risorse in modo da massimizzarne la redditività, che cosa disdicevole. Di questo passo la Svizzerà diventerà un Paese capitalista...

  17. #92
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Riprendono le trattative tra Lugano Airport e Zimex
    Per l'eventuale ripresa della linea verso Ginevra. L'aeroporto chiama in causa l’Ufac per verificare come Swiss possa rinunciare alla concessione su Zurigo


    Ridecollano le trattative fra Lugano Airport Sa (Lasa) e Zimex per l’eventuale ripresa, da parte della compagnia zurighese, della linea verso Ginevra. È questa, in estrema sintesi, la buona notizia emersa dall’incontro di oggi a Zurigo.

    Come ci conferma il vicepresidente del Cda di Lasa, il senatore Filippo Lombardi, «la buona notizia è che il dialogo è ripreso ma nessuna conclusione può essere tratta a questo momento, perché le due parti hanno esigenze, aspettative e limiti tutte da verificare nelle prossime settimane». Stiamo parlando della linea verso Ginevra, non di quella su Zurigo, operata da Swiss tramite Adria Airways recentemente fallita. La trattative sono riprese dopo l’interruzione provocata, prosegue Lombardi, «dall’articolo della “Sonntagszeitung” sciaguratamente ripreso dai media che parlava della Zimex come candidata a riprendere le linea su Zurigo. Una linea che era un volo Swiss e anche in futuro avrebbe un senso solo con la stessa Swiss. Da qui la successiva reazione di Zimex di annunciare la rinuncia a ogni ulteriore contatto e trattativa».

    I colloqui ribadisce il senatore, riguarderanno solo la linea su Ginevra, perché «la tratta su Zurigo è un’operazione che si fa con Swiss o non si fa, visto che il 95% dei passeggeri prendevano quel volo perché da Kloten potevano proseguire il volo altrove. Senza la Swiss, la linea non avrebbe più senso. Diverso è il discorso su Ginevra dove invece il collegamento è ‘punto a punto’ ha una ragione di esistere». Non c’è più maniera di far cambiare idea Swiss? «Noi, come Lasa, verificheremo con le autorità competenti (Ufac) a quali condizioni Swiss può rinunciare a una concessione ottenuta, ma questa verifica è una questione in primo luogo giuridica – dice il vicepresidente di Lasa –. D’altro canto, continueremo le discussioni per capire se un’ipotesi Lugano-Zurigo possa essere ancora percorribile. La nostra percezione è che semmai, lo sarà fra qualche mese dopo l’esame dell’idoneità o meno della soluzione col treno dalla Banho a Kloten col treno. Dal nostro punto, di vista la soluzione (Flugzug, ndr) non funziona»

    LaRegione.ch

  18. #93
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Scalo di Agno: Zimex out, spunta Lions Air
    Siglata una lettera d’intenti per riattivare la rotta Lugano-Ginevra. Maurizio Merlo: ‘Ripartire ad aprile non è un’utopia’


    Nuova linfa per l’aeroporto di Lugano-Agno. È di ieri la notizia infatti che la Lugano Airport Sa (Lasa) ha trovato un interessato per riattivare il volo Lugano-Ginevra. Si tratta della Lions Air. Attiva da una trentina d’anni nel settore dei voli charter, la compagnia con sede a Wollerau (Svitto) ha sottoscritto una lettera d’intenti con Lasa. Ad anticiparlo è stata la Rsi, e a confermarcelo è il direttore dell’aeroporto Maurizio Merlo. «Le trattative sono in corso, loro sono interessati. Stiamo preparando assieme un business plan per valutare se il progetto possa stare in piedi, ma di principio loro sono pronti e disposti. Sta a noi».

    ‘Stiamo lavorando al business plan’

    Il riferimento è alla ricapitalizzazione della società. Mentre il Gran Consiglio ha approvato l’aumento della sua partecipazione azionaria in Lasa dal 12,5 al 40% – e pure sei milioni di franchi di crediti di vario genere –, tutti gli occhi sono puntati sul 25 novembre, quando il Consiglio comunale di Lugano dovrà a sua volta decidere se dare un proprio – vitale – contributo: poco meno di sei milioni di franchi. «Tutto dipenderà dalla ricapitalizzazione, ma ripartire ad aprile non è un’utopia».
    Già l’aeroporto di Berna-Belp desidera appoggiarsi sulla Lions Air per riattivare una serie di rotte. Per quanto riguarda la Lugano-Ginevra, a fare la spola sarebbe un Beech 1900: un 19 posti usato, tra gli altri, anche dalla Confederazione. «È una macchina interessante, che permette di fare più frequenze al giorno», ipotizza Merlo.
    La bella notizia è stata diffusa dopo una doccia fredda: Zimex, che pure era in trattativa per riattivare la rotta, ha – dopo un rapporto fatto di alti e bassi – rinunciato al progetto per questioni commerciali, «di strategia aziendale».
    Nessuna novità invece sugli altri fronti caldi dello scalo: le risposte attese dall'Ufficio federale dell'aviazione sulla questione del cabotaggio e sul destino della licenza di Swiss su Zurigo, che la compagnia ha deciso di restituire.

    La regione.ch

  19. #94

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Il Beech 1900, un bellissimo aereo non pressurizzato. Il Lugano-Ginevra, a 10.000-12.500 ft in questo periodo dell'anno deve essere una esperienza..... 'unica' !!

  20. #95
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da SOYUZ Visualizza il messaggio
    Il Beech 1900, un bellissimo aereo non pressurizzato
    Ah sicuro!

    The Beechcraft 1900 is a 19-passenger, pressurized twin-engine turboprop fixed-wing aircraft manufactured by the Beechcraft Division of the Raytheon Company (now Textron Aviation).The 1900 first flew on September 3, 1982.Raytheon ended production of the Beechcraft 1900 in October 2002.
    https://www.skybrary.aero/index.php/B190

    Com'era il proverbio? Ora mi ricordo: "Di figure di merda non è mai morto nessuno".

  21. #96

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    E' pressurizzato e ha una tangenza massima certificata di 25 000 ft. Un signor aereo.

  22. #97

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Quote Originariamente inviato da Nonno Salt Visualizza il messaggio
    E' pressurizzato e ha una tangenza massima certificata di 25 000 ft. Un signor aereo.
    Hai ragione ! Mi ero confuso con il Beech 99, che è il 'fratello' più anziano, non pressurizzato !

  23. #98
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha fissato per domenica 26 aprile 2020 la data della votazione cantonale sul decreto legislativo concernente l’aumento della quota di partecipazione del Cantone nella Lugano Airport SA (LASA).

    Come comunicato dalla Cancelleria dello Stato nella giornata di martedì 14 gennaio 2020, è riuscito il referendum contro il decreto legislativo concernente l’aumento della quota di partecipazione del Cantone nella LASA dal 12.5% al 40%, lo stanziamento di un credito di investimento di 3'320'000.- franchi per la partecipazione finanziaria alla seconda ricapitalizzazione della Lugano Airport SA (2'400'000.- franchi) e per la quota parte di copertura delle perdite cumulate eccedenti il capitale azionario previste a fine 2019 della LASA (920'000 franchi), oltre a un credito quadro di 1'560'000.- franchi per la copertura delle perdite di esercizio della LASA previste negli anni 2020-2022.

    Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione a livello cantonale per il 26 aprile 2020.

  24. #99
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    LUGANO10.02.2020 - 17:32 | LETTO 39'358AGGIORNAMENTO : 19:31
    Aeroporto: tutti licenziati
    Inoltrata una disdetta cautelativa valida per la fine di aprile 2020

    di Davide Milo
    Giornalista
    LUGANO - Ai dipendenti di Lugano Airport sarà inviata «a breve» una «disdetta cautelativa valida per la fine di aprile 2020». Ad annunciarlo sono i vertici dello scalo luganese.

    La disdetta, sottolineano dall'aeroporto, «è un passo dovuto per rispettare i dettami di legge. Sarà però da ritenersi nulla e mai avvenuta qualora l’esito delle due votazioni fosse favorevole all’aeroporto».

    L’incontro si è svolto a porte chiuse e «in un clima costruttivo» alla presenza dei rappresentanti sindacali.

    I dipendenti - sempre secondo il comunicato - si sono detti «molto motivati a continuare la loro attività e sperano nel sostegno della popolazione chiamata al voto».

    Il Consiglio d’Amministrazione e la Direzione LASA si dicono «molto dispiaciuti di dover intraprendere questo passo che, se il popolo dovesse dare ragione ai referendisti, avrà delle implicazioni non solo per i dipendenti ma anche per coloro che sono presenti in aeroporto con le loro attività.
    Tio.ch

  25. #100
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    31,554

    Predefinito Re: Lugano-Airport

    Lugano, se l'Aeroporto fallisce, la Città potrebbe pagare
    Vincessero i referendisti, le ditte attive allo scalo potrebbero fare causa alla detentrice della concessione

    LUGANESE13.02.2020 - 23:34

    Come ha fatto Lugano Airport Sa (Lasa) presentando una causa di risarcimento danni alla Swiss che aveva delegato ad Adria la concessione federale per il volo di linea su Zurigo, così potrebbero muoversi le varie società attive all’aeroporto di Lugano-Agno nei confronti della Città di Lugano se dalle urne uscisse un esito favorevole ai due referendum. Questa ipotesi non è solo un argomento in mano a chi lo scalo luganese lo vuole salvare. Sì, perché la concessione federale è in mano alla Città che l’ha delegata a Lasa, società pubblica che opera ad Agno, dove sono attive diverse società, fra le quali citiamo solo la francese Dassault Aviation che ha acquisito dalla Confederazione gli stabilimenti Ruag degli aeroporti di Ginevra e Lugano. Anche di fronte all’esito di un voto popolare, la responsabilità è della concessionaria – la Città di Lugano –, che potrebbe ricevere una serie di richieste di risarcimento.

    Licenziati anche i manager dell'Aeroporto

    Questa ipotesi non vuole commentarla il direttore dell’aeroporto Maurizio Merlo che tiene però a sgombrare il campo dagli equivoci: «Anche io e gli altri membri di direzione, abbiamo ricevuto la disdetta come tutti gli altri dipendenti di Lugano Airport Sa». Il direttore vuole smentire alcune voci che circolano con insistenza secondo cui il management di Lasa sarebbe stato escluso dal provvedimento cautelativo adottato dal Consiglio di amministrazione. L’avvicinarsi della data della votazione sul doppio referendum, indetta a sole tre settimane delle elezioni comunali, sta generando una serie di prese di posizione che alimentano confusione perché la campagna sull’aeroporto si sovrappone a quella elettorale.

    Le lettere di disdetta e il referendum

    In merito alle lettere di licenziamento, «le disdette sono da considerare nulle, come se non fossero mai state inviate, nel caso in cui i due referendum contro i crediti stanziati dalla Città e dal Cantone venissero bocciati dalla maggioranza della popolazione ticinese e luganese il 26 aprile. Questa è stata la volontà e la decisione del Cda di Lasa che ha inserito la clausola nelle lettere di disdetta», precisa il direttore dello scalo luganese.

    Chiaro che, prosegue il direttore dell’aeroporto, «i dipendenti quando leggono gli argomenti dei referendisti si sentono frustrati. Fa davvero male sentire commenti e prese di posizione critiche, spesso senza cognizione di causa. E non stanno vivendo bene questo periodo di avvicinamento al voto. Il dibattito pare centrato unicamente sui costi mentre dovrebbe essere considerato l’indotto generato dallo scalo e i crediti stanziati come un investimento. Eppure, non a torto, si chiedono quante aziende pubbliche o parapubbliche (basti ricordare le polemiche su Rsi, Officine e Navigazione) potrebbero continuare a sopravvivere senza alcun contributo pubblico?».

    Nullità giuridica dei licenziamenti?

    Torniamo sulla nullità giuridica della disdetta cautelativa, come scritto su tio.ch ciò che conta, anche nell’eventualità di una contestazione di fronte al pretore, è quello che sta scritto sulle lettere ai dipendenti. In altre parole, ribadisce il sindacalista Ocst Lorenzo Jelmini, «nel caso di esito positivo dei due referendum al voto, questa disdetta è da considerarsi nulla e non avvenuta. Come d’altra parte può capitare in qualsiasi altro contratto di lavoro in cui si possono inserire clausole che indicano l’inizio e la fine del rapporto di lavoro. Anzi, succede abbastanza spesso che un datore per varie ragioni dettate da problemi e difficoltà presenti ai suoi dipendenti lettere di disdetta di questo genere». Nulla di cui scandalizzarsi, come fanno invece i promotori del referendum (vedi qui sotto), da questo punto di vista, agli occhi di Jelmini, «le accuse di ricatto sono da respingere al mittente».

    ‘La disdetta? Una cinica porcata’

    Non usa mezzi termini l’Mps nel presentare l’interpellanza al Consiglio di Stato su quello che considera un licenziamento collettivo a tutti gli effetti in spregio ai relativi obblighi legali. E il movimento parla di un annuncio che ha “logica ricattatoria” nel porre le dieci domande al governo. I tre deputati del movimento (Simona Arigoni, Angelica Lepori, Matteo Pronzini) citano gli articoli 335 e 336 del Codice delle obbligazioni (Co). Dapprima chiedono se corrisponde al vero che la decisione di licenziare tutto il personale Lasa sia stata presa dal Cda con decisione unanime da parte di tutti i rappresentanti dei partiti del governo e dell’esecutivo.

    Poi, chiedono conferme: anzitutto vogliono sapere se i licenziamenti effettuati si configurano come un licenziamento collettivo ai sensi dell’articolo 335d del Co (almeno 10 licenziamenti in stabilimenti che occupano tra 20 e 100 dipendenti entro un termine di 30 giorni). L’interpellanza chiede pure se il datore di lavoro abbia seguito la procedura indicata dalla legge, ossia la consultazione della rappresentanza dei lavoratori per dare loro almeno la possibilità di formulare proposte per evitare o ridurre i licenziamenti nonché attenuarne le conseguenze, e informare l’ufficio cantonale del lavoro di questo previsto licenziamento collettivo.
    Laregione.ch

Pagina 4 di 4 primaprima 1234

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 2 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 2 ospiti)

Discussioni simili

  1. Lugano Airport: estate 2009 (tante foto)
    Da air tahiti nui nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 2nd October 2009, 06: 59
  2. Qualche scatto da Lugano Airport - 1280 px
    Da air tahiti nui nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 27th June 2009, 09: 53
  3. Un po' di samba a Lugano Airport (21-22.04.2009)
    Da air tahiti nui nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 24th April 2009, 18: 33
  4. Lugano airport: inaugurazione nuova Taxiway (24.06.2008)
    Da air tahiti nui nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 25th June 2008, 11: 18
  5. Lugano Airport, FOTO
    Da emaskier nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 13th November 2007, 20: 57

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •